Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Nuovi criteri di messaggistica e funzionalità di conformità

 

Si applica a: Exchange Server 2007 SP3, Exchange Server 2007 SP2, Exchange Server 2007 SP1, Exchange Server 2007

Ultima modifica dell'argomento: 2006-11-13

Per soddisfare un sempre crescente numero di criteri interni, legali e normativi e requisiti di conformità le organizzazioni necessitano di un approccio specifico dell'applicazione. Gli amministratori devono filtrare, elaborare e archiviare la posta elettronica scambiata dagli utenti nell'ambito dell'organizzazione, da o verso Internet, oppure tra organizzazioni associate. Microsoft Exchange Server 2007 fornisce un'ampia gamma di funzionalità di conformità e criteri di posta elettronica utili a soddisfare i requisiti sempre crescenti di protezione e controllo del flusso di informazioni.

I criteri e le funzionalità di conformità di Exchange 2007 consentono di applicare delle regole ai messaggi per il trasferimento e per l'applicazione dei requisiti di memorizzazione dei dati archiviati. I criteri basati sul trasporto vengono configurati su computer in cui è installato il ruolo del server Trasporto Hub e su computer in cui è installato il ruolo del server Trasporto Edge. Una serie di agenti di trasporto consente di configurare le regole e le impostazioni applicate quando i messaggi vengono inviati e ricevuti dai componenti di trasporto. È possibile creare criteri e impostazioni di regole, che potranno essere in seguito anche facilmente modificate, in base ai requisiti che si applicano alla propria organizzazione. L'agente di journaling agisce sui messaggi in transito per applicare la memorizzazione dei messaggi che soddisfano i criteri specificati. I criteri Gestione record di messaggistica (MRM, Messaging records management) vengono applicati alle cartelle gestite nella Posta in arrivo degli utenti per automatizzare e semplificare la gestione della memorizzazione dei messaggi. La configurazione delle funzionalità di archiviazione consente alle organizzazioni di soddisfare più facilmente i requisiti legali, normativi e interni grazie a un efficiente sistema di memorizzazione ed eliminazione in base ai criteri dell'organizzazione.

Le funzionalità descritte in questo argomento consentono di supportare i requisiti dell'organizzazione in modo da soddisfare i criteri legali, normativi e interni. Le regole di trasporto e l'inserimento nel journal vengono attivati dopo la categorizzazione dei messaggi e utilizzano le informazioni sul messaggio, l'identità del mittente e del destinatario, per determinare quali criteri applicare. Le funzionalità eseguite nell'organizzazione di Exchange sono configurate da un amministratore dell'organizzazione di Exchange. Le informazioni di configurazione sono memorizzate nel servizio directory di Active Directory. Memorizzando i dati in Active Directory, l'impostazione dei criteri è disponibile per tutti i ruoli del server di Exchange interni. In tal modo, è possibile configurare il criterio una sola volta e applicarlo all'intera organizzazione in modo coerente e costante.

  • Riscrittura degli indirizzi   È possibile configurare l'agente di riscrittura degli indirizzi nel ruolo del server Trasporto Edge per abilitare la modifica degli indirizzi SMTP nei messaggi in entrata e in uscita. La riscrittura degli indirizzi è particolarmente utile quando un'organizzazione con più domini desidera presentare ai destinatari esterni dei messaggi provenienti dall'organizzazione di Exchange 2007 un aspetto uniforme. Per ulteriori informazioni, vedere Pianificazione per la riscrittura degli indirizzi.
  • Regole di trasporto Edge È possibile configurare un agente regole Edge nel ruolo del server Trasporto Edge per creare le regole di controllo del flusso di messaggi inviati o ricevuti da Internet. Le regole di trasporto Edge consentono di proteggere le risorse di rete e i dati aziendali applicando un'azione ai messaggi che soddisfano determinate condizioni. Tali regole vengono specificate per ogni singolo server. Le condizioni delle regole di trasporto Edge si basano sui dati, ad esempio su parole specifiche o modelli di testo nell'oggetto, nel corpo o nell'intestazione del messaggio, sull'indirizzo nel campo Da, sul livello di probabilità di posta indesiderata o sul tipo di allegato. Le azioni determinano il modo in cui il messaggio viene elaborato quando si realizza una determinata condizione. Le possibili azioni includono la messa in quarantena del messaggio, l'eliminazione o il rifiuto del messaggio, l'aggiunta di ulteriori destinatari o la registrazione di un evento. Eccezioni facoltative possono impedire che un'azione venga applicata a determinati messaggi.
    L'agente regole Edge elabora i messaggi inviati e ricevuti da Internet. Per applicare le regole ai messaggi inviati tra utenti della stessa organizzazione, è necessario configurare l'agente Regole di trasporto. Per ulteriori informazioni, vedere Cenni preliminari sulle regole di trasporto.
  • Regole di trasporto Hub   È possibile configurare un agente Regole di trasporto nel ruolo del server Trasporto Hub per creare le regole da applicare ai messaggi scambiati tra gli utenti dell'organizzazione. Le regole di trasporto Hub consentono di controllare le comunicazioni a cui si applicano i requisiti di conformità normativa e dei criteri aziendali. Tali regole sono memorizzate nel servizio directory di Active Directory e sono disponibili e applicate da tutti i server Trasporto Hub. Le regole di trasporto Hub supportano una lunga serie di condizioni che consentono di controllare il flusso di messaggi in base ai gruppi di distribuzione, ai destinatari interni o esterni, alle classificazioni dei messaggi e all'importanza del messaggio. Le azioni determinano il modo in cui il messaggio viene elaborato quando si realizza una determinata condizione. Le possibili azioni includono l'applicazione di una classificazione dei messaggi, l'aggiunta di dichiarazione di non responsabilità, l'inoltro dei messaggi a un indirizzo, la rimozione dell'intestazione del messaggio o la registrazione di un evento. Eccezioni facoltative possono impedire che un'azione venga applicata a determinati messaggi.
    Utilizzando le regole di trasporto Hub, è possibile creare sistemi etici normativi per limitare le comunicazioni tra i dipartimenti interni in cui possono esistere conflitti di interesse e proteggere l'azienda e i clienti da violazioni della privacy. Per ulteriori informazioni, vedere Cenni preliminari sulle regole di trasporto.
  • Dichiarazioni di non responsabilità   È possibile anche configurare regole di trasporto per aggiungere dichiarazioni di non responsabilità all'inizio o alla fine del corpo del messaggio. L'amministratore dell'organizzazione di Exchange può personalizzare le dichiarazioni di non responsabilità in base alle esigenze dell'organizzazione. Tali dichiarazioni di non responsabilità possono contenere testo che fa riferimento a rivelazioni accidentali del contenuto del messaggio oppure informazioni proprietarie o riservate. Per ulteriori informazioni, vedere Panoramica sulle dichiarazioni di non responsabilità.
  • Inserimento nel journal   È possibile configurare le regole di inserimento nel journal nel server Trasporto Hub. L'inserimento nel journal basato sul trasporto garantisce una maggiore flessibilità rispetto alla configurazione basata sull'archiviazione di Exchange Server 2003 e consente di ridurre la duplicazione dei rapporti di inserimento nel journal. Le comunicazioni vengono inserite nel journal in base all'ambito della distribuzione del messaggio e le condizioni che attivano l'azione di inserimento nel journal vengono definite specificando un singolo utente o l'appartenenza alla lista di distribuzione del mittente o del destinatario come criterio. I rapporti di inserimento nel journal possono essere recapitati a una cassetta postale di Exchange oppure a qualsiasi indirizzo SMTP valido. Questa flessibilità consente l'inserimento nel journal in un archivio o in un servizio ospitato. Per ulteriori informazioni, vedere Panoramica sull'inserimento nel journal.
  • Gestione record di messaggistica   Gli amministratori possono utilizzare le funzionalità di Gestione record di messaggistica in Exchange 2007 per consentire agli utenti e all'organizzazione di mantenere i messaggi necessari per motivi aziendali o legali ed eliminare i messaggi inutili. A tale scopo, è necessario configurare le cartelle gestite, vale a dire cartelle di Posta in arrivo a cui si applicano i criteri di memorizzazione.
    I criteri di memorizzazione possono essere applicati alle cartelle create dall'amministratore e alle cartelle delle cassette postali predefinite, come le cartelle Posta in arrivo e Posta inviata. L'amministratore o l'utente inseriscono tali cartelle gestite nella Posta in arrivo dell'utente. Quindi, l'utente ordina i messaggi nelle cartelle gestite in base ai criteri dell'organizzazione. Tali cartelle possono essere distribuite alle cassette postali di ciascun utente.
    Exchange dispone anche dei servizi Web che consentono ai clienti o ai vendor di terze parti di creare una pagina Web che fornisca un'interfaccia "self-service" in cui gli utenti possono selezionare le proprie cartelle gestite. I messaggi inseriti in queste cartelle gestite vengono periodicamente elaborati in base ai criteri di memorizzazione. Quando un messaggio raggiunge un limite di memorizzazione, può essere archiviato, eliminato, contrassegnato per l'utente o registrato. Per ulteriori informazioni, vedere Gestione dei record di messaggistica.

Per ulteriori informazioni su come configurare Exchange 2007 per soddisfare i requisiti dell'organizzazione per la gestione centralizzata delle comunicazioni di posta elettronica e i cicli di vita delle informazioni,vedere i seguenti argomenti:

Per assicurarsi di disporre delle informazioni più aggiornate e per ottenere documentazione aggiuntiva su Exchange Server 2007, visitare Exchange Server TechCenter.
Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.
Mostra:
© 2014 Microsoft