Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Cenni preliminari su Gestione disco

Aggiornamento: gennaio 2005

Si applica a: Windows Server 2003, Windows Server 2003 R2, Windows Server 2003 with SP1, Windows Server 2003 with SP2, Windows Server 2012

Cenni preliminari su Gestione disco

Gestione disco è un'utilità di sistema per la gestione dei dischi rigidi e dei volumi, o partizioni, in essi contenuti. Mediante Gestione disco è possibile inizializzare dischi, creare e formattare volumi con file system FAT, FAT32 o NTFS nonché creare sistemi con dischi a tolleranza d'errore. Gestione disco consente di eseguire la maggior parte delle operazioni relative ai dischi senza riavviare il sistema o interrompere gli utenti e la maggior parte delle modifiche apportate alla configurazione diventa effettiva immediatamente.

In Gestione disco che sostituisce l'utilità Disk Administrator di Microsoft® Windows® NT 4.0, sono disponibili numerose funzionalità, tra le quali:

  • Operazioni semplificate e interfaccia utente intuitiva. Gestione disco è di facile utilizzo. I menu sono accessibili tramite il pulsante destro del mouse e visualizzano le operazioni che è possibile eseguire sugli oggetti selezionati. Le procedure guidate consentono di creare partizioni o volumi e di inizializzare o convertire dischi. Per ulteriori informazioni, vedere Finestra di Gestione disco.

  • Archiviazione su dischi di base e dinamici.I dischi di base includono i volumi di base, ad esempio partizioni primarie e unità logiche in partizioni estese. Utilizzare i dischi di base nei computer portatili oppure quando si prevede di installare più sistemi operativi in partizioni diverse dello stesso disco. Per ulteriori informazioni, vedere Dischi e volumi di base.

    I dischi dinamici includono volumi dinamici che offrono più funzionalità rispetto ai dischi di base, ad esempio la funzionalità per la creazione di volumi a tolleranza d'errore nei sistemi operativi della famiglia Microsoft® Windows® 2000 Server o Microsoft® Windows Server 2003. È possibile estendere i volumi dinamici, ad eccezione dei volumi di sistema e di avvio, eseguire il mirroring di volumi dinamici e aggiungere nuovi dischi dinamici senza riavviare il computer. Per ulteriori informazioni, vedere Dischi e volumi dinamici.

  • Gestione in locale o in remoto dei dischi. Mediante Gestione disco è possibile gestire qualsiasi computer remoto con Windows 2000, Microsoft® Windows® XP Professional o un sistema operativo Windows Server 2003 in cui si è membri del gruppo Backup Operators o del gruppo Administrators. Per ulteriori informazioni sulla gestione di dischi e volumi in remoto, vedere Gestione remota di dischi.

  • Unità collegate. È possibile utilizzare Gestione disco per collegare, o montare, un'unità locale a una cartella vuota di un volume locale in formato NTFS. Le unità collegate semplificano l'accesso ai dati e consentono di gestire l'archiviazione dei dati in modo più flessibile in base all'ambiente di lavoro e all'utilizzo del sistema. Le unità collegate non sono soggette al limite delle 26 lettere di unità ed è pertanto possibile utilizzarle per accedere a più di 26 unità nel computer. Per ulteriori informazioni, vedere Utilizzo delle unità montate NTFS.

  • Supporto per i dischi MBR e GPT. Gestione disco supporta i dischi MBR (Record di avvio principale, Master Boot Record) nei computer con processore x86 che eseguono Windows Server 2003 con Service Pack 1 (SP 1), nonché nei computer con processore x64 e Itanium. È possibile creare volumi con mirroring, striping, spanning e RAID-5 utilizzando una combinazione di dischi MBR e GPT, ma la limitazione all'allineamento dei cilindri MBR potrebbe provocare problemi nella creazione di volumi con mirroring. Per evitare questi problemi, eseguire sempre il mirroring del disco MBR sul disco GPT. Per ulteriori informazioni, vedere Stili di partizione.

  • Supporto per le reti con area di archiviazione (SAN). Per consentire una migliore interoperabilità negli ambienti di rete con area di archiviazione (SAN), in Windows Server 2003, Enterprise Edition e Windows Server 2003, Datacenter Edition i volumi non vengono montati automaticamente sui nuovi dischi di base né associati a lettere di unità per impostazione predefinita quando vengono aggiunti al sistema. È necessario montare manualmente i volumi di base assegnando le lettere di unità mediante Gestione disco o i comandi DiskPart e mountvol. I dischi dinamici, le periferiche di supporti di rimovibili, ad esempio le unità Zip o Jaz, nonché i dischi ottici, ad esempio CD-ROM o DVD-RAM, vengono sempre montati automaticamente dal sistema quando vengono rilevati.

  • Gestione di dischi dalla riga di comando. Utilizzare l'utilità da riga di comando DiskPart per eseguire le operazioni relative ai dischi dalla riga di comando, in alternativa a Gestione disco. Tramite DiskPart è possibile creare script che consentono di rendere automatiche operazioni, quali la creazione dei volumi o la conversione dei dischi di base in dischi dinamici. Per ulteriori informazioni, vedere Gestione dei dischi e dei volumi dalla riga di comando.

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft