Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Replica DFS: domande frequenti

Pubblicato: ottobre 2006

Aggiornamento: ottobre 2012

Si applica a: Windows Server 2003 R2, Windows Server 2008, Windows Server 2008 R2, Windows Server 2012

In questo documento sono disponibili le risposte alle domande frequenti relative al servizio Replica DFS (Distributed File System, file system distribuito), anche noto come DFS-R o DFSR, per i sistemi operativi Windows Server® 2008 R2, Windows Server 2008 e Windows Server 2003 R2.

Per informazioni su Spazi dei nomi DFS, vedere il documento di domande frequenti su Spazi dei nomi DFS.

Per informazioni sulle novità di Replica DFS, vedere gli argomenti seguenti:

Per un elenco delle modifiche recenti apportate a questo argomento, vedere la sezione Cronologia modifiche.

Interoperabilità

Limitazioni e requisiti

Strumenti di monitoraggio e gestione

Prestazioni

Dettagli sulla tecnologia RDC (Remote Differential Compression, Compressione differenziale remota)

Dettagli sulla replica

Gestione temporanea

Interoperabilità

Replica DFS può comunicare con il servizio Replica file?

No. Replica DFS non comunica con il servizio Replica file. È possibile eseguire Replica DFS e il servizio Replica file nello stesso server contemporaneamente, ma i due servizi non devono mai essere configurati per la replica delle stesse cartelle o sottocartelle, in quanto questa operazione può comportare la perdita di dati.

Replica DFS può sostituire il servizio Replica file per la replica SYSVOL?

Sì. Replica DFS può sostituire il servizio Replica file per la replica SYSVOL nei server che eseguono Windows Server 2008 R2 o Windows Server 2008. I server che eseguono Windows Server 2003 R2 non supportano l'utilizzo di Replica DFS per replicare la cartella SYSVOL.

Per ulteriori informazioni sulla replica di SYSVOL tramite Replica DFS, vedere la guida relativa alla migrazione della replica SYSVOL dal servizio Replica file a Replica DFS.

È possibile effettuare l'aggiornamento dal servizio Replica file a Replica DFS senza perdere le impostazioni di configurazione?

Sì. Per eseguire la migrazione della replica dal servizio Replica file a Replica DFS, vedere i documenti seguenti:

È possibile utilizzare Replica DFS in un ambiente misto Windows/UNIX?

Sì. Sebbene Replica DFS supporti solo la replica del contenuto tra server che eseguono Windows Server, i client UNIX possono accedere alle condivisioni file nei server Windows. A tale scopo, installare Servizi per NFS (Network File System, file system di rete) nel server di Replica DFS.

È inoltre possibile utilizzare la funzionalità client SMB/CIFS inclusa in numerosi client UNIX per accedere direttamente alle condivisioni file di Windows, sebbene questa funzionalità sia spesso limitata o richieda modifiche all'ambiente Windows, ad esempio la disabilitazione della firma SMB tramite Criteri di gruppo.

Replica DFS interagisce con NFS in un server che esegue un sistema operativo Windows Server, ma non è possibile replicare un punto di montaggio NFS.

È possibile utilizzare Servizio Copia Shadow del volume con Replica DFS?

Sì. Il servizio Replica DFS è supportato dai volumi di Servizio Copia Shadow del volume ed è possibile ripristinare snapshot precedenti con il client delle versioni precedenti.

È possibile utilizzare Windows Backup (Ntbackup.exe) per eseguire in modalità remota il backup di una cartella replicata?

No, l'utilizzo di Windows Backup (Ntbackup.exe) in un computer che esegue Windows Server 2003 o versione precedente per il backup dei contenuti di una cartella replicata in un computer che esegue Windows Server 2008 R2 o Windows Server 2008 non è supportato.

Per eseguire il backup di file archiviati in una cartella replicata, utilizzare Windows Server Backup o Microsoft® System Center Data Protection Manager. Per informazioni sulla funzionalità di backup e ripristino in Windows Server 2008 R2 e Windows Server 2008, vedere Backup e ripristino. Per ulteriori informazioni, vedere la pagina relativa a System Center Data Protection Manager (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=182261).

I criteri del file system influiscono su Replica DFS?

Sì. Non configurare criteri del file system su cartelle replicate. Le autorizzazioni NTFS vengono riapplicate dai criteri del file system in corrispondenza di ogni intervallo di aggiornamento di Criteri di gruppo. Questo comportamento può causare violazioni di condivisione in quanto un file aperto non viene replicato fino a quando non viene chiuso.

Replica DFS consente di eseguire la replica di cassette postali ospitate in Microsoft Exchange Server?

No. Non è possibile utilizzare Replica DFS per eseguire la replica di cassette postali ospitate in Microsoft Exchange Server.

Replica DFS supporta gli screening dei file creati da Gestione risorse file server?

Sì. Le impostazioni di screening dei file di Gestione risorse file server devono tuttavia corrispondere per entrambe le estremità della replica. Replica DFS dispone inoltre di un proprio meccanismo di filtro di file e cartelle, che è possibile utilizzare per escludere dalla replica determinati file e tipi di file.

Di seguito sono illustrate le procedure consigliate per l'implementazione di quote o screening dei file:

  • La cartella nascosta DfsrPrivate non deve essere soggetta a quote o screening dei file.

  • Prima dell'abilitazione dello screening, nelle cartelle replicate non devono essere presenti file soggetti a screening.

  • Nessuna cartella deve superare la quota prima dell'abilitazione della quota.

  • Le quote rigide devono essere utilizzate con cautela. Per singoli membri di un gruppo di replica, è possibile che la quota venga rispettata prima della replica ma che venga superata dopo la replica dei file. Se, ad esempio, un utente copia un file da 10 megabyte (MB) nel server A, che quindi raggiunge il limite rigido, e un altro utente copia un file da 5 MB nel server B, quando viene eseguita la replica successiva entrambi i server supereranno la quota di 5 megabyte. Questo può provocare continui tentativi di replica dei file da parte di Replica DFS, con conseguenti lacune nel vettore di versione e possibili problemi di prestazioni.

Replica DFS è un'applicazione abilitata per i cluster?

Sì. Replica DFS in Windows Server 2008 R2 consente di aggiungere un cluster di failover come membro di un gruppo di replica. Per ulteriori informazioni, vedere Aggiungere un cluster di failover a un gruppo di replica (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=155085). Il servizio Replica DFS nelle versioni di Windows precedenti a Windows Server 2008 R2 non è progettato per il coordinamento con un cluster di failover, pertanto il failover su un altro nodo non è supportato.

Replica DFS è compatibile con Servizi di installazione remota (RIS, Remote Installation Services) e Servizi di distribuzione Windows (WDS, Windows Deployment Services)?

Sì. Replica DFS consente la replica di volumi in cui è abilitata la funzionalità Single Instance Storage (SIS). Questa funzionalità è utilizzata da Servizi di installazione remota, Servizi di distribuzione Windows e Windows Storage Server.

È possibile utilizzare Replica DFS con File non in linea?

È possibile utilizzare senza problemi Replica DFS con File non in linea in scenari in cui le operazioni di scrittura nei file vengono eseguite da un solo utente per volta. Questo aspetto è utile per gli utenti che si spostano da una succursale a un'altra e desiderano accedere ai propri file da entrambe le succursali o offline. File non in linea consente di memorizzare i file nella cache locale per l'utilizzo offline e Replica DFS consente di eseguire la replica dei dati tra le succursali.

Non utilizzare Replica DFS con File non in linea in un ambiente multiutente, in quanto in Replica DFS non è disponibile alcun meccanismo di blocco distribuito o alcuna funzionalità di estrazione di file. Se due utenti modificano lo stesso file contemporaneamente in server diversi, durante la replica successiva tramite Replica DFS il file meno recente viene spostato nella cartella DfsrPrivate\ConflictandDeleted, situata nel percorso locale della cartella replicata.

Quali applicazioni antivirus sono compatibili con Replica DFS?

Le applicazioni antivirus possono causare un numero eccessivo di operazioni di replica se le attività di analisi di tali applicazioni comportano la modifica dei file all'interno di una cartella replicata. Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo relativo al test dell'interoperabilità delle applicazioni antivirus con Replica DFS (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=73990).

Quali vantaggi offre l'utilizzo di Replica DFS al posto di Windows SharePoint Services?

Windows® SharePoint® Services garantisce una rigida coerenza dei file, grazie alla funzionalità di estrazione dei file di cui Replica DFS non dispone. Se la modifica di uno stesso file da parte di più utenti contemporaneamente può costituire un problema, è consigliabile utilizzare Windows SharePoint Services. Windows SharePoint Services 2.0 con Service Pack 2 è disponibile come parte di Windows Server 2003 R2. Windows SharePoint Services può essere scaricato dal sito Web Microsoft e non è incluso in Windows Server 2008 R2 o Windows Server 2008. Se, tuttavia, si esegue la replica di dati tra più siti e i file non verranno modificati da più utenti contemporaneamente, Replica DFS garantisce una larghezza di banda più ampia e maggiore semplicità di gestione.

Limitazioni e requisiti

È possibile utilizzare Replica DFS per eseguire la replica tra succursali senza una connessione VPN?

Sì, a condizione che le succursali siano collegate tramite un collegamento WAN (Wide Area Network) privato (non Internet). È tuttavia necessario aprire le porte appropriate dei firewall esterni. Replica DFS prevede l'utilizzo di Agente mapping endpoint RPC (porta 135) e di una porta temporanea, successiva alla porta 1024, assegnata in modo casuale. È possibile utilizzare lo strumento da riga di comando Dfsrdiag per specificare una porta statica al posto della porta temporanea. Per ulteriori informazioni su come specificare Agente mapping endpoint RPC, vedere l'articolo 154596 della Microsoft Knowledge Base (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=73991).

È possibile utilizzare Replica DFS per eseguire la replica di file crittografati con Encrypting File System?

No. Replica DFS non consente di eseguire la replica di cartelle o file crittografati con Encrypting File System (EFS). Se un file precedentemente replicato viene crittografato da un utente, tramite Replica DFS il file viene eliminato da tutti gli altri membri del gruppo di replica. In questo modo, l'unica copia disponibile del file corrisponderà alla versione crittografata presente nel server.

È possibile utilizzare Replica DFS per eseguire la replica di file PST di Outlook o di file di database di Microsoft Access?

Replica DFS consente di eseguire senza problemi la replica di file delle cartelle personali, con estensione pst, di Microsoft Outlook e di file di Microsoft Access solo se questi sono memorizzati al solo scopo di archiviazione e non vi viene eseguito l'accesso in rete utilizzando un client come Outlook o Access. Per aprire file PST o di Access, copiare per prima cosa i file in un dispositivo di archiviazione locale. I motivi di questo comportamento sono i seguenti:

  • L'apertura di file PST in connessioni di rete può provocare il danneggiamento dei dati dei file. Per ulteriori informazioni sui motivi per cui non è possibile accedere in modo sicuro ai file PST attraverso una rete, vedere l'articolo 297019 della Microsoft Knowledge Base (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=125363).

  • I file PST e di Access tendono a rimanere aperti per lunghi periodi di tempo quando vi si accede da un client come Outlook o Office Access. Questo ne impedisce la replica tramite Replica DFS fino a quando i file non vengono chiusi.

È possibile utilizzare Replica DFS in un gruppo di lavoro?

No. La configurazione di Replica DFS si basa su Servizi di dominio Active Directory® e funziona solo in un dominio.

È possibile eseguire la replica di più di una cartella in un singolo server?

Sì. Con Replica DFS è possibile replicare diverse cartelle tra server diversi. Verificare che per ogni cartella replicata esista un percorso radice univoco e che i percorsi non si sovrappongano. D:\Vendite e D:\Contabilità possono, ad esempio, essere i percorsi radice per due cartelle replicate, mentre D:\Vendite e D:\Vendite\Rapporti no.

Replica DFS richiede Spazi dei nomi DFS?

No. È possibile utilizzare Replica DFS e Spazi dei nomi DFS separatamente o in combinazione. È inoltre possibile utilizzare Replica DFS per la replica di spazi dei nomi DFS autonomi. Questa operazione non è possibile con il servizio Replica file.

Replica DFS richiede la sincronizzazione dell'ora tra server?

No. Replica DFS non richiede esplicitamente la sincronizzazione dell'ora tra server. È tuttavia necessario che gli orologi dei server indichino un'ora molto simile. Per il corretto funzionamento dell'autenticazione Kerberos, per impostazione predefinita è necessario che gli orologi dei server siano impostati con una differenza non superiore a cinque minuti. In Replica DFS, ad esempio, i timestamp vengono utilizzati per determinare quale file ha la precedenza in caso di conflitto. La precisione dell'ora è inoltre importante per il processo di Garbage Collection, le pianificazioni e altre funzionalità.

Replica DFS supporta la replica di un intero volume?

Sì. È tuttavia prima necessario installare Windows Server 2003 Service Pack 2 o l'hotfix. Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo 920335 della Microsoft Knowledge Base all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=76776. La replica di un intero volume può inoltre causare i problemi seguenti:

  • Se il volume contiene un file di paging di Windows, la replica ha esito negativo e nel registro eventi di sistema viene registrato l'evento DFSR 4312.

  • Nel server o nei server di destinazione, per la cartella replicata vengono impostati da Replica DFS gli attributi Sistema e Nascosto. Questi attributi vengono infatti applicati per impostazione predefinita da Windows alla cartella radice del volume. Se anche il percorso locale della cartella replicata nel server o nei server di destinazione è una radice del volume, agli attributi della cartella non vengono apportate ulteriori modifiche.

  • Se si replica un volume contenente la cartella di sistema di Windows, la cartella %WINDIR% viene riconosciuta da Replica DFS che non ne esegue la replica. La replica viene tuttavia eseguita per le cartelle utilizzate da applicazioni non Microsoft e questo potrebbe comportare un errore di funzionamento delle applicazioni nel server o nei server di destinazione in caso di problemi di interoperabilità tra le applicazioni stesse e Replica DFS.

Replica DFS supporta RPC su HTTP?

No.

Replica DFS funziona tra reti wireless?

Sì. Replica DFS è indipendente dal tipo di connessione.

Replica DFS funziona con volumi FAT?

No. Replica DFS richiede NTFS in quanto prevede l'utilizzo del journal delle modifiche NTFS e di altre funzionalità del file system NTFS.

Replica DFS funziona con file sparse?

Sì. È possibile replicare file sparse. L'attributo Sparse viene mantenuto nel membro di destinazione.

È necessario accedere come amministratore per eseguire la replica di file?

No. Replica DFS è un servizio eseguito con l'account di sistema locale, pertanto per eseguire repliche non è necessario effettuare l'accesso come amministratore. È tuttavia necessario essere un amministratore di dominio o un amministratore locale dei file server interessati per apportare modifiche alla configurazione di Replica DFS.

Per ulteriori informazioni, vedere la sezione relativa alla delega e ai requisiti di sicurezza di Replica DFS nell'articolo Delegare la possibilità di gestire Replica DFS (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId= 182294).

Come è possibile aggiornare o sostituire un membro di Replica DFS?

Per aggiornare o sostituire un membro di Replica DFS, vedere il post del blog di domande al team dedicato ai servizi directory relativo alla sostituzione del sistema operativo o dell'hardware per membri di DFSR.

Replica DFS è un servizio adatto per la replica di profili mobili?

Sì. Per la replica di profili utente mobili sono supportati determinati scenari. Per informazioni sugli scenari supportati, vedere l'articolo relativo alla dichiarazione di supporto Microsoft per quanto riguarda i dati dei profili utente replicati (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=201282).

Vi sono limiti per i caratteri dei file o per la profondità delle cartelle?

Windows e Replica DFS supportano percorsi di cartelle con un massimo di 32.000 caratteri. Replica DFS non prevede il limite di 260 caratteri per i percorsi di cartelle.

I membri di un gruppo di replica devono trovarsi nello stesso dominio?

No. I gruppi di replica possono trovarsi in domini diversi all'interno della stessa foresta ma non in foreste diverse.

Quali sono i limiti supportati da Replica DFS?

Nell'elenco seguente sono indicate le linee guida relative alla scalabilità testate da Microsoft in Windows Server 2008 R2 e Windows Server 2008:

  • Dimensione di tutti i file replicati in un server: 10 terabyte.

  • Numero di file replicati in un volume: 8 milioni.

  • Dimensione massime file: 64 gigabyte.

noteNota
Non è più previsto un limite per il numero di gruppi di replica, cartelle replicate, connessioni o membri dei gruppi di replica.

Per un elenco di linee guida relative alla scalabilità testate da Microsoft per Windows Server 2003 R2, vedere Indicazioni sulla scalabilità di Replica DFS (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=75043).

Quando non è consigliabile utilizzare Replica DFS?

Non utilizzare Replica DFS in un ambiente in cui gli stessi file vengono aggiornati o modificati contemporaneamente da più utenti in server diversi. In caso contrario, le copie in conflitto dei file potrebbero venire spostate da Replica DFS nella cartella nascosta DfsrPrivate\ConflictandDeleted.

Se più utenti devono modificare gli stessi file contemporaneamente in server diversi, utilizzare la funzionalità di estrazione di file di Windows SharePoint Services per assicurarsi che un file venga utilizzato da un solo utente per volta. Windows SharePoint Services 2.0 con Service Pack 2 è disponibile come parte di Windows Server 2003 R2. Windows SharePoint Services può essere scaricato dal sito Web Microsoft e non è incluso in Windows Server 2008 R2 o Windows Server 2008.

Perché è necessario un aggiornamento dello schema per Replica DFS?

Tramite Replica DFS vengono utilizzati i nuovi oggetti nel contesto di denominazione dei domini di Servizi di dominio Active Directory per archiviare le informazioni di configurazione. Questi oggetti vengono creati quando si aggiorna lo schema di Servizi di dominio Active Directory. Per ulteriori informazioni, vedere Esaminare i requisiti per Replica DFS (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=182264).

Strumenti di monitoraggio e gestione

È possibile automatizzare il rapporto di stato per ricevere avvisi?

Sì. È possibile automatizzare i rapporti di stato in tre modi:

  • Utilizzare DfsrAdmin.exe in combinazione con Attività pianificate per generare rapporti di stato con frequenza regolare. Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo relativo all'automatizzazione dei rapporti di stato di Replica DFS (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=74010).

  • Utilizzare il Management Pack di Replica DFS per System Center Operations Manager 2007 per creare avvisi in base alle condizioni specificate.

  • Utilizzare il provider WMI di Replica DFS per creare script per gli avvisi.

È possibile utilizzare System Center Operations Manager per monitorare Replica DFS?

Sì. Per ulteriori informazioni, vedere il Management Pack di monitoraggio di Replica DFS per System Center Operations Manager 2007 nell'Area download Microsoft (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=182265).

Replica DFS supporta la gestione remota?

Sì. Replica DFS supporta la gestione remota mediante la console Gestione DFS e il comando Aggiungi gruppo di replica. Nel server A è ad esempio possibile stabilire una connessione a un gruppo di replica definito nella foresta di cui i server A e B sono membri.

Gestione DFS è disponibile con Windows Server 2008 R2, Windows Server 2008 e Windows Server 2003 R2. Per gestire Replica DFS da altre versioni di Windows, utilizzare Desktop remoto o gli Strumenti di amministrazione remota per Windows 7.

ImportantImportante
Per visualizzare o gestire gruppi di replica contenenti cartelle replicate di sola lettura o membri che sono cluster di failover, è necessario utilizzare la versione di Gestione DFS inclusa in Windows Server 2008 R2 o negli Strumenti di amministrazione remota per Windows 7.

Ultrasound e Sonar funzionano con Replica DFS?

No. Replica DFS dispone di propri strumenti di diagnostica e monitoraggio. Ultrasound e Sonar consentono solo di eseguire il monitoraggio del servizio Replica file.

Come è possibile recuperare file dalla cartella ConflictAndDeleted o PreExisting?

Per recuperare file persi, ripristinarli dalla cartella del file system o dalla cartella condivisa utilizzando il comando Ripristina versioni precedenti di Esplora risorse oppure ripristinando i file dal backup. Per recuperare i file direttamente dalla cartella ConflictAndDeleted o PreExisting, utilizzare lo script di esempio RestoreDFSR disponibile nella raccolta di codice MSDN. Questo script è destinato solo al ripristino di emergenza e viene fornito COSÌ COME È, senza alcuna garanzia.

È possibile conoscere lo stato della replica?

Sì. È possibile monitorare la replica in diversi modi:

  • Replica DFS dispone di un Management Pack per System Center Operations Manager 2007 che consente il monitoraggio attivo.

  • In Replica DFS è incluso un rapporto di diagnostica per il backlog e l'efficienza di replica, nonché per il numero di file e cartelle in un gruppo di replica specifico.

  • Dfsrdiag.exe è uno strumento da riga di comando per la generazione di un numero di backlog o l'attivazione di un test di propagazione. In entrambi i casi viene indicato lo stato della replica. La propagazione indica se i file vengono replicati in tutti i nodi. Il backlog indica il numero di file ancora da replicare prima del completamento della sincronizzazione tra due computer. Il numero di backlog corrisponde al numero di aggiornamenti non elaborati da un membro del gruppo di replica. Nei computer che eseguono Windows Server 2008 R2, tramite Dfsrdiag.exe è anche possibile visualizzare gli aggiornamenti di cui è in corso la replica tramite Replica DFS.

  • Negli script è possibile utilizzare WMI per raccogliere le informazioni sui backlog, manualmente o tramite MOM.

Prestazioni

Replica DFS supporta le connessioni remote?

Sebbene Replica DFS funzioni correttamente alla velocità delle connessioni remote, in caso di un elevato numero di modifiche da replicare queste possono essere inserite nel backlog. In caso di modifiche ridotte a file esistenti, Replica DFS con RDC (Remote Differential Compression, Compressione differenziale remota) garantisce prestazioni molto maggiori rispetto alla copia diretta dei file.

Replica DFS è in grado di eseguire il rilevamento della larghezza di banda?

No. Replica DFS non consente di eseguire il rilevamento della larghezza di banda. È possibile configurare Replica DFS per l'utilizzo di una larghezza di banda limitata per singole connessioni (limitazione larghezza di banda). Tramite Replica DFS, tuttavia, l'utilizzo della larghezza di banda non viene ulteriormente ridotto in caso di saturazione dell'interfaccia di rete e pertanto può verificarsi la saturazione del collegamento per brevi periodi. La limitazione larghezza di banda con Replica DFS non è completamente precisa, poiché viene effettuata mediante la limitazione delle chiamate RPC. Di conseguenza, diversi buffer nei livelli inferiori dello stack di rete, incluso RPC, possono interferire, causando picchi di traffico di rete.

Replica DFS è in grado di limitare la larghezza di banda per pianificazione, per server o per connessione?

Se si configura la limitazione larghezza di banda quando si specifica la pianificazione, per tutte le connessioni relative al gruppo di replica interessato verrà utilizzata tale impostazione. È inoltre possibile impostare la limitazione larghezza di banda a livello di connessione mediante Gestione DFS.

Replica DFS utilizza Servizi di dominio Active Directory per il calcolo dei collegamenti di sito e dei costi di connessione?

No. Replica DFS utilizza la topologia definita dall'amministratore, indipendente dal costo di sito di Servizi di dominio Active Directory.

Come è possibile migliorare le prestazioni di replica?

Per informazioni sui diversi metodi di ottimizzazione delle prestazioni di replica, vedere il post relativo all'ottimizzazione delle prestazioni di replica in DFSR nel blog di domande al team dedicato ai servizi directory.

In che modo in Replica DFS viene evitata la saturazione di una connessione?

In Replica DFS è possibile impostare la larghezza di banda massima che di desidera utilizzare per una connessione affinché tale livello di utilizzo della rete venga mantenuto dal servizio. Questo metodo è diverso da Servizio trasferimento intelligente in background (BITS) e se la connessione viene impostata correttamente, non viene saturata da Replica DFS.

Ciononostante, la limitazione larghezza di banda non è precisa al 100% e il collegamento può venire saturato da Replica DFS per brevi periodi di tempo. Questo avviene in quanto tramite Replica DFS la larghezza di banda viene limitata limitando le chiamate RPC. Poiché questo processo si basa su diversi buffer nei livelli inferiori dello stack di rete, incluso RPC, il traffico di replica tende a procedere per picchi e in alcuni momenti i collegamenti di rete possono venire saturati.

Replica DFS in Windows Server 2008 include diversi miglioramenti alle prestazioni, descritti nell'argomento relativo al file system distribuito (DFS) dell'articolo relativo alle modifiche apportate alle funzionalità da Windows Server 2003 SP1 a Windows Server 2008.

Qual è il livello delle prestazioni di Replica DFS rispetto al servizio Replica file?

Replica DFS garantisce una velocità molto maggiore rispetto al servizio Replica file, in particolare nel caso di modifiche ridotte a file di grandi dimensioni con la tecnologia RDC abilitata. Con la tecnologia RDC, ad esempio, per una piccola modifica apportata a una presentazione di PowerPoint® da 2 MB vengono inviati in rete solo 60 kilobyte (KB), con un risparmio del 97% dei byte trasferiti.

La tecnologia RDC non viene utilizzata per file di dimensioni minori di 64 KB e potrebbe non essere vantaggiosa in reti LAN ad alta velocità in cui non vi sono problemi di larghezza di banda. È possibile disabilitare la tecnologia RDC per singole connessioni utilizzando Gestione DFS.

Con che frequenza vengono replicati i dati da Replica DFS?

I dati vengono replicati in base alla pianificazione impostata. È ad esempio possibile impostare una pianificazione che prevede una replica a intervalli di 15 minuti, sette giorni alla settimana. Durante questi intervalli la replica è abilitata. La replica si avvia poco dopo il rilevamento di una modifica a un file, in genere nel giro di pochi secondi.

La pianificazione del gruppo di replica può essere basata sull'ora UTC, mentre la pianificazione della connessione è basata sull'ora locale del membro di destinazione. È necessario tenere presente questo aspetto quando il gruppo di replica si estende in più fusi orari. Per ora locale si intende l'ora del membro che ospita la connessione in entrata. La pianificazione visualizzata della connessione in entrata e della connessione in uscita corrispondente riflette le differenze di fuso orario quando la pianificazione è basata sull'ora locale.

Quante risorse di sistema del server vengono utilizzate da Replica DFS?

Le risorse del disco, della memoria e della CPU utilizzate da Replica DFS dipendono da una serie di fattori, tra cui il numero e le dimensioni dei file, la frequenza delle modifiche, il numero di membri del gruppo di replica e il numero di cartelle di replica. Per alcune risorse è inoltre più difficile effettuare una stima. La tecnologia ESE (Extensible Storage Engine), utilizzata per il database di Replica DFS, può ad esempio utilizzare una grande percentuale della memoria disponibile, rilasciandola su richiesta. A seconda della configurazione del server, è possibile che altre applicazioni, oltre a Replica DFS, vengano ospitate nello stesso server. Se, tuttavia, più applicazioni o ruoli del server vengono ospitati in un unico server, è importante testare la configurazione prima di implementarla in un ambiente di produzione.

Che cosa succede in caso di errore di un collegamento WAN durante la replica?

Se la connessione si interrompe, tramite Replica DFS vengono eseguiti continui tentativi di replica per tutta la durata prevista dalla pianificazione. Nel registro eventi di Replica DFS, inoltre, vengono registrati gli errori di connettività, che è possibile raccogliere tramite MOM, in modo attivo attraverso gli avvisi, e tramite il rapporto di stato di Replica DFS, in modo reattivo, ad esempio quando viene eseguito da un amministratore.

Dettagli sulla tecnologia RDC (Remote Differential Compression, Compressione differenziale remota)

Le modifiche vengono compresse prima della replica?

Sì. Le parti modificate dei file vengono compresse prima dell'invio, ad eccezione dei tipi di file seguenti, che sono già compressi: wma, wmv, zip, jpg, mpg, mpeg, m1v, mp2, mp3, mpa, cab, wav, snd, au, asf, wm, avi, z, gz, tgz e frx. Le impostazioni di compressione per questi tipi di file non possono essere configurate in Windows Server 2003 R2.

Un amministratore può disattivare la tecnologia RDC o modificarne la soglia?

Sì. È possibile disattivare la tecnologia RDC mediante la pagina delle proprietà di una connessione specifica. La disabilitazione della tecnologia RDC consente di ridurre l'utilizzo della CPU e la latenza di replica per i collegamenti LAN (Local Area Network) veloci senza vincoli di larghezza di banda o per i gruppi di replica composti principalmente da file di dimensioni minori di 64 KB. Se si sceglie di disabilitare la tecnologia RDC per una connessione, testare l'efficienza della replica prima e dopo la modifica per verificare se le prestazioni di replica risultano migliori.

È possibile modificare la soglia delle dimensioni RDC utilizzando il comando Dfsradmin Connection Set o il provider WMI di Replica DFS oppure modificando manualmente il file XML di configurazione.

La tecnologia RDC funziona con tutti i tipi di file?

Sì. La tecnologia RDC è in grado di calcolare le differenze a livello di blocco, indipendentemente dal tipo di dati dei file. Risulta tuttavia più efficiente con determinati tipi di file, ad esempio documenti di Word, file PST e immagini VHD.

Come funziona la tecnologia RDC con un file compresso?

Replica DFS prevede l'utilizzo della tecnologia RDC, che è in grado di calcolare i blocchi modificati del file e inviare in rete solo tali blocchi. Per Replica DFS non è necessario conoscere il contenuto del file ma solo i blocchi che sono stati modificati.

La tecnologia RDC tra file è abilitata quando si esegue l'aggiornamento a Windows Server Enterprise Edition o Datacenter Edition?

Le edizioni Standard di Windows Server non supportano la tecnologia RDC tra file, che viene tuttavia abilitata automaticamente quando si esegue l'aggiornamento a un'edizione che la supporta oppure se un membro della connessione di replica esegue un'edizione supportata. Per un elenco delle edizioni che supportano la tecnologia RDC tra file, vedere Quali edizioni del sistema operativo Windows supportano la tecnologia RDC tra file?

La tecnologia RDC rappresenta un effettivo strumento di replica a livello di blocco?

No. RDC è un protocollo di carattere generale per la compressione dei file da trasferire. La tecnologia RDC viene utilizzata da Replica DFS sui blocchi a livello di file, non a livello di blocco del disco. I file vengono divisi in blocchi dalla tecnologia RDC. Per ogni blocco viene calcolata una firma, ovvero un piccolo numero di byte che rappresentano il blocco più grande. L'insieme di firme viene trasferito dal server al client. Nel client le firme del server vengono confrontate con quelle del client stesso. Il client quindi richiede l'invio da parte del server solo dei dati per le firme non ancora presenti nel client.

Che cosa accade se si rinomina un file?

Il file viene rinominato da Replica DFS in tutti gli altri membri del gruppo di replica nel corso della replica successiva. Un ID univoco consente di tenere traccia dei file, pertanto la ridenominazione di un file e il suo spostamento all'interno della replica non influiscono sulla possibilità di effettuare la replica del file con Replica DFS.

Che cosa è la tecnologia RDC tra file?

La tecnologia RDC tra file consente l'utilizzo di RDC da parte di Replica DFS anche quando sul lato client non esiste un file con lo stesso nome. La tecnologia RDC prevede l'utilizzo di un metodo euristico per determinare quali file sono simili al file da replicare e l'utilizzo di blocchi dei file simili identici al file da replicare per ridurre al minimo la quantità di dati da trasferire attraverso la rete WAN. In questo processo possono venire utilizzati blocchi di un massimo di cinque file simili.

Per utilizzare la tecnologia RDC tra file, un membro della connessione di replica deve eseguire un'edizione di Windows che la supporti. Per un elenco delle edizioni che supportano la tecnologia RDC tra file, vedere Quali edizioni del sistema operativo Windows supportano la tecnologia RDC tra file?

Che cosa è la tecnologia RDC?

RDC (Remote Differential Compression, Compressione differenziale remota) è un protocollo client-server che può essere utilizzato per aggiornare in modo efficiente i file in una rete con larghezza di banda limitata. RDC è in grado di rilevare inserimenti, rimozioni e riorganizzazioni di dati nei file e consente a Replica DFS di replicare solo le modifiche quando i file vengono aggiornati. Per impostazione predefinita, la tecnologia RDC viene utilizzata solo per i file di dimensioni uguali o superiori a 64 KB. Tramite RDC può venire utilizzata una versione precedente di un file con lo stesso nome nella cartella replicata o nella cartella DfsrPrivate\ConflictandDeleted, situata nel percorso locale della cartella replicata.

Quando viene utilizzata la tecnologia RDC per la replica?

La tecnologia RDC viene utilizzata quando le dimensioni di un file superano la soglia minima. Per impostazione predefinita, questa soglia corrisponde a 64 KB. Dopo che un file di dimensioni superiori alla soglia è stato replicato, per le versioni aggiornate del file viene sempre utilizzata la tecnologia RDC, a meno che non venga modificata una parte di grandi dimensioni del file o che la tecnologia RDC sia disabilitata.

Quali edizioni del sistema operativo Windows supportano la tecnologia RDC tra file?

Per utilizzare la tecnologia RDC tra file, un membro della connessione di replica deve eseguire un'edizione del sistema operativo Windows che la supporti. Nella tabella seguente sono indicate le edizioni del sistema operativo Windows che supportano la tecnologia RDC tra file.

Disponibilità della tecnologia RDC tra file nelle edizioni del sistema operativo Windows

Versione del sistema operativo Standard Edition Enterprise Edition Datacenter Edition

Windows Server 2008 R2

No

Windows Server 2008

No

No

Windows Server 2003 R2

No

No

Dettagli sulla replica

È possibile modificare il percorso di una cartella replicata dopo che è stata creata?

No. Se è necessario modificare il percorso di una cartella replicata, è necessario eliminarla in Gestione DFS e aggiungerla di nuovo come nuova cartella replicata. Tramite Replica DFS viene quindi utilizzata la tecnologia RDC (Remote Differential Compression) per eseguire una sincronizzazione mediante la quale viene stabilito se i dati sono gli stessi nel membro di origine e in quello di destinazione. Non viene eseguita di nuovo la replica di tutti i dati nella cartella.

È possibile configurare gli attributi di file da replicare?

No. Non è possibile configurare gli attributi di file che devono essere replicati da Replica DFS.

Per un elenco di valori degli attributi e le relative descrizioni, vedere l'argomento relativo agli attributi di file nel sito MSDN (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=182268).

I valori degli attributi seguenti vengono impostati tramite la funzione SetFileAttributes dwFileAttributes e vengono replicati da Replica DFS. Le modifiche a questi valori degli attributi attivano la replica degli attributi. I contenuti del file vengono replicati solo se sono stati anch'essi modificati. Per ulteriori informazioni, vedere l'argomento relativo alla funzione SetFileAttributes in MSDN Library (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=182269).

  • FILE_ATTRIBUTE_HIDDEN

  • FILE_ATTRIBUTE_READONLY

  • FILE_ATTRIBUTE_SYSTEM

  • FILE_ATTRIBUTE_NOT_CONTENT_INDEXED

  • FILE_ATTRIBUTE_OFFLINE

I valori degli attributi seguenti vengono replicati da Replica DFS, ma non attivano la replica.

  • FILE_ATTRIBUTE_ARCHIVE

  • FILE_ATTRIBUTE_NORMAL

I valori degli attributi di file seguenti attivano la replica, sebbene non possano essere impostati utilizzando la funzione SetFileAttributes (utilizzare la funzione GetFileAttributes per visualizzare i valori degli attributi).

  • FILE_ATTRIBUTE_REPARSE_POINT

    noteNota
    I valori degli attributi di reparse point non vengono replicati da Replica DFS, a meno che il tag di reparse non sia IO_REPARSE_TAG_SYMLINK. I file con tag di reparse IO_REPARSE_TAG_SIS o IO_REPARSE_TAG_HSM vengono replicati come file normali. Il tag di reparse e i buffer dei dati di reparse non vengono tuttavia replicati in altri server poiché il reparse point funziona solo nel sistema locale.

  • FILE_ATTRIBUTE_COMPRESSED

  • FILE_ATTRIBUTE_ENCRYPTED

    noteNota
    Replica DFS non consente di eseguire la replica di file crittografati con Encrypting File System (EFS). Tramite Replica DFS viene eseguita la replica di file crittografati tramite software non Microsoft, ma solo se non è stato impostato il valore dell'attributo FILE_ATTRIBUTE_ENCRYPTED nel file.

  • FILE_ATTRIBUTE_SPARSE_FILE

  • FILE_ATTRIBUTE_DIRECTORY

Il valore FILE_ATTRIBUTE_TEMPORARY non viene replicato da Replica DFS.

È possibile determinare quale membro replicare?

Sì. È possibile scegliere una topologia quando si crea un gruppo di replica. In alternativa, è possibile selezionare Nessuna topologia e configurare manualmente le connessioni dopo la creazione del gruppo di replica.

È possibile effettuare il seeding di un membro di un gruppo di replica con dati prima della replica iniziale?

Sì. Replica DFS supporta la copia di file in un membro di un gruppo di replica prima della replica iniziale. Questa operazione di "pre-installazione" consente di ridurre sensibilmente la quantità di dati replicati durante la replica iniziale.

Durante la replica iniziale non è necessario replicare i contenuti quando i file differiscono solo per timestamp o attributi reali. Un attributo reale è un attributo che può essere impostato dalla funzione Win32 SetFileAttributes. Per ulteriori informazioni, vedere l'argomento relativo alla funzione SetFileAttributes in MSDN Library (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=182269). Se due file differiscono per altri attributi, ad esempio la compressione, i contenuti del file vengono replicati.

Per eseguire la pre-installazione di un membro di un gruppo di replica, copiare i file nella cartella appropriata nel server o nei server di destinazione, creare il gruppo di replica e quindi scegliere un membro primario. Scegliere il membro con i file più aggiornati che si desidera replicare, in quanto il contenuto del membro primario è considerato"autorevole". Questo significa che, durante la replica iniziale, i file del membro primario verranno sempre utilizzati per sovrascrivere le altre versioni dei file presenti negli altri membri del gruppo di replica.

Per ulteriori informazioni sulla replica iniziale, vedere Creare un gruppo di replica.

Replica DFS consente di superare i problemi comuni del servizio Replica file?

Sì. Replica DFS consente di superare tre problemi comuni del servizio Replica file:

  • Troncamenti del journal: Replica DFS consente di eseguire il ripristino immediato in caso di troncamenti del journal. Ogni cartella o file esistente viene contrassegnato come journalWrap e verificato rispetto al file system prima di abilitare di nuovo la replica. Durante il ripristino, il volume non è disponibile per la replica in alcuna direzione.

  • Numero eccessivo di operazioni di replica: per evitare questo problema, in Replica DFS viene utilizzato un sistema di crediti.

  • Cartelle modificate: per impedire nomi di cartelle modificati, in Replica DFS i dati in conflitto vengono archiviati in una cartella nascosta DfsrPrivate\ConflictandDeleted, situata nel percorso locale della cartella replicata. Se, ad esempio, si creano più cartelle contemporaneamente con lo stesso nome in server diversi replicati tramite il servizio Replica file, la/e cartella/e meno recente/i vengono rinominate da questo servizio. Tramite Replica DFS, invece, la/e cartella/e precedente/i vengono spostate nella cartella ConflictAndDeleted locale.

In Replica DFS i file vengono replicati in ordine cronologico?

No. I file possono essere replicati senza alcun ordine.

Tramite Replica DFS vengono replicati file in uso da un'altra applicazione?

Se un file viene aperto da un'applicazione, tramite la quale viene creato un blocco di file che impedisce l'utilizzo del file da parte di altre applicazioni mentre è aperto, tramite Replica DFS il file verrà replicato solo dopo essere stato chiuso. Se il file viene aperto dall'applicazione con accesso in lettura e condivisione, il file può essere replicato.

Tramite Replica DFS vengono replicati flussi di dati alternativi, collegamenti reali, reparse point e autorizzazione di file NTFS?

Tramite Replica DFS vengono replicati i flussi di dati alternativi e le autorizzazioni di file NTFS, ma non i collegamenti reali o i reparse point NTFS. Per ulteriori informazioni su NTFS, vedere la documentazione tecnica relativa a NTFS (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=73996).

Tramite Replica DFS vengono replicate le modifiche al timestamp se non vengono apportate altre modifiche al file?

No. Tramite Replica DFS non vengono replicati i file per i quali è stata apportata solo una modifica al timestamp. Il timestamp modificato non viene inoltre replicato in altri membri del gruppo di replica, a meno che non siano state apportate altre modifiche al file.

Tramite Replica DFS vengono replicate le autorizzazioni aggiornate per un file o una cartella?

Sì. Tramite Replica DFS vengono replicate le autorizzazioni aggiornate per file e cartelle. Viene replicata solo la parte del file associata all'elenco di controllo di accesso (ACL), sebbene tramite Replica DFS debba venire comunque letto l'intero file nell'area di gestione temporanea.

noteNota
La modifica di elenchi di controllo di accesso in un elevato numero di file può influire sulle prestazioni di replica. Se si utilizza la tecnologia RDC, tuttavia, la quantità di dati trasferiti è proporzionale alle dimensioni degli elenchi di controllo di accesso e non alle dimensioni dell'intero file. La quantità di traffico su disco è comunque proporzionale alle dimensioni dei file, poiché questi ultimi devono essere letti da e verso la cartella di gestione temporanea.

Replica DFS supporta l'unione di file di testo in caso di conflitto?

Replica DFS non prevede l'unione di file quando si verifica un conflitto. Viene tuttavia eseguito un tentativo di mantenere la versione precedente del file nella cartella nascosta DfsrPrivate\ConflictandDeleted, nel computer in cui è stato rilevato il conflitto.

Replica DFS prevede l'utilizzo della crittografia per la trasmissione dei dati?

Sì. Per Replica DFS vengono utilizzate connessioni RPC (Remote Procedure Call) con crittografia.

È possibile disabilitare l'utilizzo della comunicazione RPC crittografata?

No. Il servizio Replica DFS prevede l'utilizzo di Remote Procedure Call (RPC) su TCP per replicare i dati. Per garantire la sicurezza dei trasferimenti di dati in Internet, il servizio Replica DFS è progettato per utilizzare sempre la costante a livello di autenticazione RPC_C_AUTHN_LEVEL_PKT_PRIVACY. Ciò garantisce che la comunicazione RPC in Internet sia sempre crittografata. Non è pertanto possibile disabilitare l'utilizzo della comunicazione RPC crittografata da parte del servizio Replica DFS.

Per ulteriori informazioni, vedere i siti Web Microsoft relativi agli argomenti seguenti:

Come vengono gestite le repliche simultanee?

È disponibile uno strumento di gestione degli aggiornamenti per ogni cartella replicata. Questi strumenti funzionano in modo indipendente uno dall'altro.

Per impostazione predefinita, vengono condivisi al massimo 16 download simultanei (quattro in Windows Server 2003 R2) tra tutti i gruppi di replica e le connessioni. Poiché gli aggiornamenti dei gruppi di replica e le connessioni non sono serializzati, non vi è un ordine specifico di ricezione degli aggiornamenti. Se sono aperte due pianificazioni, gli aggiornamenti vengono in genere ricevuti e installati da entrambe le connessioni contemporaneamente.

Come è possibile forzare la replica o il polling?

In Windows Server 2008 R2 o Windows Server 2008, è possibile forzare immediatamente la replica utilizzando Gestione DFS, come descritto in Modificare le pianificazioni e la larghezza di banda di replica. È anche possibile forzare la replica utilizzando il comando Dfsrdiag SyncNow. È possibile forzare il polling utilizzando il comando Dfsrdiag PollAD.

È possibile configurare un tempo di attesa tra le repliche per i file che vengono modificati spesso?

No. Se la pianificazione è aperta, le modifiche vengono replicate da Replica DFS non appena vengono rilevate. Non è possibile configurare un tempo di attesa per i file.

È possibile configurare la replica unidirezionale con Replica DFS?

Sì. Se si utilizza Windows Server 2008 R2, è possibile creare una cartella replicata di sola lettura per la replica del contenuto attraverso una connessione unidirezionale. Per ulteriori informazioni, vedere Impostare una cartella replicata in sola lettura in un membro specifico (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=156740).

Non è supportata la creazione di una connessione di replica unidirezionale con Replica DFS in Windows Server 2008 o Windows Server 2003 R2. Questa operazione può causare numerosi problemi, tra cui errori di topologia del controllo di integrità, problemi di gestione temporanea, nonché problemi relativi al database di Replica DFS.

Se si utilizza Windows Server 2008 o Windows Server 2003 R2, è possibile simulare una connessione unidirezionale tramite le operazioni seguenti:

  • Invitare gli amministratori ad apportare modifiche solo nel o nei server che si desidera designare come server primari, quindi lasciare che le modifiche vengano replicate nei server di destinazione.

  • Configurare le autorizzazioni di condivisione nei server di destinazione in modo che gli utenti finali non dispongano di autorizzazioni di scrittura. Se non sono consentite modifiche nei server di succursale, non vi saranno dati da replicare nuovamente e sarà pertanto possibile simulare una connessione unidirezionale mantenendo basso il livello di utilizzo della rete WAN.

È possibile forzare la replica completa di tutti i file, compresi i file non modificati?

No. I file considerati identici non vengono replicati da Replica DFS. Se i file modificati non sono stati replicati, tramite Replica DFS vengono replicati automaticamente non appena la configurazione viene impostata in questo senso. Per sovrascrivere la pianificazione configurata, utilizzare il metodo WMI ForceReplicate(). La pianificazione, tuttavia, viene solo ignorata, ma non viene forzata la replica dei file non modificati o identici.

Che cosa succede se si verifica una perdita del database del membro primario durante la replica iniziale?

Durante la replica iniziale, i file del membro primario hanno sempre la precedenza nella risoluzione dei conflitti che si verificano quando i membri di destinazione contengono versioni diverse dei file rispetto al membro primario. La designazione di membro primario è archiviata in Servizi di dominio Active Directory e viene cancellata dopo che il membro primario è pronto per la replica, ma prima che venga eseguita la replica di tutti i membri del gruppo di replica.

Se la replica iniziale non riesce o il servizio Replica DFS viene riavviato durante la replica, il membro primario vede la designazione di membro primario nel database di Replica DFS locale e ritenta la replica iniziale. Se il database di Replica DFS del membro primario viene perso dopo la cancellazione della designazione di membro primario in Servizi di dominio Active Directory, ma prima del completamento della replica iniziale di tutti i membri del gruppo di replica, la replica della cartella non riesce per alcuno dei membri del gruppo di replica, poiché nessun server è designato come membro primario. In questo caso, utilizzare il comando Dfsradmin membership /set /isprimary:true nel server membro primario per ripristinare manualmente la designazione di membro primario.

Per ulteriori informazioni sulla replica iniziale, vedere Creare un gruppo di replica.

CautionAttenzione
La designazione di membro primario viene utilizzata solo durante il processo di replica iniziale. Se si utilizza il comando Dfsradmin per specificare un membro primario per una cartella replicata dopo il completamento della replica, il server non viene designato da Replica DFS come membro primario in Servizi di dominio Active Directory. Se, tuttavia, successivamente il database di Replica DFS nel server subisce un danneggiamento o una perdita di dati irreversibile, il server tenta di eseguire una replica iniziale come membro primario anziché ripristinare i dati da un altro membro del gruppo di replica. In pratica, il server diventa un server primario non autorizzato e tale situazione può causare conflitti. Per tale motivo, specificare il membro primario manualmente solo se si ha la certezza che la replica iniziale abbia avuto un esito negativo irreversibile.

Che cosa succede se la pianificazione di replica si interrompe mentre è in corso la replica di un file?

Se la tecnologia RDC (Remote Differential Compression, Compressione differenziale remota) è abilitata per la connessione, la replica in ingresso di un file di dimensioni maggiori di 64 KB iniziata subito prima della chiusura della pianificazione, o dell'assenza di larghezza di banda, continua quando la pianificazione viene riaperta o quando si passa a uno stato diverso dall'assenza di larghezza di banda. La replica continua dallo stato raggiunto al momento dell'interruzione.

Se la tecnologia RDC è disattivata, il trasferimento di file viene riavviato completamente da Replica DFS. Questo può ritardare la disponibilità del file nel membro di destinazione.

Che cosa succede quando due utenti aggiornano contemporaneamente lo stesso file in server diversi?

Quando in Replica DFS viene rilevato un conflitto, viene utilizzata l'ultima versione del file salvata. L'altro file viene spostato nella cartella DfsrPrivate\ConflictandDeleted, nel percorso locale della cartella replicata nel computer in cui è stato risolto il conflitto. Il file rimane in questa cartella fino alla pulizia della cartella stessa, che viene eseguita quando la cartella supera le dimensioni configurate o quando viene inviato a Replica DFS un messaggio di errore che indica spazio su disco insufficiente. La cartella ConflictAndDeleted non viene replicata e questo metodo di risoluzione dei conflitti consente di evitare il problema delle directory modificate che può verificarsi nel servizio Replica file.

Quando si verifica un conflitto, nel registro eventi di Replica DFS viene registrato un evento informativo. L'evento non richiede alcuna azione da parte dell'utente per i motivi seguenti:

  • Non è visibile agli utenti ma solo agli amministratori di server.

  • La cartella ConflictAndDeleted viene trattata come una cache da Replica DFS. Quando viene raggiunta la soglia della quota, alcuni file vengono cancellati. Non è garantito il salvataggio di file in conflitto.

  • Il conflitto può trovarsi in un server diverso da quello di origine del conflitto stesso.

Gestione temporanea

Replica DFS impedisce l'accesso a un file da parte di altre applicazioni durante la gestione temporanea?

No. La modalità di apertura dei file di Replica DFS non impedisce agli utenti o alle applicazioni di aprire i file contenuti nella cartella di replica. Questo metodo è detto "blocco opportunistico".

È possibile modificare il percorso della cartella di gestione temporanea con lo strumento Gestione DFS?

Sì. Per ogni membro di un gruppo di replica il percorso della cartella di gestione temporanea è configurato nella scheda Avanzate della finestra di dialogo Proprietà.

Quando viene applicata la gestione temporanea ai file?

La gestione temporanea viene applicata ai file nel membro di origine quando il membro di destinazione richiede il file (a meno che le dimensioni del file non siano minori o uguali a 64 KB), come illustrato nella tabella seguente. Se la tecnologia RDC (Remote Differential Compression) è disabilitata nella connessione, la gestione temporanea viene applicata al file a meno che le sue dimensioni non siano minori o uguali a 256 KB. La gestione temporanea viene applicata ai file anche nel membro di destinazione quando i file vengono trasferiti, se le loro dimensioni sono minori di 64 KB, ma è possibile configurare questa impostazione su un valore compreso tra 16 KB e 1 MB. Se la pianificazione è chiusa, ai file non viene applicata la gestione temporanea.

Dimensioni minime dei file per la gestione temporanea

  Tecnologia RDC abilitata Tecnologia RDC disabilitata

Membro di origine

64 KB

256 KB

Membro di destinazione

64 KB per impostazione predefinita

64 KB per impostazione predefinita

Che cosa succede se un file viene modificato dopo che è stata applicata la gestione temporanea ma prima che sia stato trasmesso completamente al sito remoto?

Se è già in corso la trasmissione di una parte qualsiasi del file, questa viene continuata. Se il file viene modificato prima che la trasmissione sia stata avviata da Replica DFS, viene inviata la nuova versione del file.

Cronologia modifiche

 

Data Descrizione Motivo

30 marzo 2011

Modifica alla voce È possibile utilizzare Replica DFS per eseguire la replica di file PST di Outlook o di file di database di Microsoft Access? per correggere l'impatto potenziale dell'utilizzo di Replica DFS con file PST e di Access.

Aggiunta della voce Come è possibile migliorare le prestazioni di replica?

Domande dei clienti relative alla voce precedente, in cui veniva erroneamente indicato che la replica di file PST o di Access poteva danneggiare il database di Replica DFS.

26 gennaio 2011

Aggiunta della voce Come è possibile recuperare file dalla cartella ConflictAndDeleted o PreExisting?

Commenti degli utenti

20 ottobre 2010

Aggiunta della voce Come è possibile aggiornare o sostituire un membro di Replica DFS?

Commenti degli utenti

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Microsoft sta conducendo un sondaggio in linea per comprendere l'opinione degli utenti in merito al sito Web di MSDN. Se si sceglie di partecipare, quando si lascia il sito Web di MSDN verrà visualizzato il sondaggio in linea.

Si desidera partecipare?
Mostra:
© 2014 Microsoft