Esporta (0) Stampa
Espandi tutto
2 di 2 hanno valutato il contenuto utile: - Valuta questo argomento

Requisiti RIS e PXE

Aggiornamento: gennaio 2005

Si applica a: Windows Server 2003, Windows Server 2003 R2, Windows Server 2003 with SP1, Windows Server 2003 with SP2

Requisiti RIS e PXE

I Servizi di installazione remota (RIS) supportano le installazioni remote dei sistemi operativi Windows Server 2003. Ciò significa che è possibile inizializzare in remoto installazioni basate su RIS senza dover essere fisicamente presenti al computer. RIS elimina la necessità di utilizzare il CD del sistema operativo o un disco floppy contenente il file Winnt.sif. Per ulteriori informazioni, vedere Abilitazione di Servizi di gestione emergenze durante una nuova installazione.

  • Il supporto RIS è disponibile sia sui sistemi x86 che sui sistemi Itanium.

Affinché sia possibile eseguire installazioni remote, i computer client devono disporre di una scheda di rete che supporti PXE (Pre-Boot eXecution Environment). Sarà quindi possibile eseguire le installazioni utilizzando una connessione di rete su sistemi senza unità CD-ROM e su sistemi con dischi rigidi non formattati o non partizionati.

Il firmware deve riconoscere la scheda di rete che supporta PXE come una periferica di avvio valida e come parte della selezione dell'ordine di avvio. Il firmware deve inoltre fornire l'opzione che abilita l'utilizzo del tasto F12 per inizializzare l'avvio remoto da una tastiera, ignorando così l'ordine di avvio. La possibilità di modificare l'ordine di avvio può essere eventualmente sfruttata per implementare procedure di ripristino di emergenza .

Startrom.com

Il file Startrom.com è il primo file scaricato da un client RIS basato su un sistema x86 per iniziare il processo di avvio. Esistono più versioni di questo file. A seconda delle funzionalità PXE del firmware, è possibile utilizzare versioni di Startrom.com specifiche di Servizi di gestione emergenze in modo da sfruttare il reindirizzamento della console per i client RIS con sistema x86. Il servizio BINLSVC (Boot Information Negotiation Layer Service) crea un file di risposta che consente di completare l'installazione senza l'intervento dell'utente. I client RIS con processore Itanium non utilizzano tuttavia il file Startrom.com. In questo caso è possibile configurare l'interfaccia EFI (Extensible Firmware Interface) per il reindirizzamento dell'output e utilizzare quindi la scheda di rete che supporta PXE per l'avvio del computer.

Sebbene sia possibile utilizzare i file Startrom.com con sistemi che non sono stati progettati per funzionare con Servizi di gestione emergenze, si consiglia di reindirizzare l'output della console alla porta di gestione fuori banda utilizzando il firmware e di eseguire un file Startrom.com standard. In questo modo Startrom.com risulterà maggiormente flessibile nell'utilizzo delle velocità di trasmissione.

  • Hdlscom1.com e Hdlscom2.com. Nei sistemi che non supportano il reindirizzamento della console firmware, questi file visualizzano il messaggio in cui viene chiesto di premere il tasto F12 per eseguire l'avvio in rete mediante il reindirizzamento della console alla porta seriale 1 o 2. L'utente può quindi continuare il processo di avvio premendo F12 oppure uscire dal processo non premendo il tasto. Se preme il tasto F12, i file Hdlscom1.com e Hdlscom2.com causano l'avvio del client PXE tramite l'Installazione guidata client solo quando il BIOS (Basic Input/Output System) esegue un tentativo di avvio in rete. Questi file vengono installati con RIS per impostazione predefinita.

  • Hdlscom1.n12 e Hdlscom2.n12. Nei sistemi che supportano il reindirizzamento della console firmware, questi file non visualizzano il messaggio in cui viene chiesto di premere il tasto F12 per eseguire l'avvio in rete e non richiedono l'intervento dell'utente. Quando si utilizza uno di questi file, il client PXE verrà sempre avviato nell'Installazione guidata client quando il BIOS effettua un tentativo di avvio in rete.

Tutte le versioni di Startrom.com specifiche di Servizi di gestione emergenze si basano sul BIOS per il reindirizzamento dell'output alla porta di gestione fuori banda e alla scheda video, se collegata. Servizi di gestione emergenze è disponibile con o senza scheda video.

Per utilizzare un file Hdlscomx.com o Hdlscomxn12, è necessario ridenominare il file Startrom.com e quindi copiarlo sul server BINLSVC. Per impostazione predefinita, questi file si trovano nella cartella NomeServer\reminst\oschooser\i386, dove NomeServer è il nome del server RIS che esegue BINLSVC.

Installazione guidata client

L'Installazione guidata client indirizza automaticamente l'intera interfaccia utente alla porta fuori banda e alla console locale, se collegata al computer. L'Installazione guidata client determina quale porta fuori banda utilizzare in base ai dati della tabella SPCR (Serial Port Console Redirection), se disponibile, oppure utilizzando la stessa porta utilizzata dal file Startrom.com. Per ulteriori informazioni, vedere Abilitazione della tabella SPCR.

Per ulteriori informazioni su RIS, vedere Servizi di installazione remota.

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft. Tutti i diritti riservati.