Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Risoluzione dei problemi relativi a Gestione disco

Aggiornamento: gennaio 2005

Si applica a: Windows Server 2003, Windows Server 2003 R2, Windows Server 2003 with SP1, Windows Server 2003 with SP2, Windows Server 2012

Risoluzione dei problemi

Individuare quale problema si è verificato.

Le partizioni dei dischi di base aggiunte al sistema non vengono visualizzate nell'elenco di volumi di Gestione disco

Causa:  Per consentire una migliore interoperabilità negli ambienti di rete con area di archiviazione (SAN), in Windows Server 2003, Enterprise Edition e Windows Server 2003, Datacenter Edition i volumi dei dischi di base aggiunti al sistema non vengono montati automaticamente né associati a lettere di unità per impostazione predefinita.

I dischi dinamici vengono visualizzati come Esterno quando vengono aggiunti al sistema. Per utilizzare i volumi, è necessario importare i dischi contrassegnati come Esterno e quindi impostare lo stato dei volumi su Pronto.

Le periferiche rimovibili, come ad esempio unità Zip o Jaz, e i dischi ottici, come ad esempio le unità CD-ROM o DVD-RAM, vengono sempre montati automaticamente dal sistema.

Soluzione:  Montare manualmente i volumi di base assegnando lettere di unità oppure creando punti di montaggio tramite Gestione disco o i comandi DiskPart o mountvol.

Per istruzioni su come assegnare una lettera di unità, vedere Assegnare, cambiare o rimuovere una lettera di unità.

Per ulteriori informazioni sui comandi DiskPart o mountvol, vedere DiskPart o Mountvol.

Lo stato di un disco di base è Non inizializzato

Causa:  Il disco non include una firma valida. Dopo aver installato un nuovo disco, il sistema operativo deve apporre una firma del disco, l'indicatore di fine settore (denominato anche testo della firma) e deve creare un record di avvio principale o una tabella di partizione GUID. In caso contrario, non sarà possibile creare partizioni nel disco. Quando si avvia Gestione disco per la prima volta dopo aver installato un nuovo disco, viene visualizzata una procedura guidata con un elenco dei nuovi dischi rilevati dal sistema operativo. Se si annulla la procedura guidata prima della scrittura della firma del disco, lo stato del disco rimane Non inizializzato.

Soluzione:  Inizializzare il disco. Lo stato del disco passa rapidamente da Inizializzazione in corso a Pronto. Per istruzioni sull'inizializzazione di un disco, vedere Inizializzare i dischi nuovi.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei dischi, vedere Descrizioni degli stati dei dischi.

Lo stato di un disco di base o dinamico è Illeggibile

Causa:  Il disco di base o dinamico non è accessibile ed è possibile che l'hardware del disco sia danneggiato o che si siano verificati errori di I/O. La copia del disco del database di configurazione del disco di sistema potrebbe essere danneggiata. Per i dischi con stato Illeggibile viene visualizzata un'icona di errore.

È possibile che lo stato Illeggibile venga visualizzato durante la rotazione dei dischi o durante l'analisi di tutti i dischi del sistema. In alcuni casi, un disco illeggibile è stato danneggiato in modo irreparabile. Nel caso dei dischi dinamici, lo stato Illeggibile è generato da un danneggiamento o da errori di I/O di una parte del disco e non da un danneggiamento dell'intero disco.

Soluzione:  Ripetere nuovamente l'analisi dei dischi o riavviare il computer per verificare se lo stato cambia. Per istruzioni su come ripetere l'analisi dei dischi, vedere Aggiornare i dati relativi a un disco.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei dischi, vedere Descrizioni degli stati dei dischi.

Lo stato di un disco dinamico è Esterno

Causa:  Lo stato Esterno viene visualizzato quando si sposta un disco dinamico nel computer locale da un altro computer in cui è in esecuzione Windows 2000, Windows XP Professional, Windows XP 64-bit Edition (Itanium) o uno dei sistemi operativi della famiglia Windows Server 2003. Per i dischi con stato Esterno viene visualizzata un'icona di avviso.

In alcuni casi, è possibile che lo stato Esterno venga visualizzato per un disco connesso al sistema in precedenza. I dati di configurazione per i dischi dinamici vengono archiviati in tutti i dischi dinamici, pertanto se tutti i dischi dinamici presentano errori, le informazioni relative alla proprietà dei dischi andranno perdute.

Soluzione:  Per accedere ai dati presenti nel disco, è necessario aggiungere il disco alla configurazione di sistema del computer. Per aggiungere un disco alla configurazione di sistema del computer, importare il disco esterno. A tale scopo, fare clic con il pulsante destro del mouse sul disco e quindi scegliere Importa dischi esterni. Una volta importato il disco esterno, tutti i volumi che contiene risulteranno visibili e accessibili.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei dischi, vedere Descrizioni degli stati dei dischi.

Lo stato di un disco dinamico è Pronto (errori)

Causa:  In un'area del disco dinamico si sono verificati errori di I/O. Sul disco dinamico in cui si sono verificati gli errori viene visualizzata un'icona di avviso.

Soluzione:  Se gli errori di I/O sono temporanei, riattivare il disco per ripristinare lo stato Pronto. Per istruzioni sulla riattivazione del disco, vedere Riattivare un disco dinamico mancante o non in linea.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei dischi, vedere Descrizioni degli stati dei dischi.

Lo stato di un disco dinamico è Non in linea o Mancante

Causa:  Un disco dinamico Non in linea potrebbe essere danneggiato o non sempre disponibile. Per il disco dinamico con stato Non in linea viene visualizzata un'icona di errore.

Se lo stato del disco è Non in linea e il nome del disco cambia in Mancante, non è più possibile individuare o identificare un disco precedentemente disponibile. Il disco mancante può essere danneggiato, spento o disconnesso.

Soluzione:

Per riattivare un disco non in linea e mancante

Risolvere tutti i problemi relativi al disco, al controller o al cablaggio e assicurarsi che il disco fisico sia acceso, alimentato e collegato al computer. Utilizzare quindi il comando Riattiva disco specificato per riattivare il disco. Per istruzioni sulla riattivazione di dischi mancanti o non in linea, vedere Riattivare un disco dinamico mancante o non in linea.

Se lo stato del disco risulta ancora Non in linea, il nome del disco è sempre Mancante e non è possibile risolvere il problema riscontrato, è possibile rimuovere il disco dal sistema. A tale scopo, fare clic con il pulsante destro del mouse sul disco e quindi scegliere Rimuovi il disco. Prima di rimuovere il disco, è necessario tuttavia eliminare tutti i volumi (mirror) che contiene. È possibile salvare i volumi con mirroring del disco rimuovendo il mirror anziché l'intero volume. Poiché l'eliminazione di un volume comporta la cancellazione di tutti i dati in esso contenuti, è consigliabile rimuovere un disco solo se si è assolutamente certi che sia danneggiato in modo permanente e non possa più essere utilizzato.

Per riattivare un disco non in linea il cui nome è Disco # (non Mancante), provare una o più delle soluzioni seguenti:

  • In Gestione disco fare clic con il pulsante destro del mouse sul disco e quindi scegliere Riattiva disco specificato per riattivare il disco. Se lo stato del disco risulta ancora Non in linea, controllare i cavi di collegamento e il controller del disco e assicurarsi che il disco fisico sia integro. Risolvere i problemi riscontrati e provare a riattivare il disco. Se la procedura di riattivazione del disco ha esito positivo, i volumi del disco dovrebbero ritornare automaticamente allo stato Integro.

  • Nel Visualizzatore eventi verificare la presenza di eventuali errori correlati ai dischi nei registri eventi, ad esempio un messaggio di errore in cui viene indicato che non esistono copie di configurazione valide. Se i registri eventi contengono errori di questo tipo, rivolgersi al Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft.

  • Provare a spostare il disco in un altro computer. Se tramite questa operazione lo stato del disco cambia in Pronto, è probabile che il problema sia provocato dalla configurazione del computer in cui lo stato del computer non è Pronto.

  • Provare a spostare il disco in un altro computer dotato di dischi dinamici. Importare il disco nel computer e quindi spostarlo di nuovo nel computer in cui non risulta come Pronto.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei dischi, vedere Descrizioni degli stati dei dischi.

Lo stato di un volume di base o dinamico è Non riuscito

Causa:  Il volume di base o dinamico non può essere avviato automaticamente oppure il disco o il file system è danneggiato. A meno che non sia possibile ripristinare il disco o il file system, lo stato Non riuscito indica una perdita di dati.

Soluzione:  Se il volume è un volume di base con stato Non riuscito, assicurarsi che il disco fisico sottostante sia acceso, alimentato e collegato al computer. Non è possibile eseguire altre operazioni per i volumi di base.

Se il volume è un volume dinamico con stato Non riuscito, assicurarsi che i dischi dinamici sottostanti siano in linea. In caso negativo, ripristinare lo stato Pronto per i dischi. In caso positivo, il volume viene riavviato automaticamente e viene ripristinato lo stato Integro. Per istruzioni sulla riattivazione di un disco, vedere Riattivare un disco dinamico mancante o non in linea.

Se viene ripristinato lo stato Pronto per il disco dinamico, ma non viene ripristinato lo stato Integro per il volume dinamico, è possibile riattivare manualmente il volume. Per istruzioni sulla riattivazione di un volume, vedere Riattivare un volume dinamico.

Nel caso di un volume dinamico con mirroring o RAID-5 contenente dati obsoleti, il ripristino in linea del disco sottostante non comporta il riavvio automatico del volume. Se i dischi contenenti dati correnti vengono disconnessi, è innanzitutto necessario riportare in linea tali dischi per consentire la sincronizzazione dei dati. In caso contrario, riavviare manualmente il volume con mirroring o RAID-5 e quindi eseguire l'utilità per il controllo degli errori Chkdsk.exe.

Per istruzioni sulla riattivazione di un volume, vedere Riattivare un volume dinamico. Per istruzioni sull'esecuzione dello strumento per il rilevamento degli errori, vedere la sezione relativa all'individuazione e correzione di errori del disco. Per eseguire Chkdsk.exe, fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare chkdsk e quindi fare clic su OK.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Lo stato di un volume di base o dinamico è Sconosciuto

Cause:  Lo stato Sconosciuto viene visualizzato quando il settore di avvio del volume è danneggiato, ad esempio a causa di un virus, e non è più possibile accedere ai dati del volume. Lo stato Sconosciuto viene inoltre visualizzato quando si installa un nuovo disco, ma non si completa la procedura guidata di creazione della firma del disco.

Soluzione:  Inizializzare il disco. Per istruzioni sull'inizializzazione di un disco, vedere Inizializzare i dischi nuovi.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Lo stato di un volume dinamico è Dati incompleti

Causa:  Non sono stati spostati tutti i dischi di un volume a più dischi. I dati presenti nel volume verranno cancellati a meno che i rimanenti dischi che contengono il volume non vengano spostati e importati.

Soluzione:  Spostare tutti i dischi che compongono il volume a più dischi nel computer e quindi importarli. Per istruzioni sullo spostamento e l'importazione di dischi, vedere Spostare dischi in un altro computer.

Se non è più necessario il volume a più dischi, è possibile importare il disco e creare nuovi volumi su di esso. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul volume con lo stato Non riuscito o Errore di ridondanza e quindi scegliere Elimina volume. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul disco e quindi scegliere Nuovo volume.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Lo stato di un volume dinamico è Integro (a rischio)

Causa:  Indica che il volume dinamico è accessibile ma sono stati rilevati errori di I/O nel disco dinamico sottostante. Se viene rilevato un errore di I/O in una parte di un disco dinamico, lo stato di tutti i relativi volumi cambia in Integro (a rischio) e un'icona di avviso viene visualizzata nel volume.

Se lo stato di un volume è Integro (a rischio), lo stato del disco sottostante è generalmente Pronto (errori).

Soluzione:  Ripristinare lo stato Pronto per il disco sottostante. Dopo avere ripristinato lo stato Pronto per il disco, lo stato del volume dovrebbe cambiare in Integro. Se lo stato Integro (a rischio) persiste, è possibile che si tratti di un errore del disco. Eseguire il backup dei dati e sostituire il disco il prima possibile. Per istruzioni sulla riattivazione del disco, vedere Riattivare un disco dinamico mancante o non in linea.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Non è possibile gestire volumi con striping, con mirroring o RAID-5 tramite Gestione disco o DiskPart

Causa:  Alcuni prodotti di gestione dei dischi non Microsoft sostituiscono Gestione dischi logici (LDM) di Microsoft per la gestione avanzata dei dischi, disattivando la funzionalità LDM.

Soluzione:  Se si utilizza un software non Microsoft per la gestione dei dischi tramite cui la funzionalità Gestione dischi logici è disattivata, è necessario rivolgersi al fornitore del software per assistenza nella risoluzione dei problemi relativi alla configurazione dei dischi.

Lo stato di un volume con mirroring è Dati non ridondanti

Causa:  Non sono stati importati entrambi i mirror di un volume con mirroring. In Gestione disco alla metà importata del volume con mirroring viene assegnato lo stato Errore di ridondanza, mentre al disco in cui è contenuta la metà del mirror non importata viene assegnato lo stato Mancante. È possibile importare il disco con stato Mancante in un secondo momento per ripristinare la ridondanza.

Soluzione:  Spostare contemporaneamente tutti i dischi in cui si estende il volume nel nuovo computer e quindi importare tutti i dischi. Per istruzioni sullo spostamento e l'importazione di dischi, vedere Spostare dischi in un altro computer.

Se il volume con mirroring non è più necessario, è possibile separare il mirror e conservare la metà importata come volume semplice. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul volume con mirroring il cui stato è Errore di ridondanza e quindi scegliere Rimuovi mirror. Nella finestra di dialogo Rimuovi mirror fare clic sul disco con stato Mancante e quindi su Rimuovi mirror. La metà importata del mirror con stato Errore di ridondanza diventa un volume semplice con stato Integro. Per ulteriori informazioni sulla divisione di un volume con mirroring, vedere Rimuovere un mirror da un volume con mirroring.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei dischi, vedere Descrizioni degli stati dei dischi.

Lo stato di un volume con mirroring è Non riuscito

Causa:  Il volume con mirroring non può essere avviato automaticamente oppure il disco è danneggiato. A meno che non sia possibile ripristinare il disco, lo stato Non riuscito indica una perdita di dati.

Soluzione:  Assicurarsi che i dischi fisici sottostanti siano accesi, alimentati e collegati al computer. Verificare che i dischi fisici sottostanti siano in linea. In caso negativo, ripristinare lo stato Pronto per i dischi. In caso positivo, il volume viene riavviato automaticamente e viene ripristinato lo stato Errore di ridondanza. Per istruzioni sulla riattivazione di un disco, vedere Riattivare un disco dinamico mancante o non in linea.

Se viene ripristinato lo stato Pronto per il disco dinamico ma non viene ripristinato lo stato Integro per il volume dinamico, è possibile riattivare manualmente il volume. Per istruzioni sulla riattivazione di un volume, vedere Riattivare un volume dinamico.

Nel caso di un volume dinamico con mirroring contenente dati obsoleti, il ripristino in linea del disco fisico sottostante non comporta il riavvio automatico del volume. Se i dischi contenenti dati correnti vengono disconnessi, è innanzitutto necessario riportare in linea tali dischi per consentire la sincronizzazione dei dati. In caso contrario, riavviare manualmente il volume con mirroring e quindi eseguire l'utilità per il controllo degli errori o Chkdsk.exe.

Per istruzioni sulla riattivazione di un volume, vedere Riattivare un volume dinamico. Per informazioni sull'esecuzione dello strumento per il rilevamento degli errori, vedere la sezione relativa all'individuazione e correzione di errori del disco. Per eseguire Chkdsk.exe, fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare chkdsk e quindi fare clic su OK.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Lo stato di un volume con mirroring è Errore di ridondanza

Causa:  Uno o entrambi i membri del volume con mirroring presentano errori e il volume non è più a tolleranza d'errore. Per evitare perdite di dati, è necessario eseguire un tentativo di ripristino del volume non appena possibile.

Soluzione:  Se lo stato del disco dinamico è Non in linea o Mancante, ovvero non è possibile accedervi in alcun modo, nella visualizzazione grafica del disco mancante o non in linea viene visualizzata un'icona (X). Per istruzioni sul ripristino del volume con mirroring, vedere Riconnettere il disco e ripristinare il volume con mirroring.

Se lo stato del disco è Pronto (errori), nella visualizzazione grafica del disco viene visualizzata un'icona (!). Per istruzioni sulla riattivazione del disco, vedere Riattivare un volume con mirroring.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei dischi, vedere Descrizioni degli stati dei dischi.

Lo stato di un volume con mirroring è Dati non aggiornati

Causa:  Se si tenta di importare dischi che includono un volume con mirroring, ma uno dei volumi contiene informazioni di mirroring non aggiornate, nella finestra di dialogo Importazione dischi esterni viene visualizzato lo stato Dati non aggiornati. Questo problema si può verificare quando lo stato dei volumi dei dischi spostati era diverso da Integro prima dello spostamento.

Soluzione:  Spostare di nuovo i dischi nel computer di provenienza. In Gestione disco scegliere Ripeti analisi dischi dal menu Azione oppure riavviare il computer per assicurarsi che tutti i dischi siano installati correttamente.

Se lo stato del volume era Errore di ridondanza prima dello spostamento dei dischi, per il volume viene ancora indicato lo stato Errore di ridondanza quando i dischi vengono ripristinati nella posizione originale. Assicurarsi che lo stato del disco con informazioni di mirroring non aggiornate sia diverso da Non in linea. Se lo stato è Non in linea, verificare la presenza di eventuali problemi hardware, ricollegare il disco, se necessario, e quindi riattivarlo. Per istruzioni sulla riattivazione di un volume con mirroring, vedere Riconnettere il disco e ripristinare il volume con mirroring.

Se lo stato Errore di ridondanza persiste, riattivare il volume. Tramite Gestione disco verrà eseguito un tentativo di riattivazione del volume. Se tramite Gestione disco non è possibile ripristinare tutti i dati del volume, verrà visualizzato un messaggio di avviso. Per istruzioni sulla riattivazione di un volume, vedere Riattivare un volume dinamico.

Se la riattivazione dei volumi ha esito positivo, lo stato del volume cambia in Integro e i volumi con mirroring del disco vengono risincronizzati. Sarà quindi possibile spostare tutti i dischi contenenti questo volume su un altro computer, collegarli e importarli tutti contemporaneamente.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei dischi, vedere Descrizioni degli stati dei dischi.

Lo stato di un volume RAID-5 è Dati non ridondanti

Causa:  Non sono stati spostati tutti i dischi di un volume RAID-5. Se si sceglie di importare tutti i dischi tranne uno, al volume RAID-5 viene assegnato lo stato Errore di ridondanza. Se dal volume RAID-5 manca più di un disco, al volume viene assegnato lo stato Non riuscito.

Soluzione:  Spostare contemporaneamente tutti i dischi che compongono il volume nel nuovo computer e quindi importare tutti i dischi. Per istruzioni sullo spostamento e l'importazione di dischi, vedere Spostare dischi in un altro computer.

Se sono stati importati tutti i dischi tranne uno nel volume RAID-5, al volume viene assegnato lo stato Errore di ridondanza. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul volume e quindi scegliere Ripristina volume. Selezionare un altro disco dinamico adatto per ripristinare il volume RAID-5. Dopo che il volume RAID-5 torna allo stato Integro, è possibile fare clic con il pulsante destro del mouse sul disco mancante e quindi scegliere Rimuovi il disco.

Se non è più necessario il volume RAID-5, è possibile importare i dischi e creare nuovi volumi su di essi. Al volume RAID-5 verrà assegnato lo stato Errore di ridondanza o Non riuscito. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul volume e quindi scegliere Elimina volume. Fare clic con il pulsante destro del mouse su ogni disco e quindi scegliere Nuovo volume.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Lo stato di un volume RAID-5 è Non riuscito

Causa:  Il volume RAID-5 non può essere avviato automaticamente oppure il disco è danneggiato. A meno che non sia possibile ripristinare il disco, lo stato Non riuscito indica una perdita di dati.

Soluzione:  Assicurarsi che il disco fisico sottostante sia acceso, alimentato e collegato al computer. Verificare che i dischi fisici sottostanti siano in linea. In caso negativo, ripristinare lo stato Pronto per i dischi. In caso positivo, il volume viene riavviato automaticamente e viene ripristinato lo stato Integro. Per istruzioni sulla riattivazione di un disco, vedere Riattivare un disco dinamico mancante o non in linea.

Se viene ripristinato lo stato Pronto per il volume RAID-5, ma non viene ripristinato lo stato Integro per il volume, è possibile riattivare manualmente il volume. Per istruzioni sulla riattivazione di un volume, vedere Riattivare un volume dinamico.

Nel caso di un volume dinamico RAID-5 contenente dati obsoleti, il ripristino in linea del disco sottostante non comporta il riavvio automatico del volume. Se i dischi contenenti dati correnti vengono disconnessi, è innanzitutto necessario riportare in linea tali dischi per consentire la sincronizzazione dei dati. In caso contrario, riavviare manualmente il volume RAID-5 e quindi eseguire l'utilità per il controllo degli errori Chkdsk.exe.

Per istruzioni sulla riattivazione di un volume, vedere Riattivare un volume dinamico. Per informazioni sull'esecuzione dello strumento per il rilevamento degli errori, vedere la sezione relativa all'individuazione e correzione di errori del disco. Per eseguire Chkdsk.exe, fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare chkdsk e quindi fare clic su OK.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Lo stato di un volume RAID-5 è Errore di ridondanza

Causa:  Uno dei membri del volume RAID-5 presenta errori e il volume non è più a tolleranza d'errore. Per evitare perdite di dati, è necessario eseguire un tentativo di ripristino del volume non appena possibile.

Soluzione:  Se lo stato del disco dinamico è Non in linea o Mancante, ovvero non è possibile accedervi in alcun modo, nella visualizzazione grafica del disco mancante o non in linea viene visualizzata un'icona (X). Per istruzioni sul ripristino di un volume RAID-5, vedere Riconnettere il disco e ripristinare il volume RAID-5.

Se lo stato del disco è Pronto (errori), nella visualizzazione grafica del disco con errori parziali viene visualizzata un'icona (!). Per istruzioni sulla riattivazione del disco, vedere Riattivare un volume RAID-5.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei dischi, vedere Descrizioni degli stati dei dischi.

Lo stato di un volume RAID-5 è Dati non aggiornati

Causa:  Se si tenta di importare dischi che includono un volume RAID-5, ma uno dei volumi contiene informazioni di parità non aggiornate, nella finestra di dialogo Importazione dischi esterni viene visualizzato lo stato Dati non aggiornati. Questo problema si può verificare quando lo stato dei volumi dei dischi spostati era diverso da Integro prima dello spostamento.

Soluzione:  Spostare di nuovo i dischi nel computer di provenienza. In Gestione disco scegliere Ripeti analisi dischi dal menu Azione oppure riavviare il computer per assicurarsi che tutti i dischi siano installati correttamente.

Se lo stato del volume era Errore di ridondanza prima dello spostamento dei dischi, per il volume viene ancora indicato lo stato Errore di ridondanza quando i dischi vengono ripristinati nella posizione originale. Assicurarsi che lo stato del disco con informazioni di parità non aggiornate sia diverso da Non in linea. Se lo stato è Non in linea, verificare la presenza di eventuali problemi hardware, ricollegare il disco, se necessario, e quindi riattivarlo. Per istruzioni sulla riattivazione di un volume RAID-5, vedere Riattivare un volume RAID-5.

Se lo stato Errore di ridondanza persiste, riattivare il volume. Tramite Gestione disco verrà eseguito un tentativo di riattivazione del volume. Se tramite Gestione disco non è possibile ripristinare tutti i dati del volume, verrà visualizzato un messaggio di avviso. Per istruzioni sulla riattivazione di un volume, vedere Riattivare un volume dinamico.

Se la riattivazione dei volumi ha esito positivo, lo stato del volume cambia in Integro e la parità viene rigenerata nei volumi RAID-5. A questo punto è possibile spostare tutti i dischi che includono il volume in un altro computer. Se tuttavia si spostano tutti i dischi tranne uno, per il volume verrà visualizzato lo stato Dati non ridondanti nella finestra di dialogo Importazione dischi esterni. È necessario collegare i dischi mancanti e importare tutti i dischi contemporaneamente.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei volumi, vedere Descrizioni degli stati dei volumi.

Per ulteriori informazioni sulle descrizioni degli stati dei dischi, vedere Descrizioni degli stati dei dischi.

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

Mostra:
© 2014 Microsoft