Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Guida alla distribuzione di Windows Server 2008 SP2

Aggiornamento: aprile 2009

Si applica a: Windows Server 2008

Informazioni sulla guida

La presente guida è destinata agli amministratori IT che distribuiscono Windows Server® 2008 Service Pack 2 (SP2). Il documento contiene informazioni tecniche, procedure e consigli sull'installazione di SP2 in ambiente aziendale. Nella guida sono incluse alcune informazioni di base sul sistema operativo, tuttavia si presume che l'utente disponga di una conoscenza operativa di Windows Server 2008 e delle installazioni di aggiornamento.

Per ulteriori informazioni sulla distribuzione, vedere le seguenti risorse Microsoft:

noteNota
Per fornire commenti sulla guida, inviare un messaggio di posta elettronica all'indirizzo ws08spfb@microsoft.com.

Terminologia utilizzata nella guida

I termini definiti nella tabella seguente vengono utilizzati in tutto il documento.

 

Termine Definizione

Installazione integrata

Questo tipo di installazione è nota anche con il nome di "installazione slipstream". In questo metodo di installazione, il service pack è integrato nel sistema operativo, di conseguenza, sistema operativo e service pack vengono installati contemporaneamente. È possibile utilizzare l'installazione integrata per aggiornare i computer ed eseguire nuove installazioni su computer privi di sistema operativo.

Non in linea

In un contesto di aggiornamento di immagini, il termine "non in linea" indica l'aggiornamento o l'applicazione di modifiche a un'immagine del sistema operativo attualmente non in esecuzione. Ad esempio, un file di immagine di Windows® (con estensione wim) potrebbe essere aggiornato con lo strumento ImageX in Windows Automated Installation Kit (Windows AIK).

In linea

In un contesto di aggiornamento di immagini, il termine "in linea" indica l'aggiornamento o l'applicazione di modifiche al sistema operativo di avvio del computer. Ad esempio, l'installazione di un aggiornamento utilizzando Windows Update è un'operazione in linea.

Pacchetto

Raccolta di file che rappresentano un aggiornamento con cui si risolve un problema o si introduce una nuova funzionalità. I pacchetti includono i file del componente e i metadati necessari per gestire i pacchetti. Molti pacchetti vengono distribuiti come file con estensione msu, ognuno dei quali contiene un file cab compresso.

Service pack

Mezzo attraverso il quale vengono consolidati e distribuiti gli aggiornamenti dei prodotti. I service pack sono pacchetti software che possono contenere aggiornamenti per migliorare l'affidabilità del sistema, la compatibilità dei programmi, la protezione e così via. Tali aggiornamenti sono abbinati per facilitare il download e l'installazione. Un service pack include tutte le correzioni rilasciate fino a quel momento e ulteriori miglioramenti a componenti esistenti.

Pacchetto autonomo

Versione del pacchetto SP2 contenente tutti i file necessari per installare il pacchetto in qualsiasi computer (anche senza connessione a Internet). Diversamente, quando si installa il pacchetto SP2 da Windows Update, vengono scaricati e installati solo i file necessari per quel computer specifico. In genere la differenza di dimensioni tra un pacchetto scaricato con Windows Update e il corrispondente pacchetto autonomo è considerevole.

Aggiornamento (update)

  • Sostantivo: qualsiasi aggiornamento, aggiornamento cumulativo, service pack, feature pack, aggiornamento critico, aggiornamento della protezione o hotfix che rende migliore o corregge un prodotto software rilasciato da Microsoft. Per le definizioni di questi tipi di aggiornamenti, vedere l'articolo 824684 della Microsoft Knowledge Base (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=43258).

  • Verbo: rendere un computer o un file più attuale.

Aggiornamento (upgrade)

  • Sostantivo: pacchetto software che sostituisce una particolare versione di un prodotto con una versione più recente dello stesso prodotto.

  • Verbo: aggiornare file di programma, cartelle e voci del Registro di sistema esistenti a una versione più recente utilizzando Setup.exe dai supporti di installazione. L'aggiornamento lascia invariati file e impostazioni, a differenza di quando viene eseguita una nuova installazione in cui tutti i file vengono eliminati e quindi reinstallati.

In questa guida

In questa guida vengono affrontati i seguenti argomenti:

Panoramica di SP2

Windows Server 2008 SP2 è un insieme di aggiornamenti e correzioni per Windows Server 2008 che affronta i problemi evidenziati dai commenti forniti a Microsoft dai clienti (in aggiunta ai miglioramenti resi disponibili agli utenti tramite Windows Update). Oltre a includere tutti i precedenti aggiornamenti pubblicati, SP2 punta alla risoluzione di specifici problemi di affidabilità e prestazioni e al supporto di nuovi tipi di hardware e di alcuni standard tecnologici emergenti. Anche se SP2 non vuole essere un veicolo per il rilascio di nuove funzionalità, costituisce comunque un mezzo da cui alcuni componenti esistenti traggono vantaggio. Per ulteriori informazioni su SP2, vedere i seguenti articoli di Microsoft TechNet:

Prima di distribuire SP2

Prima di distribuire SP2, eseguire la procedura seguente:

  • Ottenere i file di installazione.

  • Svolgere le operazioni precedenti alla distribuzione.

Ottenere i file di installazione

Ottenere i file di SP2 utilizzando uno dei metodi seguenti:

  • Windows Update . SP2 è inserito in Windows Update, pertanto SP2 verrà installato automaticamente nei computer impostati per ricevere gli aggiornamenti automatici. In ogni caso, prima di installare SP2 è necessario che l'utente accetti le Condizioni di licenza software Microsoft.

  • Pacchetto autonomo . È possibile scaricare SP2 dall'Area download Microsoft all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=145430.

  • Installazione integrata. SP2 è integrato nel DVD di installazione di Windows Server 2008 SP2 ed è anche disponibile come parte del kit dei supporti per i clienti con contratto multilicenza e per gli abbonati a TechNet e MSDN.

Svolgere le operazioni precedenti alla distribuzione

Prima di installare SP2 eseguire le attività descritte di seguito. Se si installa SP2 utilizzando Windows Update, accertarsi di avere eseguito queste attività prima di accettare le Condizioni di licenza software Microsoft.

  1. Verificare i requisiti di spazio su disco. Nella tabella che segue sono indicati i requisiti di spazio su disco indicativi per la partizione di sistema, che per impostazione predefinita include il language pack della lingua inglese. Questi requisiti aumenteranno se nel computer sono presenti altri language pack. Per informazioni su ciascun metodo di installazione, vedere Opzioni di installazione.

     

    Metodo di installazioneRequisiti di spazio su disco indicativi

    Installazione autonoma

    • Sistema basato su x86: da 1,8 GB a 2,9 GB

    • Sistema basato su x64: da 3,2 GB a 4,9 GB

    • Sistema basato su ia64: da 2,9 GB a 3,2 GB

    Windows Update

    • Sistema basato su x86: 350 MB

    • Sistema basato su x64: 600 MB

    • Sistema basato su ia64: 2,25 GB

    Installazione integrata

    • Sistema basato su x86: 9 GB

    • Sistema basato su x64: 12 GB

    • Sistema basato su ia64: 13 GB

    noteNota
    SP2 è supportato per computer basati su x86, x64 e ia64.

    Per ulteriori informazioni sui requisiti di sistema per Windows Server 2008, vedere http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=108506.

  2. Eseguire il backup di dati importanti. Per Windows Update e installazione autonome, il programma di installazione crea un punto di ripristino di sistema prima che l'installazione di SP2 abbia inizio, per eseguire il backup dei fiele di sistema. Tuttavia, prima di avviare l'installazione di SP2 è opportuno eseguire il backup di tutti i dati utente.

  3. Leggere le note della versione all'indirizzo (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=129466).

  4. Installare Hyper-V RTM. Se il ruolo Hyper-V è abilitato su Windows Server 2008 RTM, ma non è stato effettuato l'aggiornamento da una versione di Hyper-V precedente a RTM a Hyper-V RTM applicando l'aggiornamento KB950050, è necessario svolgere una delle seguenti operazioni:

    • Effettuare l'aggiornamento a Hyper-V RTM prima di installare Windows Server 2008 SP2.

    • Disabilitare il ruolo Hyper-V.

      noteNota
      Disabilitando il ruolo Hyper-V non si garantisce che le macchine virtuali salvate quando era in uso una versione di Hyper-V precedente a RTM verranno eseguite correttamente su Hyper-V RTM.

    Per ulteriori informazioni su Hyper-V, vedere Guida alla pianificazione e alla distribuzione di Hyper-V (informazioni in lingua inglese).

  5. Verificare che i driver siano aggiornati. Controllare la disponibilità di driver aggiornati tramite Windows Update e il fornitore dell'hardware. Windows Update e il programma di installazione autonoma di SP2 includono nuove funzionalità che potrebbero bloccare l'installazione di SP2 in presenza di un driver problematico oppure potrebbe essere visualizzato un avviso in caso di perdita minore di funzionalità. Se si esegue un'installazione integrata utilizzando il DVD, è possibile che questi problemi non si verifichino.

  6. Disconnettere eventuali cavi seriali collegati a dispositivi UPS. Se il computer di destinazione è collegato a un gruppo di continuità (UPS) mediante cavo seriale, disconnetterlo prima di eseguire il programma di installazione. Il programma di installazione rileva i dispositivi connessi alle porte seriali e i dispositivi UPS possono causare problemi durante il processo di rilevamento. È possibile lasciare il computer collegato a un gruppo di continuità fino a quando l'UPS stesso è connesso. Conviene comunque verificare che l'alimentazione sia sufficiente per l'intera installazione, che potrebbe richiedere molto tempo.

  7. Collegare i laptop a una fonte di alimentazione CA.

  8. Verificare l'eventuale danneggiamento dei file. Per accertarsi che il computer non presenti problemi correlati al danneggiamenti dei file, si consiglia di eseguire Controllo disco (Chkdsk.exe), Controllo file di sistema (SFC.exe) e lo strumento System Update Readiness (CheckSUR.exe) utilizzando la procedura descritta di seguito.

    Per verificare e correggere problemi di file danneggiati

    1. Aprire una finestra del prompt dei comandi con privilegi elevati (fare clic su Start, digitare comandi nella casella Inizia ricerca, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi e scegliere Esegui come amministratore).

    2. Eseguire il comando che segue (supponendo che C sia l'unità di sistema): chkdsk c: /F

    3. Dopo il completamento del comando del passaggio 2, eseguire il comando SFC /Scannow.

    Per verificare e risolvere problemi di danneggiamento dell'archivio di manutenzione

    1. Scaricare l'aggiornamento KB947821 dall'Area download Microsoft (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=109180).

    2. Fare doppio clic sul file Windows6.0-KB947821-NNN.msu (dove NNN è x86, x64 oppure ia64). Verrà eseguito lo strumento System Update Readiness Tool (CheckSur.exe).

Pianificazione della distribuzione di SP2

Per determinare quale scenario o combinazione di scenari di distribuzione di SP2 è il più adatto alla propria organizzazione, è bene tenere presente le domande riportate di seguito. Nella documentazione di Microsoft Deployment Toolkit (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=108442, informazioni in lingua inglese) sono incluse le procedure e gli strumenti utili per trovare le risposte a domande relative all'installazione di immagini integrate. Considerare per esempio le seguenti domande:

  • Si desidera aggiornare i computer su cui è in esecuzione Windows Server 2008, eseguire nuove installazioni o aggiornare una versione precedente di Windows a Windows Server 2008?

  • Quale opzione di installazione utilizzare?

  • Dove verranno archiviati i file del service pack?

  • I processi di gestione delle modifiche e della configurazione risulteranno in qualche modo interessati?

  • Come verificare e convalidare le installazioni del service pack o delle immagini prima della distribuzione?

  • Che capacità di rete è necessaria per garantire che la distribuzione del service pack non influisca negativamente sulla rete o causi problemi a livello di prestazioni ad altre applicazioni aziendali?

  • Come determinare che l'installazione del service pack sia andata a buon fine?

Compatibilità delle applicazioni

Application Compatibility Toolkit (ACT) 5.0 aiuta a identificare e gestire il portafoglio di applicazioni complessivo che consente di ridurre i costi e il tempo necessari alla risoluzione dei problemi. ACT 5.0 include diverse funzionalità, tra cui una nuova interfaccia integrata che consente di gestire l'intero toolkit da un'unica posizione. ACT 5.0 può essere anche seguito nell'ambiente corrente (inclusi i sistemi operativi Windows da Windows 2000 in poi), in modo da poter testare tutte le configurazioni di sistema prima di iniziare la distribuzione. Per ulteriori informazioni e per scaricare ACT 5.0, vedere l'articolo di Microsoft Technet relativo a Microsoft Application Compatibility Toolkit (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=71359, informazioni in lingua inglese).

Opzioni di installazione

Sono disponibili tre modalità per distribuire SP2, come illustrato nella tabella seguente.

 

Metodo Spiegazione

Installazione di SP2 mediante Windows Update

In un'installazione Windows Update, quest'ultimo scarica le parti applicabili del service pack nel computer di destinazione e lavora all'interno del sistema operativo per installare il service pack. Questo metodo richiede una larghezza di banda relativamente bassa e riduce il traffico di rete perché vengono applicate solo le modifiche necessarie a un computer specifico.

Il metodo è utilizzato nello Scenario 1: installazione mediante Windows Update.

Installazione di SP2 mediante installazione autonoma

In un'installazione autonoma, il Service Pack viene installato per aggiornare i computer già dotati di un sistema operativo. Le dimensioni di download del pacchetto autonomo sono maggiori rispetto a quelle del pacchetto applicato con Windows Update. Si consiglia di utilizzare questo metodo nelle situazioni seguenti:

  • Applicazione di SP2 a computer con connettività Internet limitata o assente.

  • Applicazione del Service Pack a più computer utilizzando strumenti di distribuzione, ad esempio Systems Management Server 2003 (SMS), WSUS Server, System Center Essentials o System Center Configuration Manager 2007.

Il metodo è utilizzato negli scenari seguenti:

Installazione di SP2 mediante installazione integrata

In un'installazione integrata (nota anche come "installazione slipstream"), il service pack è integrato nel sistema operativo ed entrambi vengono installati contemporaneamente. Utilizzare l'installazione integrata per aggiornare i computer su cui è in esecuzione Windows XP ed eseguire nuove installazioni su computer privi di sistema operativo. Non è possibile utilizzare l'installazione integrata per aggiornare a SP2 i computer su cui è in esecuzione Windows Server 2008. Per una panoramica dei percorsi di aggiornamento supportati da versioni precedenti di Windows, vedere http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=100331 (informazioni in lingua inglese).

Se si sceglie questa opzione non sarà possibile disinstallare il service pack una volta completata l'installazione e dovrà essere reinstallato l'intero sistema operativo.

Il metodo è utilizzato negli scenari seguenti:

Distribuzione di SP2

Negli scenari riportati di seguito vengono illustrate alcune modalità di distribuzione di SP2.

Scenari su piccola scala

Scenari su larga scala

Scenari su piccola scala

Gli scenari seguenti sono applicabili ad aziende e singoli utenti che desiderano distribuire SP2 a un numero relativamente limitato di computer.

In questa sezione:

Scenario 1: installazione mediante Windows Update

Questo metodo di installazione è per singoli utenti che attualmente eseguono Windows Server 2008 e hanno configurato Windows Update per scaricare e installare aggiornamenti.

Per installare il service pack mediante Windows Update

  1. Accertarsi di essere connessi a Internet.

  2. Effettuare una delle operazioni seguenti:

    • Se il computer è impostato per l'installazione automatica degli aggiornamenti, se richiesto, seguire le istruzioni per installare SP2.

    • Per avviare manualmente l'installazione, seguire i passaggi da 3 a 7.

  3. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo, fare doppio clic su Windows Update, quindi scegliere Controlla aggiornamenti.

  4. Selezionare l'aggiornamento Service Pack 2 (KB948465). Se sono visualizzati altri aggiornamenti, assicurarsi che Service Pack 2 sia l'unico aggiornamento selezionato, quindi fare clic su Installa.

  5. Dopo che il programma di installazione ha scaricato l'aggiornamento, accettare il Contratto di Licenza con l'utente finale (EULA) e fare clic su Installa.

  6. Il programma avvierà l'installazione. Quando richiesto, fare clic su Riavvia. Il programma impedirà che venga eseguito l'accesso mentre l'installazione del service pack è in corso. È possibile che il computer venga riavviato automaticamente più volte nel corso di questo processo.

    CautionAttenzione
    Non riavviare il computer o spegnerlo, anche se dovesse rimanere in uno stato sconosciuto per lungo tempo, altrimenti l'avvio potrebbe risultare impossibile.

  7. L'installazione è completa quando viene visualizzato il prompt di accesso a Windows. A questo punto è possibile accedere al computer.

  8. Per confermare l'installazione di SP2 fare clic con il pulsante destro del mouse su Computer e scegliere Proprietà. La sezione Edizione Windows contiene un riferimento al service pack.

Scenario 2: installazione del pacchetto autonomo utilizzando il file eseguibile del programma di installazione

Il file eseguibile del programma di installazione contiene tutti i file necessari per installare il service pack. Il file è autoestraente e può essere eseguito dalla riga di comando oppure facendo doppio clic su di esso in Esplora risorse.

Per installare SP2 con il pacchetto autonomo

  1. Copiare o scaricare il file di installazione (Windows6.0-KB948465-X86.exe, Windows6.0-KB948465-IA64.exe o Windows6.0-KB948465-X64.exe) in un computer. È possibile scaricare SP2 dall'Area download Microsoft all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=145430.

  2. Per eseguire il pacchetto, utilizzare le opzioni della riga di comando elencate di seguito o fare doppio clic sul file in Esplora risorse. L'estrazione dei file di installazione può richiedere alcuni minuti o un tempo più lungo qualora SP2 venga installato utilizzando una risorsa di rete condivisa.

  3. Seguire le istruzioni dell'Installazione guidata.

  4. Dopo aver completato la prima fase di installazione, il riavvio del computer sarà automatico. Il programma impedirà che venga eseguito l'accesso mentre l'installazione del service pack è in corso.

  5. L'installazione è completa quando vengono visualizzati la schermata Configurazione aggiornamenti e il prompt di accesso. A questo punto è possibile accedere al computer.

  6. Per confermare l'installazione di SP2 fare clic con il pulsante destro del mouse su Computer e scegliere Proprietà. La sezione Edizione Windows contiene un riferimento al service pack.

Opzioni della riga di comando

Per definire il modo in cui viene installato SP2, utilizzare le opzioni descritte nella tabella seguente. È possibile far precedere le opzioni da una barra (/) o da un segno meno (-). Si noti che per le opzioni non viene fatta distinzione tra maiuscole e minuscole.

Utilizzare la seguente sintassi, dove NNN è x86, x64 oppure ia64:

windows6.0-kb948465-NNN.exe [/quiet] [/nodialog] [/norestart]

windows6.0-kb948465-NNN.exe [/quiet] [/nodialog] [/forcerestart | /warnrestart[:<Seconds>]] [/promptrestart]

Ad esempio, per eseguire il file di installazione in modalità non interattiva senza riavviare il computer, digitare:

windows6.0-kb948465-x86.exe /quiet /norestart

 

Opzioni Descrizione

/forcerestart

Se è necessario il riavvio, con questa opzione viene imposta la chiusura di eventuali applicazioni o documenti aperti.

/nodialog

Impedisce la visualizzazione della finestra di dialogo al termine dell'installazione.

/norestart

Se è richiesto un riavvio, una finestra di dialogo informa l'utente che per completare l'installazione è necessario riavviare. Questa opzione va utilizzata con /quiet.

/promptrestart

Se è richiesto un riavvio, una finestra di dialogo informa l'utente che per completare l'installazione è necessario riavviare. Questa opzione va utilizzata con /quiet.

/quiet

Consente di eseguire l'installazione in modalità non interattiva. In questa modalità, durante l'installazione degli aggiornamenti, non viene visualizzata alcuna interfaccia utente. È uguale alla modalità automatica, tranne per il fatto che l'interfaccia utente è nascosta. Durante il processo di installazione non verrà visualizzato alcun messaggio, solo al termine apparirà la finestra di dialogo relativa all'esito positivo o negativo. Per eliminarla, occorre specificare anche l'opzione /nodialog.

/unattend

Consente di installare il service pack in modalità automatica. Durante l'installazione verranno visualizzati solo messaggi relativi a errori critici e una barra di avanzamento. Ad esempio le Condizioni di licenza software Microsoft non vengono mostrate e il riavvio del computer sarà automatico.

/warnrestart[:<seconds>]

Se è richiesto un riavvio, una finestra di dialogo informa l'utente che il computer sarà riavviato nel numero di secondi specificato. L'utente può annullare l'operazione oppure riavviare immediatamente il computer. L'impostazione predefinita è 30 secondi.

/wsus

Restituisce un codice di errore nel caso in cui sia fallito il tentativo di installazione precedente. Questa opzione è necessaria solo quando la distribuzione avviene in ambiente WSUS, SMS o System Center Configuration Manager oppure per qualsiasi prodotto non Microsoft che utilizzi Agente di Windows Update per segnalare la riuscita dell'installazione.

/? oppure /help

Consente di visualizzare la sintassi del comando.

Scenari su larga scala

Gli scenari che seguono sono applicabili alle aziende che intendono distribuire SP2 a più computer oppure distribuire immagini personalizzate, o entrambe le cose. È consigliabile utilizzare il DVD integrato di Service Pack 2 per installare SP2. Sebbene non sia consigliabile, se si dispone di immagini Windows Server 2008 personalizzate da aggiornare, è possibile avviare l'immagine di Windows, applicare il service pack e quindi riacquisire l'immagine. Il metodo "in linea" rappresenta l'unico modo per aggiornare le immagini con SP2 e Service Pack 2 non può essere installato o disinstallato da un'immagine non in linea di Windows Server 2008. Sarà pertanto necessario procurarsi la versione più recente di Windows OPK o di Windows AIK.

Microsoft Deployment Toolkit (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=108442, informazioni in lingua inglese) è la metodologia e la soluzione consigliata per la distribuzione di Windows Server 2008. Questo toolkit assiste l'utente nella creazione e nella distribuzione di immagini personalizzate, comprese le distribuzioni Zero Touch mediante Systems Management Server 2003 e System Center Configuration Manager 2007.

In questa sezione:

Scenario 3: creazione o aggiornamento di un'immagine personalizzata

Utilizzare questo metodo di installazione se le immagini vengono riprodotte mediante un processo automatizzato.

Quando si acquisiscono immagini personalizzate, è possibile utilizzare la versione di Windows OPK o di Windows AIK rilasciata per Windows Server 2008. Per aggiornare un'immagine esistente di Windows Server 2008, avviarla e quindi aggiornarla con SP2. Per aggiornare immagini con SP2 è possibile utilizzare solo un metodo "in linea". Non è possibile installare o disinstallare SP2 da un'immagine non in linea di Windows Server 2008. Ad esempio, nelle versioni precedenti di Windows non esiste alcun supporto analogo per l'opzione /integrate.

Scenario 4: distribuzione mediante WSUS

Windows Server Update Services (WSUS) consente di distribuire gli aggiornamenti dei prodotti Microsoft più recenti sui computer che eseguono il sistema operativo Windows. Utilizzando WSUS, è possibile gestire in modo completo la distribuzione degli aggiornamenti rilasciati tramite Windows Update sui computer della rete. Per informazioni di carattere generale su WSUS, vedere http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=94244 (informazioni in lingua inglese).

Prima di iniziare, notare quanto segue:

  • È consigliabile distribuire l'aggiornamento KB947821 ai computer server prima di distribuire SP2. L'aggiornamento è disponibile nell'Area download Microsoft (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=109180) e il file Windows6.0-KB947821-NNN.msu garantirà che tutti i computer siano pronti per essere aggiornati.

  • Se il server WSUS esegue Windows Server 2003, sarà necessario installare un aggiornamento per essere sicuri che il download di SP2 sia stato completato correttamente. Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo della Knowledge Base 938759 (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=108519, informazioni in lingua inglese).

  • Se la propria organizzazione utilizza Service Pack Blocker Tool per impedire all'utente di installare SP2, pubblicando il service pack su WSUS il blocco verrà automaticamente ignorato e sarà possibile installare SP2.

SP2 verrà sincronizzato automaticamente con il server WSUS purché il server sia configurato per la sincronizzazione dei service pack di Windows Server 2008. Fino ad allora, eseguire i passaggi descritti di seguito per importare manualmente il service pack dal sito Microsoft Update Catalog. Nel pacchetto che viene installato sono presenti sia i pacchetti che rappresentano un prerequisito sia SP2. L'intero pacchetto verrà scaricato in ogni computer di destinazione, a differenza di quanto accade con Windows Update, dove vengono installati solo i componenti necessari per un computer specifico.

Per importare manualmente SP2

  1. Aprire la console di amministrazione di WSUS, espandere il nodo Servizio Windows Server Update Services, quindi individuare il nodo del server WSUS.

  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nodo Aggiornamenti e scegliere Importa aggiornamenti.

  3. Sul sito Microsoft Update Catalog cercare Vista SP2.

  4. Nel riquadro dei risultati fare clic su Aggiungi per aggiungere i seguenti aggiornamenti al proprio carrello:
    versione autonoma di Windows Server 2008 Service Pack 2 (x86)
    versione autonoma di Windows Server 2008 Service Pack 2 (x64)
    versione autonoma di Windows Server 2008 Service Pack 2 (ia64)

  5. Fare clic su Visualizza carrello.

  6. Confermare la selezione e fare clic su Download per scaricare i pacchetti.

Scenario 5: distribuzione di SP2 mediante Servizi di distribuzione Windows

In questo scenario viene descritto come utilizzare i Servizi di distribuzione Windows per installare una versione integrata di Windows Server 2008 con SP2. Le modalità di impostazione di tali servizi invece non sono incluse. Per ulteriori informazioni, consultare le guide dettagliate riportate di seguito (in base alla versione di Servizi di distribuzione Windows di cui si dispone):

Per distribuire un'immagine di Windows Server 2008 con SP2, è possibile eseguire una delle operazioni seguenti:

  • Aggiungere l'immagine Install.wim proveniente dal DVD contenente la versione integrata di Windows Server 2008 SP2 al server dei Servizi di distribuzione Windows in uso.

  • Creare un'immagine di installazione personalizzata proveniente da un computer di riferimento e aggiungerla al server dei Servizi distribuzione Windows utilizzando le procedure descritte di seguito.

Per creare un'immagine di acquisizione e un computer di riferimento

  1. Aggiungere il file Boot.wim situato nella cartella \Sources del DVD di Windows Server 2008 con SP2 al server dei Servizi distribuzione Windows in uso.

  2. Creare un'immagine di acquisizione del file Boot.wim e aggiungerla al server di Servizi di distribuzione Windows.

  3. Creare un computer di riferimento che contenga Windows Server 2008, SP2 e qualsiasi programma e impostazione che si desidera includere nell'immagine.

  4. Al prompt dei comandi, passare alla directory \Windows\System32\Sysprep.

  5. Eseguire il comando seguente: sysprep /oobe /generalize /reboot

Per creare un'immagine di installazione contenente la nuova immagine

  1. Riavviare il computer e premere F12.

  2. Selezionare l'immagine di acquisizione creata nel passaggio 2 della procedura precedente.

  3. Nella procedura guidata di acquisizione immagini scegliere l'unità appropriata e fornire un nome e una descrizione per l'immagine. Scegliere Avanti per continuare.

    ImportantImportante
    Verranno visualizzate solo le unità che contengono i sistemi operativi preparati con Sysprep.

  4. Fare clic su Sfoglia e individuare un percorso locale in cui archiviare l'immagine di installazione acquisita.

    ImportantImportante
    Per salvare la nuova immagine è necessario immettere il percorso locale, altrimenti non sarà possibile acquisire l'immagine. In caso di malfunzionamento della rete, questo comportamento eviterà che l'immagine si danneggi.

  5. Digitare un nome per l'immagine utilizzando l'estensione wim e fare clic su Salva.

    ImportantImportante
    Affinché l'acquisizione riesca, è necessario utilizzare l'estensione del nome file wim.

  6. Seguire le istruzioni restanti della procedura guidata.

  7. Una volta che l'immagine di installazione personalizzata si trova sul server, sarà possibile eseguire un avvio PXE su un computer client e installare l'immagine. Per ulteriori informazioni, attenersi alle istruzioni fornite nella Guida introduttiva a Servizi di distribuzione Windows (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=84628, informazioni in lingua inglese).

Scenario 6: distribuzione di SP2 mediante SMS 2003 o System Center Configuration Manager

È possibile distribuire SP2 con System Center Configuration Manager 2007, System Center Essentials o SMS 2003. Per una descrizione delle opzioni utilizzabili per installare SP2 (in modo particolare l'opzione /wsus), vedere la sezione Opzioni della riga di comando di questa guida.

  • Configuration Manager 2007. Per la distribuzione di SP2 con Configuration Manager sono disponibili due opzioni. La prima opzione consente di distribuire il software creando un pacchetto di distribuzione e il relativo annuncio. Per ulteriori informazioni su questa opzione, vedere l'articolo di Microsoft Technet relativo alla distribuzione software in Configuration Manager (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=109191, informazioni in lingua inglese). In alternativa, è possibile distribuire SP2 come aggiornamento software utilizzando SUM (Software Updates Management) con Configuration Manager 2007. Il vantaggio principale di questo secondo metodo è che non prevede la configurazione di impostazioni della riga di comando o la creazione di una logica di rilevamento. In Configuration Manager 2007, SP2 verrà elencato come aggiornamento disponibile dopo una sincronizzazione riuscita dal punto di aggiornamento software. Per ulteriori informazioni su questa opzione, vedere l'articolo di Microsoft Technet relativo agli aggiornamenti software in Configuration Manager (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=109202, informazioni in lingua inglese).

  • System Center Essentials. System Center Essentials è una nuova soluzione di prodotti, della famiglia System Center, per la gestione di sistemi IT appositamente progettata per i professionisti IT che operano nelle medie imprese. Per ulteriori informazioni su System Center Essentials, scaricare la panoramica su System Center Essentials 2007" (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=89185, informazioni in lingua inglese).

  • SMS 2003. Per la distribuzione di SP2 con System Management Server sono disponibili due opzioni. È possibile distribuire il software creando un pacchetto di distribuzione e il relativo annuncio. Per ulteriori informazioni su questa opzione, vedere l'articolo di Microsoft Technet sulla distribuzione del software (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=109218, informazioni in lingua inglese). In alternativa è possibile distribuire SP2 come aggiornamento software utilizzando lo strumento ITMU (Inventory Tool for Microsoft Updates). Per ulteriori informazioni sulla distribuzione degli aggiornamenti software utilizzando SMS 2003 e ITMU, vedere l'articolo di Microsoft TechNet relativo a SMS 2003 Inventory Tool for Microsoft Updates (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=108463, informazioni in lingua inglese).

Prima di avviare la distribuzione utilizzando uno qualsiasi di questi strumenti, notare i due seguenti problemi:

Quando si utilizza Configuration Manager 2007 o SMS, se un computer presenta un driver che crea dei problemi (come illustrato in precedenza in questa guida), verrà visualizzato un messaggio di avviso o di errore che impedisce l'installazione nel computer. Per ridurre al minimo gli effetti prodotti in SP2 da driver problematici, fare quanto segue:

  1. Fornire al personale di assistenza informazioni su come riconoscere e correggere eventuali driver che causano problemi.

  2. Testare le installazioni di SP2 prima di distribuirle. Installare eventuali driver aggiornati ottenuti tramite Windows Update o fornitori di hardware, via via che vengono resi disponibili.

  3. Installare l'aggiornamento SP2 nei propri punti di aggiornamento software.

  4. Configurare le raccolte di Configuration Manager 2007 o System Management Server e i propri punti di aggiornamento software come richiesto, per distribuire SP2 ai computer client gradualmente.

Per computer con driver problematici per cui non sono disponibili aggiornamenti, sarà necessario correggere i problemi dei driver una volta installato SP2. Per ulteriori informazioni, vedere il seguente articolo della Microsoft Knowledge Base (informazioni in lingua inglese): http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=113723.

In secondo luogo, quando si utilizza ciascuno di questi strumenti su un computer che esegue Windows Server 2003, è necessario installare l'aggiornamento KB938759 http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=108519, informazioni in lingua inglese) per assicurare che SP2 venga installato correttamente. Per SMS e Configuration Manager, è necessario applicare questo aggiornamento a ogni server di siti, punto di aggiornamento software e console amministrativa. Questo aggiornamento è già incluso in Windows Server 2008 e in Windows Server 2008, e non è disponibile per Windows XP. È inoltre necessario avviare la procedura guidata DSUW (Distribute Software Update Wizard) da un computer che esegue Windows Server 2003 (con applicato l'aggiornamento KB938759), Microsoft Windows Vista, o Windows Server 2008.

Disinstallazione di Windows Server 2008 SP2

È possibile rimuovere Windows Server 2008 SP2 utilizzando l'applet Programmi e funzionalità del Pannello di controllo oppure la riga di comando. Si noti tuttavia che, indipendentemente dal metodo, non è possibile disinstallare SP2 non in linea. Anche il service pack e altri aggiornamenti per i quali è stata utilizzata l'installazione integrata non sono disinstallabili.

Per disinstallare SP2 mediante Programmi e funzionalità

  1. Aprire il Pannello di controllo, fare clic su Programmi e quindi su Visualizza aggiornamenti installati.

  2. Nell'elenco Microsoft Windows fare clic con il pulsante destro del mouse su Service Pack per Microsoft Windows (KB948465), quindi su Disinstalla.

  3. Quando richiesto, riavviare il computer.

Disinstallazione di Windows Server 2008 SP2 dalla riga di comando

È possibile rimuovere Windows Server 2008 SP2 dalla riga di comando specificando il percorso del pacchetto utilizzato per l'installazione (il percorso del file cab espanso) oppure specificando l'identità del pacchetto (il nome del pacchetto).

Opzione 1: utilizzo del pacchetto impiegato per l'installazione

  1. Aprire una finestra del prompt dei comandi con privilegi elevati (fare clic su Start, digitare comandi nella casella Inizia ricerca, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi e scegliere Esegui come amministratore).

  2. Eseguire il comando seguente (presumendo che Windows6.0-KB948465-NNN.exe si trovi nella cartella C:\temp):
    C:\temp\Windows6.0-KB948465-NNN.exe /x:C:\temp

    Dove NNN è x86, x64 oppure ia64.

  3. Per creare una sandbox, ovvero un ambiente virtuale, digitare:
    md <sandbox>

  4. Per rimuovere SP2, digitare:
    start /w pkgmgr.exe /m:c:\temp\Windows6.0-KB948465-NNN.cab /up /s:<sandbox>

  5. Al completamento di Pkgmgr.exe verrà richiesto di riavviare il computer (a meno che non sia stata specificata l'opzione /quiet).

Opzione 2: utilizzo dell'identità del pacchetto

  1. Aprire una finestra del prompt dei comandi con privilegi elevati (fare clic su Start, digitare comandi nella casella Inizia ricerca, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi e scegliere Esegui come amministratore).

  2. Eseguire uno dei comandi seguenti:

    • Utilizzo del pacchetto di 5 lingue: start /w pkgmgr /up /p:"VistaSP2-KB948465~31bf3856ad364e35~NNN~~6.0.0.QQQQQ"

    • Utilizzo del pacchetto che contiene tutte le lingue: start /w pkgmgr /up /p:"VistaSP2-KB948465~31bf3856ad364e35~NNN~~6.0.1.QQQQQ"

    Dove NNN è x86, x64 oppure ia64 e QQQQQ è il numero della build..

  3. Al completamento di Pkgmgr.exe verrà richiesto di riavviare il computer (a meno che non sia stata specificata l'opzione /quiet).

Risoluzione dei problemi

Per confermare l'installazione di SP2, fare clic con il pulsante destro del mouse su Computer e scegliere Proprietà. La sezione Edizione Windows contiene un riferimento al service pack.

Quando si installa SP2, alcuni computer potrebbero riscontrare problemi che causano il blocco dell'installazione o ne impediscono la riuscita, ad esempio:

  • BIOS o applicazione che causa problemi

  • Disco rigido danneggiato

  • Errori di memoria

  • Problemi di sincronizzazione software e file system. Per motivi di prestazioni, il file system conserva in memoria una copia del contenuto di alcuni file ed è possibile che l'operazione di scrittura di tale contenuto sul disco rigido richieda un certo tempo. Di conseguenza, talvolta può accadere che si verifichi una lieve mancanza di sincronizzazione tra il contenuto dei file su disco rigido e la memoria.

Per risolvere i problemi di installazione, eseguire le procedura nell'ordine specificato:

  1. Accertarsi di disporre di sufficiente spazio su disco, come indicato nella tabella "Verificare i requisiti di spazio su disco" in Eseguire le attività preliminari alla distribuzione precedentemente in questa guida. A questo punto riavviare il computer e riprovare a installare SP2. Ciò garantisce che tutti i file siano sincronizzati in modo corretto.

  2. Se l'esito dell'installazione dovesse ancora essere negativo, scaricare ed estrarre l'aggiornamento KB947821 dall'Area download Microsoft. Il file Windows6.0-KB947821-NNN.msu garantirà che il computer sia pronto per essere aggiornato. Provare nuovamente a installare SP2. Per informazioni su questo aggiornamento e su come ottenerlo, vedere http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=109180.

  3. Se l'esito dell'installazione dovesse ancora essere negativo, aprire una finestra di prompt dei comandi con privilegi elevati, quindi eseguire il comando chkdsk /f. Lo strumento Chkdsk verifica la presenza di errori nel file system e nei metadati e, se possibile, li corregge. Provare nuovamente a installare SP2.

  4. Se l'esito dell'installazione dovesse ancora essere negativo, aprire una finestra di prompt dei comandi con privilegi elevati ed eseguire il comando MdSched.exe. Lo strumento Diagnostica memoria Windows verifica la memoria di accesso casuale (RAM) del computer per rilevare eventuali problemi. Provare nuovamente a installare SP2.

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft