Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Distribuire immagini di dischi rigidi virtuali

Aggiornamento: gennaio 2009

Si applica a: Windows Server 2008 R2

In Windows Server 2008 R2 è possibile distribuire immagini di dischi rigidi virtuali (con estensione vhd) di Windows Server 2008 R2 in un computer fisico, non virtuale, tramite Servizi di distribuzione Windows. In genere, la distribuzione delle immagini con estensioni vhd è analoga alla distribuzione di immagini con estensione wim. L'utilizzo di WDSUTIL nella riga di comando è tuttavia l'unico metodo supportato per l'aggiunta e la configurazione delle immagini. La distribuzione deve essere inoltre parte di un'installazione automatica. Per ulteriori informazioni sulle immagini con estensione vhd, visitare il sito Web all’indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=139201.

Per distribuire immagini con estensione vhd, eseguire le procedure illustrate in questa sezione. È innanzitutto necessario creare un gruppo di immagini e aggiungervi immagini. È quindi necessario creare un file di installazione automatica e configurare il server. Al termine di queste operazioni, sarà possibile distribuire un'immagine. Si noti che la configurazione del multicast è facoltativa.

In questo argomento

Prerequisiti per la distribuzione di immagini di dischi rigidi virtuali

Per distribuire immagini con estensione vhd, è necessario quanto segue:

  • Un server di Servizi di distribuzione Windows configurato con almeno un'immagine d'avvio. Nella maggior parte degli scenari è consigliabile utilizzare il file Boot.wim disponibile nella cartella \Sources del DVD di installazione di Windows Server 2008 R2 o Windows 7. Per informazioni sull'installazione e la configurazione del server, vedere la guida introduttiva a Servizi di distribuzione Windows all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=84628.

  • Familiarità con WDSUTIL. Queste immagini possono essere importate e configurate solo tramite lo strumento da riga di comando WDSUTIL. Per informazioni sui comandi inclusi in questo argomento, eseguire WDSUTIL /?. È inoltre possibile scaricare riferimento alla riga di comando WDSUTIL all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=89381.

  • Un'immagine con estensione vhd supportata. Gli unici sistemi operativi supportati sono Windows Server 2008 R2, Windows 7 Enterprise e Windows 7 Ultimate. Sono supportate immagini con estensione vhd fisse, dinamiche e con differenze. Si noti tuttavia che un'immagine supportata non può contenere gli elementi seguenti:

    • Più di un sistema operativo.

    • Più di una partizione.

    • Applicazioni o dati, invece di un sistema operativo.

    • Un sistema operativo a 64 bit partizionato con una tabella di partizione GUID (GPT, GUID Partition Table).

Problemi noti relativi alla distribuzione di immagini di dischi rigidi virtuali

  • È possibile che le immagini di dischi rigidi virtuali vengano visualizzate nello snap-in MMC Servizi di distribuzione Windows oppure nell'interfaccia utente nel client. La distribuzione di immagini con estensione vhd è tuttavia supportata solo per le installazioni automatiche.

  • Le uniche azioni supportate sono quelle illustrate in questa sezione.

Aggiungere un'immagine di disco rigido virtuale al server

Il primo passaggio per la distribuzione di immagini con estensione vhd consiste nell'aggiungerle a un gruppo di immagini nel server.

noteNota
Benché l'utilizzo dello snap-in MMC per la configurazione di immagini con estensione vhd non sia supportato, dopo l'aggiunta di un'immagine tramite WDSUTIL sarà necessario aggiornare il nodo server nello snap-in MMC, in modo da consentire la visualizzazione della nuova immagine.

Per aggiungere un'immagine di disco rigido virtuale al server

  1. Fare clic sul pulsante Start, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi e quindi scegliere Esegui come amministratore.

  2. È necessario creare un gruppo di immagini, poiché le immagini con estensione vhd non possono essere incluse in gruppi di immagini insieme a immagini con estensione wim. Per creare un gruppo di immagini per l'immagine con estensione vhd, utilizzare la sintassi seguente: WDSUTIL /Add-ImageGroup /ImageGroup:<nome gruppo di immagini>.

    Esempio: WDSUTIL /Add-ImageGroup /ImageGroup:"Gruppo immagini VHD"

  3. Per aggiungere l'immagine con estensione vhd al server, utilizzare almeno la sintassi seguente: WDSUTIL /Verbose /Progress /Add-Image /ImageFile:<percorso> /ImageType:Install /ImageGroup:<nome gruppo di immagini>.

    Per i dischi differenze il percorso dell'immagine deve fare riferimento al file con estensione vhd del disco differenze e non al disco padre. Se si aggiunge il file con estensione vhd del disco differenze, il file con estensione vhd del disco padre verrà aggiunto al server, ma risulterà attivo solo il disco differenze, mentre il file con estensione vhd del disco padre non sarà attivo. Se il disco differenze fa parte di una catena, scegliere l'ultimo file con estensione vhd disponibile nella catena. In tale caso, verranno aggiunti il file con estensione vhd immediatamente superiore e tutti i file con estensione vhd superiori precedenti nella catena.

    Sintassi completa: WDSUTIL /add-Image /ImageFile:<percorso file con estensione vhd> [/Server:<nome server>] /ImageType:install [/ImageGroup:<nome gruppo di immagini>] [/Filename:<nome nuovo file immagine>] [/UnattendFile:<percorso completo file di installazione automatica>]

    Esempio: WDSUTIL /Verbose /Progress /Add-Image /ImageFile:”C:\vhd\WindowsServer2008R2.vhd” /Server:MyWDSServer /ImageType:Install /ImageGroup:"Gruppo immagini VHD"

  4. Ripetere il passaggio 3 fino al completamento dell'aggiunta di tutte le immagini con estensione vhd.

  5. Se si desidera aggiornare la descrizione di un'immagine, eseguire la procedura seguente:

    1. Eseguire WDSUTIL /Get-ImageGroup /ImageGroup:<nome gruppo di immagini> e annotare il nome assegnato dal server all'immagine. Per visualizzare i metadati completi dell'immagine in ogni immagine del gruppo, aggiungere /Detailed.

      Esempio: WDSUTIL /Get-ImageGroup /ImageGroup:”Gruppo immagini VHD”

    2. Per aggiornare la descrizione di un'immagine, utilizzare la sintassi seguente, dove <nome immagine> è il nome annotato nel passaggio precedente: WDSUTIL /Set-Image /Image:<nome immagine> /ImageType:Install /ImageGroup:<nome gruppo di immagini> /Description:<descrizione>.

      Esempio: WDSUTIL /Set-Image /Image:”Immagine VHD” /ImageType:Install /ImageGroup:”Gruppo immagini VHD” /Description:”Immagine VHD per R2”

      noteNota
      Per aggiornare altri metadati per l'immagine, ad esempio il nome dell'immagine, vedere “Altri comandi supportati” più avanti in questo argomento.

Configurare un'installazione automatica per un'immagine di disco rigido virtuale

Dopo avere reso disponibili immagini con estensioni vhd nel server, è necessario configurare un'installazione automatica per le immagini. A tale scopo, è necessario creare due file di installazione automatica con estensione xml. Uno dei file di installazione automatica consente di automatizzare le schermate dell'interfaccia utente del client di Servizi di distribuzione Windows e l'altro file consente di automatizzare le fasi rimanenti del programma di installazione. È consigliabile creare entrambi i file mediante Windows System Image Manager.

File di installazione automatica del client di Servizi di distribuzione Windows

Creare innanzitutto un file Unattend.xml per l'immagine con estensione vhd con impostazioni appropriate per le schermate dell'interfaccia utente del client di Servizi di distribuzione Windows, ad esempio per l'immissione di credenziali, la scelta di un'immagine di installazione, la configurazione del disco e così via. Per informazioni dettagliate su ogni sezione di questo file, vedere la sezione relativa all'automazione delle schermate dell'interfaccia utente del client di Servizi di distribuzione Windows all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=89226.

Per un file di esempio, vedere il file di installazione automatica con estensione vhd di esempio. Si noti tuttavia che è necessario modificare la sezione <InstallImage>, in modo che corrisponda all'immagine con estensione vhd, e la sezione <Credentials>. È inoltre necessario che processorArchitecture corrisponda alla versione di Windows PE dell'immagine d'avvio.

Al termine della creazione del file, è necessario associarlo a un client. È possibile eseguire questa operazione in tre modi:

  • Pregestire un client specifico con un file di installazione automatica client. È possibile utilizzare Servizi di distribuzione Windows per collegare computer fisici ad oggetti account computer in Servizi di dominio Active Directory. Questa operazione viene definita pregestione del client. I client pregestiti vengono inoltre definiti "computer noti". La pregestione di un client consente di configurare proprietà nell'account computer per controllare l'installazione per il client. Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web all’indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=131987. Per pregestire un client con un file di installazione automatica, eseguire la procedura seguente:

    Per pregestire un computer client con un file di installazione automatica client

    1. Fare clic sul pulsante Start, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi e quindi scegliere Esegui come amministratore.

    2. Per pregestire il computer, utilizzare la sintassi seguente: WDSUTIL /Add-Device /Device:<nome> /ID:<GUID o MAC>.

      Esempio: WDSUTIL /Add-Device /Device:Computer1 /ID:ACEFA3E81F20694E953EB2DAA1E8B1B6

    3. Per associare un file di installazione automatica al client pregestito, utilizzare la sintassi seguente, dove <percorso> è il percorso relativo del file di installazione automatica dalla cartella Remote Install: WDSUTIL /Set-Device /Device:<nome> /WDSClientUnattend:<percorso>.

      Esempio: WDSUTIL /Set-Device /Device:Computer1 /WDSClientUnattend:WDSClientUnattend\Unattend.xml

  • Attivare il criterio di aggiunta automatica e assegnare il file di installazione automatica client quando si approva l'installazione. È possibile attivare il criterio di aggiunta automatica per specificare che i computer sconosciuti, ovvero i computer che non sono stati pregestiti in Servizi di dominio Active Directory, necessitano di approvazione dell'amministratore prima che ne sia consentito l'avvio dal server per l'installazione di un sistema operativo. I client in attesa di approvazione verranno visualizzati nel nodo Periferiche in sospeso dello snap-in MMC. Se il computer in attesa viene approvato, tale computer continuerà a essere avviato dalla rete e un oggetto account computer verrà creato in Servizi di dominio Active Directory per rappresentare il computer fisico. Ciò risulta utile poiché consente di pregestire i computer, senza che sia necessario conoscere in anticipo il GUID o l'indirizzo MAC del computer client.

    Per attivare il criterio di aggiunta automatica e associare un file di installazione automatica client

    1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul server e quindi scegliere Proprietà.

    2. Nella scheda Risposta PXE selezionare In caso di client sconosciuti, invia una notifica all'amministratore e rispondi dopo l'approvazione.

    3. Quando un computer sconosciuto viene avviato nel server, il computer verrà visualizzato nel nodo Periferiche in sospeso dello snap-in MMC. Per approvare il computer e associargli un file di installazione automatica, utilizzare la sintassi seguente, dove <percorso> è il percorso relativo del file di installazione automatica dalla cartella RemoteInstall: WDSUTIL /Approve-AutoAddDevices /RequestID:<ID> /WDSClientUnattend:<percorso>.

      Esempio: WDSUTIL /Approve-AutoAddDevices /RequestID:<ID> /WDSClientUnattend:WDSClientUnattend\Unattend.xml

      noteNota
      Per ulteriori informazioni sull'approvazione di computer in attesa, vedere Come gestire computer client all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=115265.

  • Associare il file di installazione automatica client per tutte le architetture. È possibile associare un file di installazione automatica client predefinito per tutti i client di avvio in base all'architettura. Se si sceglie questa opzione, non sarà possibile distribuire altre immagini da tale server, ovvero non sarà possibile distribuire immagini con estensione wim o vhd, ad eccezione dell'immagine a cui il file di installazione automatica fa riferimento. Per associare un file di installazione automatica, utilizzare la procedura riportata di seguito o eseguire WDSUTIL /Set-Server /WDSUnattend /Policy:enabled /File:wdsclientunattend\unattend.xml /Architecture:<arch>.

    Per associare un file di installazione automatica client in base all'architettura

    1. Copiare il file di installazione automatica client in RemoteInstall\WDSClientUnattend.

    2. Aprire lo snap-in MMC Servizi di distribuzione Windows, fare clic con il pulsante destro del mouse sul server contenente l'immagine che si desidera associare al file di installazione automatica e quindi scegliere Proprietà.

    3. Nella scheda Client selezionare Abilita installazione automatica, passare al file di installazione automatica appropriato e quindi fare clic su Apri.

    4. Fare clic su OK per chiudere la pagina Proprietà.

File di installazione automatica immagine

Creare quindi un file di installazione automatica immagine, che consente di automatizzare le fasi successive dell'installazione, ad esempio l'installazione offline e la specializzazione Sysprep. Per informazioni sulle impostazioni illustrate in questo file, vedere Windows Automated Installation Kit. Per file di esempio, vedere File di installazione automatica di esempio all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=122642. Al termine della creazione del file, associarlo a un'immagine utilizzando la procedura seguente.

Per associare un file di installazione automatica immagine a un'immagine

  1. Fare clic sul pulsante Start, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi e quindi scegliere Esegui come amministratore.

  2. Per associare il file, utilizzare la sintassi seguente: WDSUTIL /set-Image /Image:<nome immagine> [/Server:<nomeserver>] /ImageType:install /ImageGroup:<nome> [/Name:<nome immagine>] /UnattendFile:<percorso completo>

    Esempio: WDSUTIL /set-Image /Image:"VHD image" /ImageType:install /ImageGroup:"Gruppo immagini VHD" /UnattendFile:"\\server\share\unattend.xml"

Al termine della configurazione di entrambi i file di installazione automatica, è possibile distribuire un'immagine utilizzando la procedura illustrata in Distribuire un'immagine. Se lo si desidera, è possibile seguire le istruzioni disponibili nella sezione successiva per configurare il multicast per le immagini con estensione vhd.

Creare una trasmissione multicast per un'immagine di disco rigido virtuale

Se lo si desidera, è possibile creare trasmissioni multicast per le immagini con estensione vhd utilizzando la stessa procedura adottata per le immagini con estensione wim, con la differenza che è possibile creare le trasmissioni solo dalla riga di comando. Se non si desidera trasferire l'immagine tramite il multicast, è possibile ignorare questo passaggio. Per ulteriori informazioni sul multicast con Servizi di distribuzione Windows, visitare il sito Web all’indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=89225.

Per creare una trasmissione multicast

  1. Fare clic sul pulsante Start, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi e quindi scegliere Esegui come amministratore.

  2. Eseguire una delle operazioni seguenti:

    1. Per creare una trasmissione di tipo Multicast automatico, utilizzare la sintassi seguente: WDSUTIL /New-MulticastTransmission /Image:<nome immagine> /FriendlyName:<nome descrittivo> /ImageType:Install /ImageGroup:<nome gruppo di immagini> [/FileName:<nome file>] /TransmissionType:AutoCast.

      Esempio: WDSUTIL /New-MulticastTransmission /Image:WindowsServer2008R2 /ImageType:Install /ImageGroup:"Gruppo immagini VHD" /FileName:install.vhd /TransmissionType:AutoCast

    2. Per creare una trasmissione di tipo Multicast pianificato, utilizzare la sintassi seguente: WDSUTIL /New-MulticastTransmission /Image:<nome immagine> /FriendlyName:<nome descrittivo> /ImageType:Install /ImageGroup:<nome gruppo di immagini> /TransmissionType:ScheduledCast [/Time:<aaaa/mm/gg:hh.mm>][/Clients:<numero client>].

      Esempio: WDSUTIL /New-MulticastTransmission /Image:WindowsServer2008R2 /ImageType:Install /ImageGroup:"Gruppo immagini VHD" /TransmissionType:ScheduledCast /Time:"2008/01/20:17:00" /Clients:10

Distribuire un'immagine

Dopo avere reso disponibili le immagini nel server e avere configurato un'installazione automatica, sarà possibile avviare e installare l'immagine. Il file di immagine con estensione vhd verrà distribuito nel client. Durante le fasi iniziali della distribuzione del file con estensione vhd, l'aspetto della schermata di avanzamento nel computer di destinazione sarà identico a quello della schermata visualizzata durante la distribuzione di immagini con estensione wim. Agli utenti verrà visualizzata la schermata di avanzamento iniziale del programma di installazione, nella quale viene indicato lo stato di operazioni quali la copia di file e l'espansione di file. Quando si utilizza questo metodo, tuttavia, viene copiato nel computer solo il file con estensione vhd e non si verifica alcuna espansione di file.

Per distribuire un'immagine

  1. Configurare il BIOS del computer per consentire l'avvio PXE e quindi impostare l'ordine di avvio in modo che l'avvio venga eseguito innanzitutto dalla rete.

  2. Riavviare il computer e quindi premere F12 quando richiesto per iniziare l'avvio di rete.

  3. L'installazione continuerà, utilizzando le impostazioni disponibili nei file di installazione automatica.

  4. Al termine dell'installazione, il computer verrà riavviato e il programma di installazione proseguirà

Altri comandi supportati

In questa sezione vengono elencate le altre azioni che possono essere eseguite per gestire le immagini con estensione vhd.

  • Per rimuovere un'immagine con estensione vhd dal server, utilizzare la sintassi seguente: WDSUTIL /remove-Image /Image:<nome immagine> /ImageType:install /ImageGroup:<nome gruppo di immagini>.

    Esempio: WDSUTIL /Remove-Image /Image:"R2 con Office" /ImageType:Install /ImageGroup:ImageGroup1 /Filename:install.vhd

  • Per visualizzare i metadati per un'immagine con estensione vhd, utilizzare la sintassi seguente: WDSUTIL /get-Image /Image:<nome immagine> [/Server:<nome server>] /ImageType:install [/ImageGroup:<nome gruppo di immagini>] [/Filename:<nome file>].

    Esempio: WDSUTIL /Get-Image /Image:"R2 con Office" /Server:MyWDSServer /ImageType:Install /ImageGroup:ImageGroup1 /Filename:install.vhd

  • Per visualizzare informazioni su tutte le immagini disponibili in un gruppo di immagini, utilizzare la sintassi seguente: WDSUTIL /Get-ImageGroup /ImageGroup:<nome gruppo di immagini> [/Detailed].

    Esempio: WDSUTIL /Get-ImageGroup /ImageGroup:imagegroup1

  • Per modificare i metadati relativi a un'immagine con estensione vhd, utilizzare la sintassi seguente: WDSUTIL /set-Image /Image:<nome immagine> [/Server:<nomeserver>] /ImageType:install /ImageGroup:<nome> [/Name:<nome immagine>] [/Description:<descrizione immagine>] [/UnattendFile:<percorso completo>] [/Security:<SDDL>] [/Enabled:{yes | no}].

    Esempio: WDSUTIL /set-Image /Image:"R2 con Office" /ImageType:install /ImageGroup:ImageGroup1 /Enabled:no

  • Per esportare un'immagine di installazione con estensione vhd, utilizzare la sintassi seguente: WDSUTIL /export-Image /Image:<nome immagine> [/Server:<nome server>] /ImageType:install [/ImageGroup:<nome gruppo di immagini>] [/Filename:<nome file>] /DestinationImage /FilePath:<nome e percorso file> [/Name:<nome>] [/Description:<descrizione>] [/Overwrite:{yes | no | append}].

    Esempio: WDSUTIL /export-Image /Image:"R2 con Office" /ImageType:install /ImageGroup:ImageGroup1 /DestinationImage /FilePath: \\MyServer\Share\NewInstall.vhd /Overwrite:yes

Parametri

Nella tabella seguente vengono illustrati i parametri utilizzati nelle sezioni precedenti.

 

Parametro Descrizione

/ImageFile:<percorso file>

Specifica il percorso completo e il nome file del file con estensione vhd. Per i dischi differenze il percorso dell'immagine deve fare riferimento al file con estensione vhd del disco differenze e non al disco padre. Se si aggiunge il file con estensione vhd del disco differenze, il file con estensione vhd del disco padre verrà aggiunto al server, ma risulterà attivo solo il disco differenze, mentre il file con estensione vhd del disco padre non sarà attivo. Se il disco differenze fa parte di una catena, scegliere l'ultimo file con estensione vhd disponibile nella catena. In tale caso, verranno aggiunti il file con estensione vhd immediatamente superiore e tutti i file con estensione vhd superiori precedenti nella catena.

/Image:<nome immagine>

Specifica il nome dell'immagine nel server di Servizi di distribuzione Windows. Questo è il nome che il server assegna automaticamente all'immagine, a meno che non lo si modifichi. Per visualizzare il nome dell'immagine, eseguire WDSUTIL /Get-ImageGroup /ImageGroup:<nome gruppo di immagini>.

[/Server:<nome server>]

Specifica il nome del server. Può essere il nome NetBIOS oppure il nome di dominio completo. Se non si specifica alcun nome server, verrà utilizzato il server locale.

/ImageType:Install

Specifica che l'immagine è un'immagine di installazione.

[/ImageGroup:<nome gruppo di immagini>]

Specifica il nome del gruppo di immagini. Tale gruppo di immagini non può contenere immagini con estensione wim. Se nel server è presente più di un gruppo di immagini, è necessario specificare il gruppo desiderato. Se non si specifica alcun gruppo di immagini e un gruppo di immagini non esiste già, verrà creato un nuovo gruppo di immagini. In caso contrario, verrà utilizzato il gruppo di immagini esistente.

[/Filename:<nome file>]

Specifica il nome file del file di immagine. Se non è possibile identificare l'immagine in modo univoco in base al nome, è necessario specificare questa opzione. Se non viene specificato alcun nome file durante l'aggiunta di immagini con estensione vhd, verrà utilizzato il nome file di immagine di origine. Quando si rinominano dischi differenze, questa opzione consente di rinominare solo l'ultimo disco differenze, non il file con estensione vhd padre.

/DestinationImage

Imposta come segue i parametri per l'immagine di destinazione.

  • /FilePath:<nome e percorso file>. Specifica il percorso di file completo per la nuova immagine. Nel caso dei dischi differenze, l'ultimo figlio viene copiato nel nome e percorso del file. Anche gli elementi padre vengono copiati nel percorso del file. Numeri univoci vengono aggiunti al nome file per ogni file padre, in ordine ascendente dal figlio al padre. Ad esempio, nomefile-(1), nomefile-(2).

  • [/Overwrite:{yes | no }]. Determina se il file specificato nell'opzione /DestinationImage verrà sovrascritto se in /FilePath esiste già un file con tale nome. Nel caso di dischi differenze, questa opzione è applicabile anche se è presente un nome duplicato per un padre rinominato implicitamente.

[/UnattendFile:<percorso file di installazione automatica>]

Imposta il percorso completo del file di installazione automatica immagine da associare all'immagine. Nel caso di dischi differenze, tutte le immagini padre vengono associate allo stesso file di installazione automatica. Oltre a questo file, è necessario creare e configurare anche un file di installazione automatica del client di Servizi di distribuzione Windows.

File di installazione automatica client di esempio per la distribuzione di un file con estensione vhd

Il file seguente è un file di installazione automatica del client di Servizi di distribuzione Windows, che può essere utilizzato durante la distribuzione di un'immagine con estensione vhd. Il file include tutti gli attributo standard necessari per l'automatizzazione delle schermate dell'interfaccia utente. È tuttavia necessario modificare tale file per l'ambiente in uso. Per ulteriori informazioni sulle installazioni automatiche, vedere Eseguire installazioni automatiche all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=89226.

<?xml version="1.0" ?> 
<unattend xmlns="urn:schemas-microsoft-com:unattend">
   <settings pass="windowsPE">
      <component name="Microsoft-Windows-Setup" publicKeyToken="31bf3856ad364e35" 
language="neutral" versionScope="nonSxS" processorArchitecture="amd64">
         <WindowsDeploymentServices>
            <Login>
               <WillShowUI>OnError</WillShowUI>
               <Credentials>
                     <Username>username</Username>
                     <Domain>Fabrikam.com</Domain>
                     <Password>my_password</Password>
                  </Credentials>
               </Login>
            <ImageSelection>
               <WillShowUI>OnError</WillShowUI>
               <InstallImage>
                  <ImageName>WindowsServer2008R2</ImageName>
                  <ImageGroup>VHD Image Group</ImageGroup>
                  <Filename>Install.vhd</Filename>
               </InstallImage>
                  <InstallTo>
                  <DiskID>0</DiskID>
                  <PartitionID>1</PartitionID>
               </InstallTo>
            </ImageSelection>
         </WindowsDeploymentServices>
         <DiskConfiguration>
            <WillShowUI>OnError</WillShowUI>
               <Disk>
                  <DiskID>0</DiskID>
                  <WillWipeDisk>false</WillWipeDisk>
                  <ModifyPartitions>
                     <ModifyPartition>
                        <Order>1</Order>
                        <PartitionID>1</PartitionID>
                        <Letter>C</Letter>
                        <Label>TestOS</Label>
                        <Format>NTFS</Format>
                        <Active>true</Active>
                        <Extend>false</Extend>
                     </ModifyPartition>
                  </ModifyPartitions>
            </Disk>
         </DiskConfiguration>
      </component>
      <component name="Microsoft-Windows-International-Core-WinPE" publicKeyToken="31bf3856ad364e35" 
language="neutral" versionScope="nonSxS" processorArchitecture="amd64">
         <SetupUILanguage>
            <WillShowUI>OnError</WillShowUI>
            <UILanguage>en-US</UILanguage>
         </SetupUILanguage>
         <UILanguage>en-US</UILanguage>
      </component>
   </settings>
</unattend> 

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft