Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Novità in Windows PowerShell

Aggiornamento: gennaio 2009

Si applica a: Windows 7

Windows PowerShell™ è una shell da riga di comando nonché un linguaggio di script progettato espressamente per l'amministrazione del sistema. Basato su .NET Framework, Windows PowerShell consente ai professionisti IT di controllare e automatizzare l'amministrazione dei sistemi operativi Windows e delle applicazioni eseguite in Windows.

Windows PowerShell rende disponibili semplici comandi, detti cmdlet, che consentono di gestire i computer aziendali dalla riga di comando. I provider di Windows PowerShell consentono di accedere agli archivi dati, quali il Registro di sistema e l'archivio certificati, con la stessa facilità con cui si accede al file system. Windows PowerShell fornisce inoltre un supporto completo per tutte le classi di Strumentazione gestione Windows (WMI).

Windows PowerShell è totalmente estensibile. È possibile scrivere cmdlet, provider, funzioni e script personalizzati e inserirli in moduli da condividere con altri utenti.

Windows® 7 include Windows PowerShell 2.0. Include inoltre altri cmdlet, provider e strumenti che è possibile aggiungere a Windows PowerShell per poter utilizzare e gestire altre tecnologie Windows, ad esempio Servizi di dominio Active Directory®, Crittografia unità Windows® BitLocker™, il servizio server DHCP, Criteri di gruppo, Servizi Desktop remoto e Windows Server Backup.

Novità in Windows PowerShell

In Windows 7 sono disponibili le modifiche seguenti in Windows PowerShell:

  • Nuovi cmdlet. Windows PowerShell include più di 100 nuovi cmdlet, tra cui Get-Hotfix, Send-MailMessage, Get-ComputerRestorePoint, New-WebServiceProxy, Debug-Process, Add-Computer, Rename-Computer, Reset-ComputerMachinePassword e Get-Random.

  • Gestione remota. È possibile eseguire operazioni su un computer o su centinaia di computer con un solo comando. È possibile stabilire una sessione interattiva con un computer singolo, nonché stabilire una sessione in grado di ricevere comandi remoti da più computer.

  • Windows PowerShell Integrated Scripting Environment (ISE). Windows PowerShell ISE è un'interfaccia utente grafica per Windows PowerShell che consente di eseguire comandi e scrivere, modificare, eseguire, testare ed eseguire il debug di script nella stessa finestra. Offre fino a otto ambienti di esecuzione indipendenti, un debugger incorporato e una Guida sensibile al contesto, oltre a supportare la modifica a più righe, l'esecuzione selettiva, i colori per la sintassi e i numeri di riga e colonna.

  • Processi in background. I processi in background di Windows PowerShell consentono di eseguire comandi in modo asincrono e in background, continuando allo stesso tempo a lavorare nella sessione corrente. È possibile eseguire processi in background in un computer locale o remoto e archiviare i risultati in un percorso locale o remoto.

  • Debugger. Il debugger di Windows PowerShell assiste nel debug di funzioni e script. È possibile impostare e rimuovere punti di interruzione, eseguire il codice un'istruzione alla volta, controllare i valori delle variabili e visualizzare una traccia dello stack di chiamate.

  • Moduli. I moduli di Windows PowerShell consentono di organizzare gli script e le funzioni di Windows PowerShell in unità indipendenti e autonome. È possibile inserire cmdlet, provider, script, funzioni e altri file in moduli e distribuirli ad altri utenti. I moduli sono più facili da installare e utilizzare rispetto agli snap-in di Windows PowerShell. I moduli possono includere qualsiasi tipo di file, ad esempio file audio, immagini, file di guida e icone. I moduli vengono eseguiti in una sessione separata per evitare conflitti di nomi.

  • Transazioni. Windows PowerShell supporta ora le transazioni, che consentono di gestire un insieme di comandi come un'unità logica. È possibile eseguire il commit di una transazione o annullarla completamente, in modo che i dati interessati non siano modificati dalla transazione.

  • Eventi. Windows PowerShell include una nuova infrastruttura eventi che consente di creare eventi, sottoscrivere eventi di sistema e applicazioni e quindi rimanere in ascolto degli eventi, inoltrarli ed eseguire azioni in conseguenza degli eventi in modo sincrono e asincrono.

  • Funzioni avanzate. Le funzioni avanzate operano analogamente ai cmdlet ma sono scritte nel linguaggio di script di Windows PowerShell invece che in C#.

  • Internazionalizzazione script. Gli script e le funzioni possono visualizzare messaggi e testo di istruzioni in più lingue.

  • Guida. In aggiunta alla Guida disponibile dalla riga di comando, il cmdlet Get-Help ha un nuovo parametro Online che apre una versione completa e aggiornata di ogni argomento della Guida in Microsoft TechNet.

Utenti interessati all'utilizzo di Windows PowerShell

Queste modifiche possono interessare i gruppi di utenti seguenti:

  • Professionisti IT che desiderano gestire Windows dalla riga di comando e automatizzare attività amministrative.

  • Sviluppatori che desiderano utilizzare l'esteso linguaggio di script di Windows PowerShell per creare applicazioni .NET Framework ed estendere Windows PowerShell.

  • Tutti gli utenti che desiderano apprendere l'utilizzo di Windows PowerShell per gestire il proprio sistema, scrivere script per automatizzare attività e creare nuovi strumenti senza la necessità di studiare un linguaggio di programmazione.

Vantaggi delle funzionalità nuove e modificate

Windows PowerShell offre, tra le tante, le nuove funzionalità di gestione seguenti.

Gestione remota

Gestione remota di Windows PowerShell consente agli utenti di connettersi a Windows PowerShell ed eseguire comandi su tutti i propri computer. I professionisti IT possono utilizzare questo strumento per monitorare e gestire i computer, distribuire aggiornamenti, eseguire script e processi in background, raccogliere dati e apportare modifiche uniformi e ottimizzate a un computer o a centinaia di computer.

Windows PowerShell ISE

Windows PowerShell ISE rende più facile ed efficiente l'utilizzo di Windows PowerShell. I principianti apprezzeranno i colori per la sintassi e la Guida sensibile al contesto. La modifica a più righe rende facile provare esempi copiati dalla Guida e da altre fonti. Gli utenti esperti apprezzeranno la disponibilità di più ambienti di esecuzione, il debugger incorporato e l'estendibilità del modello a oggetti di Windows PowerShell ISE.

Moduli

I moduli di Windows PowerShell facilitano l'organizzazione e la distribuzione di strumenti e soluzioni per gli autori di cmdlet e provider. Semplificano inoltre l'installazione degli strumenti e la loro aggiunta alle sessioni di Windows PowerShell per gli utenti. I professionisti IT possono utilizzare i moduli per distribuire soluzioni testate e approvate in tutta l'azienda e condividerle con altri professionisti nella community.

Transazioni

Le transazioni di Windows PowerShell consentono di utilizzare Windows PowerShell per apportare modifiche per le quali può essere necessario eseguire il rollback o il commit in blocco, ad esempio aggiornamenti di database e modifiche del Registro di sistema.

Effetto delle modifiche su Windows PowerShell

Windows PowerShell presenta i requisiti seguenti relativi al sistema e alle funzionalità:

  • Windows PowerShell richiede Microsoft .NET Framework 2.0.

  • Windows PowerShell ISE, il programma di interfaccia utente grafica per Windows PowerShell, richiede Microsoft .NET Framework 3.5 con Service Pack 1.

  • Il cmdlet Out-GridView richiede Microsoft .NET Framework 3.5 con Service Pack 1.

  • Il cmdlet Get-WinEvent richiede Microsoft Windows Vista o versioni successive di Windows e Microsoft .NET Framework 3.5.

  • Il cmdlet Export-Counter può essere eseguito solo su Windows 7 e versioni successive di Windows.

  • Le funzionalità di comunicazione remota basate su WMI di Windows PowerShell non richiedono configurazione e possono essere eseguite in tutte le versioni di Windows che supportano Windows PowerShell. Le funzionalità di comunicazione remota basate su WS-Management richiedono che sia il computer locale che quello remoto eseguano Microsoft Windows Vista o una versione successiva di Windows. È inoltre necessario abilitare e configurare WS-Management su tutti i computer coinvolti. Per ulteriori informazioni vedere About_Remote.

  • Diversi cmdlet funzionano solo se l'utente corrente è membro del gruppo Administrators del computer o se può fornire le credenziali di un membro del gruppo Administrators. Questo requisito è spiegato negli argomenti della Guida relativi ai cmdlet interessati.

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft