Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Guida alla migrazione di Servizi file

Aggiornamento: aprile 2009

Si applica a: Windows Server 2008 R2

In questo documento vengono fornite indicazioni sulla migrazione del ruolo server Servizi file, inclusi i dati, le cartelle condivise e le impostazioni del sistema operativo, dal server di origine al server di destinazione che esegue Windows Server® 2008 R2.

Informazioni sulla guida

La Guida alla migrazione di Servizi file fornisce istruzioni dettagliate su come eseguire la migrazione del ruolo server Servizi file nonché dei dati, delle cartelle condivise e delle impostazioni del sistema operativo correlati, dal server di origine al server di destinazione che esegue Windows Server® 2008 R2. La Guida include informazioni sulla migrazione degli elementi seguenti:

  • Dati e cartelle condivise

  • Utenti e gruppi locali

  • Spazi dei nomi del file system distribuito (DFS, Distributed File System)

  • Replica DFS

  • Gestione risorse file server

  • Impostazioni di Criteri di gruppo specifiche per SMB (Server Message Block)

  • Impostazioni di Criteri di gruppo specifiche per File non in linea (noto anche come memorizzazione nella cache lato client)

  • Copie shadow di cartelle condivise

  • Informazioni sull'identità del server

Destinatari

Questo documento è destinato ai professionisti IT (Information Technology) e ad altri knowledge worker responsabili del funzionamento e della distribuzione dei file server in un ambiente gestito.

Informazioni non contenute in questa Guida

In questa Guida non sono disponibili informazioni o supporto per gli scenari di migrazione seguenti:

  • Scenari di migrazione per le configurazioni di cluster di server

  • Aggiornamento di ruoli nello stesso computer

  • Migrazione di più ruoli server

  • Migrazione di dati tra subnet

  • Migrazione di cartelle condivise NFS (Network File System)

  • Migrazione di file server tramite Gestione risorse file server

  • Migrazione di file crittografati con EFS (Encrypting File System)

  • Migrazione di tabelle di allocazione file (FAT) e file system FAT32

  • Migrazione di installazioni hardware e software per risorse di archiviazione

Oltre agli scenari non supportati precedenti, è consigliabile tenere presenti le limitazioni relative alla migrazione illustrate di seguito.

  • Se l'unità disco rigido contenente i dati viene spostata fisicamente dal server di origine a quello di destinazione, le autorizzazioni per i file e le cartelle per gli utenti locali non verranno mantenute.

  • In caso di copia dei dati non verrà eseguita la migrazione dei reparse point, dei collegamenti reali e dei volumi montati e sarà necessario eseguirne la migrazione manualmente.

  • Per semplificare la migrazione delle autorizzazioni per i file e per le cartelle condivise, è necessario migrare gli utenti e i gruppi locali durante il processo di migrazione. Non verrà tuttavia eseguita la migrazione di tutti i relativi attributi.

    Per ulteriori informazioni sugli attributi degli utenti e gruppi locali di cui è possibile eseguire la migrazione, vedere la Guida alla migrazione di gruppi e utenti locali nel sito Web Microsoft all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=128751.

Scenari di migrazione supportati

In questa Guida sono disponibili le istruzioni per la migrazione di un server esistente che esegue Servizi file a un server che esegue Windows Server 2008 R2. In questa Guida non vengono fornite istruzioni per la migrazione di server di origine che eseguono più ruoli. Se il server esegue più ruoli, è consigliabile progettare una procedura di migrazione personalizzata specifica per il proprio ambiente server, in base alle informazioni disponibili nelle altre Guide alla migrazione dei ruoli server. Le Guide alla migrazione relative ad altri ruoli server sono disponibili nel TechCenter per Windows Server 2008 R2 all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=128554.

CautionAttenzione
Se il server di origine esegue più ruoli, è possibile che alcune procedure di migrazione illustrate in questa Guida, ad esempio quelle relative al nome e alla configurazione IP del computer, impediscano l'esecuzione degli altri ruoli del server.

Tra gli scenari di migrazione supportati sono incluse le configurazioni o le funzionalità seguenti:

  • Il file server fa parte di un dominio.

  • Il file server fa parte di un gruppo di lavoro.

  • I dati e le cartelle condivise del file server si trovano in una rete di archiviazione (SAN, Storage Area Network) o in un altro archivio esterno che mantiene le autorizzazioni di accesso a dati e cartelle condivise (ad eccezione dei dati degli utenti e gruppi locali).

  • I dati e le cartelle condivise del file server si trovano nel disco del server (archiviazione diretta) che mantiene le autorizzazioni di accesso ai dati e alle cartelle condivise.

  • Spazi dei nomi del file system distribuito (DFS) e replica DFS.

  • Migrazione di Gestione risorse file server da Windows Server 2003 R2, Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2 a Windows Server 2008 R2.

  • Copie shadow di cartelle condivise.

Sistemi operativi supportati

 

Processore del server di origine Sistema operativo server di origine Sistema operativo server di destinazione Processore del server di destinazione

Basato su x86 o su x64

Windows Server 2003 con Service Pack 2

Windows Server 2008 R2, opzioni sia per l'installazione completa che per l'installazione dei soli componenti di base del server (Server Core)

Basato su x64

Basato su x86 o su x64

Windows Server 2003 R2

Windows Server 2008 R2, opzioni sia per l'installazione completa che per l'installazione Server Core

Basato su x64

Basato su x86 o su x64

Windows Server 2008, opzione di installazione completa

Windows Server 2008 R2, opzioni sia per l'installazione completa che per l'installazione Server Core

Basato su x64

Basato su x64

Windows Server 2008 R2

Windows Server 2008 R2, opzioni sia per l'installazione completa che per l'installazione Server Core

Basato su x64

Basato su x64

Opzione per l'installazione Server Core del server di Windows Server 2008 R2

Windows Server 2008 R2, opzioni sia per l'installazione completa che per l'installazione Server Core

Basato su x64

Le versioni dei sistemi operativi indicate nella tabella precedente corrispondono alle combinazioni meno recenti di sistemi operativi e Service Pack supportate.

Sono inoltre supportati gli scenari seguenti:

  • Gli eventuali Service Pack più recenti disponibili.

  • Le edizioni Foundation, Standard, Enterprise e Datacenter dei sistemi operativi Windows Server, sia nei server di origine che di destinazione.

  • Le migrazioni tra sistemi operativi fisici e sistemi operativi virtuali.

  • Per Windows Server 2003 e Windows Server 2008 R2, sia le migrazioni basate su x86 che quelle basate su x64. Tutte le edizioni di Windows Server 2008 R2 sono basate su x64.

Non è possibile eseguire la migrazione dei ruoli eseguiti in installazioni Server Core di Windows Server 2008, in quanto questo tipo di installazione di Windows Server 2008 non include .NET Framework.

Non è supportata la migrazione da un server di origine a un server di destinazione che esegue un sistema operativo con una lingua dell'interfaccia utente (ovvero la lingua installata) diversa da quella del server di origine. Non è ad esempio possibile utilizzare Strumenti di migrazione di Windows Server per eseguire la migrazione di ruoli, impostazioni del sistema operativo, dati o cartelle condivise da un computer che esegue Windows Server 2008 con interfaccia utente del sistema operativo in lingua francese a un computer che esegue Windows Server 2008 R2 con interfaccia utente del sistema operativo in lingua tedesca.

noteNota
La lingua dell'interfaccia utente è la lingua del pacchetto di installazione localizzato utilizzato per installare il sistema operativo Windows®.

Panoramica della migrazione di Servizi file

Negli argomenti seguenti vengono fornite informazioni dettagliate su come eseguire la migrazione di Servizi file da un computer che esegue Windows Server 2003 o versione successiva a un computer che esegue Windows Server 2008 R2:

Impatto della migrazione sugli altri computer dell'organizzazione

In questa sezione viene descritto l'impatto della migrazione sui computer dell'organizzazione.

Impatto della migrazione dei dati tramite copia di dati e cartelle condivise

  • Le prestazioni del server durante la migrazione dei dati potrebbero risultare ridotte, rallentando l'accesso ai file archiviati nel server.

  • All'inizio della seconda fase della migrazione dei dati, tutti i file aperti verranno chiusi e pertanto potrebbe verificarsi una perdita di dati.

  • Durante la seconda fase della migrazione dei dati, i client non saranno in grado di accedere al file server.

Impatto della migrazione dei dati tramite spostamento fisico delle unità dati

I client non saranno in grado di accedere al file server dal momento in cui il dispositivo di archiviazione viene disconnesso dal server di origine fino a quando non viene ricollegato al server di destinazione.

Impatto sugli spazi dei nomi DFS

Gli spazi dei nomi DFS non saranno disponibili in molti punti del processo di migrazione. È consigliabile pianificare la migrazione nel momento in cui si disconnette lo spazio dei nomi ospitato nel server di origine.

Impatto sulla replica DFS

L'impatto dell'attività di migrazione sugli altri server dell'organizzazione dipende in gran parte dalla configurazione della topologia di replica. Replica DFS in genere è configurato in una topologia di replica hub e spoke con più server di succursale (spoke) che eseguono la replica con un singolo server di hub. Gli altri server dell'organizzazione potrebbero quindi essere coinvolti o meno, a seconda del server specifico della topologia di replica di cui si esegue la migrazione e della modalità di migrazione dei dati. Il processo di migrazione potrebbe avere effetti sulle workstation client che accedono ai dati contenuti nella cartella replicata nel server.

I computer client possono accedere ai dati archiviati nella cartella replicata mediante Replica DFS. La cartella replicata è infatti spesso esposta ai computer client come una cartella condivisa SMB.

Per ulteriori informazioni sull'impatto del processo di migrazione sui computer client, vedere la sezione Impatto della migrazione dei dati tramite copia di dati e cartelle condivise più indietro in questo documento.

Autorizzazioni necessarie per completare la migrazione

In questa sezione vengono descritte le autorizzazioni necessarie per completare la migrazione.

Autorizzazioni necessarie per la migrazione di dati e cartelle condivise

Per la migrazione dei dati e delle cartelle condivise saranno necessarie autorizzazioni di amministratore locale sia nel server di origine che in quello di destinazione.

Autorizzazioni necessarie per completare la migrazione nel server di destinazione

In questa sezione vengono descritte le autorizzazioni necessarie per eseguire la migrazione nel server di destinazione.

Autorizzazioni necessarie per eseguire la migrazione degli spazi dei nomi DFS

Per uno spazio dei nomi autonomo è necessario che l'utente sia membro del gruppo Administrators locale nel server di destinazione.

Sono disponibili tre opzioni per le autorizzazioni nel caso di uno spazio dei nomi basato su dominio:

  • Opzione 1: appartenenza al gruppo Domain Admins

  • Opzione 2 (se esistono più server dello spazio dei nomi DFS):

    • Autorizzazione ad amministrare tutti gli spazi dei nomi ospitati nel server di origine

    • Appartenenza al gruppo Administrators locale nel server di destinazione

  • Opzione 3 (se esiste un solo server dello spazio dei nomi DFS):

    • Autorizzazione a eliminare e creare spazi dei nomi basati su dominio nel dominio

    • Appartenenza al gruppo Administrators locale nel server di destinazione

Autorizzazioni necessarie per completare la migrazione nel server di origine

In questa sezione vengono descritte le autorizzazioni necessarie per eseguire la migrazione nel server di origine.

Autorizzazioni necessarie per eseguire la migrazione degli spazi dei nomi DFS

Per uno spazio dei nomi autonomo è necessario che l'utente sia membro del gruppo Administrators locale nel server di origine.

Sono disponibili tre opzioni per le autorizzazioni nel caso di uno spazio dei nomi basato su dominio:

  • Opzione 1: appartenenza al gruppo Domain Admins

  • Opzione 2 (se esistono più server dello spazio dei nomi DFS):

    • Autorizzazione ad amministrare tutti gli spazi dei nomi ospitati nel server di origine

    • Appartenenza al gruppo Administrators locale nel server di origine

  • Opzione 3 (se esiste un solo server dello spazio dei nomi DFS):

    • Autorizzazione a eliminare e creare spazi dei nomi basati su dominio nel dominio

    • Appartenenza al gruppo Administrators locale nel server di destinazione

Autorizzazioni necessarie per la replica DFS

Per la replica DFS, l'utente che avvia la procedura di migrazione deve appartenere al gruppo Domain Admins. L'autorizzazione è necessaria per rimuovere il server di origine dai gruppi di replica ai quali appartiene. Se le autorizzazioni per l'amministrazione di un gruppo di replica sono state delegate a un utente specifico tramite lo snap-in Gestione DFS, tale utente potrà utilizzare lo stesso snap-in per eseguire attività quali rimuovere il server di origine da un gruppo di replica. L'utente dovrà inoltre essere membro del gruppo Administrators locale nel server di origine e nel server di destinazione.

Durata stimata

La quantità di tempo necessaria per completare la migrazione dipende dalla configurazione di Servizi file specifica dell'organizzazione e dalle dimensioni totali di tutti i file e le cartelle condivise dei quali si desidera eseguire la migrazione.

Vedere anche

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft