Esporta (0) Stampa
Espandi tutto
Questo argomento non è stato ancora valutato - Valuta questo argomento

Guida dettagliata a Servizi per NFS per Windows Server 2008 R2

Pubblicato: maggio 2009

Si applica a: Windows Server 2008 R2

Che cos'è Servizi per NFS

Servizi per NFS (Network File System) costituisce una soluzione per la condivisione di file nelle organizzazioni in cui è utilizzato un ambiente misto Windows e UNIX. Servizi per NFS consente il trasferimento di file da un computer all'altro tramite il protocollo NFS tra computer che eseguono Windows Server® 2008 R2 e computer basati su UNIX.

noteNota
Per una versione scaricabile di questo documento, vedere la guida dettagliata a Servizi per NFS per Windows Server 2008 R2 nell'Area download Microsoft (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=151755).

Novità di Servizi per NFS

In Windows Server 2008 R2, a Servizi per NFS sono stati apportati i miglioramenti seguenti:

  • Supporto per i netgroup. Servizi per NFS supporta i netgroup, utilizzati per creare gruppi denominati di host all'interno di una rete. I netgroup consentono un controllo più semplice dell'accesso a computer remoti e alla shell di questi da parte di utenti e gruppi e facilitano la gestione degli elenchi di controllo di accesso NFS per gli amministratori di sistema.

  • Supporto di RPCSEC_GSS. Servizi per NFS offre il supporto nativo per RPCSEC_GSS, una funzionalità di sicurezza per chiamate RPC che consente l'utilizzo nelle applicazioni delle funzionalità di sicurezza dell'interfaccia GSS-API (Generic Security Service Application Programming Interface). Con GSS-API è possibile includere nelle applicazioni i servizi di sicurezza relativi all'integrità e all'autenticazione. RPCSEC_GSS consente di utilizzare l'autenticazione Kerberos con Servizi per NFS e offre servizi di sicurezza indipendenti dai meccanismi utilizzati.

    noteNota
    Servizi per NFS non supporta il servizio di sicurezza di RPCSEC_GSS relativo alla privacy.

    Per consentire l'utilizzo dei metodi di autenticazione del protocollo Kerberos per le cartelle condivise, nella pagina Autenticazione NFS del Provisioning guidato cartella condivisa e nella scheda Autenticazione NFS della finestra di dialogo Proprietà per le cartelle condivise sono state aggiunte le opzioni seguenti:

    • Autenticazione Kerberos V5 (Krb5), che esegue l'autenticazione mediante il protocollo Kerberos V5 prima di concedere l'accesso al file system condiviso.

    • Integrità e autenticazione Kerberos V5 (Krb5i), che utilizza l'autenticazione Kerberos V5 con controlli di integrità (checksum) per verificare che i dati non siano stati alterati.

    È possibile combinare queste opzioni per consentire la scelta di un protocollo Kerberos V5 al momento del montaggio del file system NFS dei client.

  • Utilizzare Strumentazione gestione Windows (WMI) per la gestione di Server per NFS. Strumentazione gestione Windows (WMI) consente ai professionisti IT la gestione remota di NFS rendendo possibile la comunicazione delle applicazioni WBEM (Web-Based Enterprise Management) con i provider WMI dei computer locali o remoti per la gestione degli oggetti WMI. Grazie a WMI è possibile utilizzare linguaggi di script, ad esempio VBScript o Windows PowerShell, per gestire computer e server, sia locali che remoti, che eseguono un sistema operativo Microsoft Windows.

  • Accesso di utenti UNIX senza mapping. Per le cartelle condivise NFS è ora disponibile l'opzione Utente UNIX senza mapping. È possibile utilizzare server Windows per archiviare dati NFS senza creare mapping di account UNIX-Windows. Per gli account utente con mapping vengono utilizzati ID di sicurezza (SID) di Windows standard, mentre per gli utenti senza mapping vengono utilizzati SID NFS personalizzati.

Scenari di utilizzo di Servizi per NFS

Servizi per NFS consente di supportare ambienti misti costituiti da sistemi operativi basati su Windows e su UNIX. Con Servizi per NFS è inoltre possibile aggiornare i computer della società continuando a supportare la tecnologia precedente durante la fase di transizione. Gli scenari seguenti costituiscono alcuni esempi dei vantaggi della distribuzione di Servizi per NFS per le organizzazioni.

  • Possibilità per i computer client basati su UNIX di accedere alle risorse dei computer che eseguono Windows Server 2008 R2. In una società possono essere presenti client UNIX che accedono alle risorse all'interno di file server UNIX, ad esempio file. Per usufruire di funzionalità di Windows Server 2008 R2, quali le copie shadow per cartelle condivise, è possibile spostare risorse da server UNIX a computer che eseguono Windows Server 2008 R2. È quindi possibile configurare Servizi per NFS in modo da consentire l'accesso a tali computer da parte di client UNIX che eseguono software NFS. Sarà possibile accedere alle risorse tramite il protocollo NFS da tutti i client UNIX, senza ulteriori operazioni di configurazione.

  • Possibilità per i computer che eseguono Windows Server 2008 R2 di accedere alle risorse dei file server UNIX. In una società può essere presente un ambiente misto Windows e UNIX con risorse, ad esempio file, archiviate all'interno di file server UNIX. Se i file server eseguono software NFS, è possibile utilizzare Servizi per NFS per consentire l'accesso a tali risorse da parte di computer che eseguono Windows Server 2008 R2.

  • Possibilità di utilizzare hardware a 64 bit. È possibile eseguire componenti di Servizi per NFS con le edizioni a 64 bit di Windows Server 2008 R2.

Componenti di Servizi per NFS

Servizi per NFS è costituito dai componenti seguenti:

  • Server per NFS. Un computer basato su UNIX di regola non può accedere ai file presenti in un computer basato su Windows. Un computer che esegue Windows Server 2008 R2 e Server per NFS, tuttavia, può svolgere la funzione di file server sia per computer basati su Windows che per computer basati su UNIX.

  • Client per NFS. Un computer basato su Windows di regola non può accedere ai file presenti in un computer basato su UNIX. Un computer che esegue Windows Server 2008 R2 e Client per NFS, tuttavia, può accedere ai file archiviati in un server NFS basato su UNIX.

Strumenti di amministrazione di Servizi per NFS

Per l'amministrazione di Servizi per NFS sono disponibili uno snap-in Microsoft Management Console (MMC) e alcuni strumenti da riga di comando.

Snap-in Servizi per NFS

Lo snap-in Servizi per NFS consente l'amministrazione di tutti i componenti di Servizi per NFS installati. Quando si apre lo snap-in, è possibile eseguire l'amministrazione dei componenti installati nel computer locale.

noteNota
Per eseguire questa procedura è necessario essere membri del gruppo Administrators sul computer locale o essere stati delegati dall'autorità appropriata. Se il computer fa parte di un dominio, questa procedura può essere eseguita dai membri del gruppo Domain Admins. Per garantire la sicurezza, è consigliabile eseguire Servizi per NFS come amministratore.

Per informazioni su un elemento dello snap-in, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'elemento desiderato e quindi scegliere ?.

Per aprire Servizi per NFS

  • Fare clic sul pulsante Start, scegliere Strumenti di amministrazione e quindi Servizi per NFS (Network File System).

Strumenti da riga di comando di Servizi per NFS

Servizi per NFS offre i seguenti strumenti di amministrazione dalla riga di comando di Windows. Per eseguire uno strumento, digitarne il nome dalla finestra del prompt dei comandi. Per informazioni sui parametri disponibili per uno strumento, digitare il nome dello strumento seguito dall'opzione della riga di comando /?.

  • mount. Consente di eseguire il montaggio delle risorse di rete NFS condivise.

  • nfsadmin. Consente di gestire Server per NFS e Client per NFS.

  • nfsshare. Consente il controllo delle risorse NFS condivise.

  • nfsstat. Visualizza o reimposta il numero di chiamate effettuate a Server per NFS.

  • showmount. Visualizza i file system montati esportati da Server per NFS.

  • umount. Rimuove le unità montate con NFS.

Scenario di test

Per la valutazione del funzionamento di questa tecnologia in un ambiente di produzione, lo scenario di test richiede la distribuzione di Servizi per NFS in un ambiente di lavoro. Le istruzioni presentate in questo documento consentono di effettuare le operazioni seguenti:

  • In un computer che esegue Windows Server 2008 R2 e Server per NFS creare una risorsa NFS condivisa che può essere montata e utilizzata da un computer UNIX.

  • In un file server UNIX creare una risorsa NFS condivisa che può essere montata e utilizzata da un computer che esegue Windows Server 2008 R2 e Client per NFS.

Prerequisiti e presupposti

In questa guida si presuppone quanto segue:

  • Familiarità con le nozioni fondamentali degli ambienti operativi Windows e UNIX e delle relative funzionalità di sicurezza dei file.

  • Conoscenza della procedura di installazione e del funzionamento di Windows Server 2008 R2.

  • Comprensione delle modalità di interazione client-server in un ambiente di rete.

Procedura per la distribuzione e il test di Servizi per NFS

In questa sezione viene descritto come installare un ambiente di prova di base per Servizi per NFS. Viene inoltre descritto come installare e configurare i componenti di Servizi per NFS e come eseguire il test della distribuzione.

Rivedere i requisiti di sistema per Servizi per NFS

È possibile installare Servizi per NFS nei computer che eseguono una qualsiasi edizione del sistema operativo Windows Server 2008 R2. I due componenti principali di Servizi per NFS, Server per NFS e Client per NFS, possono essere installati nello stesso computer o in computer distinti.

ImportantImportante
Prima di installare Servizi per NFS, è necessario rimuovere eventuali componenti di NFS installati in precedenza. Prima di rimuovere i componenti di NFS, è consigliabile eseguire il backup dei computer o registrare la configurazione, per poterla ripristinare in Servizi per NFS.

È possibile utilizzare Servizi per NFS con computer UNIX che eseguono Server per NFS o Client per NFS e che sono conformi a una delle specifiche di protocollo seguenti:

  • Specifica del protocollo NFS versione 2, in base alla definizione in RFC 1094 (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=150364)

  • Specifica del protocollo NFS versione 3, in base alla definizione in RFC 1813 (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=150365)

noteNota
Per impostazione predefinita, Server per NFS supporta computer client UNIX che utilizzano NFS versione 2 o NFS versione 3. È tuttavia possibile ignorare questa impostazione e configurare Server per NFS in modo da consentire l'accesso solo ai client che eseguono NFS versione 2. Per istruzioni, vedere "Configurare Server per NFS" nella Guida di Servizi per NFS. Client per NFS supporta entrambe le versioni. Questo componente non è configurabile.

Installare l'ambiente per Servizi per NFS

Il passaggio successivo è costituito dall'installazione dell'ambiente per Servizi per NFS mediante la distribuzione di computer e la creazione di account utente di test.

Distribuire computer

È necessario distribuire i computer seguenti e connetterli a una rete locale (LAN):

  • Uno o più computer che eseguono Windows Server 2008 R2 in cui installare i due componenti principali di Servizi per NFS, Server per NFS e Client per NFS. È possibile installare i componenti nello stesso computer o in computer diversi. Le istruzioni per l'installazione di tutti i componenti di Servizi per NFS sono disponibili più avanti in questo documento.

  • Uno o più computer UNIX che eseguono Server per NFS e Client per NFS. Il computer che esegue Server per NFS ospita una risorsa NFS condivisa UNIX, a cui accede un computer che esegue Windows Server 2008 R2 e Client per NFS. È possibile installare Server per NFS e Client per NFS nello stesso computer o o in computer diversi.

  • Un controller di dominio Windows Server 2008 R2 in esecuzione al livello di funzionalità di Windows Server 2008 R2. Il controller di dominio fornisce le informazioni per l'autenticazione utente per l'ambiente Windows. In alternativa, è possibile utilizzare account utente locali.

  • Un server NIS (Network Information Service) con le informazioni di autenticazione utente per l'ambiente UNIX. In alternativa, è possibile utilizzare password e file dei gruppi archiviati nel computer che esegue il servizio Mapping nomi utente. È possibile eseguire il servizio Mapping nomi utente in un computer che esegue Windows Server 2003 R3.

Creare account utente di test

Per gli scopi di questo test è possibile creare alcuni utenti fittizi. Per ogni utente è possibile creare un account di sicurezza per Windows e uno per UNIX. Assegnare nomi utente diversi ai due account. Sarà possibile utilizzare questi account in seguito per effettuare il test della funzionalità di mapping avanzato di Servizi per NFS. La funzionalità di mapping avanzato consente di effettuare il mapping delle credenziali di un utente specifico tra Windows e UNIX, anche se il nome utente è diverso.

noteNota
L'alternativa al mapping avanzato è il mapping semplice. È possibile utilizzare la funzionalità di mapping semplice quando il nome utente in Windows e in UNIX è lo stesso. Per ulteriori informazioni, vedere la pagina relativa all'amministrazione del mapping dei nomi utente (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=127917).

Per Windows, è possibile creare gli account utente nel controller di dominio Windows Server 2008 R2. In alternativa, è possibile creare account utente locali in ogni computer basato su Windows della distribuzione. Per istruzioni sulla configurazione degli account utente, vedere la documentazione di Windows Server 2008 R2.

Per UNIX, è possibile creare gli account utente nel server NIS o nei file /etc/passwd ed /etc/group di UNIX. Per istruzioni sulla creazione di account utente NIS, vedere la documentazione del server NIS. Per istruzioni sulla creazione dei file /etc/passwd ed /etc/group, vedere la documentazione di UNIX.

Nella tabella seguente sono elencati alcuni esempi di utenti fittizi e di account utente e di gruppo corrispondenti che è possibile utilizzare per il test.

 


Utente fittizio

Nome utente Windows

Nome utente UNIX
Nome gruppo Windows Nome gruppo UNIX

Raffaella Bonaldi

WindowsDomain\RBonaldi

RBonaldi@NISDomain

GruppoWin

GrpUNIX

Alessandro Leoni

WindowsDomain\ALeoni

ALeoni@NISDomain

GruppoWin

GrpUNIX

Davide Ruspini

WindowsDomain\DRuspini

DRuspini@NISDomain

GruppoWin

GrpUNIX

Installare Servizi per NFS

È necessario installare i componenti di Servizi per NFS in un computer che esegue Windows Server 2008 R2. In queste istruzioni si presume che tutti i componenti vengano installati in un unico computer.

noteNota
Per eseguire questa procedura è necessario essere membri del gruppo Administrators sul computer locale o essere stati delegati dall'autorità appropriata. Se il computer fa parte di un dominio, questa procedura può essere eseguita dai membri del gruppo Domain Admins. Per garantire la sicurezza, è consigliabile eseguire Servizi per NFS come amministratore.

ImportantImportante
Prima di installare Servizi per NFS, è necessario rimuovere eventuali componenti di NFS installati in precedenza. Prima di rimuovere i componenti di NFS, è consigliabile eseguire il backup dei computer o registrare la configurazione, per poterla ripristinare in Servizi per NFS.

Per installare i componenti di Servizi per NFS

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Strumenti di amministrazione e quindi Server Manager.

  2. Nel riquadro a sinistra fare clic su Gestisci ruoli.

  3. Fare clic su Aggiungi ruoli. Verrà visualizzata l'Aggiunta guidata ruoli.

  4. Fare clic su Avanti. Verranno visualizzate le opzioni Selezione ruoli server.

  5. Selezionare la casella di controllo File Server e quindi fare clic su Avanti.

  6. Verrà visualizzata la schermata File Server. Fare clic su Avanti per visualizzare le opzioni Servizi ruolo.

  7. Selezionare la casella di controllo Servizi per NFS (Network File System) e quindi fare clic su Avanti.

  8. Confermare la selezione e fare clic su Installa.

  9. Al termine dell'installazione vengono visualizzati i risultati dell'installazione stessa. Fare clic su Chiudi.

noteNota
Quando si seleziona Mapping nomi utente, Server per NFS o Client per NFS, nell'Aggiunta guidata componenti di Windows viene inoltre selezionata automaticamente la combinazione di componenti di supporto appropriata.

Configurare l'autenticazione NFS

Nella configurazione necessaria per il test è utilizzato un controller di dominio Windows Server 2008 R2 in esecuzione al livello di funzionalità di Windows Server 2008 R2. Per motivi di sicurezza è consigliabile installare Windows Server 2008 R2 e tutti gli aggiornamenti della sicurezza più recenti.

Creare una cartella condivisa NFS

Il passaggio successivo prevede la creazione di una cartella condivisa NFS nel computer che esegue Server per NFS utilizzando la condivisione NFS. Sarà quindi possibile eseguire il montaggio di tale cartella condivisa in un client UNIX e creare un file di test all'interno di essa.

noteNota
Per eseguire questa procedura è necessario essere membri del gruppo Administrators sul computer locale o essere stati delegati dall'autorità appropriata.

Per creare una cartella condivisa utilizzando la condivisione NFS

  1. Nel computer che esegue Server per NFS creare la cartella da utilizzare come cartella condivisa NFS.

  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella appena creata e quindi scegliere Condivisione NFS.

  3. Selezionare Condividi questa cartella.

  4. Se si desidera consentire l'accesso anonimo, selezionare Consenti accesso anonimo.

  5. Fare clic su Autorizzazioni, fare clic su Aggiungi e quindi eseguire una delle operazioni seguenti:

    • Nell'elenco Nomi fare clic sui client e sui gruppi che si desidera aggiungere e quindi fare clic su Aggiungi.

    • Nella casella di testo Aggiungi nomi digitare i nomi dei client o dei gruppi che si desidera aggiungere, separandoli con il punto e virgola.

  6. Nell'elenco Tipo di accesso fare clic sul tipo di accesso che si desidera consentire ai client e ai gruppi selezionati.

  7. Selezionare Consenti accesso alla radice se si desidera consentire un accesso diverso dall'accesso anonimo a un utente identificato come utente ROOT. Per impostazione predefinita, un utente ROOT è obbligato a utilizzare l'ID utente (UID) anonimo.

  8. Nell'elenco Codifica scegliere il tipo di codifica dei nomi di file e di directory da utilizzare per i client e i gruppi selezionati.

  9. Fare due volte clic su OK e quindi su Applica.

noteNota
Per visualizzare l'elenco dei membri di un gruppo, nell'elenco Nomi fare clic su un gruppo e quindi fare clic su Membri.

Specificare le autorizzazioni predefinite per i nuovi file e le nuove cartelle

È possibile specificare le autorizzazioni predefinite applicate a una risorsa NFS condivisa dal computer che esegue Client per NFS. È possibile assegnare le autorizzazioni Lettura, Scrittura ed Esecuzione a Proprietario, Gruppo e Altri.

  • Proprietario. L'utente che crea il file. Per impostazione predefinita, l'utente Proprietario dispone delle autorizzazioni Lettura, Scrittura ed Esecuzione.

  • Gruppo. Il gruppo primario dell'utente che crea il file. Per impostazione predefinita, Gruppo dispone delle autorizzazioni Lettura ed Esecuzione.

  • Altri. Altri utenti del file system. Equivale a Everyone in un sistema operativo Windows. Per impostazione predefinita, Altri dispone delle autorizzazioni Lettura ed Esecuzione.

noteNota
Per eseguire questa procedura è necessario essere membri del gruppo Administrators sul computer locale o essere stati delegati dall'autorità appropriata.

Per specificare le autorizzazioni sui file

  1. Nel computer che esegue Client per NFS aprire Servizi per NFS. Per aprire Servizi per NFS, fare clic sul pulsante Start, scegliere Strumenti di amministrazione e quindi Servizi per NFS (Network File System).

  2. Nell'albero della console fare clic con il pulsante destro del mouse su Client per NFS e quindi scegliere Proprietà.

  3. Nella scheda Autorizzazioni file selezionare le autorizzazioni sui file predefinite che si desidera applicare ai nuovi file e alle nuove cartelle create dal computer e quindi fare clic su OK.

Attivare la condivisione di file e stampanti per gli strumenti di amministrazione

Nel computer che ospita lo snap-in Servizi per NFS e gli strumenti da riga di comando di Servizi per NFS è necessario attivare la condivisione di file e stampanti in Windows Firewall.

Per attivare la condivisione di file e stampanti

  1. In un computer che esegue Servizi per NFS fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare firewall.cpl e quindi fare clic su OK.

  2. Fare clic sulla scheda Eccezioni, selezionare la casella di controllo Condivisione file e stampanti e quindi fare clic su OK.

  3. Ripetere questa procedura per tutti i computer che eseguono Servizi per NFS.

Test della distribuzione

La configurazione è completata ed è ora possibile eseguire il test della distribuzione per verificarne il funzionamento. Di seguito sono illustrati alcuni test di base suggeriti.

Test 1: nel computer che esegue Client per NFS effettuare il mapping di una lettera di unità a una risorsa NFS condivisa basata su UNIX.

Il test viene superato se è possibile effettuare il mapping dell'unità e visualizzare il file di test nella risorsa NFS condivisa dal computer che esegue Client per NFS.

Per effettuare il mapping di una lettera di unità a una risorsa NFS condivisa basata su UNIX

  1. In un server basato su UNIX che esegue software NFS creare una risorsa NFS condivisa. Creare un file di test nella risorsa condivisa.

  2. Utilizzare uno degli account utente Windows creati per il test per accedere al computer che esegue Windows Server 2008 R2 e Client per NFS.

  3. Aprire Esplora risorse e scegliere Connetti unità di rete dal menu Strumenti.

  4. Digitare il nome del server e della risorsa condivisa secondo il formato UNIX (nomehost://nomerisorsacondivisa) oppure il percorso UNC (Universal Naming Convention) della risorsa NFS condivisa nel file server UNIX.

  5. Fare clic su OK.

Test 2: nel computer che esegue Client per NFS, creare un file di test e verificarne le autorizzazioni.

Il test viene superato se è possibile creare un nuovo documento e se la proprietà e le autorizzazioni di questo corrispondono alle autorizzazioni sui file predefinite specificate.

Per creare un file di test e verificarne le autorizzazioni

  1. Utilizzare uno degli account utente Windows creati per il test per accedere al computer che esegue Client per NFS.

  2. Aprire la risorsa NFS condivisa utilizzata nel test 1.

  3. Nell'elenco dei file fare clic con il pulsante destro del mouse, scegliere Nuovo e quindi Documento di testo.

  4. Digitare un nome per il file. Non utilizzare spazi.

  5. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del file, scegliere Proprietà e quindi fare clic su Attributi NFS.

  6. Verificare che gli attributi NFS corrispondano agli attributi predefiniti specificati in precedenza, come descritto in "Specificare le autorizzazioni predefinite per i nuovi file e le nuove cartelle". Verificare inoltre la correttezza dell'UID proprietario e dell'UID gruppo.

Test 3: in un computer client UNIX, effettuare il montaggio della risorsa NFS condivisa Windows.

Il test viene superato se è possibile effettuare il montaggio della risorsa NFS condivisa.

Per effettuare il montaggio della risorsa NFS condivisa Windows

  • Nella shell comandi di un computer client UNIX che esegue software client NFS digitare:

    mount nomehost :/ nomecondivisione puntodimontaggio

 

Variabile Descrizione

nomehost

Il nome del computer che esegue Server per NFS, in cui in precedenza è stata creata una risorsa NFS condivisa, come descritto in "Creare una cartella condivisa NFS".

nomecondivisione

Il nome della risorsa NFS condivisa.

puntodimontaggio

Il punto del file system in cui verrà effettuato il montaggio della risorsa NFS condivisa, ad esempio /home/nomeutente/condivisionetest.

Test 4: in un client UNIX creare un file di test e verificare che le autorizzazioni su tale file corrispondano a quelle impostate in Windows.

Il test viene superato se è possibile creare il file di testo e se le autorizzazioni sul file corrispondono sia in Windows che in UNIX.

Per creare un file di test e verificare la corrispondenza delle autorizzazioni sul file

  1. Nello stesso client UNIX utilizzato per il test 3 creare un file di testo utilizzando un semplice editor di testo. Salvare il file nella risorsa NFS condivisa montata durante il test 3.

  2. Nel computer che esegue Server per NFS e ospita la risorsa NFS condivisa aprire Esplora risorse e passare a tale risorsa.

  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del file, scegliere Proprietà e quindi fare clic su Sicurezza.

  4. Confrontare le autorizzazioni sul file segnalate in Windows e quelle segnalate nello stesso client UNIX utilizzato per il test 3.

Ulteriori riferimenti

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo e la configurazione di NFS, vedere le risorse seguenti:

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft. Tutti i diritti riservati.