Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Novità relative all'iniziatore iSCSI Microsoft

Aggiornamento: giugno 2009

Si applica a: Windows Server 2008 R2

L'iniziatore software iSCSI Microsoft consente di connettere un computer host Windows® a un array di archiviazione esterno basato su iSCSI tramite una scheda di rete Ethernet. È possibile utilizzare l'iniziatore iSCSI Microsoft nell'infrastruttura di rete esistente sia per abilitare reti di archiviazione (SAN, Storage Area Network) basate sui blocchi, che offrono la funzionalità per le destinazioni iSCSI senza richiedere un investimento in hardware aggiuntivo, sia per abilitare l'utilizzo di dispositivi di archiviazione iSCSI a casa o in un piccolo ufficio.

Di seguito vengono descritte le modifiche disponibili in Windows Server® 2008 R2:

  • Miglioramento e riprogettazione dell'interfaccia utente

    L'interfaccia utente dell'iniziatore iSCSI Microsoft è stata riprogettata in modo da facilitare l'accesso alle impostazioni utilizzate più comunemente. Il pannello di controllo iSCSI è inoltre incluso nelle installazioni Server Core di Windows Server 2008 R2, pertanto gli amministratori possono configurare le connessioni iSCSI tramite l'interfaccia utente che conoscono meglio, oltre che tramite l'interfaccia della riga di comando.

    Una novità dell'interfaccia utente dell'iniziatore iSCSI è la funzionalità Connessione rapida che, con un semplice clic, consente di eseguire una connessione ai dispositivi di archiviazione che non richiedono impostazioni avanzate, ad esempio IPsec (Internet Protocol Security) e CHAP (Challenge Handshake Authentication Protocol). Utilizzando Connessione rapida, con un unico passaggio è possibile individuare dispositivi, eseguire l'accesso o selezionare un percorso come destinazione preferita.

    Un'altra novità dell'interfaccia utente dell'iniziatore iSCSI è la scheda Configurazione, che consente di configurare l'iniziatore iSCSI per l'utilizzo con CHAP o IPsec e di generare un report di configurazione per tutte le destinazioni e tutti i dispositivi connessi nel sistema.

  • Supporto dell'offload per digest iSCSI

    Il controllo di ridondanza ciclico (CRC, Cyclic Redundancy Check) dell'iniziatore iSCSI (per digest di intestazione e dati) viene sottoposto all'offload mediante un nuovo set di istruzioni standard della CPU. Ciò garantisce un'interoperabilità trasparente per tutte le schede di interfaccia di rete, senza modifiche richieste ai driver di rete. La conseguente riduzione dell'utilizzo della CPU è un importante vantaggio per le reti con routing. Il supporto dell'offload per digest viene rilevato automaticamente e non richiede nessuna configurazione.

  • Supporto di 32 percorsi di avvio iSCSI all'avvio

    Il supporto dei percorsi di avvio ridondanti è un aspetto importante per gli amministratori IT impegnati nella pianificazione delle implementazioni dei server. Gli amministratori che implementano Windows Server 2008 R2 in ambienti che devono essere disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, devono assicurare una ridondanza end-to-end per tutti i componenti del sistema. Ciò vale sia per i componenti nello chassis del server fisico, sia per i componenti nei percorsi di volumi di dati e di avvio per l'archiviazione esterna. Nel caso di server che vengono avviati da dispositivi di archiviazione esterna, la presenza di un solo percorso ridondante aggiuntivo non assicura un livello di ridondanza appropriato per la protezione da errori o problemi di interruzione dei componenti di rete.

    La centralizzazione dell'archiviazione in uno chassis di archiviazione esterna garantisce resilienza in caso di errori delle unità disco rigido, oltre a ridurre la manutenzione associata alla sostituzione delle unità disco rigido. Ciò è particolarmente importante per i fattori di forma del server blade, che consentono una riduzione dei requisiti in termini di energia elettrica e raffreddamento e un aumento della densità.

Sono interessati a queste modifiche i gruppi seguenti:

  • Utenti finali

  • Amministratori IT

Tutte le versioni di Windows Server 2008 R2 includono queste funzionalità.

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft