Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Guida dettagliata - Migrazione di base di Windows mediante Utilità di migrazione stato utente per professionisti IT

Pubblicato: giugno 2009

Aggiornamento: giugno 2010

Si applica a: Windows 7

Windows® User State Migration Tool (USMT) 4.0 è un'applicazione progettata per consentire ai professionisti IT di eseguire la migrazione di file e impostazioni al sistema operativo Windows® 7. USMT 4.0 è un'applicazione Microsoft destinata all'utilizzo da parte di amministratori che eseguono distribuzioni automatizzate su vasta scala. Per una distribuzione in un numero ridotto di computer o per distribuzioni personalizzate singolarmente, è possibile utilizzare Trasferimento dati Windows. Per ulteriori informazioni, vedere Guida dettagliata - Aggiornamento e migrazione di Windows 7

In questa guida dettagliata alla migrazione di Windows destinata ai professionisti IT viene illustrato un esempio di base relativo alla modalità di migrazione di file e impostazioni da Windows XP a Windows 7 mediante USMT 4.0. È inoltre possibile eseguire la migrazione di file e impostazioni da un computer che esegue Windows Vista®. Ai fini della procedura verranno utilizzati gli strumenti ScanState e LoadState per completare una migrazione end-to-end. È inoltre possibile personalizzare la migrazione modificando i file di configurazione utilizzati da tali strumenti. Per una descrizione esaustiva di tutti gli strumenti e dei file di configurazione, vedere la Guida dell'utente di Utilità di migrazione stato utente (Usmt.chm) scaricabile con Windows Automated Installation Kit (Windows AIK) o da questo sito Web Microsoft.

In questo esempio verranno raccolti dati da un computer di origine che esegue Windows XP, verrà creato un archivio delle migrazioni mediante le impostazioni predefinite di ScanState, verrà installato Windows 7 su un computer nuovo o ripartizionato al quale verranno quindi applicati i dati contenuti nell'archivio delle migrazioni.

Il processo prevede le fasi seguenti:

Passaggio 1: Raccogliere i dati mediante lo strumento ScanState

Passaggio 2: Installare Windows 7

Passaggio 3: Applicare i dati mediante lo strumento LoadState

Requisiti

Per completare questo scenario, è necessario disporre di quanto segue:

  • DVD del prodotto Windows 7

  • DVD di Windows Automated Installation Kit (Windows AIK)

    È possibile scaricare il file con estensione iso di Windows AIK da questo sito Web Microsoft e masterizzarlo in un DVD vuoto.

  • Un computer di origine

    Il computer di origine deve essere provvisto di una scheda di rete, di un ambiente di rete funzionante e di un'unità DVD-ROM. Il computer di origine utilizzato ai fini di questa guida esegue Windows XP. È comunque possibile utilizzare un computer di origine che esegue Microsoft Windows Vista. Se si sceglie di utilizzare questa guida con Microsoft Windows Vista, l'interfaccia risulterà lievemente diversa rispetto a quella di Windows XP e potrebbe essere necessario modificare alcuni dei passaggi relativi ad azioni da eseguire sul sistema operativo, tuttavia la sintassi di Utilità di migrazione stato utente è identica.

    noteNota
    Se non si utilizza il computer di destinazione facoltativo, il computer di origine verrà riformattato ai fini dello scenario. Creare un backup del computer di origine prima di testare la migrazione con Utilità di migrazione stato utente.

  • Connettività di rete

  • Un computer tecnico

    Come computer tecnico è possibile utilizzare qualsiasi computer in cui si installi Windows AIK. Il computer tecnico deve eseguire Windows Server® 2003, Microsoft Windows Vista o Windows 7. Questo computer richiede inoltre un'unità DVD-ROM. Dopo aver installato Windows AIK nel computer tecnico, è possibile copiare Utilità di migrazione stato utente negli altri computer dell'organizzazione.

  • Facoltativo: un computer di destinazione

    Il computer di destinazione è il computer a cui trasferire i file e le impostazioni. Questo computer deve essere provvisto di una scheda di rete, di un ambiente di rete funzionante e di un'unità DVD-ROM.

    Ai fini di questo esempio è possibile utilizzare il computer di origine anche come computer di destinazione. Dopo aver acquisito un archivio delle migrazioni in un server, è possibile riformattare il disco rigido del computer di origine affinché torni vuoto. Il computer di origine diventerà quindi il computer di destinazione.

  • Facoltativo: software di installazione delle applicazioni per le quali si esegue la migrazione di file e impostazioni

    noteNota
    La versione dell'applicazione installata nel computer di destinazione deve coincidere con quella nel computer di origine. Utilità di migrazione stato utente non supporta la migrazione delle impostazioni di una versione precedente di un'applicazione a una versione più recente. Fanno tuttavia eccezione le applicazioni di Microsoft® Office per le quali è spesso possibile eseguire la migrazione da una versione precedente a una più recente.

Passaggio 1: Raccogliere i dati mediante lo strumento ScanState

Sono disponibili due scenari di migrazione. La migrazione a un nuovo sistema operativo in un singolo computer è nota come aggiornamento del PC. La migrazione in un computer di destinazione diverso è nota come sostituzione del PC. Per ulteriori informazioni sull'aggiornamento e la sostituzione di PC, vedere Scenari di migrazione comuni

Nella maggior parte degli scenari di aggiornamento dei PC, è possibile eseguire una migrazione con collegamento reale. L'utilizzo di un archivio delle migrazioni con collegamento reale consente di migliorare notevolmente le prestazioni della migrazione e di ridurre in modo sostanziale la quantità di spazio necessaria su disco rigido. Per ulteriori informazioni sulle migrazioni con collegamento reale, vedere Archivio delle migrazioni con collegamento reale.

In alcuni scenari di aggiornamento dei PC, ad esempio in caso di ripartizionamento dell'unità, non è tuttavia possibile utilizzare un archivio delle migrazioni con collegamento reale. In questo caso, è invece necessario creare un archivio delle migrazioni compresso o non compresso. Si tratta in questo caso di uno scenario di sostituzione del PC, il quale è analogo alla procedura utilizzata per la migrazione di file e impostazioni in un nuovo computer. In questa guida dettagliata verrà creato un archivio delle migrazioni compresso in un server, il quale potrà essere utilizzato sia per uno scenario di aggiornamento che di sostituzione del PC.

Installare Utilità di migrazione stato utente

È possibile installare Windows AIK in qualsiasi computer che esegue un sistema operativo supportato, ad esempio Microsoft Windows Vista o Windows 7. Dopo aver installato Windows AIK, è possibile copiare i file di Utilità di migrazione stato utente negli altri computer dell'organizzazione.

  1. In un computer che esegue un sistema operativo supportato da Windows AIK, inserire il DVD di quest'ultimo nell'apposita unità.

    Il programma di installazione verrà avviato automaticamente.

    noteNota
    Se il programma di installazione non si avvia automaticamente, in Esplora risorse passare all'unità DVD contenente il DVD di Windows AIK e quindi fare clic su StartCD.exe. Fare clic su Installazione di Windows AIK per avviare l'installazione.

  2. Seguire le istruzioni online.

  3. Copiare tutto il contenuto di C:\Programmi\Windows AIK\Tools\USMT\<architettura> in una condivisione di rete o su una porta USB. L'<architettura> può essere x86 o amd64. Ad esempio, al prompt dei comandi digitare:

    xcopy c:\Program Files\Windows AIK\Tools\USMT\x86 \\fileserver\USMTx86
    
  4. Copiare i file e gli strumenti di Utilità di migrazione stato utente nel computer di origine. Ad esempio, al prompt dei comandi del computer di origine digitare:

    xcopy \\fileserver\USMTx86 c:\USMT
    
    noteNota
    Per Utilità di migrazione stato utente 4.0 su Windows XP è supportato solo lo strumento ScanState. Altri strumenti di Utilità di migrazione stato utente e Windows AIK, ad esempio LoadState e Windows System Image Manager (Windows SIM), non sono supportati su Windows XP. Per utilizzare Windows AIK allo scopo di creare un file di risposta o un'immagine Windows personalizzata per la distribuzione, è necessario installare Windows AIK su un computer che esegue un sistema operativo supportato.

Facoltativo: creare un account di prova per eseguire la migrazione

Se si utilizza un computer di origine non personalizzato da un utente per includervi file personali o apportarvi modifiche, ad esempio uno sfondo del desktop, è consigliabile creare un account di prova che consenta di testare e verificare l'esito della migrazione.

Per creare un account di prova locale su un computer Windows XP non appartenente a un dominio

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo, Account utente e quindi fare clic su Crea nuovo account.

  2. Digitare USMT Tester e quindi fare clic su Crea account.

  3. Fare clic su Chiudi.

Per creare un account di prova locale in un computer Windows XP appartenente a un dominio

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo e quindi fare clic su Account utente.

  2. Nella finestra Account utente fare clic sulla scheda Avanzate.

  3. In Gestione avanzata utenti fare clic su Avanzate.

  4. Nel riquadro Utenti e gruppi locali fare clic su Utenti.

  5. Scegliere Nuovo utente dal menu Azione.

  6. Digitare USMT Tester nella casella di testo Nome utente, digitare una password facile da ricordare (oppure annotarla), fare clic sulla casella di controllo Cambiamento obbligatorio password all'accesso successivo per deselezionarla e quindi fare clic su Crea.

  7. Fare clic su Chiudi.

Facoltativo: aggiungere file e impostazioni a un account di prova

Apportare altre modifiche all'account USMT Tester che si desidera verificare durante la migrazione. Ad esempio:

  • Copiare file da un'unità flash USB o da una condivisione di rete nella cartella Documenti dell'account di prova. È possibile utilizzare file con estensione txt oppure altri tipi di file di esempio di cui eseguire la migrazione. Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo relativo agli elementi di cui è possibile eseguire la migrazione con Utilità di migrazione stato utente.

  • Copiare o creare file di prova sull'unità C:\.

  • Impostare uno sfondo del desktop personalizzato. Non verrà eseguita la migrazione di immagini di sfondo predefinite, ad esempio Tulips.jpg, di Windows XP. Salvare invece una nuova immagine nel computer di origine e utilizzarla come sfondo.

  • Modificare il colore del carattere per il prompt dei comandi.

  • Connettere un'unità di rete.

  • Impostare la pagina iniziale di Internet Explorer®.

Facoltativo: visualizzare in anteprima gli elementi di cui verrà eseguita la migrazione mediante Utilità di migrazione stato utente

La funzione MigXmlHelper.GenerateDocPatterns di Utilità di migrazione stato utente consente di trovare automaticamente documenti dell'utente in un computer senza creare file XML personalizzati e di grandi dimensioni per la migrazione. Questa funzione è inclusa nel file di esempio MigDocs.xml scaricabile con Windows AIK.

Per visualizzare in anteprima gli elementi di cui verrà eseguita la migrazione mediante Utilità di migrazione stato utente

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi e quindi scegliere Esegui come.

  2. Selezionare un account con privilegi di amministrare, specificare una password e quindi fare clic su OK.

  3. Al prompt dei comandi digitare:

    cd /d <PercorsoUtilità>
    scanstate.exe /genmigxml:<percorsofile.xml>
    
    Dove <PercorsoUtilità> rappresenta il percorso nel computer di origine in cui sono stati salvati i file e gli strumenti di Utilità di migrazione stato utente, mentre <percorsofile.xml> corrisponde al percorso completo di un file in cui salvare il rapporto. Digitare ad esempio:

    cd /d c:\USMT
    scanstate.exe /genmigxml:"C:\Documents and Settings\USMT Tester\Desktop\genMig.xml"
    
  4. Aprire il file generato da ScanState nel percorso specificato. In questa guida vengono illustrati gli schemi che è possibile utilizzare nella migrazione quando si esegue ScanState e si specifica il file di esempio MigDocs.xml nelle opzioni della riga di comando.

  5. Individuare l'elemento del componente per USMT Tester nel file XML. Si presenta in modo analogo a quanto segue:

    <component type="Documents" context="STRESSMARMOT\USMT Tester" defaultSupported="Yes">
    
    Esaminare le cartelle e gli schemi di file di cui verrà eseguita la migrazione per l'account. Ad esempio, la riga seguente indica che verrà eseguita la migrazione di tutti i file nella cartella USMT Tester\Documenti:

    <pattern type="File">c:\documents and settings\usmt tester\my documents\*[*]</pattern>
    

Per ulteriori informazioni sugli elementi di cui è possibile eseguire la migrazione con Utilità di migrazione stato utente e su come determinare i tipi di file e impostazioni che è consigliabile trasferire per l'organizzazione, vedere Pianificare la migrazione.

Per ulteriori informazioni sulla personalizzazione dei file di configurazione, vedere Personalizzare file XML di Utilità di migrazione stato utente.

Eseguire ScanState per creare un archivio delle migrazioni nel server

Per impostazione predefinita, lo strumento ScanState crea un archivio delle migrazioni compresso. Ai fini di questa guida viene utilizzato un archivio delle migrazioni compresso applicabile sia a scenari di aggiornamento che di sostituzione del PC. Per la maggior parte degli scenari di aggiornamento del PC è tuttavia possibile utilizzare un archivio delle migrazioni con collegamento reale in modo da migliorare le prestazioni. Per ulteriori informazioni, vedere Archivio delle migrazioni con collegamento reale.

Per creare un archivio delle migrazioni in un server

  1. Accedere al computer di origine con un account provvisto di privilegi di amministratore. L'account deve inoltre disporre delle autorizzazioni per la condivisione di rete in cui verrà creato l'archivio delle migrazioni.

  2. Aprire un prompt dei comandi. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Prompt dei comandi.

    Eseguire ScanState nel computer di origine per raccogliere file e impostazioni. Digitare:

    cd /d <PercorsoUtilità>
    scanstate <PercorsoArchivio> /i:migdocs.xml /i:migapp.xml /v:13 /l:<PercorsoFileRegistro>
    
    Dove <PercorsoUtilità> rappresenta il percorso nel computer di origine in cui sono stati salvati i file e gli strumenti di Utilità di migrazione stato utente. <PercrosoArchivio> corrisponde al percorso completo di una cartella in un server di rete in cui è possibile creare l'archivio delle migrazioni e <PercorsoFileRegistro> è il percorso completo o relativo di un file in cui è possibile salvare le informazioni di registro di ScanState. Digitare ad esempio:

    cd /d c:\USMT
    scanstate \\fileserver\migration\mystore /i:migdocs.xml /i:migapp.xml /v:13 /l:scan.log
    
  3. Facoltativo: esaminare il registro di ScanState. Per informazioni sugli errori di Utilità di migrazione stato utente, vedere Risolvere i problemi.

Passaggio 2: Installare Windows 7

Dopo aver creato un archivio delle migrazioni in un server, è possibile procedere all'installazione di Windows 7 e al caricamento dei file e delle impostazioni dall'archivio delle migrazioni al computer di destinazione. È possibile riformattare il computer di origine (aggiornamento del PC) e utilizzarlo come computer di destinazione, oppure utilizzare un altro computer (sostituzione del PC).

È necessario installare Windows 7 ed eventuali applicazioni per le quali si eseguirà la migrazione di file e impostazioni al computer di destinazione.

Per installare Windows 7

  1. Se il computer contiene dati dell'utente, eseguirne il backup prima di riformattare.

  2. Per avviare Installazione Windows 7, inserire il DVD di Windows 7 mentre Windows è in esecuzione, scegliere le opzioni di lingua desiderate e fare clic su Installa. Se la schermata Installazione di Windows non viene visualizzata automaticamente, accedere alla cartella radice del DVD e fare doppio clic su setup.exe.

    noteNota
    È possibile utilizzare un file di risposta per l'installazione automatica in modo da personalizzare la distribuzione di Windows 7. Per ulteriori informazioni, vedere Guida dettagliata - Distribuzione di base di Windows per i professionisti IT oppure la .Guida dell'utente di Windows AIK.

  3. Leggere e accettare le condizioni di licenza del software Microsoft. Fare clic su Accetto le condizioni di licenza (necessario per utilizzare Windows) e quindi su Avanti. Se si fa clic su Non accetto (annulla l'installazione), il programma di installazione di Windows 7 verrà chiuso.

  4. Fare clic su Personalizzata (utenti esperti).

  5. Nella pagina Specificare il percorso in cui installare Windows fare clic su Opzioni unità (avanzate).

  6. Fare clic su una partizione e quindi su Elimina. Fare clic su OK se si desidera eliminare la partizione e tutti i dati che essa contiene.

  7. Se sono presenti altre partizioni, ripetere il passaggio 6 per ognuna di esse.

  8. Selezionare il disco contenente spazio non allocato e quindi fare clic su Nuova.

  9. Specificare le dimensioni della partizione o fare clic su Applica.

  10. Fare clic su OK. Verrà creata la nuova partizione nonché una partizione di sistema.

  11. Selezionare la nuova partizione e quindi fare clic su Formatta. Fare clic su OK se si desidera riformattare la partizione ed eliminare eventuali dati che essa contiene.

  12. Fare clic su Avanti.

    L'installazione di Windows 7 continuerà senza richiedere ulteriori interventi.

Installare applicazioni

Sebbene non sia sempre necessario, è consigliabile installare le applicazioni prima di caricare i file e le impostazioni dall'archivio delle migrazioni.

Per installare le applicazioni

  1. Installare tutte le applicazioni dell'utente nel computer di destinazione. La versione dell'applicazione installata nel computer di destinazione deve coincidere con quella nel computer di origine. Utilità di migrazione stato utente non supporta la migrazione delle impostazioni di una versione precedente di un'applicazione a una versione più recente. Fanno tuttavia eccezione le applicazioni di Microsoft® Office per le quali è spesso possibile eseguire la migrazione da una versione precedente a una più recente.

    Per ulteriori informazioni sulle applicazioni e le impostazioni supportate in Utilità di migrazione stato utente, vedere l'articolo relativo agli elementi di cui è possibile eseguire la migrazione con Utilità di migrazione stato utente.

  2. Chiudere tutte le applicazioni. Se alcune applicazioni sono in esecuzione quando si esegue LoadState, potrebbe non essere eseguita la migrazione di tutti i dati specificati. Ad esempio, se Microsoft Office Outlook® è aperto, la migrazione dei file con estensione pst che contengono, ad esempio, i messaggi e gli eventi del calendario dell'utente potrebbe non essere eseguita.

Passaggio 3: Applicare i dati mediante lo strumento LoadState

Per applicare i dati di cui è stata eseguita la migrazione ai dischi rigidi, è possibile connettere il computer alla rete, installare Utilità di migrazione stato utente ed eseguire LoadState.

Per connettere il computer alla rete

  1. Fare clic sul pulsante Start, fare clic con il pulsante destro del mouse su Risorse del computer e quindi scegliere Proprietà.

  2. In Impostazioni relative a nome computer, dominio e gruppo di lavoro fare clic su Cambia impostazioni.

  3. Nella finestra Proprietà sistema fare clic su ID di rete.

  4. Utilizzare la procedura guidata Aggiunta a un dominio o gruppo di lavoro per stabilire la connessione alla rete locale.

Per installare Utilità di migrazione stato utente

  • Copiare i file e gli strumenti di Utilità di migrazione stato utente nel computer di destinazione dall'unità flash USB o dalla condivisione di rete in cui sono stati salvati. Ad esempio, al prompt dei comandi del computer di destinazione digitare:

    xcopy \\fileserver\USMTx86 c:\USMT
    

Per eseguire LoadState

  1. Accedere al computer di destinazione con un account provvisto di privilegi di amministratore. L'account deve inoltre disporre delle autorizzazioni per la condivisione di rete in cui è stato creato l'archivio delle migrazioni.

  2. Aprire un prompt dei comandi. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi e quindi scegliere Esegui come amministratore.

  3. Fare clic su per aprire il prompt dei comandi.

  4. Eseguire LoadState nel computer di destinazione. Specificare lo stesso set di file con estensione xml specificato quando è stato eseguito ScanState.

    cd /d <PercorsoUtilità>
    loadstate <PercorsoArchivio> /i:migdocs.xml /i:migapp.xml /lac /lae /v:13 /l:<PercorsoFileRegistro>
    
    Dove <PercorsoUtilità> rappresenta il percorso nel computer di origine in cui sono stati salvati i file e gli strumenti di Utilità di migrazione stato utente, mentre <PercorsoArchivio> corrisponde al percorso completo di una cartella in un server di rete in cui è possibile creare l'archivio delle migrazioni e <PercorsoFileRegistro> è il percorso completo o relativo di un file in cui è possibile salvare le informazioni di registro di ScanState. Digitare ad esempio:

    cd /d c:\USMTloadstate \\fileserver\migration\mystore /i:migdocs.xml /lac /lae /i:migapp.xml /v:13 /l:load.log
    
    noteNota
    Le opzioni /lac e /lae specificano che gli account locali, ad esempio USMT Tester, eventualmente creati nel passaggio 1 verranno creati e abilitati nel computer di destinazione. Non verrà eseguita la migrazione delle password degli account locali. È possibile specificare una nuova password per l'account nella riga di comando di LoadState. Se non si specifica una password, l'account non disporrà di alcuna password per impostazione predefinita. Per ulteriori informazioni, vedere Sintassi di LoadState.

  5. Facoltativo: esaminare i file di registro di LoadState. Per informazioni sugli errori di Utilità di migrazione stato utente, vedere Risolvere i problemi.

Dopo aver riavviato il computer, sarà possibile verificare che la migrazione dell'account USMT Tester abbia avuto esito positivo e che i documenti di prova siano presenti nel nuovo computer. È possibile accedere all'account USMT Tester e verificare la migrazione delle eventuali personalizzazioni apportate nel passaggio 1.

Passaggi successivi

Ulteriori informazioni sulla personalizzazione della migrazione sono disponibili nella Guida dell'utente di Utilità di migrazione stato utente (Usmt.chm) installata con Windows Automated Installation Kit o scaricabile da questo sito Web Microsoft.

Vedere anche

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft