Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Panoramica di backup e ripristino per Windows Server 2008 R2

Aggiornamento: novembre 2009

Si applica a: Windows Server 2008 R2

Windows Server 2008 R2 contiene funzionalità nuove e migliorate per la creazione di backup e, se necessario, l'esecuzione di un ripristino del sistema operativo. Utilizzando correttamente queste funzionalità e implementando efficaci procedure operative, è possibile migliorare la capacità dell'organizzazione di eseguire un ripristino in seguito a perdite di dati, problemi hardware e situazioni di emergenza. In Windows Server 2008 R2 sono disponibili nuove funzionalità che espandono il numero degli elementi di cui è possibile eseguire il backup, le posizioni in cui archiviare i backup e le modalità di esecuzione dei ripristini.

Questo argomento include le sezioni seguenti:

Tecnologie di backup e ripristino

Sono disponibili numerose funzionalità che è possibile utilizzare in combinazione per creare backup ed eseguire il ripristino di sistemi server e dati. Di seguito sono riportate alcune di queste funzionalità:

  • Copie shadow di cartelle condivise. Questa funzionalità è un'estensione dello snap-in MMC (Microsoft Management Console) Cartelle condivise.

  • Strumenti per Windows Server Backup. Questi strumenti includono lo snap-in di MMC Windows Server Backup, il comando Wbadmin e i cmdlet di Windows PowerShell per Windows Server Backup.

  • Ambiente ripristino Windows. Questo ambiente include lo strumento Ripristino immagine del sistema, lo Strumento di diagnostica memoria Windows e il prompt dei comandi.

Nella seguente tabella sono riepilogati gli strumenti che è possibile utilizzare per eseguire le attività di backup o ripristino per i computer che eseguono Windows Server 2008 R2:

 

Copie shadow di cartelle condivise

Snap-in Windows Server Backup

Comando Wbadmin

Cmdlet di Windows PowerShell (Windows.ServerBackup)

Ambiente ripristino Windows

Creare copie shadow di file o cartelle in una risorsa condivisa

Creare una pianificazione per l'esecuzione automatica dei backup

Creare un backup supplementare una sola volta

Eseguire il ripristino di file, cartelle, applicazioni, volumi, stato del sistema e catalogo

Eseguire un ripristino bare metal, un ripristino completo del server o un ripristino del sistema operativo

Gestione remota

Panoramica delle copie shadow di cartelle condivise

Le copie shadow di cartelle condivise consentono di creare copie temporizzate dei file contenuti in una risorsa condivisa, come ad esempio un file server.

Che cosa sono le copie shadow di cartelle condivise?

Le copie shadow di cartelle condivise sono una funzionalità inclusa nello snap-in MMC Cartelle condivise che i professionisti IT o gli utenti possono utilizzare per visualizzare le versioni precedenti di file e cartelle condivise. La possibilità di accedere alle versioni precedenti dei file, o copie shadow, è utile perché consente di:

  • Ripristinare file eliminati accidentalmente. Se un file è stato eliminato accidentalmente, è possibile aprire una versione precedente e copiarla in una posizione sicura.

  • Ripristinare un file sovrascritto accidentalmente. Se si sovrascrive accidentalmente un file, è possibile eseguire il ripristino di una versione precedente del file (il numero delle versioni dipende da quanti snapshot sono stati creati).

  • Confrontare diverse versioni di un file durante l'utilizzo. È possibile utilizzare le versioni precedenti quando si desidera verificare le modifiche apportate tra le diverse versioni di un file.

La creazione di copie shadow non sostituisce tuttavia la creazione di backup periodici. Utilizzare uno strumento come Windows Server Backup per creare backup periodici del server. È inoltre possibile abilitare le copie shadow di cartelle condivise solo a livello di volume, ovvero non è possibile selezionare gli specifici file e cartelle da copiare o meno in un volume.

Considerazioni su hardware e software per le copie shadow di cartelle condivise

La funzionalità Copie shadow di cartelle condivise è inclusa in tutte le edizioni di Windows Server 2008 R2. L'interfaccia utente della funzionalità non è tuttavia disponibile per l'opzione di installazione Server Core di Windows Server 2008 R2. Per creare copie shadow per i computer con un'installazione Server Core, è necessario gestire questa funzionalità in remoto da un altro computer.

Se si prevede di deframmentare il volume di origine in cui è attivata la funzionalità Copie shadow di cartelle condivise, è consigliabile impostare la dimensione dell'unità di allocazione del cluster almeno su 16 KB al momento della formattazione iniziale del volume di origine. In caso contrario, il numero di modifiche causate dalla deframmentazione può determinare l'eliminazione delle versioni precedenti dei file.

Se è necessaria la compressione file NTFS nel volume di origine, non è possibile utilizzare una dimensione dell'unità di allocazione superiore a 4 KB. In tal caso, quando si esegue la deframmentazione di un volume notevolmente frammentato, è possibile perdere le copie shadow meno recenti più velocemente del previsto.

Ulteriori riferimenti per le copie shadow di cartelle condivise

Per ulteriori informazioni sulle copie shadow di cartelle condivise e il ripristino di file e cartelle, vedere le seguenti risorse:

  • Per istruzioni sull'attivazione e la gestione delle copie shadow di cartelle condivise, vedere la Guida in linea locale digitando il seguente comando al prompt dei comandi: hh scfs.chm.

  • Per informazioni tecniche sulle copie shadow di cartelle condivise, visitare il sito Web all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=94407.

  • Per informazioni tecniche sull'utilizzo delle copie shadow di cartelle condivise con il client Versioni precedenti, visitare il sito Web all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=94410.

  • Per informazioni tecniche su backup e ripristino, visitare il sito Web all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=93236.

Panoramica di Windows Server Backup

Windows Server Backup è una funzionalità che fornisce un set di procedure guidate e altri strumenti per l'esecuzione delle attività di base di backup e ripristino dei server. Questa funzionalità è stata aggiornata fin dalla sua introduzione in Windows Server 2008. Inoltre, la funzionalità di backup disponibile con le versioni precedenti di Windows (Ntbackup.exe) è stata eliminata.

Che cos'è Windows Server Backup?

Windows Server Backup è costituito da uno snap-in MMC, strumenti della riga di comando e cmdlet di Windows PowerShell che offrono una soluzione completa per le esigenze quotidiane di backup e ripristino. È possibile utilizzare quattro procedure guidate per ottenere tutte le indicazioni necessarie per l'esecuzione di backup e ripristini. Windows Server Backup può essere utilizzato per eseguire il backup di un intero server (tutti i volumi), di alcuni volumi, dello stato del sistema o di specifici file e cartelle oppure per creare un backup utilizzabile per un ripristino bare metal. È possibile ripristinare volumi, cartelle, file, determinate applicazioni e lo stato del sistema. Inoltre, in caso di situazioni di emergenza come un problema del disco rigido, è possibile eseguire un ripristino del sistema o un ripristino bare metal utilizzando un backup dell'intero server o bare metal e Ambiente ripristino Windows, in modo da ripristinare completamente il sistema in un nuovo disco rigido.

Windows Server Backup può essere utilizzato per creare e gestire backup per il computer locale o per un computer remoto. È inoltre possibile pianificare i backup per l'esecuzione automatica.

Windows Server Backup è progettato per l'utilizzo da parte di chiunque abbia esigenza di una soluzione di backup di base, dai titolari delle piccole aziende ai professionisti IT nelle grandi imprese. La sua struttura, tuttavia, lo rende particolarmente adatto per le organizzazioni più piccole o gli utenti che non sono professionisti IT.

noteNota
Utilizzando Windows Server Backup, non è possibile eseguire il ripristino di backup creati in una versione precedente di Windows con Ntbackup.exe. È tuttavia disponibile una versione scaricabile di Ntbackup.exe per Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2 utilizzabile dagli utenti che desiderano ripristinare dati da backup creati tramite Ntbackup.exe. La versione scaricabile di Ntbackup.exe consente soltanto di eseguire il ripristino di backup creati in versioni precedenti di Windows e non può essere utilizzata per creare nuovi backup. Per eseguire il download di Ntbackup.exe, visitare il sito Web all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=82917.

Funzionalità di Windows Server Backup

  • Snap-in Windows Server Backup. Questo strumento contiene quattro procedure guidate che semplificano l'esecuzione di backup e ripristini dei server: Pianificazione guidata backup, Creazione guidata backup unico, Ripristino guidato e Ripristino guidato catalogo. La pagina principale dello snap-in consente di visualizzare informazioni sui backup eseguiti e da eseguire o sulle operazioni di ripristino. È inoltre possibile utilizzare lo strumento per configurare le opzioni relative alle prestazioni per il backup e il ripristino.

    Una nuova funzionalità di Windows Server 2008 R2 è la possibilità di utilizzare Pianificazione guidata backup e Creazione guidata backup unico per creare backup che consentono di eseguire ripristini dello stato del sistema o bare metal. Altre nuove funzionalità sono le capacità di archiviare i backup pianificati in una cartella condivisa remota, di eseguire il backup di specifici file e cartelle invece che di interi volumi e di escludere file in base alla posizione e al tipo.

  • Comando Wbadmin. Windows Server Backup include il comando Wbadmin e la relativa documentazione, che consentono di eseguire tramite la riga di comando le stesse attività che è possibile effettuare utilizzando lo snap-in. Per ulteriori informazioni, vedere le informazioni di riferimento sul comando (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=140216) (la pagina potrebbe essere in inglese). È inoltre possibile automatizzare le attività di backup tramite script.

    Le modifiche apportate al comando sono le stesse apportate allo snap-in Windows Server Backup.

  • Cmdlet di Windows PowerShell per Windows Server Backup. Windows Server 2008 R2 contiene un insieme aggiornato di cmdlet per Windows Server Backup che è possibile utilizzare per creare script per l'esecuzione dei backup. Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=140217.

Considerazioni su hardware e software per Windows Server Backup

Windows Server Backup è incluso in tutte le edizioni di Windows Server 2008. Lo snap-in Windows Server Backup non è tuttavia disponibile per l'opzione di installazione Server Core. Per eseguire backup per i computer con un'installazione Server Core, è necessario utilizzare la riga di comando o gestire i backup in remoto da un altro computer.

Windows Server Backup supporta dischi rigidi esterni e interni, unità per supporti ottici e unità rimovibili. Benché non sia più possibile eseguire backup su nastro, il supporto per i driver dei sistemi di archiviazione su nastro è ancora incluso. Per eseguire un backup pianificato, la procedura consigliata è l'utilizzo di un disco rigido esterno che supporta USB 2.0 o IEEE 1394.

Ulteriori riferimenti per Windows Server Backup

Per ulteriori informazioni su Windows Server Backup, vedere le risorse seguenti:

Panoramica di Ambiente ripristino Windows

Ambiente ripristino Windows è una versione parziale del sistema operativo e un set di strumenti che è possibile utilizzare, insieme a un backup creato in precedenza tramite Windows Server Backup, per eseguire ripristini dei sistemi.

Che cos'è Ambiente ripristino Windows?

È possibile accedere agli strumenti di ripristino e risoluzione dei problemi offerti da Ambiente ripristino Windows tramite la finestra di dialogo Opzioni ripristino di sistema nell'installazione guidata di Windows. Per avviare questa procedura guidata in Windows Server 2008 R2, utilizzare il disco di installazione di Windows o riavviare il computer, premere F8 e quindi selezionare Ripristina il computer dall'elenco delle opzioni di avvio.

È possibile disabilitare o abilitare Ambiente ripristino Windows effettuando le operazioni seguenti:

Per disabilitare Ambiente ripristino Windows

  1. Per aprire un prompt dei comandi con privilegi elevati, fare clic su Start, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi, quindi fare clic su Esegui come amministratore.

  2. Al prompt digitare: <Unitàsistema>:\Windows\System32\REAgentC.exe /disable

noteNota
Questa procedura evita l'avvio manuale di Ambiente ripristino Windows tramite il tasto F8.

Per abilitare di nuovo Ambiente ripristino Windows

  1. Per aprire un prompt dei comandi con privilegi elevati, fare clic su Start, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi, quindi fare clic su Esegui come amministratore.

  2. Al prompt digitare: <unitàsistema>:\Windows\System32\REAgentC.exe /enable

È anche possibile configurare i server per il failover in Ambiente ripristino Windows in caso di problemi di avvio (per istruzioni, visitare il sito Web all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=94458).

Funzionalità di Ambiente ripristino Windows

Gli strumenti di Ambiente ripristino Windows includono:

  • Ripristino immagine del sistema. È possibile utilizzare questo strumento e un backup creato in precedenza con Windows Server Backup per ripristinare il sistema operativo o l'intero server.

  • Diagnostica memoria Windows. È possibile utilizzare questo strumento (che è una pianificazione diagnostica della memoria) per controllare la RAM del computer. Per eseguire questa operazione, è necessario riavviare il computer. Per utilizzare questo strumento è inoltre necessaria un'installazione valida di Windows Server 2008, Microsoft Windows Vista, Windows Server 2008 R2 o Windows 7.

  • Prompt dei comandi. È possibile aprire una finestra del prompt dei comandi con privilegi di amministratore che consente di accedere in modo completo al file system e ai volumi. Inoltre, alcuni comandi di Wbadmin sono disponibili solo da questa finestra di comando. Per informazioni sul comando Wbadmin, vedere le informazioni di riferimento sul comando (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=140216) (la pagina potrebbe essere in inglese).

Considerazioni su hardware e software per Ambiente ripristino Windows

Ambiente ripristino Windows è incluso in tutte le edizioni di Windows Server 2008 e Windows Server 2008 R2. Tuttavia, l'architettura del processore per una determinata istanza di Ambiente ripristino Windows e del computer di cui si sta tentando il ripristino devono corrispondere. Ambiente ripristino Windows per una versione x64 del sistema operativo, ad esempio, funziona solo su un computer basato su x64. Inoltre, il produttore dell'hardware potrebbe avere installato Ambiente ripristino Windows in una partizione del server. In caso contrario, sarà necessario un disco di installazione per accedere allo strumento.

In Windows Server 2008 R2 Ambiente ripristino Windows viene installato per impostazione predefinita, tranne che nel caso dell'opzione di installazione Server Core.

Ulteriori riferimenti per Ambiente ripristino Windows

Per ulteriori informazioni su Ambiente ripristino Windows e il ripristino del server, vedere le risorse seguenti:

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft