Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Guida dettagliata alla migrazione delle applicazioni e dei servizi del cluster a Windows Server 2008 R2

Pubblicato: gennaio 2010

Aggiornamento: gennaio 2010

Si applica a: Windows Server 2008 R2

Un cluster di failover è costituito da un gruppo di computer indipendenti che interagiscono tra di loro per migliorare la disponibilità di servizi e applicazioni. I server del cluster (nodi) sono connessi mediante cavi fisici e software. Se in uno dei nodi si verifica un errore, il servizio verrà garantito da un altro nodo tramite un processo denominato failover. Per gli utenti l'interruzione del servizio risulterà minima.

In questa guida viene descritto il processo di esecuzione della migrazione di applicazioni e servizi del cluster (precedentemente denominati gruppi di risorse) a un cluster di failover che esegue Windows Server 2008 R2.

ImportantImportante
Se si esegue la migrazione di alcune applicazioni e servizi del cluster, utilizzare la Migrazione guidata cluster. Altre applicazioni e servizi del cluster richiedono altri metodi per la migrazione. Per stabilire quale metodo utilizzare per un cluster, vedere la sezione relativa ai Percorsi di migrazione per l'esecuzione della migrazione a un cluster di failover che esegue Windows Server 2008 R2 in questa guida.

Se il metodo di migrazione prescelto è la Migrazione guidata cluster, la procedura guidata supporta la migrazione a un cluster che esegue Windows Server 2008 R2 da un cluster che esegue uno qualsiasi tra i sistemi operativi indicati di seguito (con o senza un Service Pack):

  • Windows Server 2003

  • Windows Server 2008

  • Windows Server 2008 R2

Non sono supportate migrazioni da Windows NT Server 4.0, Windows 2000 Advanced Server o Windows 2000 Datacenter Server. È altresì consigliabile passare in primo luogo a Windows Server 2003, quindi eseguire la migrazione delle risorse a Windows Server 2008 R2 seguendo i passaggi indicati in questa guida. Per ulteriori informazioni vedere Procedure relative all'aggiornamento di nodi cluster (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=180402).

Per istruzioni sull'esecuzione della Migrazione guidata cluster, vedere Migrare gruppi di risorse a un cluster di failover che esegue Windows Server 2008 R2 (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=161335).

Avvio della pianificazione di una migrazione

In fase di pianificazione di una migrazione a un cluster di failover che esegue Windows Server 2008 R2, considerare gli elementi indicati di seguito.

  • Microsoft® supporta una soluzione cluster di failover per Windows Server 2008 R2 solo se tutti i componenti hardware sono contrassegnati dal logo "Certified for Windows Server 2008 R2". La configurazione completa (server, rete e archiviazione) deve inoltre superare tutti i test della Convalida guidata configurazione, inclusa nello snap-in Gestione cluster di failover. Per ulteriori informazioni vedere Guida dettagliata al cluster di failover: Convalidare l'hardware per un cluster di failover (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=119949).

  • I requisiti hardware sono importanti in particolar modo nei casi in cui si intende continuare a utilizzare per il nuovo cluster gli stessi server o la stessa archiviazione del cluster precedente. Per ulteriori informazioni sui requisiti hardware, vedere la sezione relativa alla Panoramica e requisiti per un cluster di failover che esegue Windows Server 2008 R2.

  • In fase di migrazione è necessario eseguire le operazioni di copia e spostamento di dati o cartelle (incluse le impostazioni delle cartelle condivise). La procedura guidata per la migrazione di risorse del cluster non consente di eseguire la copia dei dati da un percorso di archiviazione condiviso a un altro. Non viene inoltre eseguita la copia di eventuali informazioni sui punti di montaggio utilizzate nel cluster precedente.

Scenari di migrazione che utilizzano la Migrazione guidata cluster

Se si intende utilizzare la Migrazione guidata cluster per la migrazione, sono disponibili vari metodi per eseguire il processo completo di migrazione. In questa guida vengono descritti i due metodi seguenti per utilizzare la Migrazione guidata cluster:

  • Creare un cluster di failover separato che esegue Windows Server 2008 R2, quindi esegue la migrazione al cluster. In questo scenario viene eseguita la migrazione da un cluster multinodo che esegue Windows Server 2003, Windows Server 2008 o Windows Server 2008 R2. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione relativa a una Migrazione tra due cluster multinodo.

  • Eseguire una migrazione sul posto con due soli server. In questo scenario, partendo da un cluster a due nodi che esegue Windows Server 2003 o Windows Server 2008, rimuovere un server dal cluster ed eseguire una installazione pulita (non un aggiornamento) di Windows Server 2008 R2 nel server. Utilizzare quindi il server per creare un cluster di failover a un nodo che esegue Windows Server 2008 R2, eseguirvi la migrazione di applicazioni e servizi del cluster dal nodo cluster precedente, quindi connettere le applicazioni e i servizi migrati. Nel nodo cluster precedente eseguire infine una installazione pulita di Windows Server 2008 R2 e la funzionalità Clustering di failover, aggiungere il server al cluster di failover ed eseguire test di convalida per confermare il corretto funzionamento della configurazione completa. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione relativa a una Migrazione sul posto per un cluster a due nodi.

La guida include tutti i passaggi per gli scenari precedenti, inclusi quelli per l'installazione del sistema operativo e la creazione di un nuovo cluster di failover che esegue Windows Server 2008 R2. I passaggi della guida consentono di apprendere ulteriori informazioni e acquisire familiarità con lo snap-in Gestione cluster di failover in Windows Server 2008 R2.

È consigliabile utilizzare in primo luogo le informazioni fornite in questa guida in un ambiente di lavoro di prova. Una guida dettagliata non è necessariamente concepita per distribuire le funzionalità Windows Server senza la relativa documentazione (come indicato nella sezione relativa a Ulteriori riferimenti) e deve essere utilizzata con cautela come documento a sé stante.

Per ulteriori informazioni sui miglioramenti nei cluster di failover in Windows Server 2008 R2, vedere Novità relative ai cluster di failover in Windows Server 2008 R2 (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=147426).

In questa guida

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft