Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Che cos'è la sincronizzazione?

Aggiornamento: aprile 2010

Si applica a: System Center Data Protection Manager 2010

La sincronizzazione è il processo mediante il quale Data Protection Manager (DPM) trasferisce le modifiche ai dati da un computer protetto a un server DPM e quindi applica le modifiche alla replica dei dati protetti. DPM si basa sulla sincronizzazione per mantenere le repliche sincronizzate con i dati presenti nei computer protetti.

Frequenza di sincronizzazione

Per la frequenza di sincronizzazione è possibile selezionare un qualsiasi intervallo di durata compresa tra 15 minuti e 24 ore. È inoltre possibile scegliere di eseguire la sincronizzazione solo prima della creazione di un punto di ripristino. Se si desidera proteggere dati che vengono modificati frequentemente durante il giorno, è consigliabile eseguire la sincronizzazione ogni 15 minuti. Se si desidera proteggere dati che vengono modificati con una frequenza inferiore, è possibile pianificare un numero minore di punti di ripristino e sincronizzare i dati prima della creazione di uno di questi. Per ulteriori informazioni, vedere Come modificare le opzioni di protezione dati.

Modalità di sincronizzazione

Per la sincronizzazione di una replica, in DPM sono disponibili i metodi seguenti:

  • Sincronizzazione incrementale

  • Sincronizzazione con verifica della coerenza

Con la sincronizzazione incrementale (detta anche sincronizzazione) le modifiche ai dati vengono trasferite dal computer protetto al server DPM e quindi applicate alla replica. Quando si crea un gruppo protezione dati, è possibile specificare una pianificazione per la sincronizzazione oppure accettare la pianificazione predefinita. In genere, la sincronizzazione incrementale può essere utilizzata con fiducia per mantenere una replica coerente con le origini dati corrispondenti. Questo metodo è più rapido ed efficace dell'esecuzione di una verifica di coerenza poiché utilizza il filtro DPM per identificare i blocchi modificati.

Con la sincronizzazione con verifica della coerenza (detta anche verifica di coerenza) le modifiche ai dati vengono trasferite dal computer protetto al server DPM ma per ogni blocco viene inoltre eseguita una verifica per garantire che tutti i dati della replica siano coerenti con i dati protetti. Questo processo è più lento della sincronizzazione poiché, anziché limitarsi ad applicare le modifiche dei dati alla replica, vengono confrontati tutti i dati della replica.

È possibile che sia necessario eseguire una verifica di coerenza nel caso in cui DPM non sia in grado di tenere traccia delle modifiche apportate a un'origine dati protetta, ad esempio quando lo spazio su disco allocato per il journal delle modifiche è insufficiente o quando il computer protetto viene arrestato in modo imprevisto durante la sincronizzazione. La verifica di coerenza influisce sulle prestazioni sia del computer protetto che del server DPM in modo diverso, a seconda del carico di rete, della potenza di elaborazione della CPU e del momento in cui viene eseguita. Se si desidera pianificare una verifica di coerenza giornaliera, è consigliabile pianificarla quando il traffico di rete è basso.

In DPM la verifica di coerenza viene avviata automaticamente su base giornaliera se si seleziona l'opzione per eseguire automaticamente la verifica di coerenza quando la replica è incoerente o quando viene pianificata una verifica di coerenza giornaliera per un gruppo protezione dati. La verifica di coerenza viene avviata automaticamente, inoltre, se si crea un gruppo protezione dati, si arresta la protezione dati del gruppo con l'opzione "Mantieni dati" e quindi si proteggono nuovamente gli stessi dati.

A causa del carico di elaborazione imposto al server DPM e al computer protetto, è consigliabile eseguire una verifica di coerenza manuale solo quando è necessario creare una replica coerente con le relative origini dati.

noteNota
DPM genera un avviso quando lo spazio su disco allocato per il journal delle modifiche è insufficiente o quando il computer protetto viene arrestato in modo imprevisto durante la sincronizzazione, indicante che è consigliabile una verifica di coerenza da parte dell'amministratore.

Journal delle modifiche

Il journal delle modifiche è una funzionalità di Windows che consente di registrare le operazioni di modifica, aggiunta ed eliminazione effettuate nei volumi NTFS.

Il journal delle modifiche esiste sul volume come file sparse. È possibile aumentare lo spazio su disco allocato per il journal delle modifiche. Lo spazio su disco allocato, tuttavia, non può essere ridotto. DPM utilizza il journal delle modifiche per identificare il set di file modificato dall'ultima sincronizzazione durante il backup di file server o computer client.

Vedere anche

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft