Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Panoramica di Hyper-V

Pubblicato: febbraio 2012

Aggiornamento: maggio 2013

Si applica a: Windows Server 2012

TipSuggerimento
Hyper-V è stato migliorato in Windows Server 2012. Esplorare la Guida alla valutazione e scaricare la versione di prova di Windows Server 2012.

In questo argomento viene descritto il ruolo Hyper-V in Windows Server 2012: vengono illustrati gli utilizzi pratici del ruolo, le funzionalità nuove o aggiornate più significative di questa versione rispetto alle versioni precedenti di Hyper-V, i requisiti hardware e l'elenco di sistemi operativi (noti come sistemi operativi guest) supportati per l'utilizzo in una macchina virtuale Hyper-V.

Argomenti correlati

Il ruolo Hyper-V consente di creare e gestire un ambiente di elaborazione virtualizzato utilizzando la tecnologia di virtualizzazione integrata in Windows Server 2012. Installando il ruolo Hyper-V vengono installati i componenti necessari e, facoltativamente, gli strumenti di gestione. I componenti necessari includono Windows Hypervisor, Servizio Virtual Machine Management Hyper-V, il provider WMI di virtualizzazione e altri componenti di virtualizzazione come il bus macchina virtuale (VMBus), il provider di servizi di virtualizzazione (VSP) e il driver dell'infrastruttura virtuale.

Gli strumenti di gestione per il ruolo Hyper-V sono costituiti da quanto segue:

  • Strumenti di gestione con interfaccia utente grafica: Console di gestione di Hyper-V, uno snap-in di MMC (Microsoft Management Console) e Virtual Machine Connection, che consente l'accesso all'output video di una macchina virtuale in modo che sia possibile interagire con essa.

  • Cmdlet specifici di Hyper-V per Windows PowerShell. Windows Server 2012 include un modulo Hyper-V, che consente l'accesso dalla riga di comando a tutte le funzionalità disponibili o meno nella GUI. Per ulteriori informazioni sul modulo Hyper-V, vedere Hyper-V Module for Windows PowerShell.

Se si utilizza Server Manager per installare il ruolo Hyper-V, gli strumenti di gestione sono inclusi, a meno che non vengano esclusi in maniera specifica. Se si utilizza Windows PowerShell per installare il ruolo Hyper-V, gli strumenti di gestione non sono inclusi per impostazione predefinita. Per installare gli strumenti, utilizzare il parametro –IncludeManagementTools. Per istruzioni sull'installazione del ruolo Hyper-V, vedere l'articolo relativo all'Installare il ruolo Hyper-V e configurare una macchina virtuale.

noteNota
Gli strumenti di gestione di Hyper-V in Windows Server 2012 sono progettati per consentire solo la gestione di questa versione di Hyper-V. Non è possibile utilizzare tali strumenti per gestire versioni precedenti di Hyper-V.

La tecnologia Hyper-V consente di virtualizzare l'hardware per offrire un ambiente in cui sia possibile eseguire più sistemi operativi contemporaneamente nello stesso computer fisico. Hyper-V consente di creare e gestire macchine virtuali e le relative risorse. Ogni macchina virtuale è un computer virtualizzato isolato in grado di eseguire un proprio sistema operativo. Il sistema operativo in esecuzione in una macchina virtuale è detto sistema operativo guest.

Per ulteriori informazioni sull'architettura di Hyper-V, vedere il poster dell'architettura dei componenti di Hyper-V in Windows Server 2012.

Hyper-V offre un'infrastruttura che consente di virtualizzare le applicazioni e i carichi di lavoro per supportare un'ampia gamma di obiettivi aziendali volti a migliorare l'efficienza e a ridurre i costi, tra cui i seguenti:

  • Creare o espandere un ambiente cloud privato. Hyper-V può aiutare nel passaggio a o nell'espansione dell'utilizzo di risorse condivise, regolando l'utilizzo in base al variare della domanda, per offrire servizi più flessibili e su richiesta.

  • Aumentare l'utilizzo dell'hardware. Grazie al consolidamento dei server e dei carichi di lavoro in un numero minore di computer fisici più potenti, è possibile ridurre il consumo di risorse, come energia e spazio fisico.

  • Migliorare la continuità aziendale. Hyper-V può aiutare a ridurre al minimo l'impatto dei tempi di inattività, sia pianificati che non pianificati, per i carichi di lavoro.

  • Creare o espandere un'infrastruttura VDI (Virtual Desktop Infrastructure). Una strategia desktop centralizzata con VDI può aiutare a migliorare la flessibilità aziendale e la sicurezza dei dati, nonché semplificare la conformità ai requisiti normativi e la gestione delle applicazioni e dei sistemi operativi desktop. Distribuire Hyper-V e Host di virtualizzazione Desktop remoto nello stesso computer fisico per rendere disponibili per gli utenti i pool di desktop virtuali o i desktop virtuali personali.

  • Aumentare l'efficienza delle attività di test e sviluppo. È possibile utilizzare le macchine virtuali per riprodurre ambienti di elaborazione diversi senza dover acquistare o gestire tutto l'hardware che sarebbe altrimenti necessario.

Hyper-V in Windows Server 2012 include miglioramenti in numerose aree. Nella tabella seguente sono elencate le modifiche alle funzionalità più significative in questa versione di Hyper-V. Per ulteriori dettagli su queste modifiche e per informazioni sulle altre modifiche alle funzionalità non elencate in questa tabella, vedere Novità di Hyper-V.

 

Funzione/funzionalità Novità o aggiornamento Riepilogo

Hyper-V client (Hyper-V in Windows® 8 Pro)

Novità

Creare ed eseguire macchine virtuali Hyper-V utilizzando un sistema operativo desktop Windows.

Modulo Hyper-V per Windows PowerShell

Novità

Utilizzare i cmdlet di Windows PowerShell per creare e gestire l'ambiente Hyper-V.

Replica Hyper-V

Novità

Replicare macchine virtuali tra sistemi di archiviazione, cluster e data center per garantire continuità aziendale e ripristino di emergenza.

Live Migration

Aggiornamento

Eseguire migrazioni in tempo reale in macchine virtuali in cluster o non in cluster, nonché eseguire più di una migrazione in tempo reale contemporaneamente.

Scalabilità significativamente aumentata e resilienza migliorata

Aggiornamento

Utilizzare risorse di elaborazione e archiviazione significativamente più grandi rispetto a quanto non fosse possibile in precedenza. La gestione migliorata degli errori hardware consente un aumento della resilienza e della stabilità dell'ambiente di virtualizzazione.

Per ulteriori informazioni, vedere l'Hyper-V Scalability in Windows Server 2012.

Migrazione dell'archiviazione

Novità

Spostare i dischi rigidi virtuali delle macchine virtuali in esecuzione in percorsi di archiviazione diversi senza tempi di inattività.

Fibre Channel virtuale

Novità

Eseguire la connessione all'archiviazione Fibre Channel da un sistema operativo guest.

Formato del disco rigido virtuale

Aggiornamento

Creare dischi rigidi virtuali stabili e ad alte prestazioni con dimensioni fino a 64 terabyte.

Commutatore virtuale

Aggiornamento

Nuove funzionalità, come virtualizzazione di rete, supporto per multi-tenancy ed estensioni che i partner Microsoft possono offrire per aggiungere funzionalità per il monitoraggio, l'inoltro e il filtro di pacchetti.

Hyper-V richiede un processore a 64 bit che include quanto indicato di seguito:

  • Virtualizzazione assistita mediante hardware. Disponibile nei processori che includono un'opzione di virtualizzazione, in particolare i processori con tecnologia di virtualizzazione Intel (Intel VT) o la virtualizzazione AMD (AMD-V).

  • È necessario rendere disponibile e abilitare Protezione esecuzione programmi applicata a livello di hardware. In particolare, è necessario abilitare Intel XD Bit (eXecute Disable Bit) o AMD NX Bit (No eXecute Bit).

Hyper-V include un pacchetto software per i sistemi operativi guest supportati che migliora l'integrazione tra il computer fisico e la macchina virtuale. Questo pacchetto è noto con il nome di servizi di integrazione. In generale, questo pacchetto viene installato nel sistema operativo guest tramite una procedura distinta dopo la configurazione del sistema operativo nella macchina virtuale. In alcuni sistemi operativi, tuttavia, i sistemi di integrazione sono incorporati e non è necessaria un'installazione distinta. Per istruzioni sull'installazione dei servizi di integrazione, vedere l'Installare il ruolo Hyper-V e configurare una macchina virtuale.

Nella tabella seguente sono elencati i sistemi operativi supportati in Windows Server 2012 per l'utilizzo come sistemi operativi guest nelle macchine virtuali Hyper-V e vengono fornite informazioni sui servizi di integrazione. Sono incluse anche informazioni su alcune distribuzioni Linux per le quali sono disponibili i servizi di integrazione. Microsoft offre supporto per i problemi riscontrati con i servizi di integrazione.

noteNota
Microsoft fornisce supporto per i sistemi operativi elencati nelle tabelle seguenti, secondo le modalità seguenti:

  • I problemi riscontrati nei sistemi operativi Microsoft e nei servizi di integrazione sono supportati direttamente da Microsoft.

  • Per i problemi riscontrati in altri sistemi operativi certificati dal fornitore per l'esecuzione su Hyper-V, il supporto è fornito dal fornitore. Ad esempio, vedere la voce relativa a Red Hat Enterprise Linux 5.9 nella tabella seguente.

  • Per i problemi riscontrati in altri sistemi operativi, Microsoft sottopone il problema alla community di supporto dei fornitori, TSANet.

 

Sistema operativo guest (server) Numero massimo di processori virtuali Note

Windows Server 2012

64

I servizi di integrazione sono incorporati e non richiedono un'installazione distinta.

Windows Server 2008 R2 con Service Pack 1 (SP1)

64

Edizioni Datacenter, Enterprise, Standard e Web. Installare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

Windows Server 2008 R2

64

Edizioni Datacenter, Enterprise, Standard e Web. Aggiornare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

Windows Server 2008 con Service Pack 2 (SP2)

8

Edizioni Datacenter, Enterprise, Standard e Web (32 bit e 64 bit). Installare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

Windows Home Server 2011

4

Informazioni sull'edizione non applicabili. Installare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

Windows Small Business Server 2011

Essentials - 2

Standard - 4

Edizioni Essentials e Standard. Installare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

Windows Server 2003 R2 con Service Pack 2 (SP2)

2

Edizioni Standard, Web, Enterprise e Datacenter (32 bit e 64 bit). Installare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

Windows Server 2003 con Service Pack 2

2

Edizioni Standard, Web, Enterprise e Datacenter (32 bit e 64 bit). Installare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

CentOS 5.7 e 5.8

64

Scaricare e installare i Servizi di integrazione per Linux versione 3.4 per Hyper-V.

CentOS 6.0 - 6.3

64

Scaricare e installare i Servizi di integrazione per Linux versione 3.4 per Hyper-V.

Red Hat Enterprise Linux 5.7 e 5.8

64

Scaricare e installare i Servizi di integrazione per Linux versione 3.4 per Hyper-V.

Red Hat Enterprise Linux 5.9

64

I servizi di integrazione sono incorporati e non richiedono un'installazione distinta.

Certificazione Red Hat. https://hardware.redhat.com/show.cgi?id=894519

Red Hat Enterprise Linux 6.0 - 6.3

64

Scaricare e installare i Servizi di integrazione per Linux versione 3.4 per Hyper-V.

SUSE Linux Enterprise Server 11 SP2

64

I servizi di integrazione sono incorporati e non richiedono un'installazione distinta.

Open SUSE 12.1

64

I servizi di integrazione sono incorporati e non richiedono download e installazione distinti.

Ubuntu 12.04

64

I servizi di integrazione sono incorporati e non richiedono download e installazione distinti.

 

Sistema operativo guest (client) Numero massimo di processori virtuali Note

Windows 8

32

I servizi di integrazione sono incorporati e non richiedono un'installazione distinta.

Windows 7 con Service Pack 1 (SP1)

4

Edizioni Ultimate, Enterprise e Professional (32 bit e 64 bit). Aggiornare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

Windows 7

4

Edizioni Ultimate, Enterprise e Professional (32 bit e 64 bit). Aggiornare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

Windows Vista con Service Pack 2 (SP2)

2

Edizioni Business, Enterprise e Ultimate, incluse le edizioni N e KN. Installare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

Windows XP con Service Pack 3 (SP3)

2

Professional. Installare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

Windows XP x64 Edition con Service Pack 2 (SP2)

2

Professional. Installare i servizi di integrazione dopo aver configurato il sistema operativo nella macchina virtuale.

CentOS 5.7 e 5.8

64

Scaricare e installare i Servizi di integrazione per Linux versione 3.4 per Hyper-V.

CentOS 6.0 - 6.3

64

Scaricare e installare i Servizi di integrazione per Linux versione 3.4 per Hyper-V.

Red Hat Enterprise Linux 5.7 e 5.8

64

Scaricare e installare i Servizi di integrazione per Linux versione 3.4 per Hyper-V.

Red Hat Enterprise Linux 6.0 - 6.3

64

Scaricare e installare i Servizi di integrazione per Linux versione 3.4 per Hyper-V.

SUSE Linux Enterprise Server 11 SP2

64

I servizi di integrazione sono incorporati e non richiedono un'installazione distinta.

Open SUSE 12.1

64

I servizi di integrazione sono incorporati e non richiedono un'installazione distinta.

Ubuntu 12.04

64

I servizi di integrazione sono incorporati e non richiedono un'installazione distinta.

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Mostra:
© 2014 Microsoft