Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Pianificazione dell'utilizzo della larghezza di banda di Internet per Office 365

 

Si applica a: Office 365 Enterprise

Riepilogo: sono disponibili suggerimenti relativi al contenimento dell'utilizzo della larghezza di banda durante le migrazioni e l'aggiornamento di client nonché relativi alle limitazioni NAT con impatto su Outlook. Vengono inoltre forniti collegamenti a strumenti di calcolo della larghezza di banda per Office 365.

Utilizzando le offerte di servizi di Office 365 potrebbe aumentare il traffico Internet dell'organizzazione, per questo motivo è importante valutare l'impatto dei servizi sulla rete. Il traffico di posta elettronica con la distribuzione ibrida di Exchange e l'attività di sincronizzazione della directory hanno l'impatto maggiore sulla larghezza di banda, ma alcune organizzazioni potrebbero rilevare un aumento generale del traffico Internet dopo la migrazione degli utenti alla suite Office 365. Tenere presente che esistono molte variabili esclusive dell'ambiente di ogni cliente. Di conseguenza, Microsoft è in gradi di offrire linee guida su come pianificare modifiche alla alla larghezza di banda, ma non può dare indicazioni esatte sul modo in cui la larghezza di banda cambierà.

NotaNota:
Se il numero di calendari e cassette postali condivisi è elevato, è possibile che si verifichi un aumento del numero di connessioni da Outlook a Exchange. Ad esempio, il client Outlook potrebbe aprirsi a due connessioni aggiuntive per ciascun calendario condiviso in uso. In tal caso, verificare che il proxy in uscita sia in grado di gestire le connessioni oppure escludere il proxy per le connessioni a Office 365 relative a Outlook.

Sono molte le variabili da considerare quando si stima il traffico di rete. Di seguito sono riportate alcune di queste variabili:

  • Le offerte di servizi di Office 365 che l'organizzazione ha sottoscritto.

  • Il numero di computer client utilizzati contemporaneamente.

  • Il tipo di attività eseguita da ogni computer client.

  • Le prestazioni del software del browser Internet.

  • La capacità delle connessioni di rete e dei segmenti di rete associati con ogni computer client.

  • La topologia della rete dell'organizzazione e la capacità dei diversi componenti dell'hardware di rete.

Per informazioni sui requisiti della larghezza di banda per la conferenza Lync Server 2010, vedere l'articolo della TechNet relativo alla definizione dei requisiti per la conferenza.

Sono disponibili alcuni strumenti di calcolo in grado di semplificare la stima dei requisiti relativi alla larghezza di banda di rete. Questi strumenti possono essere utilizzati sia per le distribuzioni locali sia per le distribuzioni di Office 365. Lo strumento di calcolo della larghezza di banda di rete per client di Exchange consente di stimare i requisiti per un gruppo specifico di utenti di Outlook, Outlook Web App e dispositivi mobili nella distribuzione di Office 365. Lo strumento di calcolo della larghezza di banda per Lync Server 2010 e 2013 consente di immettere le informazioni relative agli utenti e alle funzionalità di Lync Online che si desidera distribuire per determinare automaticamente i requisiti.

La verifica e la convalida della larghezza di banda Internet (download, upload, e vincoli di latenza) sono essenziali per capire come raggiungere una migrazione veloce dei contenuti delle cassette postali locali agli ambienti Office 365 e Exchange Online. Una connettività lenta o latente riduce il numero di migrazioni di cassette postali che possono essere completate durante una finestra di migrazione. Assicurarsi di eseguire le operazioni seguenti:

  • Verificare e confermare che la larghezza di banda Internet dell'organizzazione sia in grado di gestire l'impatto sulla rete delle migrazioni a Office 365.

  • Verificare la disponibilità larghezza di banda della rete interna per gli eventi di migrazione a Office 365.

  • Utilizzare strumenti di rete disponibili, come ad esempio:

  • Determinare download, upload e latenza tra l'ambiente locale e il data center Servizi cloud Microsoft più vicino. Le seguente attività possono aiutare per questa operazione:

    • Effettuare il ping di outlook.com per determinare l'indirizzo IP del data center Servizi cloud Microsoft più vicino dalla propria posizione.

    • Consultare un sito Web di mapping IP di terze parti (ad esempio, iplocation.net) per determinare la posizione del data center.

    • Utilizzare un sito Web di prova veloce (ad esempio, speedtest.net) per determinare le statistiche di upload, download e latenza tra l'ambiente locale e la posizione più vicina al data center Servizi cloud Microsoft.

    • Determinare i periodi in cui il sistema Exchange locale è molto utilizzato (ad esempio, durante i backup).

Per migliorare la velocità di migrazione e ridurre i vincoli della larghezza di banda dell'organizzazione, è consigliabile valutare le considerazioni seguenti:

  • Ridurre le dimensioni delle cassette postali. In questo modo aumenta la velocità di migrazione.

  • Utilizzare le funzionalità per spostare la cassetta postale con una distribuzione ibrida di Exchange. Con una distribuzione ibrida di Exchange, la posta offline (i file .OST) non deve essere scaricata nuovamente dopo la migrazione a Exchange Online. In questo modo vengono ridotti in modo significativo i requisiti di larghezza di banda per il download.

  • Pianificare gli spostamenti di cassette postali in modo che avvengano durante i periodi di traffico Internet scarso e utilizzo locale scarso di Exchange. Quando si pianificano gli spostamenti, tenere presente che le richieste di migrazione vengono inviate al proxy di replica della cassetta postale e potrebbero non verificarsi immediatamente.

Per informazioni più dettagliate, vedere Prestazioni della migrazione di Exchange Online e procedure consigliate.

L'organizzazione deve distribuire ed eseguire la configurazione desktop di Office 365 in ogni PC utente che utilizzerà applicazioni, quali Microsoft Outlook e Lync 2010. Se si distribuisce la configurazione desktop di Office 365 senza prima installare i service pack del sistema operativo necessari, service pack e aggiornamenti di Office, applicazione client Lync e così via, è possibile che l'organizzazione debba richiedere una significativa quantità di larghezza di banda per il download. Più in particolare, ogni PC deve connettersi a Internet, scaricare e installare ogni service pack o aggiornamento necessario. Per le organizzazioni con molti PC non aggiornati, la richiesta di larghezza di banda sarà superiore.

Per impedire la saturazione della larghezza di banda, Microsoft suggerisce di scaricare gli aggiornamenti necessari e distribuirli in ognuno dei PC dell'organizzazione prima di distribuire la configurazione desktop di Office 365. È possibile distribuire gli aggiornamenti tramite uno strumento di distribuzione dei pacchetti come ad esempio, Microsoft System Center Configuration Manager o un'applicazione di terze parti.

In alternativa, se non si possiede l'architettura o la capacità di distribuire gli aggiornamenti necessari, è possibile prendere in considerazione il criterio di gruppo di Active Directory o la limitazione della distribuzione della configurazione desktop di Office 365. Per limitare la distribuzione della configurazione desktop di Office 365, distribuire il pacchetto di configurazione a un sottoinsieme di utenti per volta, consentendogli di scaricare gli aggiornamenti necessari. Al termine, distribuire il pacchetto di configurazione a un altro sottoinsieme di utenti. Ripetere la procedura finché gli aggiornamenti necessari vengono distribuiti a tutti i PC.

Per ulteriori informazioni, vedere Aggiornamento e configurazione manuali dei desktop per Office 365.

 
Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.
Mostra:
© 2014 Microsoft