Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Verifica del dominio per mezzo di un record TXT o di un record MX

Pubblicato: giugno 2012

Aggiornamento: giugno 2014

Si applica a: Azure, Windows Intune

noteNota
In questo argomento vengono fornite informazioni relative ai servizi cloud, quali Windows Intune e Office 365, che sono basati su Microsoft Azure Active Directory per i servizi di identità e directory.

Per eseguire la verifica in Tenant di Microsoft Azure AD, si crea un record DNS presso il provider del servizio di hosting DSN in modo che Azure AD utilizzi tale record per confermare che si è proprietari del dominio. Il record DNS creato può essere un record TXT o un record MX. Quale scegliere?

  • Se il provider del servizio di hosting DNS consente la creazione di record TXT, è consigliabile utilizzare un record TXT per la verifica. Perché? I record TXT sono semplici da creare e non comportano possibili interferenze con il recapito dei messaggi di posta elettronica qualora venga immesso per errore un valore non corretto.

  • Se il provider del servizio di hosting DNS non consente la creazione di record TXT, proseguire creando un record MX per la verifica. Se le operazioni descritte vengono eseguite con attenzione, non si verificheranno ripercussioni sulla consegna di messaggi di posta elettronica.

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.

Aggiunte alla community

AGGIUNGI
Microsoft sta conducendo un sondaggio in linea per comprendere l'opinione degli utenti in merito al sito Web di MSDN. Se si sceglie di partecipare, quando si lascia il sito Web di MSDN verrà visualizzato il sondaggio in linea.

Si desidera partecipare?
Mostra:
© 2014 Microsoft