Esporta (0) Stampa
Espandi tutto
Il presente articolo è stato tradotto automaticamente. Passare il puntatore sulle frasi nell'articolo per visualizzare il testo originale.
Traduzione
Originale

Sensibilità di errore di query DNS

 

Si applica a: Exchange Server 2013

Ultima modifica dell'argomento: 2014-12-02

In Microsoft Exchange Server 2013, è possibile regolare la sensibilità di query DNS per il recapito di messaggi leggermente più veloce quando si verificano errori DNS per il dominio di destinazione. Tuttavia, a seconda di errori DNS, questa regolazione può causare errori di consegna in determinate circostanze.

Il server di Exchange che si occupa di recapitare messaggi a destinatari esterni deve essere in grado di trovare un server di messaggistica di destinazione che accetta la posta per i destinatari esterni. A seconda della destinazione, i messaggi vengono inseriti in una o più code Recapito remoto sono in attesa dell'invio a destinatari remoti. Per ulteriori informazioni sulle code di recapito, vedere Code.

Il server di Exchange interroga i server DNS configurati per trovare i record DNS necessari per recapitare il messaggio. I server DNS vengono interrogati nell'ordine in cui sono elencate. Se uno dei server DNS non è disponibile, la query passa al successivo server DNS nell'elenco. Il server DNS vengono interrogati per le seguenti informazioni:

  • Record di Mail Exchanger (MX) per la parte del dominio del destinatario esterno   Il record MX contiene il nome di dominio completo (FQDN) del server di messaggistica è responsabile dell'accettazione dei messaggi per il dominio e un valore di preferenza per il server di messaggistica. Un valore di preferenza più basso indica un server di messaggistica preferito. Il valore della preferenza è importante se il dominio dispone di più di un record MX. Per ottimizzare la tolleranza d'errore, la maggior parte delle organizzazioni utilizzano più server di messaggistica e di più record MX con i valori delle preferenze diverse.

  • Record di indirizzo (A) per i server di messaggistica di destinazione   Ogni server di messaggistica utilizzato in un record MX deve disporre di un record corrispondente. Il record viene utilizzato per trovare l'indirizzo IP del server di messaggistica di destinazione. Il server Trasporto Edge sottoscritto utilizza l'indirizzo IP per aprire una connessione SMTP con il server di messaggistica di destinazione. Sebbene sia tecnicamente possibile utilizzare il nome FQDN di un nome canonico (CNAME) record in un record MX, questa pratica viola RFC 974, RFC 1034, RFC 1912 e RFC 2181 e pertanto non è supportata dal server di messaggistica più.

    La combinazione richiesta di query DNS iterative e le query DNS ricorsiva che iniziano con un server DNS principale viene utilizzata per risolvere il nome FQDN del server di messaggistica viene trovato il record MX in un indirizzo IP.

In Exchange 2013, esiste un limite di query DNS non è configurabile di 5 secondi per ogni server DNS e un limite di un minuto per l'intera query DNS.

Anche quando le impostazioni DNS sul server di Exchange sono configurate correttamente, problemi con i record DNS per un dominio specifico o con qualsiasi server DNS che vengono utilizzati per individuare il server DNS autorevole per un dominio specifico può comunque verificarsi. In genere, questi problemi sono fuori controllo e devono essere risolti dalle parti che dispongono di tali server DNS. Questi errori correlati a DNS possono essere causati da una o più delle seguenti condizioni:

  • Record DNS non valido per il dominio di destinazione

  • Problemi con l'utilizzo dei server DNS

  • Problemi con la replica di server DNS

In Exchange 2013, quando una query DNS restituisce errori, la query continuerà al successivo server DNS se che il server DNS non è già restituito un errore per la query corrente.

È possibile controllare la sensibilità di errore di query DNS modificando il file di configurazione XML %ExchangeInstallPath%bin\EdgeTransport.exe.config . Questo file è associato il servizio di trasporto di Microsoft Exchange. Dopo aver riavviato il servizio di trasporto di Microsoft Exchange, vengono applicate le modifiche salvate in questo file. Quando si riavvia il servizio, il flusso della posta sul server è temporaneamente interrotta. La sensibilità di errore di query DNS è controllata dalla chiave DnsFaultTolerance nel file EdgeTransport.exe.config. Questa chiave vengono utilizzati i seguenti valori:

  • Flessibile   Quando la query DNS rileva una combinazione di record MX validi e i record MX non validi, la query DNS continua finché non viene raggiunto il valore di timeout di query DNS di un minuto. Il record MX non validi vengono ignorati e il record MX valido con il valore di preferenza più basso viene utilizzato per recapitare il messaggio al server di messaggistica di destinazione. Questo è il valore predefinito.

  • Normale   Quando la query DNS rileva innanzitutto un record MX non valido, vengono eliminati immediatamente qualsiasi risolto record MX con un valore di preferenza è maggiore o uguale ai record MX non valido. I rimanenti record MX con il valore di preferenza più basso viene utilizzato per recapitare il messaggio al server di messaggistica di destinazione senza attendere l'intera query DNS timeout. Sebbene questo comportamento può causare nel recapito dei messaggi più veloce, il potenziale svantaggio di questo comportamento è che la query DNS non può disporre di alcun record MX validi se sono vere le seguenti condizioni:

    • Il record MX non valido è il primo record MX per il dominio di destinazione.

    • Il record MX validi hanno lo stesso valore la precedenza i record MX non validi.

In modalità Normal e Lenient , i risultati della query DNS un record MX non validi non vengono mai memorizzati nella cache. La prossima volta che viene eseguita una query DNS, tenterà di risolvere i record MX per il dominio di destinazione.

NotaNota:
UNRESOLVED_TOKEN_VAL(GENL_Upgrade_WebConfigFiles)
 
Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.
Mostra:
© 2015 Microsoft