Distribuire elementi dei siti creati (SharePoint Server 2010)

 

Si applica a: SharePoint Server 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

In questo articolo vengono fornite indicazioni sulla distribuzione in Microsoft SharePoint Server 2010 delle personalizzazioni di elementi dei siti creati, incluse le procedure di distribuzione, le considerazioni generali e le procedure consigliate relative alla distribuzione di contenuto personalizzato.

Contenuto dell'articolo:

Gli elementi dei siti creati possono essere considerati come il "contenuto" dei siti. Si tratta delle pagine Web, delle immagini, delle pagine di layout, dei fogli di stile CSS e di altre risorse che costituiscono il sito Web di SharePoint Server 2010. Gli elementi dei siti creati includono:

  • Elementi della struttura del sito In questa categoria rientrano gli elementi dei siti, in genere creati tramite uno strumento di progettazione come Microsoft SharePoint Designer 2010, che compongono il framework in cui viene visualizzato il contenuto del sito. Sono esempi di elementi della struttura del sito le pagine master e i layout.

  • Contenuto Web Si tratta di elementi dei siti, in genere creati direttamente nel Web browser o in un programma di creazione e modifica client come Word 2010, che forniscono il contenuto del sito. Sono esempi di contenuto Web le pagine Web e le immagini.

In questo articolo non viene illustrata la distribuzione di elementi dei siti sviluppati, ad esempio web part e altro tipo di codice. Per ulteriori informazioni, vedere Distribuire pacchetti delle soluzioni (SharePoint Server 2010) e Distribuire modelli (SharePoint Server 2010).

Gli elementi dei siti creati possono essere distribuiti utilizzando diversi metodi:

  • La distribuzione del contenuto è un sistema incorporato che consente di creare processi di distribuzione del contenuto nel sito Web Amministrazione centrale. La distribuzione del contenuto consente di aggiornare con regolarità il contenuto o di spostarlo in una raccolta siti di destinazione.

  • Utilizzare il modello a oggetti per gestire scenari quali la scrittura di script per automatizzare attività comuni e l'impostazione di proprietà personalizzate per l'esportazione e l'importazione che personalizzano il contenuto. Il modello a oggetti garantisce un controllo maggiore sugli scenari di migrazione dei dati.

  • I pacchetti di distribuzione del contenuto vengono utilizzati per una singola operazione di spostamento o migrazione di contenuto in una raccolta siti di destinazione. Questi pacchetti sono file CAB contenenti in parte o interamente gli elementi dei siti creati di un sito Web e possono essere distribuiti in un ambiente disconnesso. Per creare i pacchetti di distribuzione del contenuto vengono utilizzati i cmdlet di Windows PowerShell.

NotaNote
In questo articolo non viene illustrato l'utilizzo di pacchetti delle soluzioni per la distribuzione del lavoro di sviluppo di SharePoint Server 2010 personalizzato nei server Web front-end o nei server applicazioni della server farm. I pacchetti delle soluzioni consentono di distribuire in un ambiente disconnesso elementi della struttura del sito, nonché nello stesso pacchetto elementi della struttura del sito ed elementi dei siti sviluppati. Per ulteriori informazioni, vedere Distribuire pacchetti delle soluzioni (SharePoint Server 2010).

La caratteristica di distribuzione del contenuto disponibile in SharePoint Server 2010 offre un metodo semplice ed efficace per l'automazione della distribuzione del contenuto da una farm a un'altra. È inoltre possibile utilizzare la distribuzione del contenuto per spostare contenuto ed elementi della struttura del sito tra un ambiente di gestione temporanea e l'ambiente di produzione in uno scenario in cui il contenuto viene sottoposto a gestione temporanea prima della pubblicazione.

È possibile utilizzare la caratteristica di distribuzione del contenuto per distribuire in uno o in entrambi gli scenari seguenti elementi dei siti creati:

  • Ambienti connessi   La caratteristica di distribuzione del contenuto può essere utilizzata solo in un ambiente connesso, ovvero in un ambiente in cui le farm di origine e di destinazione possono comunicare su una rete.

  • Ambienti automatizzati  Se si desidera automatizzare la distribuzione di elementi di siti creati da una server farm all'altra, la caratteristica di distribuzione del contenuto fornisce un sistema incorporato per l'impostazione di processi di distribuzione automatizzati.

La caratteristica di distribuzione del contenuto può essere utilizzata per distribuire tra un sito di creazione e modifica e più siti di destinazione personalizzazioni di elementi dei siti creati. La procedura consigliata prevede la distribuzione delle personalizzazioni tra il sito di creazione e modifica e il sito di gestione temporanea o l'ambiente pilota. Se si verifica tramite testing il corretto funzionamento di tutti gli elementi dei siti in condizioni di rete e di di sicurezza che corrispondono a quelle adottare nell'ambiente di produzione, è possibile distribuire le personalizzazioni dal sito di creazione e modifica all'ambiente di produzione.

NotaNote
La distribuzione del contenuto è sempre unidirezionale. Si tratta di un sistema "master singolo" che procede sempre da una farm o una raccolta siti di origine a una farm o una raccolta siti di destinazione.

Per informazioni aggiuntive generali su come pianificare l'utilizzo della distribuzione del contenuto con i siti di SharePoint Server 2010, vedere la pagina relativa alla pianificazione della distribuzione del contenuto Plan content deployment (SharePoint Server 2010).

I pacchetti di distribuzione del contenuto possono essere utilizzati per distribuire elementi dei siti creati in uno o più scenari seguenti:

  • Singola occorrenza di migrazione del contenuto Utilizzare un pacchetto di distribuzione del contenuto per spostare il contenuto in una raccolta siti di destinazione una sola volta. Se si prevede di aggiornare il contenuto di una raccolta siti di destinazione con frequenza regolare, utilizzare la caratteristica di distribuzione del contenuto o l'API per la migrazione del contenuto.

  • Ambienti disconnessi Se le farm sono disconnesse, è possibile creare un pacchetto di distribuzione del contenuto per il trasferimento asincrono nella farm di integrazione.

  • Contenuto di esempio Se le personalizzazioni degli elementi dei siti creati devono essere distribuite dall'ambiente di creazione e modifica all'ambiente di integrazione e utilizzate come esempi per lo sviluppo, è possibile utilizzare un pacchetto di distribuzione del contenuto per semplificare il processo.

Per eliminare problemi potenziali di sincronizzazione, è spesso necessario distribuire prima gli elementi dei siti sviluppati e solo in seguito gli elementi dei siti creati. Le soluzioni di farm e di applicazioni Web devono essere installate e distribuite nella farm di destinazione prima della distribuzione del contenuto. Notare inoltre che per evitare problemi con la distribuzione del contenuto, è necessario installare nel server di destinazione tutti i Language Pack in uso nel server di origine.

Prima di eseguire le procedure illustrate in questo articolo, è opportuno acquisire familiarità con i concetti relativi alla distribuzione delle personalizzazioni degli elementi dei siti. Per ulteriori informazioni sulla pianificazione e progettazione di siti e raccolte siti, vedere Pianificazione fondamentale del sito (SharePoint Server 2010). Scaricare inoltre una versione di Excel del foglio di lavoro Content deployment planning worksheet (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=167835&clcid=0x410).

Il contenuto può essere distribuito mediante processi di distribuzione del contenuto tra farm connesse in una rete. In molti ambienti di personalizzazione tali processi vengono eseguiti a intervalli regolari tra una farm e un'altra, ad esempio tutte le notti, per distribuire nella farm di integrazione tutte le personalizzazioni sviluppate nella farm di creazione e modifica. In questo modo gli autori e gli amministratori della farm di creazione e modifica non devono eseguire manualmente la migrazione delle personalizzazioni ed è possibile organizzare la migrazione in modo da farla coincidere con la distribuzione delle personalizzazioni dalle workstation per sviluppatori alla farm di integrazione per garantirne la distribuzione nell'ordine appropriato.

Per configurare la distribuzione del contenuto automatizzata, seguire la procedura descritta di seguito.

Per configurare la distribuzione del contenuto automatizzata
  1. Nella server farm di destinazione creare un sito vuoto per ricevere il processo di distribuzione del contenuto iniziale. Non applicare un modello al sito creato. In SharePoint Server 2010 non è possibile distribuire contenuto in un sito a cui sono stati applicati modelli vuoti.

  2. Nella pagina Impostazioni distribuzione del contenuto di Amministrazione centrale SharePoint nella farm di destinazione configurare la farm in modo da accettare i processi di distribuzione in ingresso, assegnare un server Web front-end come server di importazione per gestire i processi di distribuzione in ingresso e specificare se richiedere o meno la crittografia nella connessione tra le farm di origine e di destinazione.

  3. Nella farm di origine, nella pagina Impostazioni distribuzione del contenuto, assegnare un server Web come server di esportazione per gestire i processi di distribuzione in uscita.

  4. Nella farm di origine, nella pagina Gestisci percorsi e processi di distribuzione del contenuto in Amministrazione centrale, creare uno o più percorsi di distribuzione.

  5. Nella farm di origine, nella pagina Gestisci percorsi e processi di distribuzione del contenuto, creare uno o più processi di distribuzione per ogni percorso.

  6. Eseguire il processo di distribuzione iniziale per inizializzare il contenuto nella farm di destinazione.

  7. Se il percorso non distribuisce tutte le informazioni di sicurezza, è consigliabile replicare nella farm di destinazione gli utenti, i gruppi di SharePoint e le autorizzazioni per il contenuto e i siti della farm di origine.

Per ulteriori informazioni su come pianificare la distribuzione del contenuto automatizzata, vedere Pianificare la distribuzione del contenuto (SharePoint Server 2010).

La maggior parte degli scenari di distribuzione può essere implementata tramite Amministrazione centrale senza dover utilizzare script. È tuttavia possibile utilizzare il modello a oggetti per gestire altri scenari, ad esempio la scrittura di script per automatizzare attività comuni e l'impostazione di proprietà personalizzate per l'esportazione e l'importazione che non è possibile configurare quando si definisce una distribuzione tramite il sito Amministrazione centrale SharePoint. È inoltre possibile creare codice per l'esportazione e l'importazione di un pacchetto del contenuto in situazioni in cui la connettività tra una farm di origine e una farm di destinazione può essere limitata o non disponibile.

Per ulteriori informazioni sulla migrazione del contenuto e le API per la migrazione del contenuto, vedere Panoramica della migrazione del contenuto (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=187033&clcid=0x410). Per una panoramica della caratteristica di distribuzione del contenuto e del background e delle risorse necessari per creare e implementare soluzioni di distribuzione personalizzate, vedere Distribuzione di contenuto tra server (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=181466&clcid=0x410). Per un esempio di codice relativo all'utilizzo del modello a oggetti per la creazione di percorsi e processi di distribuzione del contenuto tra raccolte siti, vedere Procedura: Distribuire contenuto tra server (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=187034&clcid=0x410). Per un esempio di codice e informazioni su come esportare e importare un pacchetto del contenuto tramite l'API per la migrazione del contenuto, vedere Procedura: Personalizzare la distribuzione per scenari disconnessi (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=181076&clcid=0x410).

È possibile utilizzare Windows PowerShell per creare un pacchetto di distribuzione del contenuto che include gli elementi dei siti creati per un intero sito (incluso tutto il contenuto del sito), un elenco o una raccolta documenti.

NotaNote
Utilizzare pacchetti di distribuzione del contenuto per una singola occorrenza di migrazione di contenuto in una raccolta siti di destinazione. Utilizzare la caratteristica di distribuzione del contenuto o l'API per la migrazione del contenuto per spostare periodicamente contenuto da una raccolta siti di origine a una raccolta siti di destinazione.

I pacchetti di distribuzione del contenuto vengono implementati come file CMP. Esportare il pacchetto dal server di origine e quindi importarlo nel server di destinazione. È possibile utilizzare questo metodo di distribuzione del contenuto in ambienti sia connessi che disconnessi.

Se si utilizza un sistema di gestione della configurazione software, seguire le istruzioni per l'esportazione del pacchetto di distribuzione del contenuto e quindi utilizzare la procedura appropriata per il sistema di gestione della configurazione software in uso per salvare il file esportato.

Per creare un pacchetto di distribuzione del contenuto mediante Windows PowerShell
  1. Verificare che vengano soddisfatti i requisiti minimi seguenti: vedere Add-SPShellAdmin.

  2. Fare clic sul pulsante Start e scegliere Tutti i programmi.

  3. Fare clic su Prodotti Microsoft SharePoint 2010.

  4. Fare clic su Shell di gestione SharePoint 2010.

  5. Al prompt dei comandi di Windows PowerShell digitare il comando seguente:

    Export-SPWeb -Identity <URLname> -path <ExportFileName> -IncludeUserSecurity -IncludeVersions 4 -NoFileCompression
    

    Dove:

    • <URLname> è il sito da esportare. Questo sito viene scritto nel pacchetto di distribuzione del contenuto insieme a tutti i siti secondari sottostanti.

    • IncludeUserSecurity fa sì che il nuovo sito abbia le stesse autorizzazioni del sito originale.

    • IncludeVersions è impostato su 4 per specificare che devono essere incluse tutte le versioni.

    • NoFileCompression fa sì che il pacchetto di distribuzione del contenuto venga inviato come output in una cartella non compressa anziché un singolo file CAB. In questo modo è più complicato distribuire il pacchetto di distribuzione in un server diverso, ma è più semplice modificare i singoli file.

Per ulteriori informazioni, vedere Export-SPWeb.

NotaNote
Per l'esecuzione di attività amministrative dalla riga di comando è consigliabile utilizzare Windows PowerShell. Lo strumento da riga di comando Stsadm è deprecato, ma è stato incluso per garantire la compatibilità con le versioni precedenti del prodotto.
Per importare un pacchetto di distribuzione del contenuto mediante Windows PowerShell
  1. Verificare che vengano soddisfatti i requisiti minimi seguenti: vedere Add-SPShellAdmin.

  2. Fare clic sul pulsante Start e scegliere Tutti i programmi.

  3. Fare clic su Prodotti Microsoft SharePoint 2010.

  4. Fare clic su Shell di gestione SharePoint 2010.

  5. Al prompt dei comandi di Windows PowerShell digitare il comando seguente:

    Import-SPWeb -Identity <URLname> -path <ImportFileName> -IncludeUserSecurity
    

    Dove:

    • <URLname> è il sito che verrà importato, insieme a tutti i siti secondari sottostanti.

Per ulteriori informazioni, vedere Import-SPWeb.

NotaNote
Per l'esecuzione di attività amministrative dalla riga di comando è consigliabile utilizzare Windows PowerShell. Lo strumento da riga di comando Stsadm è deprecato, ma è stato incluso per garantire la compatibilità con le versioni precedenti del prodotto.

Mostra: