Determinare la modalità di gestione delle personalizzazioni (SharePoint Foundation 2010)

 

Si applica a: SharePoint Foundation 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

Se sono state apportate numerose personalizzazioni a siti basati su Windows SharePoint Services 3.0, è necessario determinare come si desidera gestire i siti personalizzati quando si esegue l'aggiornamento a Microsoft SharePoint Foundation 2010. L'approccio da adottare varia in base alla portata e alla tipologia delle personalizzazioni, alla complessità del sito e agli obiettivi dell'aggiornamento. Prima di eseguire l'aggiornamento, è necessario identificare e quindi valutare le personalizzazioni effettuate nell'ambiente e determinare infine se e come aggiornarle.

Contenuto dell'articolo:

Nell'ambito del processo di testing dell'aggiornamento, è consigliabile creare un inventario delle personalizzazioni sul lato server del proprio ambiente, ad esempio soluzioni, caratteristiche, web part, gestori eventi, pagine master, layout di pagina, file CSS e così via. Per ulteriori informazioni su come identificare le personalizzazioni, vedere Utilizzare un aggiornamento di prova per individuare possibili problemi (SharePoint Foundation 2010). È possibile utilizzare il foglio di lavoro Upgrade Planning worksheet per elencare personalizzazioni specifiche e quindi registrare i risultati della valutazione nella sezione successiva. Scaricare il foglio di lavoro da http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=179928&clcid=0x410 (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese).

Dopo aver identificato le personalizzazioni, è possibile scegliere come procedere. Per valutare le personalizzazioni, tenere presenti le considerazioni seguenti:

  • Valutare se la personalizzazione è ancora utile.

    • Considerare se soddisfa specifiche esigenze aziendali.

    • Determinare se è distribuita e utilizzata su larga scala.

  • Valutare se la personalizzazione è progettata correttamente.

    • Considerare se si basa su definizioni di sito supportate predefinite.

    • Determinare se vengono rispettate le procedure consigliate per le personalizzazioni.

    • Considerare se si tratta di un tipo di personalizzazione supportato o se può rappresentare un rischio per il proprio ambiente.

Durante la valutazione di ogni singola personalizzazione, è inoltre possibile esaminare l'approccio globale utilizzato per le personalizzazioni. È possibile scegliere tra le opzioni seguenti:

  1. Mantenere le personalizzazioni Utilizzare la Console di aggiornamento per continuare a utilizzare l'esperienza utente della versione precedente per siti specifici. Benché sia possibile utilizzare questo approccio per mantenere le stesse funzionalità, non sarà possibile usufruire dei nuovi effetti visivi, ad esempio l'interfaccia utente Office Fluent, conosciuta anche come barra multifunzione, né delle funzionalità disponibili nella nuova versione.

  2. Sostituire o ricreare le personalizzazioni Se si desidera utilizzare nuove funzionalità, pianificare una riprogettazione totale dei siti oppure modificare in modo significativo l'architettura delle informazioni, l'aggiornamento rappresenta un'opportunità per utilizzare nuove caratteristiche oppure adottare un nuovo aspetto o un nuovo tipo di organizzazione. Quando si sostituiscono o ricreano le personalizzazioni, è possibile usufruire delle nuove funzionalità, eventualmente modificare leggermente la struttura oppure passare a una struttura più gestibile.

    Per ulteriori informazioni sulla ricreazione e ridistribuzione di soluzioni, vedere Ridistribuzione di personalizzazioni e soluzioni in SharePoint Foundation 2010 e SharePoint Server 2010 (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=182335&clcid=0x410).

  3. Rimuovere le personalizzazioni Sostituire le personalizzazioni utilizzando la funzionalità predefinita. È possibile reimpostare le pagine sulle definizioni di sito predefinite e rimuovere le web part o le caratteristiche che non si desidera più supportare. Se si decide di rimuovere le personalizzazioni, è necessario risolvere eventuali problemi risultanti dalla rimozione delle personalizzazioni dai siti in cui vengono utilizzate. Utilizzare l'inventario delle personalizzazioni per individuare i siti che necessitano di questo tipo di attenzione prima o dopo l'aggiornamento.

Oltre alla scelta globale su come gestire le personalizzazioni dell'ambiente durante l'aggiornamento, è necessario esaminare i tipi specifici di personalizzazioni per determinare se devono essere eseguite eventuali azioni aggiuntive per renderle operative nell'ambiente aggiornato.

Nella tabella riportata di seguito vengono elencate alcune personalizzazioni comuni con suggerimenti per la relativa gestione.

 

Tipo di personalizzazione Suggerimento

Modelli di sito (file con estensione stp)

I modelli di sito (file con estensione stp) sono una caratteristica deprecata in SharePoint Foundation 2010. I nuovi modelli di sito in SharePoint Foundation 2010 vengono salvati come file con estensione wsp (pacchetti delle soluzioni).

Un sito di cui è stato eseguito il provisioning tramite un modello di sito verrà aggiornato, ma non sarà possibile creare nuovi siti utilizzando tale modello. Se si desidera poter creare nuovi siti, è possibile creare e distribuire un pacchetto della soluzione. Per ulteriori informazioni, vedere Risolvere i problemi relativi all'aggiornamento (SharePoint Foundation 2010).

Definizione di sito

Eseguire la migrazione dei siti a una definizione di sito predefinita supportata e quindi applicare le caratteristiche personalizzate tramite la distribuzione della soluzione.

È inoltre possibile continuare a utilizzare una definizione di sito personalizzata. Non è necessario creare una nuova definizione di sito basata su SharePoint Foundation 2010.

Se tuttavia si desidera eseguire operazioni di aggiornamento personalizzate per la definizione, potrebbe essere necessario creare un file di definizione di aggiornamento per tale definizione di sito. Per ulteriori informazioni, vedere File di definizione di aggiornamento (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=182339&clcid=0x410) su MSDN.

"Fantastici 40" modelli di applicazione

Non verranno create da Microsoft nuove versioni di questi modelli. I siti basati su di essi possono essere aggiornati, ma è opportuno testare ogni sito prima di aggiornare l'ambiente di produzione. Per ulteriori informazioni, vedere Risolvere i problemi relativi all'aggiornamento (SharePoint Foundation 2010).

Caratteristica

Valutare e quindi riprogettare o ridistribuire, se necessario.

Flussi di lavoro e controlli server

Dipende dalla soluzione. Verificare presso il fornitore se è disponibile una soluzione aggiornata. Se un flusso di lavoro è compatibile con la nuova versione, rieseguire la distribuzione.

Gestore eventi

Riscrivere e ridistribuire come caratteristica.

Percorsi gestiti (inclusioni/esclusioni)

Ricreare le inclusioni per un aggiornamento basato sul collegamento di database. Le esclusioni non devono essere ricreate perché vengono desunte.

Temi

A causa delle modifiche significative apportate all'interfaccia utente, i temi personalizzati basati su Windows SharePoint Services 3.0 non funzioneranno in SharePoint Foundation 2010. Utilizzare la Console di aggiornamento per continuare a utilizzare i siti nell'interfaccia utente precedente finché non è possibile creare e applicare un nuovo tema basato su SharePoint Foundation 2010.

Azioni della barra degli strumenti

Passare alla barra multifunzione (interfaccia utente Office Fluent).

Pagine master e file CSS

Rielaborare per adattare la nuova esperienza utente.

JavaScript

Verificare se è necessario eseguire azioni. In alcuni casi potrebbe essere necessario modificare gli script per utilizzare il nuovo modello di pagina. Accertarsi che funzioni in un sito aggiornato e in entrambe le modalità della Console di aggiornamento.

Provider di ricerca o trimmer di sicurezza

Verificare se è necessario eseguire azioni.

Web part

Verificare se è necessario eseguire azioni. Potrebbe essere necessario modificare le web part per utilizzare la modalità XHMTL rigorosa.

Se una web part è contenuta in una pagina ma non in un'area web part, ovvero si tratta in pratica di codice HTML incorporato direttamente in una pagina, non funzionerà se si reimposta la pagina sul modello predefinito.

Servizi

Verificare se è necessario eseguire azioni. Riprogettare o modificare il codice in base alle esigenze.

Provider di autenticazione

Verificare se è necessario eseguire azioni. Ridistribuire il provider in una farm di testing e controllare che funzioni correttamente con l'autenticazione delle attestazioni.

I tipi di personalizzazioni riportati di seguito non sono supportati. Se nell'ambiente è presente una di queste personalizzazioni, prima di eseguire l'aggiornamento sarà necessario sostituirla utilizzando un tipo di personalizzazione supportato, altrimenti è possibile che si verifichino problemi di aggiornamento che non possono essere risolti:

  • File, caratteristiche o definizioni di sito predefinite che sono state modificate.

    AvvisoWarning
    Alcuni tipi di file predefiniti, ad esempio azioni o icone relative a documenti, possono essere modificati e, benché non vengano aggiornati, le modifiche a essi apportate possono essere trasferite nella nuova versione in modo supportabile. Le modifiche apportate ad altri file predefiniti, ad esempio pagine ASPX sul lato server, andranno perse durante l'aggiornamento se si ripristina il modello di sito. A seconda dei file che sono stati modificati e della portata delle modifiche, l'aggiornamento può variare in modo significativo. La procedura consigliata è quella di annullare tutte le modifiche in tutti i file sul disco.
  • Database di SharePoint che sono stati modificati mediante modifica diretta dei dati o dello schema, inclusa l'aggiunta o la rimozione di trigger, tabelle, visualizzazioni o indici.

Se sono presenti uno o più di questi tipi di personalizzazioni, rimuoverli e sostituirli con personalizzazioni supportate prima di tentare di eseguire l'aggiornamento. Questa è una procedura consigliata per garantire il corretto funzionamento non solo dell'aggiornamento corrente, ma anche di eventuali aggiornamenti futuri. La modifica di file e database predefiniti continuerà a non essere supportata.

Accertarsi che l'ambiente funzioni correttamente e sia conforme alle procedure consigliate. Distribuire solo le personalizzazioni conformi alle procedure consigliate illustrate negli articoli seguenti su MSDN e TechNet:

Mostra: