Installare SharePoint Foundation 2010 tramite Windows PowerShell

 

Si applica a: SharePoint Foundation 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

In questo articolo viene illustrato come eseguire un'installazione pulita di Microsoft SharePoint Foundation 2010 in un server autonomo o in una server farm tramite Windows PowerShell.

Contenuto dell'articolo:

È possibile semplificare la distribuzione utilizzando Windows PowerShell per installare Microsoft SharePoint Foundation 2010 insieme ad altri strumenti di amministrazione per automatizzare le installazioni automatiche e configurare la farm.

Prima di installare SharePoint Foundation 2010, leggere le informazioni seguenti sulle autorizzazioni, sui requisiti hardware e software e sui passaggi da eseguire prima di avviare il processo:

  1. Verificare che siano soddisfatti tutti i requisiti hardware e software. È necessario disporre di una versione a 64 bit di Windows Server 2008 o di Windows Server 2008 R2. Per le server farm è inoltre necessario disporre di una versione a 64 bit di SQL Server 2005 o di SQL Server 2008. For more information about these requirements (such as specific updates that you must install), see Determine hardware and software requirements (SharePoint Foundation 2010).

  2. Assicurarsi di essere pronti a impostare gli account necessari utilizzando le autorizzazioni appropriate. For detailed information, see Administrative and service accounts required for initial deployment (SharePoint Foundation 2010).

Il file SPModule.zip è un modulo di Windows PowerShell scritto dai membri del gruppo di prodotti SharePoint per l'installazione di una farm di SharePoint.

Per utilizzare il file SPModule.zip, eseguire le operazioni seguenti:

  1. Scaricare SPModule.zip e il file di testo dalla pagina dell'Area download Microsoft (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=187924&clcid=0x410).

  2. Estrarre i file in una cartella denominata SPModule e quindi aggiungere tale cartella nel percorso dell'ambiente. Viene utilizzata la variabile di ambiente PSModulePath per archiviare percorsi nelle posizioni dei moduli installati nel disco. Per visualizzare i percorsi specificati nella variabile PSModulePath, al prompt dei comandi di Windows PowerShell digitare $env:PSModulePath. Per ulteriori informazioni, vedere Variabile di ambiente PSModule (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=187757&clcid=0x410). Dopo l'estrazione, nella cartella SPModule devono essere presenti due file: SPModule.misc e SPModule.setup.

    NotaNote
    Se non viene aggiunta la cartella SPModule alla variabile PSModulePath, è necessario specificare un percorso completo per il caricamento di SPModule.
  3. Decidere il tipo di firma da fornire.

    NotaNote
    I file scaricati non sono firmati. Per fornire script autofirmati, vedere AllSigned: firma degli script di PowerShell (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=187758&clcid=0x410).

    Per impostazione predefinita, i criteri di esecuzione di Windows PowerShell sono impostati su Con limitazioni in modo che non sia possibile eseguire alcuno script. Per modificare i criteri di esecuzione, eseguire il cmdlet Set-ExecutionPolicy. Per ulteriori informazioni sui criteri di esecuzione, vedere about_Signing (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=187759&clcid=0x410).

  4. Caricare i file SPModule.misc e SPModule.setup in Windows PowerShell.

    1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi e quindi Windows PowerShell 2.0. Dopo l'apertura del prompt dei comandi di Windows PowerShell, è necessario innanzitutto aggiungere il percorso del modulo al percorso del modulo di Windows PowerShell, presupponendo che sia stata creata una cartella denominata "SPModule" nel server.

    2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Windows PowerShell 2.0 e quindi scegliere Esegui come amministratore.

      NotaNote
      Se Microsoft SharePoint Foundation 2010 è già installato, è possibile aprire invece la Shell di gestione SharePoint 2010.
    3. Dopo aver visualizzato la finestra del prompt dei comandi, è necessario importare il modulo nella sessione corrente di Windows PowerShell e aggiungerlo a un percorso. A tale scopo, al prompt dei comandi di Windows PowerShell digitare la sintassi seguente:

      Import-Module SPModule.misc
      
      Import-Module SPModule.setup
      

Quando si importa il modulo SPModule.misc, è necessario richiamare un controllo dell'aggiornamento. Nella versione 1.0 viene controllato un file di testo per verificare se è disponibile una versione più recente. Se viene notificata l'esistenza di una versione più recente, è possibile procedere al download. Al termine dell'esecuzione dei comandi Import-Module, è possibile utilizzare SPModule.

ImportanteImportant
I comandi seguenti devono essere utilizzati solo nel contesto di SPModule e del processo illustrato in questo articolo:
  1. Install-SharePoint: installa tutti i file binari di SharePoint Foundation 2010. Per ulteriori informazioni, vedere Scripted deployment reference (SharePoint Foundation 2010)

  2. New-SharePointFarm: crea una farm di SharePoint ed esegue le attività correlate seguenti:

    • Configura la sicurezza.

    • Crea un'applicazione Web per il servizio condiviso che può essere completata con applicazioni di servizio.

    • Crea e configura il sito Web Amministrazione centrale.

    • Installa tutti i file della Guida del prodotto.

    • Installa tutte le caratteristiche della farm.

  3. Join-SharePointFarm: aggiunge server alla farm e quindi li configura. Per ulteriori informazioni, vedere Scripted deployment reference (SharePoint Foundation 2010).

Dopo l'installazione di Windows PowerShell versione 2.0, è possibile utilizzare la nuova caratteristica di comunicazione remota di Windows PowerShell. Utilizzando la comunicazione remota e alcune righe di codice di Windows PowerShell, un amministratore può installare più server in una farm da postazione remota. Per informazioni sulla comunicazione remota e SPModule, vedere Installazione remota con SPModule (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=187923&clcid=0x410).

Dopo aver definito gli account necessari per l'installazione, è possibile installare SharePoint Foundation 2010. Il DVD del prodotto include esempi di file di configurazione (Config.xml). Questi file di esempio sono archiviati nella cartella \Files della directory radice del DVD, in cartelle corrispondenti a diversi scenari, e sono descritti nella tabella seguente.

 

File di configurazione

Descrizione

Setup\Config.xml

Installazione autonoma del server mediante Microsoft SQL Server 2005 Express Edition

SetupFarm\Config.xml

Installazione in una server farm

SetupFarmSilent\Config.xml

Installazione di una server farm in modalità invisibile all'utente

SetupFarmUpgrade\Config.xml

Aggiornamento sul posto di una farm esistente

SetupSilent\Config.xml

Installazione server autonomo mediante SQL Server 2005 Express Edition in modalità invisibile all'utente

SetupSingleUpgrade\Config.xml

Aggiornamento sul posto di un'installazione a server singolo esistente

Per eseguire Install-SharePoint con un file Config.xml al prompt dei comandi di Windows PowerShell
  1. Nell'unità in cui si trova il DVD di SharePoint Foundation 2010 passare alla directory radice e individuare il file setup.exe.

  2. Eseguire SPModule.Setup Install-SharePoint con il file Config.xml selezionato, come indicato di seguito:

    Install-SharePoint -SetupExePath <percorso e nome file> -ConfigXml <percorso e nome file>

    NotaNote
    È possibile selezionare uno dei file di esempio o personalizzare il proprio file di configurazione.
  3. Premere INVIO.

L'installazione è stata completata.

Nell'esempio seguente viene illustrato il file di configurazione per l'impostazione di un singolo server in modalità invisibile all'utente (SetupSilent).

<Configuration><Package Id="sts">  <Setting Id="LAUNCHEDFROMSETUPSTS" Value="Yes" />  </Package><Package Id="spswfe">  <Setting Id="SETUPCALLED" Value="1" />  </Package>  <Logging Type="verbose" Path="%temp%" Template="SharePoint Server Setup(*).log" />- <!--<PIDKEY Value="Enter Product Key Here" />  -->  <Display Level="none" CompletionNotice="no" />  <Setting Id="SERVERROLE" Value="APPLICATION" />  <Setting Id="USINGUIINSTALLMODE" Value="0" />  <Setting Id="SETUP_REBOOT" Value="Never" />  <Setting Id="SETUPTYPE" Value="CLEAN_INSTALL" />  </Configuration>

È inoltre possibile personalizzare un proprio file di configurazione. Per il controllo dell'installazione, modificare innanzitutto il file Config.xml in un editor di testo in modo da includere gli elementi necessari con le impostazioni appropriate per tali elementi. Eseguire quindi Install-SharePoint -SetupExePath -ConfigXML per specificare che il programma di installazione deve essere eseguito utilizzando le opzioni impostate nel file Config.xml.

Tra le opzioni di configurazione tipiche sono incluse le seguenti:

  • Evitare la visualizzazione della richiesta del codice "Product Key" fornendo il codice sotto forma di valore <PIDKEY Value="Enter PID Key Here" /> nel file Config.xml.

  • Aggiungere il percorso di un file di registro, <Logging Type="off" | "standard"(default) | "verbose" Path="path" Template="file name.log"/>, che può essere visualizzato qualora l'installazione dalla riga di comando abbia esito negativo.

ImportanteImportant
Per modificare il file Config.xml utilizzare un editor di testo, ad esempio il Blocco note. Non utilizzare un editor XML generico come Microsoft Office Word 2007. Per verificare che il file XML sia ben formato, utilizzare un browser supportato.

Per eseguire il programma di installazione in modalità invisibile all'utente senza utilizzare un file XML di configurazione, al prompt dei comandi di Windows PowerShell digitare uno dei comandi seguenti:

  • Per un server autonomo: Install-SharePoint -SetupExePath "<drive letter>:\SharePoint 2010\Setup\setup.exe" -ServerRole "SINGLESERVER"

  • Per una distribuzione in una farm: Install-SharePoint -SetupExePath "<drive letter>:\SharePoint 2010\Setup\setup.exe"

Per eseguire il programma di installazione in modalità invisibile all'utente utilizzando un file XML di configurazione, al prompt dei comandi di Windows PowerShell digitare uno dei comandi seguenti:

  • Per un server autonomo: Install-SharePoint -SetupExePath "G:\SharePoint 2010\Setup\setup.exe" -ConfigXML "G:\SharePoint 2010\Setup\Config\singleserver_config.xml" -ServerRole "SINGLESERVER"

  • Per una distribuzione in una farm: Install-SharePoint -SetupExePath "G:\SharePoint 2010\Setup\setup.exe" -ConfigXML "G:\SharePoint 2010\Setup\Config\appserver_config.xml"

NotaNote
Per Microsoft SharePoint Foundation 2010 non è necessario specificare il parametro PIDKey.

Il comando New-SharePointFarm consente di configurare SharePoint Foundation 2010 al termine dell'esecuzione del comando Install-SharePoint. Le opzioni di configurazione variano a seconda che si installi SharePoint Foundation 2010 in un server autonomo o in una server farm.

Nelle distribuzioni in server autonomi è possibile eseguire New-SharePointFarm. Dopo aver eseguito l'accesso con l'account utente Setup precedentemente creato e configurato, configurare SharePoint Foundation 2010.

Per configurare SharePoint Foundation 2010 in un server autonomo utilizzando New-SharePointFarm
  • Al prompt dei comandi di Windows PowerShell digitare il comando seguente:

    New-SharePointFarm -DatabaseServer <String> -DatabaseAccessAccount <(Get-Credential domain\account)> -FarmName <string>
    

    Dove:

    • <String> è il nome del server di database, ad esempio "SQL01"

    • <PSCredential> è la credenziale DOMINIO\password dell'account utente che esegue l'installazione.

    • <String> è il nome della farm, ad esempio "Farm1"

Il comando New-SharePointFarm descrive i passaggi di configurazione man mano che vengono eseguiti, segnalando il corretto completamento della configurazione. Nel caso di un'installazione in un server autonomo, questo è il passaggio finale di un'installazione da riga di comando.

È consigliabile installare e configurare SharePoint Foundation 2010 in tutti i server della farm prima di creare siti.

AttenzioneCaution
Non eseguire i comandi New-SharePointFarm e Join-SharePointFarm simultaneamente in più computer, altrimenti possono verificarsi conflitti e comportamenti imprevisti.
NotaNote
Se uno di questi comandi ha esito negativo, esaminare i file di registro della configurazione successiva all'installazione. Questi file sono contenuti in %COMMONPROGRAMFILES%\Microsoft shared\Web server extensions\14\Logs e sono caratterizzati da un nome di file che inizia con PowerShell_ConfigurationDiagnostics e ha estensione log.
NotaNote
I cmdlet di Windows PowerShell menzionati in questa sezione devono essere eseguiti dalla shell di gestione SharePoint 2010.

Per connettersi a un database di configurazione esistente e aggiungere il server a una server farm esistente, è necessario eseguire il cmdlet Connect–SPConfigurationDatabase insieme ai cmdlet di Windows PowerShell seguenti, nell'ordine indicato:

  • Install-SPHelpCollection

  • Initialize-SPResourceSecurity

  • Install-SPService

  • Install-SPFeature -AllExistingFeatures

  • Install-SPApplicationContent

Utilizzare il cmdlet New-SPWebApplication per creare l'applicazione Web e un nuovo database del contenuto.

Per creare un'applicazione Web
  1. Verificare che vengano soddisfatti i requisiti minimi seguenti: vedere Add-SPShellAdmin.

  2. Fare clic sul pulsante Start e scegliere Tutti i programmi.

  3. Fare clic su Prodotti Microsoft SharePoint 2010.

  4. Fare clic su Shell di gestione SharePoint 2010.

  5. Al prompt dei comandi di Windows PowerShell digitare il comando seguente:

    New-SPWebApplication -ApplicationPool <String> -Name 
    <InternetSite>
     -ApplicationPoolAccount (Get-SPManagedAccount 
    <DOMAIN\UserName>
    

    Dove:

    • <String> è il nome del pool di applicazioni, ad esempio "SharePoint -80".

    • <InternetSite> è il nome dell'applicazione Web.

    • Domain\UserName è il nome dell'account del pool di applicazioni.

Per ulteriori informazioni, vedere New-SPWebApplication.

NotaNote
Per l'esecuzione di attività amministrative dalla riga di comando è consigliabile utilizzare Windows PowerShell. Lo strumento da riga di comando Stsadm è deprecato, ma è stato incluso per garantire la compatibilità con le versioni precedenti del prodotto.

Utilizzare la Configurazione guidata Prodotti SharePoint per distribuire servizi nell'installazione. Per informazioni sui servizi e sulle applicazioni di servizio, vedere Service application and service management (SharePoint Foundation 2010).

Per creare la raccolta siti principale, utilizzare il cmdlet New-SPSite. Questocmdlet crea una raccolta siti in un URL specifico con un utente specifico come proprietario del sito.

Per creare una raccolta siti
  1. Verificare che vengano soddisfatti i requisiti minimi seguenti: vedere Add-SPShellAdmin.

  2. Fare clic sul pulsante Start e scegliere Tutti i programmi.

  3. Fare clic su Prodotti Microsoft SharePoint 2010.

  4. Fare clic su Shell di gestione SharePoint 2010.

  5. Al prompt dei comandi di Windows PowerShell digitare il comando seguente:

    New-SPSite 
    <SiteURL>
     -OwnerAlias 
    <DOMAIN\UserName>
    

    Dove:

    • <SiteURL> è l'URL del nuovo sito.

    • <DOMAIN\UserName> è il nome dell'account di accesso utente del proprietario del sito.

Per ulteriori informazioni, vedere New-SPSite.

NotaNote
Per l'esecuzione di attività amministrative dalla riga di comando è consigliabile utilizzare Windows PowerShell. Lo strumento da riga di comando Stsadm è deprecato, ma è stato incluso per garantire la compatibilità con le versioni precedenti del prodotto.

Se non si specifica il modello di sito da utilizzare, i proprietari di siti possono scegliere il modello di sito la prima volta che accedono al sito. È possibile utilizzare il cmdlet Get-SPWebTemplate per visualizzare un elenco di modelli.

Per un elenco completo di modelli comuni disponibili in SharePoint Foundation 2010, vedere Scripted deployment reference (SharePoint Foundation 2010)

Se si desidera creare ulteriori raccolte siti tramite Windows PowerShell, è possibile utilizzare il cmdlet New-SPSite.

NotaNote
Se si desidera creare un nuovo database del contenuto insieme al nuovo sito, utilizzare il cmdlet New-SPContentDatabase o New-SPSite con il parametro ContentDatabase.

Dopo aver creato i siti, è possibile configurare mapping di accesso alternativo, che indirizzano gli utenti agli URL corretti durante l'interazione con SharePoint Foundation 2010, ad esempio mentre si accede alla home page di un sito di SharePoint. I mapping di accesso alternativo consentono a SharePoint Foundation 2010 di eseguire il mapping delle richieste Web con le applicazioni e i siti Web corretti. Consentono inoltre a SharePoint Foundation 2010 di fornire il contenuto corretto all'utente. Per ulteriori informazioni, vedere Set-SPAlternateUrl.

Dopo aver installato SharePoint Foundation 2010, è consigliabile eseguire le attività amministrative seguenti:

  • Configurare le impostazioni della posta elettronica in uscita.

  • Configurare le impostazioni dei flussi di lavoro.

  • Configurare le impostazioni della registrazione diagnostica.

  • Configurare le impostazioni antivirus.

È necessario eseguire il comando Join-SharePointFarm in tutti i server che si desidera aggiungere alla farm. Per la connessione a un database di configurazione esistente e l'aggiunta del server a una server farm esistente, digitare il comando seguente nel server dopo l'installazione di SharePoint Foundation 2010:

Join-SharePointFarm -DatabaseServer 
<String>
 -ConfigurationDatabaseName 
<String>
 -Passphrase 
<SecureString>

Dove:

  • <String> è il nome del server di database, ad esempio SQL01.

  • <SecureString> è la password dell'account utente nel formato DOMINIO\password.

Il registro di traccia può rivelarsi utile per l'analisi dei problemi che possono verificarsi. È possibile utilizzare gli eventi che vengono scritti nel registro di traccia per individuare le modifiche alla configurazione apportate in SharePoint Foundation 2010 prima che si verificasse il problema.

Per impostazione predefinita, SharePoint Foundation 2010 salva gli eventi di 14 giorni nei file di registro di traccia. I file di registro di traccia contenenti eventi antecedenti agli ultimi 14 giorni pertanto vengono eliminati. È possibile utilizzare il cmdlet Set-SPLogLevel per configurare tutta la registrazione diagnostica.

È possibile utilizzare la pagina Registrazione diagnostica in Amministrazione centrale per configurare il numero massimo di file di registro di traccia da conservare e la durata in minuti per l'acquisizione di eventi in ogni file di registro.

È inoltre possibile specificare il percorso in cui scrivere i file di registro o accettare il percorso predefinito utilizzando il cmdlet Set-SPLogLevel.

I file di registro di traccia consentono di risolvere i problemi relativi alle modifiche della configurazione del servizio di ricerca di Microsoft SharePoint Foundation. Poiché questo tipo di problemi non è sempre immediatamente rilevabile, è consigliabile salvare tutti i file di registro di traccia creati dal sistema ogni giorno che si apportano modifiche alla configurazione. Conservare questi file di registro per un certo periodo in una posizione sicura in modo che non vengano sovrascritti. È consigliabile archiviare i file di registro in una partizione del disco rigido utilizzata esclusivamente per questo tipo di file.

Per ulteriori informazioni sulla registrazione diagnostica, vedere Configure diagnostic logging (SharePoint Foundation 2010).

Mostra: