Suggerimenti? Esporta (0) Stampa
Espandi tutto
Comprimi il sommario
Espandi il sommario
Espandi Riduci a icona

Set-DeliveryAgentConnector

 

Applies to: Exchange Server 2016

Questo cmdlet è disponibile solo su Exchange Server 2016 in locale.

Utilizzare il cmdlet Set-DeliveryAgentConnector per configurare uno specifico connettore dell'agente di recapito all'interno dell'organizzazione.

Set-DeliveryAgentConnector -Identity <DeliveryAgentConnectorIdParameter> [-AddressSpaces <MultiValuedProperty>] [-Comment <String>] [-Confirm [<SwitchParameter>]] [-DeliveryProtocol <String>] [-DomainController <Fqdn>] [-Enabled <$true | $false>] [-Force <SwitchParameter>] [-IsScopedConnector <$true | $false>] [-MaxConcurrentConnections <Int32>] [-MaxMessageSize <Unlimited>] [-MaxMessagesPerConnection <Int32>] [-Name <String>] [-SourceTransportServers <MultiValuedProperty>] [-WhatIf [<SwitchParameter>]]

In questo esempio vengono configurate restrizioni al connettore dell'agente di recapito Contoso X.400. Vengono apportate le seguenti modifiche di configurazione:

  • Imposta a 10 MB la dimensione massima dei messaggi consentita attraverso il connettore.

  • Imposta a 100 il numero massimo di messaggi consentiti per connessione.

  • Imposta a 10 il numero massimo di connessioni simultanee.

Set-DeliveryAgentConnector "Contoso X.400 Connector" -MaxMessageSize 10MB -MaxMessagesPerConnection 100 -MaxConcurrentConnections 10

In questo esempio viene utilizzata la variabile temporanea $ConnectorConfig per aggiungere lo spazio indirizzo c=US;p=Fabrikam;a=Contoso;o=Sales al connettore dell'agente di recapito Contoso X.400 e inoltre aggiunge il server Hub04 all'elenco dei server che ospitano il connettore.

$ConnectorConfig = Get-DeliveryAgentConnector "Contoso X.400 Connector"
$ConnectorConfig.AddressSpaces += "X400:c=US;p=Fabrikam;a=Contoso;o=Sales;1" 
$ConnectorConfig.SourceTransportServers += Hub04
Set-DeliveryAgentConnector "Contoso X.400 Connector" -AddressSpaces $ConnectorConfig.AddressSpaces -SourceTransportServers $ConnectorConfig.SourceTransportServers

I connettori dell'agente di recapito vengono utilizzati per instradare i messaggi indirizzati a sistemi esterni che non utilizzano il protocollo SMTP. Quando un messaggio viene instradato a un connettore dell'agente di recapito, l'agente di recapito associato esegue la conversione del contenuto e il recapito del messaggio. I connettori dell'agente di recapito consentono la gestione delle code dei connettori esterni, eliminando, di conseguenza, la necessità di memorizzare i messaggi sul file system nelle directory di destinazione e prelievo. Per ulteriori informazioni, vedere Delivery agents and Delivery Agent connectors.

È necessario disporre delle autorizzazioni prima di poter eseguire questo cmdlet. Sebbene in questo argomento vengano elencati tutti i parametri relativi al cmdlet, si potrebbe non avere accesso ad alcuni di essi qualora non siano inclusi nelle autorizzazioni assegnate. Per visualizzare quali autorizzazioni sono necessarie, vedere  "Connettori dell'agente di recapito" nell'argomento Mail flow permissions.

 

Parametro Obbligatorio Tipo Descrizione

Identity

Obbligatorio

Microsoft.Exchange.Configuration.Tasks.DeliveryAgentConnectorIdParameter

Il parametro Identity consente di specificare il GUID o il nome del connettore dell'agente di recapito.

AddressSpaces

Facoltativo

Microsoft.Exchange.Data.MultiValuedProperty

Il parametro AddessSpaces consente di specificare i nomi di dominio di cui è responsabile il connettore dell'agente di recapito. La sintassi per l'inserimento di uno spazio di indirizzi è indicata di seguito: <TipoSpazioIndirizzi>:<SpazioIndirizzi>;<CostoSpazioIndirizzi> Racchiudere ogni spazio di indirizzi tra virgolette (").

Comment

Facoltativo

System.String

Il parametro Comment consente di specificare un commento facoltativo. Se si specifica un valore che contiene degli spazi, è necessario racchiuderlo tra virgolette ("); ad esempio: "This is an admin note".

Confirm

Facoltativo

System.Management.Automation.SwitchParameter

L'opzione Confirm consente di specificare se visualizzare o nascondere la richiesta di conferma. L'effetto di questa opzione sul cmdlet dipende dall'eventuale richiesta di conferma del cmdlet prima di procedere.

  • I cmdlet distruttivi (ad esempio, quelli Remove-*) dispongono di una pausa incorporata che impone all'utente di confermare il comando prima di procedere. Per questi cmdlet, è possibile ignorare la richiesta di conferma utilizzando questa sintassi esatta: -Confirm:$false.

  • La maggior parte dei cmdlet (ad esempio, New-* e Set-*) non dispone di una pausa incorporata. Per questi cmdlet, se si specifica l'opzione Confirm senza un valore, si introduce una pausa che impone all'utente di confermare il comando prima di procedere.

DeliveryProtocol

Facoltativo

System.String

Il parametro DeliveryProtocol consente di specificare il protocollo di comunicazione che determina gli agenti di recapito responsabili del servizio del connettore.

DomainController

Facoltativo

Microsoft.Exchange.Data.Fqdn

Il parametro DomainController consente di specificare il controller di dominio utilizzato dal cmdlet per leggere i dati da e scrivere i dati in Active Directory. Il controller di dominio viene identificato tramite il nome di dominio completo (FQDN). Ad esempio, dc01contoso.com.

Il parametro DomainController non è supportato sui server Trasporto Edge. Un server Trasporto Edge utilizza l'istanza locale di Active Directory Lightweight Directory Services (AD LDS) per leggere e scrivere i dati.

Enabled

Facoltativo

System.Boolean

Il parametro Enabled consente di specificare se il connettore dell'agente di recapito è abilitato.

Il valore predefinito è $true.

Force

Facoltativo

System.Management.Automation.SwitchParameter

L'opzione Force consente di specificare se eliminare i messaggi di avviso o di conferma. È possibile utilizzare questa opzione per eseguire le attività a livello di programmazione in cui la richiesta dell'input amministrativo non è appropriata. Con questa opzione non è necessario specificare alcun valore.

IsScopedConnector

Facoltativo

System.Boolean

Il parametro IsScopedConnector consente di specificare la disponibilità del connettore per altri server Cassette postali. Se il valore di questo parametro è $false, tutti i server Cassette postali nell'organizzazione possono utilizzare il connettore. Se il valore di questo parametro è $true, il connettore può essere utilizzato soltanto dai server Cassette postali nello stesso sito Active Directory.

Il valore predefinito è $false.

MaxConcurrentConnections

Facoltativo

System.Int32

Il parametro MaxConcurrentConnections consente di specificare il numero massimo di connessioni contemporanee provenienti da uno specifico indirizzo IP accettate dal connettore.

Il valore predefinito è 5.

MaxMessageSize

Facoltativo

Microsoft.Exchange.Data.Unlimited

Il parametro MaxMessageSize specifica la dimensione massima di un messaggio che può essere passato tramite il connettore. Se viene immesso un valore, qualificarlo con una delle seguenti unità:

  • B (byte)

  • KB (kilobyte)

  • MB (megabyte)

  • GB (gigabyte)

I valori non qualificati vengono considerati byte. L'intervallo di input valido per questo parametro è compreso tra 65536 e 2147483647 byte.

Il valore predefinito è unlimited.

MaxMessagesPerConnection

Facoltativo

System.Int32

Il parametro MaxMessagesPerConnection consente di specificare il numero massimo di messaggi accettati dal connettore per ogni connessione. Il connettore interrompe la connessione quando viene raggiunto questo limite e il server mittente deve avviare una nuova connessione per inviare ulteriori messaggi.

Il valore predefinito è 20.

Name

Facoltativo

System.String

Il parametro Name consente di specificare il nome di questo connettore dell'agente di recapito. Il valore del parametro Name non può superare 64 caratteri.

SourceTransportServers

Facoltativo

Microsoft.Exchange.Data.MultiValuedProperty

Il parametro SourceTransportServers consente di specificare l'elenco dei server Cassette postali che ospitano questo connettore. È possibile specificare più server separando i loro nomi con virgole.

Per impostazione predefinita, al parametro viene aggiunto solo il server locale su cui viene eseguito il parametro.

WhatIf

Facoltativo

System.Management.Automation.SwitchParameter

L'opzione WhatIf consente di simulare le azioni del comando. È possibile utilizzare questa opzione per visualizzare le modifiche che verrebbero apportate senza applicare effettivamente tali modifiche. Con questa opzione non è necessario specificare alcun valore.

Per verificare i tipi di input accettati dal cmdlet, vedere l'argomento relativo ai tipi di input e output dei cmdlet. Se il campo per il tipo di input di un cmdlet è vuoto, il cmdlet non accetta dati di input.

Per verificare i tipi restituiti (o tipi di output) accettati da questo cmdlet, vedere l'argomento relativo ai tipi di input e output dei cmdlet. Se il campo per il tipo di output è vuoto, il cmdlet non restituisce dati.

 
Mostra:
© 2016 Microsoft