Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Note sulla versione per System Center 2012 R2 Configuration Manager

Aggiornamento: ottobre 2014

Si applica a: System Center 2012 R2 Configuration Manager

Per cercare queste note sulla versione, premere CTRL+F.

Leggere attentamente queste note sulla versione prima di installare System Center 2012 R2 Configuration Manager.

Queste note sulla versione contengono informazioni necessarie per l'installazione di System Center 2012 R2 Configuration Manager. Queste note sulla versione contengono anche informazioni non disponibili nella documentazione del prodotto.

ImportantImportante
Se è presente una discrepanza tra queste note sulla versione e l'altra documentazione di Configuration Manager, viene considerata autorevole la versione più recente.

Se si desidera inviare commenti e suggerimenti o segnalare un problema relativo a System Center 2012 R2 Configuration Manager, utilizzare il sito di Microsoft Connect.

Per informazioni sulle configurazioni supportate, vedere Supported Configurations for Configuration Manager.

Per la documentazione relativa a System Center 2012 R2 Configuration Manager, vedere la Documentation Library for System Center 2012 Configuration Manager (Libreria della documentazione per System Center 2012 Configuration Manager). In caso di commenti o suggerimenti sulla documentazione, inviare un messaggio di posta elettronica a SMSDocs@Microsoft.com.

Se si è installata una versione provvisoria di System Center 2012 R2 Configuration Manager, disinstallare tale versione prima di installare System Center 2012 R2 Configuration Manager. È inoltre consigliabile disinstallare e reinstallare il sistema operativo dopo la disinstallazione di versioni precedenti di System Center 2012 R2 Configuration Manager e prima dell'installazione della versione finale di System Center 2012 R2 Configuration Manager.

Configuration Manager inoltre non supporta l'importazione o la migrazione di oggetti tra versioni diverse di Configuration Manager.

Se si dispone di una versione finale di System Center 2012 Configuration Manager SP1, è possibile eseguire l'aggiornamento a System Center 2012 R2 Configuration Manager. Per eseguire l'aggiornamento a System Center 2012 Configuration Manager SP1, non è necessario disporre dell'aggiornamento cumulativo più recente.

Se si dispone di System Center 2012 Configuration Manager senza Service Pack e si desidera eseguire l'aggiornamento a System Center 2012 R2 Configuration Manager, è necessario eseguire prima l'aggiornamento a System Center 2012 Configuration Manager SP1 e successivamente a System Center 2012 R2 Configuration Manager.

Per ulteriori informazioni sul processo di aggiornamento ed eventuali considerazioni sull'interoperabilità, vedere Pianificazione dell'aggiornamento di System Center 2012 Configuration Manager e Interoperabilità tra versioni diverse di Configuration Manager.

System Center 2012 R2 Configuration Manager non supporta l'aggiornamento sul posto da Configuration Manager 2007, ma supporta una migrazione side-by-side di entrambi i prodotti nello stesso ambiente.

Se entrambi i prodotti sono installati nello stesso ambiente, è possibile utilizzare System Center 2012 R2 Configuration Manager per creare processi di migrazione che eseguono la migrazione di oggetti e contenuti da Configuration Manager 2007 a System Center 2012 R2 Configuration Manager. Inoltre, quando si esegue la migrazione di Configuration Manager 2007 in System Center 2012 R2 Configuration Manager è possibile aggiornare un punto di distribuzione di Configuration Manager 2007 a un punto di distribuzione di System Center 2012 R2 Configuration Manager. È possibile aggiornare i punti di distribuzione secondari, i punti di distribuzione nelle condivisioni server e i punti di distribuzione standard da Configuration Manager 2007. È inoltre possibile aggiornare un punto di distribuzione di Configuration Manager 2007 con percorso condiviso in un server del sito secondario. Questa azione consente di disinstallare il sito secondario lasciando il punto di distribuzione installato.

Per informazioni sulla migrazione, vedere la guida Migrazione delle gerarchie con System Center 2012 Configuration Manager.

In questa sezione vengono fornite le informazioni più aggiornate sui problemi relativi a System Center 2012 R2 Configuration Manager. Questi problemi non vengono visualizzati nella documentazione del prodotto e in alcuni casi potrebbero essere in contraddizione con la documentazione del prodotto esistente. Se possibile, questi problemi verranno risolti nelle versioni successive.

La documentazione contiene le istruzioni per scaricare i file di installazione del client Mac OS X dall'Area Download. I file di origine cliente per System Center 2012 R2 Configuration Manager non sono ancora disponibili.

SOLUZIONE ALTERNATIVA    Nessuna.

Se si riassegna un client basato su Internet del gruppo di lavoro a un nuovo sito mentre il client è su Internet, il client continuerà a rimanere assegnato al sito originale finché non si connette alla intranet.

SOLUZIONE ALTERNATIVA    Nessuna.

Se si esegue l'aggiornamento del sito a System Center 2012 R2 Configuration Manager e i punti di distribuzione abilitati per il multicast smettono di funzionare, cercare delle voci simili alle seguenti nel file mcsexec.log:

Errore durante la ricerca dello spazio dei nomi: 0xc1210106

SOLUZIONE ALTERNATIVA    Se non è ancora stato eseguito l'aggiornamento del sito, verificare che sia installato l'aggiornamento cumulativo 3 o versione successiva.

Tuttavia, se è già stato eseguito l'aggiornamento del sito a System Center 2012 R2 Configuration Manager e il multicast non funziona più nei punti di distribuzione, eseguire la procedura seguente in tutti i punti di distribuzione abilitati per il multicast:

  1. Modificare le proprietà del punto di distribuzione e fare clic sulla scheda Multicast.

  2. Deselezionare l'opzione Abilita multicast per inviare contemporaneamente dati a più client e fare clic su Applica.

  3. Attendere che la configurazione multicast venga rimossa dal punto di distribuzione. È possibile verificare la rimozione controllando il file MCSSetup.log.

  4. Selezionare l'opzione Abilita multicast per inviare contemporaneamente dati a più client e fare clic su OK.

  5. Attendere almeno un'ora per assicurarsi che la gestione delle gerarchie sia installata di nuovo nel server multicast.

Dopo aver installato Windows 8.1, un'attività di manutenzione incorporata, Pulizia app pre-installata, viene eseguita dopo 60 minuti di utilizzo del computer, seguita da 15 minuti di tempo di inattività del computer. Se Sysprep viene eseguito dopo l'attività di manutenzione, Sysprep genererà avvisi nel file setupact.log.

L'acquisizione e la distribuzione di questa immagine potrebbe influire negativamente sull'esperienza dell'utente finale. Gli effetti negativi includono l'eliminazione di pacchetti di risorse basati su Language, Scale e DXFL che non sono stati installati per gli account utente correnti. Se si distribuisce l'immagine in un computer in cui sono applicabili questi pacchetti di risorse, installarli come un aggiornamento utilizzando l'archivio o il trasferimento locale.

SOLUZIONE ALTERNATIVA    Per evitare questo problema, eseguire Sysprep entro 75 minuti dal termine dell'installazione di Windows 8.1. Se non è possibile, disabilitare l'attività di manutenzione.

Per disabilitare automaticamente l'attività di manutenzione come parte della sequenza di attività di acquisizione e generazione di Configuration Manager, subito dopo il passaggio Installa Windows e Configuration Manager, inserire un nuovo passaggio Esegui riga di comando con la seguente riga di comando: Schtasks.exe /change /disable /tn "\Microsoft\Windows\AppxDeploymentClient\Pre-staged app cleanup" Schtasks.exe /change /disable /tn "\Microsoft\Windows\AppxDeploymentClient\Pre-staged app cleanup"

Aggiungere questo passaggio solo alle sequenze di attività che eseguono Sysprep in Windows 8.1. Windows riabiliterà automaticamente l'attività di manutenzione durante la fase di generalizzazione di Sysprep.

Se si installa il client Mac utilizzando lo strumento della riga di comando CMEnroll oppure si aggiorna il client Mac dalla versione 1 di aggiornamento cumulativo SP1 e si rinnova quindi il certificato client, il riquadro Preferenze diventa vuoto e il pulsante Registrazione diventa attivo. Il client rimane registrato e il certificato non è scaduto.

SOLUZIONE ALTERNATIVA Per risolvere questo problema, eseguire i due seguenti comandi in una finestra terminale del client Mac:

  • Le impostazioni predefinite 'sudo' eliminano com.microsoft.ccmclient MgmtAuthorityName

  • Le impostazioni predefinite 'sudo' eliminano com.microsoft.ccmclient MgmtServerList

In alcune lingue potrebbe non essere possibile eseguire un report Risparmio energia - Consumo energia in quanto la data di inizio e di fine vengono visualizzate in modo errato.

SOLUZIONE ALTERNATIVA Per risolvere questo problema, eseguire il report in un browser Web. Per ulteriori informazioni, vedere Eseguire un report di Configuration Manager.

noteNota
Se viene eseguito in un browser Web il report viene visualizzato solo in inglese.

Un dispositivo iOS non eseguirà l'autenticazione se il dispositivo tenta di connettersi al Wi-Fi utilizzando un profilo distribuito da Configuration Manager se il metodo di autenticazione del client è Certificato. Nessun errore visualizzato nella console di Configuration Manager.

SOLUZIONE ALTERNATIVA    Nessuna.

I certificati associati a un profilo VPN in un dispositivo iOS non verranno rinnovati se il certificato sta giungendo alla fine del suo periodo di validità. Il periodo di validità viene visualizzato nell'area di lavoro Monitoraggio della console di Configuration Manager.

SOLUZIONE ALTERNATIVA Creare una nuova distribuzione del profilo certificato per emettere un nuovo certificato al dispositivo iOS.

Un profilo Wi-Fi con metodo di autenticazione impostato su nome utente e password non potrà essere installato su dispositivi iOS 7. Può essere visto nell'area di lavoro di monitoraggio della console di Configuration Manager. Per impostazione predefinita quando si crea un profilo Wi-FI nella console di Configuration Manager, l'autenticazione nome utente e password viene utilizzata se non vengono selezionati certificati di autenticazione client.

SOLUZIONE ALTERNATIVA    Nessuna.

-----
For additional resources, see Information and Support for Configuration Manager.

Tip: Use this query to find online documentation in the TechNet Library for System Center 2012 Configuration Manager. For instructions and examples, see Search the Configuration Manager Documentation Library.
-----
Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.
Mostra:
© 2015 Microsoft