Novità nell'aggiornamento (SharePoint Foundation 2010)

SharePoint 2010
 

Si applica a: SharePoint Foundation 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

Microsoft SharePoint Foundation 2010 è stato progettato ai fini della scalabilità e delle prestazioni e pertanto per il suo utilizzo sono previsti nuovi requisiti hardware e software riportati in questo articolo. Tali requisiti si applicano sia al metodo di aggiornamento sul posto che a quello basato sul collegamento di database. Per ulteriori informazioni, vedere Determinare il metodo di aggiornamento (SharePoint Foundation 2010).

Per avere un'esecuzione prevedibile dell'aggiornamento e ridurre al minimo l'effetto di problemi ambientali e di personalizzazione che potrebbero compromettere l'esito di tale esecuzione, è possibile utilizzare il cmdlet test-spcontentdatabase di Windows PowerShell, la nuova opzione Console di aggiornamento o l'operazione Stsadm preupgradecheck.

Contenuto dell'articolo:

Prima di poter eseguire un aggiornamento a SharePoint Foundation 2010 sul posto o basato sul collegamento di database, l'ambiente Windows SharePoint Services 3.0 esistente o un nuovo ambiente SharePoint Foundation 2010 deve soddisfare i requisiti minimi seguenti.

NotaNote
Per ulteriori informazioni sui requisiti di sistema generali per SharePoint Foundation 2010, vedere Requisiti hardware e software (SharePoint Foundation 2010). Per ulteriori informazioni sui requisiti per l'aggiornamento, vedere Controllare i requisiti di sistema per l'aggiornamento (SharePoint Foundation 2010).

SharePoint Foundation 2010 può essere eseguito solo in una versione a 64 bit del sistema operativo Windows Server 2008 R2 o Windows Server 2008 con SP2. Se si prevede di effettuare un aggiornamento sul posto, l'installazione di Windows SharePoint Services 3.0 dovrà essere in esecuzione in un ambiente Windows Server 2008 a 64 bit. Se l'installazione di Windows SharePoint Services 3.0 attualmente è in esecuzione in un ambiente a 32 bit, non sarà possibile effettuare un aggiornamento sul posto nel server o nella server farm esistente. Sarà necessario installare SharePoint Foundation 2010 in un server o in una farm diversa che supporti le applicazioni a 64 bit e quindi spostare i dati in tale server o farm utilizzando il metodo di aggiornamento basato sul collegamento di database.

Per individuare e risolvere più facilmente eventuali problemi dei processi di migrazione e aggiornamento, è consigliabile non combinare le azioni di migrazione a un ambiente a 64 bit e di aggiornamento sul posto a SharePoint Foundation 2010. Poiché è richiesto un ambiente a 64 bit per eseguire l'aggiornamento sul posto a SharePoint Foundation 2010, è necessario eseguire la migrazione a un sistema operativo a 64 bit prima di eseguire un aggiornamento sul posto. Se si utilizza un metodo di aggiornamento basato sul collegamento di database, sarà possibile eseguire la migrazione a un ambiente a 64 bit nell'ambito del processo di aggiornamento.

Prima di eseguire la migrazione a un ambiente a 64 bit:

  • Aggiornare Windows SharePoint Services 3.0 allo stesso Service Pack o livello di aggiornamento software in tutti i computer della farm di origine.

  • Determinare se è necessario ricompilare le applicazioni a 32 bit esistenti e gli assembly personalizzati, ad esempio le web part e i ricevitori di eventi, per l'esecuzione nell'ambiente a 64 bit. Alcune applicazioni possono essere eseguite in entrambi gli ambienti e non devono essere ricompilate. Se le applicazioni esistenti sono di terze parti, controllare con il fornitore di terze parti le versioni a 64 bit e la compatibilità.

Per ulteriori informazioni su come pianificare ed eseguire una migrazione a un ambiente a 64 bit, vedere l'articolo Eseguire la migrazione di una server farm esistente a un ambiente a 64 bit (Windows SharePoint Services 3.0) nel sito Web TechNet (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=161120&clcid=0x410).

SharePoint Foundation 2010 deve essere eseguito in una versione a 64 bit di Windows Server 2008 R2 o Windows Server 2008 con Service Pack 2 (SP2). Se attualmente si esegue Windows SharePoint Services 3.0 in Windows Server 2003 e si intende effettuare l'aggiornamento a SharePoint Foundation 2010, sarà necessario procurarsi un numero sufficiente di licenze di Windows Server per la distribuzione nel nuovo sistema operativo.

Per individuare e risolvere più facilmente eventuali problemi dei processi di migrazione e aggiornamento, è consigliabile non combinare le azioni di aggiornamento o migrazione a Windows Server 2008 o Windows Server 2008 R2 con il processo di aggiornamento a SharePoint Foundation 2010. È possibile combinare la migrazione all'hardware a 64 bit con la migrazione a Windows Server 2008 o Windows Server 2008 R2.

SharePoint Foundation 2010 richiede un server database a 64 bit di una delle versioni seguenti: Microsoft SQL Server 2008 R2, SQL Server 2008 con Service Pack 1 (SP1) e aggiornamento cumulativo 2 o SQL Server 2005 con SP3 e aggiornamento cumulativo 3. Se nell'installazione corrente di Windows SharePoint Services 3.0 viene utilizzato SQL Server 2000, sarà necessario eseguire l'aggiornamento a una di queste versioni prima dell'aggiornamento a SharePoint Foundation 2010.

Per individuare e risolvere più facilmente eventuali problemi dei processi di migrazione e aggiornamento, è consigliabile non combinare le azioni di migrazione a SQL Server a 64 bit con il processo di aggiornamento a SharePoint Foundation 2010. È possibile combinare la migrazione a SQL Server a 64 bit con il processo globale di migrazione a hardware a 64 bit.

  • Se si combina la migrazione a SQL Server 2005 SP3 o SQL Server 2008 in hardware a 64 bit con una migrazione globale a un ambiente a 64 bit, vedere le indicazioni su come eseguire la migrazione a un ambiente a 64 bit più indietro in questo articolo.

    Per ulteriori informazioni su come eseguire la migrazione di tutti i database, vedere l'articolo Spostare tutti i database (Windows SharePoint Services 3.0) su TechNet (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=161208&clcid=0x410).

  • Se si dispone già di hardware a 64 bit, ma è necessario eseguire l'aggiornamento a SQL Server 2005 SP3 o SQL Server 2008, seguire le indicazioni disponibili nella documentazione di SQL Server.

Lo strumento di verifica pre-aggiornamento è uno strumento da riga di comando che viene eseguito in un ambiente di Windows SharePoint Services 3.0 per individuare potenziali problemi per l'aggiornamento e per esaminare i suggerimenti e le procedure consigliate.

STSADM.exe -o preupgradecheck

Utilizzando lo strumento di verifica pre-aggiornamento, è possibile ottenere diverse informazioni, tra cui:

  • Un elenco di tutti i server e i componenti della farm e l'indicazione se i server soddisfano i requisiti seguenti per l'aggiornamento: hardware a 64 bit e sistema operativo Windows Server 2008.

  • Gli URL di mapping di accesso alternativo in uso nella farm.

  • Un elenco di tutte le definizioni di sito, i modelli di sito, le caratteristiche e i Language Pack installati nella farm.

  • La presenza di eventuali personalizzazioni nella farm non supportate, ad esempio modifiche dello schema di database.

  • L'eventuale presenza di elementi orfani di database o sito nella farm.

  • L'esistenza di eventuali impostazioni di configurazione mancanti o non valide nella farm, ad esempio un file Web.config mancante, nomi host non validi o account di servizio non validi.

  • L'indicazione se i database soddisfano i requisiti per l'aggiornamento, ad esempio se i database sono impostati per la lettura/scrittura e se i database e le raccolte siti archiviati in database interno di Windows non superano 4 GB di dimensioni.

Lo strumento di verifica è disponibile con Windows SharePoint Services 3.0 Service Pack 2 ed è stata aggiornata nell'aggiornamento cumulativo del mese di ottobre 2009 per Windows SharePoint Services 3,0. È possibile scaricare e installare tale aggiornamento dalla pagina Pacchetti di aggiornamento cumulativo pubblicati per SharePoint Server 2007 e Windows SharePoint Services 3.0 - Ottobre 2009 (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=169179&clcid=0x410). Per informazioni su come utilizzare lo strumento di verifica pre-aggiornamento, vedere i seguenti articoli su TechNet:

È possibile utilizzare il cmdlet test-spcontentdatabase di Windows PowerShell prima di collegare un database del contenuto a SharePoint Foundation 2010 per stabilire se nell'ambiente mancano personalizzazioni del lato server. Per ulteriori informazioni, vedere Collegare i database ed eseguire l'aggiornamento a SharePoint Foundation 2010 e Test-SPContentDatabase.

Una nuova caratteristica disponibile con l'aggiornamento consente all'amministratore di server o al proprietario di siti di determinare quando e se utilizzare il nuovo aspetto di SharePoint Foundation 2010 per una raccolta siti specifica. Gli amministratori di server possono scegliere di adottare il nuovo aspetto per tutti i siti durante l'aggiornamento, fare in modo che siano i proprietari dei siti a scegliere dopo l'aggiornamento o mantenere l'aspetto precedente per tutti i siti.

Se l'amministratore del server delega la decisione ai proprietari di siti dopo l'aggiornamento di un sito tramite un aggiornamento sul posto, sarà disponibile un'opzione di anteprima nell'interfaccia utente dei siti. Tale opzione consente di visualizzare un'anteprima dell'aspetto di SharePoint Foundation 2010 per il sito:

  • Se gradisce l'aspetto e il funzionamento del sito, il proprietario può accettare l'aggiornamento visivo.

  • Se invece desidera mantenere l'aspetto precedente, il proprietario può ripristinare l'aspetto di Windows SharePoint Services 3.0.

Per impostazione predefinita, l'aspetto di Windows SharePoint Services 3.0 viene mantenuto. Per ulteriori informazioni, vedere Pianificare la Console di aggiornamento (SharePoint Foundation 2010).

SharePoint Foundation 2010 include nuovi membri e tipi che consentono di eseguire l'aggiornamento delle caratteristiche personalizzate tramite azioni di aggiornamento dichiarative e basate sulle versioni. Con questi membri è possibile aggiornare qualsiasi caratteristica creata per Windows SharePoint Services 3.0 per l'interazione con SharePoint Foundation 2010. Per ulteriori informazioni sull'aggiornamento delle caratteristiche, vedere Upgrading Features.

A seconda dell'ambiente e della complessità e quantità di siti di SharePoint, il processo di aggiornamento può richiedere molto tempo. Per ridurre il tempo di inattività durante questo processo, SharePoint Foundation 2010 supporta le opzioni seguenti:

  • Aggiornamento di più database contemporaneamente (aggiornamento parallelo)   Quando si esegue l'aggiornamento a SharePoint Foundation 2010, è possibile avviare manualmente l'aggiornamento per più database contemporaneamente utilizzando il metodo di aggiornamento ibrido basato sullo scollegamento di database. In Windows SharePoint Services 3.0 è possibile eseguire un solo processo di aggiornamento alla volta e pertanto ogni database deve essere elaborato in sequenza. L'aggiornamento di più database contemporaneamente anziché di un singolo database ha impatto sulle prestazioni, ma può risultare più rapido dell'aggiornamento in sequenza. Il numero di database che possono essere aggiornati in parallelo dipende dall'hardware disponibile nell'ambiente e dalla struttura del contenuto dei database. Per ulteriori informazioni, vedere Guida per l'esecuzione di aggiornamenti sul posto con database scollegati (SharePoint Foundation 2010).

  • Utilizzo di database di sola lettura per garantire l'accesso continuo ai dati   Se si esegue un aggiornamento basato sul collegamento di database e si impostano i database originali sulla modalità di sola lettura, la farm obsoleta potrà continuare a fornire contenuto agli utenti mentre viene eseguito l'aggiornamento di una copia dei database in una nuova farm. Se si procede in questo modo, gli utenti potranno continuare ad accedere ai dati, anche se non potranno aggiornarli né aggiungerne di nuovi. Quando la nuova farm è pronta ed è stato aggiornato tutto il contenuto, gli utenti possono passare alla nuova farm attiva.

    Per ulteriori informazioni sui database di sola lettura, vedere l'articolo Eseguire una farm che utilizza database di sola lettura (Windows SharePoint Services) (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese).

Per ulteriori informazioni su queste tecniche per la riduzione del tempo di inattività, vedere l'articolo Determinare il metodo di aggiornamento (SharePoint Foundation 2010).

SharePoint Foundation 2010 dispone di una nuova architettura e include molte nuove caratteristiche. Nelle tabelle seguenti sono riportate alcune delle differenze principali dal punto di vista della terminologia e delle caratteristiche che incidono immediatamente sul processo di amministrazione e gestione dei siti dopo l'aggiornamento.

 

Concetto, termine o caratteristica Novità o modifica Commenti

Strumento di verifica pre-aggiornamento

Novità

La verifica pre-aggiornamento è un'operazione da riga di comando di Stsadm che viene eseguita in un ambiente Windows SharePoint Services 3.0 per individuare potenziali problemi per l'aggiornamento e per esaminare i suggerimenti e le procedure consigliate.

A differenza dello strumento di analisi pre-aggiornamento (Prescan.exe) utilizzato per l'aggiornamento a Windows SharePoint Services 3.0, lo strumento di verifica pre-aggiornamento non apporta modifiche all'ambiente. Per ulteriori informazioni, vedere Eseguire lo strumento di verifica pre-aggiornamento (Windows SharePoint Services).

Sito Web Amministrazione centrale SharePoint

Modifica

Il sito Web Amministrazione centrale è stato riprogettato con nuove opzioni e funzionalità disponibili come le seguenti:

Barra multifunzione

Novità

L'interfaccia utente con barra multifunzione è stata introdotta per garantire un'esperienza utente uniforme e semplificare l'utilizzo dei siti di SharePoint. La barra multifunzione è contestuale, pertanto presenta solo le opzioni pertinenti per le attività in fase di esecuzione ed è personalizzabile.

Applicazioni di servizio

Novità

La nuova architettura dei servizi consente di gestire e centralizzare in modo efficace i servizi. I singoli servizi possono essere configurati separatamente e società terze possono aggiungere servizi alla piattaforma. Per ulteriori informazioni, vedere Configurare i servizi (SharePoint Foundation 2010).

Pagine master

Modifica

Un proprietario di siti ora può applicare la personalizzazione ai suoi siti, in modo indipendente rispetto agli altri siti, e gli amministratori possono specificare se il rendering delle pagine di sistema della cartella _Layouts deve essere eseguito utilizzando le pagine master dei siti fornite dai proprietari dei siti stessi oppure le pagine master predefinite disponibili nel sistema. È inoltre possibile utilizzare Windows PowerShell per specificare una pagina master personalizzata per le pagine di errore del sistema, le pagine di accesso, le pagine di conferma e altre pagine non specifiche del sito.

Temi

Modifica

In SharePoint Foundation 2010 la modalità di funzionamento dei temi è cambiata, rendendo più facile la personalizzazione. È possibile importare temi di Microsoft PowerPoint 2010 direttamente in SharePoint Foundation 2010, nonché applicare temi a tutti i siti secondari da tale interfaccia. Per ulteriori informazioni, vedere Pianificare l'utilizzo dei temi (SharePoint Foundation 2010).

Servizi di integrazione applicativa

Novità

La caratteristica Servizi di integrazione applicativa si avvale della funzionalità Catalogo dati business disponibile nella versione precedente del prodotto per consentire l'accesso a sistemi esterni da soluzioni basate su SharePoint. Servizi di integrazione applicativa supporta l'interazione con sistemi esterni in cui sono in uso web part ed elenchi di SharePoint, nonché l'interazione con i dati di rich client di Office. Per ulteriori informazioni, vedere Panoramica di Servizi di integrazione applicativa (SharePoint Foundation 2010).

Autenticazione basata sulle attestazioni

Novità

L'autenticazione basata sulle attestazioni è un nuovo modello di autenticazione più potente e flessibile che interagisce con qualsiasi sistema di gestione delle identità aziendale, inclusi Servizi di dominio Active Directory, directory basate su LDAP, database specifici dell'applicazione e nuovi modelli di gestione delle identità incentrati sull'utente come LiveID. Per ulteriori informazioni, vedere Configurare l'autenticazione basata su moduli per un'applicazione Web basata sulle attestazioni (SharePoint Foundation 2010).

Controlli di limitazione delle richieste e controlli elenco

Novità

I controlli di limitazione delle richieste e i controlli elenco sono due nuovi controlli per le prestazioni. La limitazione delle richieste consente di controllare le risorse server ed è stata progettata in modo tale da proteggere il server da eventuali sovraccarichi durante le ore di massima attività. In SharePoint Foundation 2010 sono inoltre disponibili diverse impostazioni che consentono di limitare le query che è possibile eseguire su un elenco di grandi dimensioni. Tali impostazioni possono essere configurate per le singole applicazioni Web.

SharePoint Designer

Modifica

SharePoint Foundation 2010 offre agli amministratori maggiore controllo sulle modalità di utilizzo di SharePoint Designer in ogni applicazione Web. Gli amministratori ad esempio possono specificare se gli amministratori di siti sono autorizzati a personalizzare le pagine master e le pagine di layout e se possono gestire la struttura di URL dei relativi siti.

Dashboard di sviluppo

Novità

Questa è una nuova caratteristica aggiunta alla diagnostica server che consente di visualizzare informazioni dettagliate per ogni caricamento di pagine, agevolando quindi la risoluzione dei problemi di prestazioni.

Soluzioni in modalità sandbox

Novità

È ora possibile consentire agli amministratori di siti di caricare codice utente personalizzato utilizzando soluzioni in modalità sandbox. Per ulteriori informazioni, vedere Pianificazione delle soluzioni in modalità sandbox (SharePoint Foundation 2010).

Mostra: