Panoramica della distribuzione (SharePoint Foundation 2010)

SharePoint 2010
 

Si applica a: SharePoint Foundation 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

In questo articolo è contenuta una panoramica della distribuzione in una farm di Microsoft SharePoint Foundation 2010. Anche se la complessità e le dimensioni delle farm di Microsoft SharePoint Foundation possono variare, combinando un'attenta pianificazione e una distribuzione scaglionata in fasi con valutazioni e test continui, è possibile ridurre in modo significativo il rischio di risultati imprevisti.

NotaNote
Per informazioni sulla pianificazione dei siti e delle soluzioni, argomento che esula dall'ambito di questo articolo, vedere Pianificazione di siti e soluzioni (SharePoint Foundation 2010).

Per una rappresentazione grafica delle informazioni riportate in questo articolo, vedere il modello di distribuzione dei prodotti SharePoint 2010 nell'argomento Diagrammi tecnici (SharePoint Foundation 2010).

Contenuto dell'articolo:

Il risultato logico della flessibilità e della vasta gamma di funzionalità offerte da SharePoint Foundation è un elevato livello di complessità potenzialmente correlato all'installazione e alla configurazione corrette di SharePoint Foundation. Per poter distribuire e supportare adeguatamente i prodotti SharePoint Foundation 2010, è fondamentale conoscere gli elementi strutturali chiave seguenti di un ambiente SharePoint Foundation.

  • Server farm: l'elemento principale della struttura relativa a un'architettura logica per SharePoint Foundation.

  • Applicazione Web: sito Web IIS creato e utilizzato da SharePoint Foundation 2010.

  • Database del contenuto: consente l'archiviazione del contenuto dell'applicazione Web. È possibile separare il contenuto in più database del contenuto a livello di raccolta siti.

  • Raccolta siti: insieme di siti Web aventi lo stesso proprietario e in cui le impostazioni di amministrazione sono condivise.

  • Sito: una o più pagine Web correlate e altri elementi, quali elenchi, raccolte e documenti, ospitati all'interno di una raccolta siti.

Oltre a conoscere gli elementi di un ambiente SharePoint Foundation e a comprendere come devono essere configurati per la propria soluzione, è necessario considerare i fattori aggiuntivi seguenti: architettura fisica, installazione e configurazione e le diverse fasi di distribuzione.

L'architettura fisica, costituita da uno o più server e dall'infrastruttura di rete, consente di implementare l'architettura logica per una soluzione di SharePoint Foundation. L'architettura fisica in genere è descritta in due modi, ovvero in base alle dimensioni e in base alla topologia. Le dimensioni, che possono essere misurate in diverse maniere, ad esempio in base al numero di utenti o di documenti, vengono utilizzate per classificare una farm come di piccole, medie o grandi dimensioni. La topologia si basa sull'idea di livelli o gruppi di server per definire un'organizzazione logica dei server della farm.

In questo tipo di descrizione dell'architettura fisica vengono utilizzati il numero di utenti e il numero di elementi di contenuto come misura fondamentale per indicare se una server farm è piccola, media o grande, come spiegato di seguito:

  • Una server farm piccola è in genere costituita da almeno due server Web e un server di database. Uno dei server Web ospita il sito Amministrazione centrale e l'altro gestisce altre attività correlate alla farm, ad esempio la distribuzione del contenuto agli utenti.

    Per la farm di queste dimensioni è possibile realizzare la scalabilità orizzontale con tre livelli utilizzando un server applicazioni dedicato in risposta al numero di utenti, al numero di elementi di contenuto e al numero di servizi necessari.

  • Una server farm media è in genere costituita da almeno due server Web, due server applicazioni e più di un server di database. È consigliabile iniziare con la configurazione precedente e quindi realizzare la scalabilità orizzontale in base al carico di lavoro dei server.

    Negli scenari in cui i servizi notoriamente utilizzano una quantità sproporzionata di risorse è possibile realizzare la scalabilità orizzontale per il livello applicazione. I dati relativi alle prestazioni indicheranno per quali servizi è consigliabile ripartire il carico di lavoro su un server dedicato.

  • Una server farm grande può essere il risultato logico della realizzazione della scalabilità orizzontale per una farm media allo scopo di soddisfare requisiti di capacità e prestazioni oppure da progettazione prima dell'implementazione di una soluzione di SharePoint Foundation. In un ambiente con topologia a tre livelli in genere vengono utilizzati server dedicati a tutti i livelli. Tali server inoltre sono spesso raggruppati in base al ruolo che svolgono nella farm. È ad esempio possibile raggruppare tutti i servizi relativi a client in uno o due server e quindi realizzare la scalabilità orizzontale aggiungendo server a tale gruppo in base alle richieste degli utenti per questi servizi.

    NotaNote
    Per realizzare la scalabilità orizzontale per una farm, è consigliabile raggruppare i servizi o i database con caratteristiche di prestazione analoghe in server dedicati e quindi implementare la scalabilità orizzontale per i server come gruppo. Negli ambienti di grandi dimensioni i gruppi specifici che si evolvono per una farm dipendono dalle richieste specifiche relative a ogni servizio all'interno di una farm.

Per i numeri specifici relativi alle farm piccole, medie e grandi, vedere Gestione di prestazioni e capacità (SharePoint Server 2010).

In questo tipo di descrizione dell'architettura fisica vengono utilizzati i livelli come modello per l'organizzazione logica dei server della farm in base ai componenti ospitati o ai ruoli svolti in una farm. Una farm di SharePoint Foundation può essere distribuita su uno, due o tre livelli, come spiegato di seguito:

  • In una distribuzione su un livello SharePoint Foundation e il server di database vengono installati in un unico computer.

  • In una distribuzione su due livelli i componenti di SharePoint Foundation e il database vengono installati in server separati. Questo tipo di distribuzione corrisponde alla definizione di farm piccola. I server Web front-end si trovano nel primo livello e il server di database nel secondo. In ambiente informatico il primo livello viene comunemente definito livello Web, mentre il server di database viene in genere definito livello database o back-end di database.

  • In una distribuzione su tre livelli i server Web front-end vengono collocati nel primo livello, i server applicazioni nel secondo, noto come livello applicazione, e il server di database nel terzo livello. La distribuzione su tre livelli viene utilizzata per farm di dimensioni medie e grandi.

Dopo avere pianificato la soluzione di SharePoint Foundation, è possibile creare una farm di SharePoint Foundation per ospitare la soluzione. Il primo passaggio consiste nell'installare SharePoint Foundation 2010 e creare la farm necessaria per la soluzione. Il processo di preparazione dell'ambiente prevede le fasi seguenti:

  1. Preparare i server

  2. Creare la farm

  3. Configurare impostazioni, servizi, soluzioni e siti

NotaNote
Le dimensioni, la topologia e la complessità della farm creata da distribuire cambieranno in modo significativo man mano che si procede attraverso le diverse fasi di distribuzione illustrate nel modello di distribuzione dei prodotti SharePoint 2010. Questo è il risultato tipico e assolutamente prevedibile di una distribuzione scaglionata in fasi. È pertanto consigliabile seguire tutte le fasi descritte nella sezione "Fasi di distribuzione" di questo articolo.

In questa fase è possibile preparare i server per ospitare il prodotto. Sono inclusi i server di supporto e quelli in cui verrà installato SharePoint Foundation. Per supportare e ospitare una farm, devono essere configurati i server seguenti.

In questa fase è possibile installare il prodotto e configurare i singoli server per supportare il relativo ruolo nella farm. È inoltre possibile creare il database di configurazione e il sito Web Amministrazione centrale SharePoint. Per una farm di SharePoint Foundation sono necessari i server seguenti.

  • Server di database: a meno non si effettui la pianificazione in modo che vengano utilizzati database creati dal relativo amministratore, il database di configurazione, il database del contenuto e gli altri database necessari vengono creati durante l'esecuzione della Configurazione guidata Prodotti SharePoint.

  • Server applicazioni: dopo avere preparato il server applicazioni, installare gli eventuali componenti aggiuntivi necessari per supportare le funzioni come Information Rights Management (IRM) e il supporto decisionale. Installare SharePoint Foundation nel server che ospiterà il sito Web Amministrazione centrale SharePoint e quindi eseguire la Configurazione guidata Prodotti SharePoint per creare e configurare la farm.

  • Server Web front-end: installare SharePoint Foundation in ogni server Web, installare i Language Pack e quindi eseguire la Configurazione guidata Prodotti SharePoint per aggiungere i server Web alla farm.

    NotaNote
    Dopo aver aggiunto e configurato tutti i server Web front-end, è possibile aggiungere alla farm gli eventuali server applicazioni ulteriori che fanno parte del progetto relativo alla topologia.

Per ulteriori informazioni sugli scenari di distribuzione supportati, vedere Scenari di distribuzione (SharePoint Foundation 2010).

In questa fase è possibile preparare la farm per ospitare il contenuto dei siti eseguendo le attività seguenti:

NotaNote
I passaggi di configurazione della farm non sono confinati a un livello specifico dell'infrastruttura dei server.

Distribuendo una soluzione di SharePoint Foundation 2010 in più fasi, è possibile beneficiare dei vantaggi derivanti da un approccio sistematico, tra cui la raccolta di dati sulle prestazioni e l'utilizzo di cui avvalersi per valutare la soluzione. Come ulteriori vantaggi è possibile verificare le ipotesi formulate relativamente alla gestione della capacità e identificare i problemi prima che la farm venga distribuita in un ambiente di produzione.

È consigliabile distribuire la farm nelle fasi seguenti:

  • Pianificazione

  • Sviluppo

  • Modello di prova

  • Pilota

  • Test di accettazione utenti

  • Produzione

Prima di poter distribuire una farm, è necessario pianificare la soluzione che si desidera distribuire e stabilire i requisiti relativi all'infrastruttura, ad esempio le risorse dei server e la topologia della farm. Al termine della fase di pianificazione dovrebbero essere state documentate le informazioni seguenti:

  • Progetto dell'infrastruttura a supporto della soluzione

  • Descrizione dettagliata delle modalità di implementazione della farm e della soluzione

  • Piano per il testing e la convalida della soluzione

  • Architettura del sito e della soluzione

  • Dati dettagliati sui requisiti a livello di monitoraggio, manutenzione e aggiornamento per il supporto della soluzione

  • Dati sulla modalità di governance della soluzione

  • Strategia di promozione della soluzione presso l'utente per stimolarne l'adozione

È consigliabile utilizzare gli articoli e le risorse di pianificazione illustrati in Pianificazione e architettura per SharePoint Foundation 2010.

ImportanteImportant
È probabile che durante la fase di pianificazione subentrino pressioni relativamente a risorse e tempo che possono portare a gestire le attività previste con meno rigore. È comunque consigliabile cercare di lavorare con la massima diligenza perché elementi non considerati o sottovalutati durante la fase di pianificazione possono ricomparire sotto forma di problemi significativi in ambiente di produzione. Questi problemi possono causare molto lavoro aggiuntivo, l'utilizzo di risorse non preventivate e potenzialmente compromettere il buon esito della distribuzione di SharePoint Foundation.

Dopo la fase di pianificazione, si passa alle fasi di distribuzione successive, aggiornando e rivedendo i propri piani, le configurazioni e le topologie man mano che se ne esegue il testing.

Durante la fase di sviluppo sarà possibile distribuire SharePoint Foundation in uno o più server per sviluppare, testare, valutare e perfezionare la soluzione che si intende implementare. La scalabilità orizzontale viene implementata nell'ambiente in base alle necessità che emergono durante lo sviluppo della soluzione. Tale implementazione può essere mantenuta per le attività di sviluppo e testing future. Questo ambiente non è stabile e non sono previsti contratti di servizio.

Durante la fase del modello di prova l'obiettivo è duplice, ovvero conoscere SharePoint Foundation e valutare le potenzialità di SharePoint Foundation in contesto per stabilire se si tratta della soluzione ideale per soddisfare specifiche esigenze aziendali. Per il primo livello di valutazione è sufficiente installare i componenti del prodotto in un singolo server. Per valutazioni più approfondite si utilizza una distribuzione modello di prova.

Una distribuzione modello di prova in un singolo server o in una piccola farm consente di ampliare l'ambito delle proprie valutazioni. In questo tipo di distribuzione al team di valutazione si aggiunge personale non IT per ottenere una visione più ampia delle effettive possibilità di utilizzo delle funzionalità di SharePoint Foundation all'interno dell'organizzazione. Il vantaggio di una distribuzione modello di prova è la possibilità di raccogliere dati utilizzabili per perfezionare il piano originale. Questi dati, ad esempio visualizzazioni di pagine, modelli di comportamento degli utenti e utilizzo delle risorse dei server, consentono inoltre di creare un benchmark iniziale per stabilire le dimensioni della farm. Il modello di prova è inoltre una valida opzione per valutare le applicazioni di servizio e determinare i set di funzionalità che si intende offrire agli utenti finali.

Durante la fase del modello di prova è importante analizzare e comprendere le caratteristiche e il funzionamento peculiari di tali funzionalità, perché queste conoscenze risulteranno utili per la definizione della topologia complessiva. Tenere presente che per una distribuzione modello di prova sono necessarie risorse aggiuntive e una maggiore quantità di tempo per la distribuzione di SharePoint Foundation in un ambiente di produzione.

SuggerimentoTip
La virtualizzazione rappresenta una valida piattaforma per la valutazione di SharePoint Foundation perché un ambiente virtuale offre flessibilità e rapidità di distribuzione e consente di ripristinare stati precedenti delle macchine virtuali.

Una distribuzione pilota consente di testare la soluzione su scala limitata. Per utilizzare una distribuzione di questo tipo, sono possibili due approcci. Il primo è incentrato sul testing funzionale senza l'utilizzo di dati reali. Il secondo consente di testare le caratteristiche di produzione mediante l'utilizzo di dati reali e offre agli utenti pilota la possibilità di testare diversi tipi di attività. L'approccio consigliato è il secondo in ragione dell'ambito più esteso e dei dati reali che è possibile raccogliere e utilizzare per perfezionare il progetto della soluzione.

Una distribuzione pilota offre diversi vantaggi e consente di raccogliere dati utilizzabili per convalidare gli aspetti seguenti del progetto della farm:

  • Progetto dell'infrastruttura

  • Ipotesi relative alla gestione della capacità

  • Architettura del sito e della soluzione

  • Ipotesi relative all'utilizzo della soluzione

La fase della distribuzione pilota consente inoltre di stabilire quali dati aggiuntivi è consigliabile raccogliere per estendere la portata e il grado di approfondimento dei benchmark. Ciò è importante se si desidera valutare il possibile effetto di ulteriori funzionalità o servizi che si intende aggiungere alla farm prima del test di accettazione utenti.

Al termine della distribuzione pilota è possibile utilizzare i dati raccolti per adeguare i diversi componenti della soluzione e la relativa infrastruttura di supporto.

Il test di accettazione utenti, noto anche come ambiente di pre-produzione, viene utilizzato dalle organizzazioni come passaggio di transizione dalla distribuzione pilota a una distribuzione di produzione. I processi aziendali di un'organizzazione determinano l'ambito, la scala e la durata del test di accettazione utenti.

La topologia dell'ambiente di pre-produzione dovrebbe essere uguale o molto simile alla topologia di produzione pianificata. Durante il test di accettazione utenti la soluzione di SharePoint Foundation viene testata a fronte di un sottoinsieme o di una copia completa dei dati di produzione. Tale fase di distribuzione offre un'ultima opportunità per adeguare le prestazioni e convalidare le procedure operative come i backup e i ripristini.

La fase finale è costituita dall'implementazione della farm in un ambiente di produzione. In questa fase saranno stati apportati alla soluzione e all'infrastruttura gli adeguamenti necessari identificati nel corso della fase del test di accettazione utenti.

Per introdurre la farm nel processo produttivo, è necessario eseguire le attività seguenti:

  • Distribuire la farm.

  • Distribuire la soluzione.

  • Implementare il piano operativo.

  • Se necessario, distribuire ulteriori ambienti, ad esempio farm di creazione e modifica e di gestione temporanea e farm di servizi.

Mostra: