Pianificare l'importazione del contenuto dei dashboard di PerformancePoint Server 2007 in SharePoint Server 2010 (SharePoint Server 2010)

SharePoint 2010
 

Si applica a: SharePoint Server 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2015-03-09

Per facilitare e semplificare il processo di importazione del contenuto dei dashboard da Microsoft Office PerformancePoint Server 2007 a PerformancePoint Services in Microsoft SharePoint Server 2010, è disponibile una procedura guidata. L'Importazione guidata dati supporta l'utente nel processo di importazione dei metadati, ovvero i dashboard, le scorecard, le origini dati, gli indicatori KPI e così via. Dopo aver completato il processo di importazione dei dati, è necessario ridistribuire ogni singolo dashboard.

NotaNote
È consigliabile configurare un ambiente di SharePoint Server 2010 pulito prima di eseguire l'Importazione guidata dati.

Non tutti i tipi di report supportati in Microsoft Office PerformancePoint Server 2007 sono supportati in SharePoint Server 2010. I tipi seguenti non sono supportati in SharePoint Server 2010 e pertanto non vengono importati:

  • Grafici di analisi delle tendenze

  • Tabelle pivot

  • Grafici pivot

  • Fogli di calcolo

PerformancePoint Services utilizza il modello di sicurezza di SharePoint Server per controllare l'accesso degli utenti a varie funzionalità e attività. Sono state introdotte alcune sottili ma significative modifiche nell'utilizzo di PerformancePoint Services in Microsoft SharePoint Server 2010 rispetto a Microsoft Office PerformancePoint Server 2007. In Microsoft Office PerformancePoint Server 2007 Server di monitoraggio dispone di un proprio server e di un database in cui archiviare metadati e contenuto. In Microsoft Office PerformancePoint Server 2007 la sicurezza viene applicata globalmente a livello di server e in ogni singolo oggetto.

In SharePoint Server 2010 il contenuto dei metadati di PerformancePoint viene archiviato in elenchi SharePoint e raccolte documenti. È pertanto necessario capire la differenza fra Microsoft Office PerformancePoint Server 2007 e SharePoint Server 2010 nell'assegnazione di autorizzazioni e ruoli.

NotaNote
In Microsoft Office PerformancePoint Server 2007 l'amministratore nel computer server diventa automaticamente un amministratore di PerformancePoint. In SharePoint Server 2010 questo non avviene. Se necessario, questa assegnazione può essere eseguita manualmente.

PerformancePoint Services utilizza i gruppi di autorizzazioni e le autorizzazioni di SharePoint Server. Durante la pianificazione delle modalità di utilizzo del servizio da parte degli utenti, esaminare i principali ruoli di SharePoint Server.

  • Amministratore di farm:   per poter modificare gli elementi di dashboard, questo ruolo deve disporre almeno delle autorizzazioni di collaboratore per gli elenchi di contenuto (o gli elementi di elenchi) e le raccolte di origini dati (o gli elementi di raccolte).

  • Amministratore di raccolta siti:  per poter modificare gli elementi di dashboard, questo ruolo deve disporre almeno delle autorizzazioni di collaboratore per le raccolte di origini dati (o gli elementi delle raccolte).

  • Amministratore di sito oppure collaboratore per elenco o raccolta documenti:   per poter modificare gli elementi di dashboard, questo ruolo deve disporre almeno delle autorizzazioni di collaboratore per gli elenchi di contenuto (o gli elementi di elenchi) e le raccolte di origini dati (o gli elementi di raccolte).

ImportanteImportant
Se a qualsiasi persona o ruolo viene assegnato il compito di ridistribuire i dashboard dopo la loro importazione da Microsoft Office PerformancePoint Server 2007, tale persona o ruolo deve disporre almeno delle autorizzazioni di progettazione.

È consigliabile creare nuovi gruppi di SharePoint, o utilizzare quelli esistenti, per organizzare i ruoli in PerformancePoint Services. La definizione di gruppi di autorizzazioni chiari basati sul ruolo professionale può essere utile per ottenere un maggiore controllo degli utenti e dei rispettivi diritti di accesso.

Non esiste una corrispondenza esatta tra i quattro ruoli server disponibili in Microsoft Office PerformancePoint Server 2007 e i ruoli predefiniti in SharePoint Server 2010. I ruoli di PerformancePoint Services sono Amministratore, Lettura avanzata, Responsabile origine dati e Autore. È inoltre possibile impostare i due ruoli aggiuntivi Modifica e Lettura a livello dei singoli elementi in Dashboard Designer. La tabella seguente indica le corrispondenze tra i ruoli in PerformancePoint Server 2007 e PerformancePoint Services in Microsoft SharePoint Server 2010.

ImportanteImportant
Gli utenti con privilegi di amministratore nel server non vengono aggiunti automaticamente come amministratori in PerformancePoint Services in Microsoft SharePoint Server 2010.

 

Ruolo di PerformancePoint Server 2007 Autorizzazioni di PerformancePoint Server 2007 Ruolo di PerformancePoint Services in Microsoft SharePoint Server 2010 Commenti

Amministratore

Modifica di qualsiasi elemento e creazione di nuovi elementi

Collaboratore:   contenuto dati e origini dati

Lettura avanzata

Lettura di qualsiasi elemento (utilizzato per processi SDK)

Lettura:   contenuto dati e origini dati

Responsabile origine dati

Creazione di nuovi elementi (solo origini dati)

Collaboratore:   solo origini dati

Autore

Creazione di nuovi elementi (ad eccezione delle origini dati)

Collaboratore:   solo contenuto dati

Autorizzazioni per singoli elementi

Modifica

Visualizzazione, modifica o eliminazione dell'elemento

Collaboratore

Lettura

Visualizzazione dell'elemento

Lettura

Un altro modo per stabilire le esigenze a livello di accesso consiste nel valutare le autorizzazioni in base alle attività:

 

Attività utente Sono necessarie autorizzazioni di PerformancePoint Services in Microsoft SharePoint Server 2010

Avviare Dashboard Designer

L'unico requisito è essere un utente autenticato di SharePoint Server 2010

Creare elementi del dashboard di PerformancePoint e salvarli in un elenco SharePoint o in una raccolta documenti

Collaboratore

Eseguire tutte le attività del ruolo Collaboratore e inoltre pubblicare dashboard di PerformancePoint

Progettista

Visualizzare dashboard di PerformancePoint e utilizzare caratteristiche interattive

Lettura

Gestire le autorizzazioni utente per gli elementi del dashboard

Controllo completo (sito) o amministratore di raccolta siti

Durante l'esecuzione dell'Importazione guidata dati, il contenuto importato, ad esempio dashboard e scorecard, viene collocato in un elenco SharePoint. Le origini dati importate vengono collocate in una raccolta documenti per le origini dati. Per eseguire il processo di importazione senza incorrere in difficoltà, configurare un ambiente di SharePoint Server 2010 pulito. Esaminare i passaggi seguenti e recuperare il nome utente e la password dell'account necessari.

Stabilire la sicurezza delle origini dati: in PerformancePoint Server 2007 l'impostazione di sicurezza per le origini dati è archiviata nel file Web.config, situato in C:\Programmi\Microsoft Office PerformancePoint Server\3.0\Monitoring\PPSMonitoring_1\WebService. In SharePoint Server 2010 la sicurezza è archiviata in ogni origine dati. La maggior parte dei clienti di PerformancePoint Server 2007 utilizza l'"identità per utente" come metodo di sicurezza. Se non si è certi della modalità di configurazione della sicurezza, esaminare il file Web.config (nel nodo <appSettings>). I tre metodi disponibili in PerformancePoint Server 2007 sono:

  • Per accedere a tutte le origini dati viene utilizzato un singolo account utente condiviso.

  • Autenticazione per utente (richiede la delega Kerberos). In questo caso l'account di ogni utente viene utilizzato per accedere a tutte le origini dati. Il valore dell'impostazione bpm.serverconnectionperuser nel file Web.config è "True".

  • Autenticazione predefinita con nome utente nella stringa di connessione. Questo metodo utilizza un unico account utente condiviso per accedere a tutte le origini dati e per inviare il nome utente viene utilizzata la proprietà CustomerData della stringa di connessione. Se viene utilizzato questo metodo, il valore dell'impostazione bpm.UseASCustomData è "True".

Accedere al server del contenuto di PerformancePoint Server 2007: tenere a portata di mano il nome utente e la password poiché verranno richiesti durante la procedura guidata.

Connettersi al database del contenuto di PerformancePoint Server 2007: durante l'installazione iniziale di PerformancePoint 2007 il nome predefinito assegnato al database è PPSMonitoring. Se il database è stato rinominato, selezionare il nome del database in cui risiede il contenuto.

Scegliere un elenco per archiviare gli elementi dei dashboard: gli indicatori KPI, le scorecard, i report, i dashboard e i filtri verranno copiati nell'elenco Contenuto dashboard. Selezionare un elenco vuoto. È necessario specificare il nome della raccolta siti, del sito e dell'elenco.

Scegliere una raccolta documenti in cui archiviare le origini dati: le origini dati vengono copiate in una raccolta documenti. La raccolta documenti selezionata deve supportare il tipo di contenuto Origine dati di PerformancePoint. Con un'installazione predefinita di PerformancePoint Services per SharePoint Server 2010 verrà creata una raccolta documenti specifica per le origini dati che è possibile utilizzare. È consigliabile selezionare una raccolta documenti vuota. La raccolta siti avrà lo stesso nome della raccolta siti specificata per gli elementi dei dashboard.

Controllare le impostazioni: è possibile controllare le impostazioni specificate e modificarle se necessario.

Controllare lo stato dell'importazione: durante il processo di importazione dei dati viene visualizzata una barra di stato che consente di verificare l'avanzamento dell'importazione. Sono elencati tutti gli elementi e le origini del database che sono stati importati. Dopo il completamento del processo di importazione, vengono visualizzati i risultati finali dell'importazione, con ogni elemento importato elencato in base alla categoria (Origini dati, Indicatori KPI, Scorecard e così via) e con informazioni su eventuali errori o problemi che si possono essere verificati. Nei risultati viene anche specificato se i nomi delle origini dati sono stati modificati in caso di duplicati.

Mostra: