Distribuire personalizzazioni - panoramica (SharePoint Foundation 2010)

SharePoint 2010
 

Si applica a: SharePoint Foundation 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

Negli articoli di questo capitolo viene illustrato come distribuire elementi di siti personalizzati da sviluppatori o designer Web in un ambiente Microsoft SharePoint Foundation 2010.

Contenuto dell'articolo:

La distribuzione delle personalizzazioni può essere molto complessa, soprattutto perché in SharePoint Foundation 2010 sono disponibili diversi metodi di distribuzione e i vantaggi derivanti dall'utilizzo dell'uno o dell'altro non sono sempre ovvii.

Questi diversi tipi di elementi di siti, o elementi della struttura del sito, vengono distribuiti utilizzando metodi diversi. Non è possibile distribuire l'intero intervallo di elementi personalizzabili con un unico metodo di distribuzione. Per ogni tipo di elemento è necessario valutare considerazioni di sviluppo specifiche, poiché gli elementi possono provenire da gruppi di designer diversi ed essere soggetti a considerazioni di aggiornamento diverse. I diversi tipi di elementi di siti vengono illustrati in Informazioni sui due tipi di elementi di siti personalizzabili più avanti in questo articolo.

Per le attività di distribuzione specifiche e le considerazioni correlate, vedere gli articoli seguenti:

Prima di distribuire codice personalizzato nell'ambiente, è necessario stabilire una base per le prestazioni dell'ambiente al fine di analizzare l'impatto delle personalizzazioni sulle prestazioni. Dopo avere definito una base per le prestazioni, eseguire un test approfondito del codice personalizzato in un ambiente di testing o di integrazione e confrontare i risultati con la base. Assicurarsi di testare in modo accurato tutte le personalizzazioni prima di distribuirle nell'ambiente di produzione.

È inoltre consigliabile verificare eventuale codice ottenuto da terze parti prima di distribuirlo nell'ambiente di produzione, anche se proveniente da una fonte attendibile.

Le descrizioni e le indicazioni contenute in questi articoli si applicano a un ambiente SharePoint Foundation distribuito e configurato per soddisfare i requisiti riportati in Pianificazione della server farm e dell'ambiente (SharePoint Foundation 2010).

Gli elementi di siti sviluppati sono elementi della struttura della soluzione e in genere vengono creati da sviluppatori. Una soluzione può includere assembly, che sono componenti di SharePoint scritti in linguaggi basati su Microsoft .NET Framework e compilati prima della distribuzione. Ad eccezione degli assembly di processi timer e delle definizioni di sito, gli elementi di siti sviluppati di solito sono raggruppati in elementi Feature e distribuiti all'interno di un pacchetto della soluzione. Gli elementi di siti sviluppati includono:

  • Web part

  • Flussi di lavoro

  • Definizioni di siti ed elenchi

  • Convertitori di documenti

  • Ricevitori di eventi

  • Processi timer

  • Assembly

Gli elementi di siti creati, che in genere vengono creati da designer Web, non vengono compilati esplicitamente e risiedono in un database del contenuto. Gli elementi di siti creati includono:

  • Pagine master

  • Fogli di stile CSS

  • Moduli

  • Pagine di layout

Questi due tipi di elementi di siti personalizzabili si differenziano per gli aspetti seguenti:

  • Posizione in cui vengono archiviati i file in una farm di SharePoint Foundation 2010.

  • Team dell'organizzazione responsabile dell'amministrazione dell'elemento del sito.

  • Meccanismo di distribuzione necessario per l'elemento del sito.

Alcuni elementi possono essere elementi della struttura della soluzione oppure elementi della struttura del sito creati. Un tipo di contenuto ad esempio può essere definito in un file XML come elemento della struttura della soluzione sviluppato oppure creato mediante un browser come elemento della struttura del sito creato. Gli elementi di siti che possono essere elementi della struttura della soluzione oppure elementi della struttura del sito creati includono le colonne dei siti e le istanze degli elenchi. Gli elementi della struttura della soluzione possono inoltre essere utilizzati per effettuare il provisioning dei file nei siti Web e impostati per essere memorizzati nella cache del server Web front-end.

È possibile in genere definire gli elementi di siti sviluppati come elementi dei siti che vengono creati in un ambiente di sviluppo del codice e distribuiti direttamente ai server Web front-end e ai server applicazioni. Questi elementi dei siti di solito vengono personalizzati dagli sviluppatori utilizzando Microsoft Visual Studio 2010 Tools per SharePoint 2010, Microsoft Office SharePoint Designer o gli strumenti di modifica XML. Per ulteriori informazioni, vedere Strumenti di sviluppo di SharePoint Foundation (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=183360&clcid=0x410).

NotaNote
In questo articolo non viene illustrata la distribuzione di elementi di siti sviluppati distribuiti come soluzioni in modalità sandbox. Tali soluzioni possono accedere a un sottoinsieme del modello a oggetti del server e a un sottoinsieme di elementi Feature e possono essere distribuite dagli amministratori delle raccolte siti. Per ulteriori informazioni, vedere Panoramica delle soluzioni in modalità sandbox (SharePoint Foundation 2010).

Una procedura consigliata consiste nell'utilizzare pacchetti delle soluzioni e Windows PowerShell per distribuire elementi di siti sviluppati. SharePoint Foundation Solution Framework semplifica e standardizza il processo di distribuzione di elementi di siti nuovi e aggiornati all'interno della farm e di sincronizzazione di un server Web front-end in modo che il relativo stato sia coerente con quello degli altri server della farm. I pacchetti delle soluzioni ad esempio semplificano il processo di ricostruzione di una farm. La distribuzione di elementi di siti mediante la gestione manuale del codice e dei file può causare incoerenze nel processo di aggiornamento e un'assenza di sincronizzazione con gli altri server. È possibile utilizzare pacchetti delle soluzioni per distribuire elementi di siti sviluppati da ambienti di sviluppo a farm di integrazione e quindi a farm di gestione temporanea, farm pilota e farm di produzione.

È possibile utilizzare i cmdlet di Windows PowerShell per creare, importare, esportare ed effettuare il provisioning dei pacchetti delle soluzioni, che si avvalgono di Solution Framework per distribuire le personalizzazioni di elementi di siti sviluppati. I cmdlet di Windows PowerShell sono utili per distribuire le personalizzazioni dei siti nella maggior parte degli ambienti perché sono inclusi sia in SharePoint Server 2010 che in SharePoint Foundation 2010 e possono essere utilizzati da soli o in combinazione con altri metodi. È possibile utilizzare i cmdlet di Windows PowerShell per distribuire sia elementi della struttura del sito sia elementi di siti sviluppati. È inoltre possibile utilizzarli per attivare gli elementi Feature distribuiti in un pacchetto della soluzione.

Gli elementi di siti creati differiscono dagli elementi di siti sviluppati in quanto vengono archiviati nel database del contenuto, nonostante possano dipendere da risorse esistenti nel file system di server Web o, meno frequentemente, di server applicazioni. In alcuni casi, gli elementi di siti creati non funzionano perché è innanzitutto necessario distribuire gli elementi di siti sviluppati.

Negli ambienti in cui le distribuzioni di personalizzazioni sono completamente automatizzate, l'ordine di distribuzione necessario può essere imposto dal sistema per eliminare eventuali problemi di sincronizzazione. Se tuttavia la distribuzione delle personalizzazioni viene eseguita parzialmente o interamente in modo manuale, sarà necessario verificare che tutte le risorse richieste siano presenti nei server Web e nei server applicazioni prima di distribuire il contenuto basato su tali risorse.

È possibile distribuire gli elementi di siti creati da ambienti di creazione e modifica a farm di gestione temporanea, pilota e di produzione utilizzando uno o più sistemi diversi. Nella tabella riportata di seguito vengono descritti tali sistemi, le interfacce associate e gli scenari di utilizzo.

 

Sistema di distribuzione Scenario di utilizzo

Sito Web Amministrazione centrale SharePoint

Negli ambienti in cui le farm di origine e di destinazione sono connesse a una rete, è possibile utilizzare le caratteristiche di distribuzione del contenuto in Amministrazione centrale per creare un pacchetto di distribuzione del contenuto nella farm di origine ed esportarlo in un'altra farm.

Questo metodo è facile da configurare e utilizzare e può essere utilizzato per automatizzare la distribuzione di elementi dei siti creati, in poco tempo e con poche operazioni di installazione e manutenzione.

Modello a oggetti per la migrazione del contenuto

In base al metodo utilizzato, ovvero programmazione mediante API per lo spazio dei nomi di distribuzione, utilizzo di chiamate SOAP (Simple Object Access Protocol) a un servizio Web o spostamento di un intero sito tramite cmdlet di Windows PowerShell, è possibile controllare il contenuto migrato e la modalità di migrazione. L'utilizzo dell'API per l'importazione e l'esportazione del contenuto è l'unico metodo supportato che mantiene gli identificatori univoci globali (GUID).

Per ulteriori informazioni, vedere Migrazione del contenuto (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=183372&clcid=0x410).

Windows PowerShell

È possibile utilizzare i cmdlet di Windows PowerShell per eseguire operazioni di importazione ed esportazione per l'intero sito, mantenendo indicatori di data e ora, informazioni di sicurezza e informazioni utente. I cmdlet di Windows PowerShell sono particolarmente utili per spostare il contenuto di base di un intero sito Web.

Windows PowerShell è utile per distribuire personalizzazioni dei siti nella maggior parte degli ambienti perché è incluso in Prodotti SharePoint 2010 e può essere utilizzato da solo o in combinazione con altri metodi. È possibile utilizzare i cmdlet di Windows PowerShell per distribuire sia elementi della struttura del sito sia elementi di siti sviluppati.

Per ulteriori informazioni, vedere Amministrazione di prodotti SharePoint 2010 tramite Windows PowerShell.

Servizio Web personalizzato

È possibile creare un servizio Web personalizzato in grado di automatizzare la migrazione e la distribuzione del contenuto. È possibile scrivere applicazioni Web e script personalizzati per eseguire attività specifiche all'interno di questo processo.

Per ulteriori informazioni sui metodi a livello di programmazione per la creazione di un servizio Web personalizzato, vedere le risorse seguenti in Microsoft SharePoint 2010 Software Development Kit (SDK):

Gestione manuale del codice

In ambienti disconnessi di dimensioni ridotte o in ambienti in cui gli elementi di siti creati non sono personalizzati in modo continuativo, è possibile distribuire manualmente gli elementi dei siti e le risorse correlate. In ambienti connessi di dimensioni ridotte è consigliabile utilizzare le funzionalità di distribuzione del contenuto di Amministrazione centrale per distribuire le personalizzazioni degli elementi di siti creati.

Pacchetti delle soluzioni ed elementi Feature

Gli elementi quali layout di pagina, pagine master, moduli e fogli di stile possono essere raggruppati e sviluppati in elementi Feature come parte di un pacchetto della soluzione. Gli elementi Feature distribuiti da un pacchetto della soluzione possono essere attivati negli ambiti in cui è necessario effettuare il provisioning degli elementi creati.

Per ulteriori informazioni, vedere Distribuire elementi di siti mediante l'utilizzo di elementi Feature (SharePoint Foundation 2010).

Modelli personalizzati

Un utente può salvare un sito esistente, con o senza il relativo contenuto specifico, come modello personalizzato. In questo modo è possibile riutilizzare i siti personalizzati. Un modello di sito personalizzato viene archiviato come file con estensione wsp e salvato nella Raccolta soluzioni del sito principale di una raccolta siti, dove diventa disponibile per la creazione di siti secondari in tutti i siti Web della raccolta siti. I modelli di sito possono essere scaricati e spostati in altre raccolte delle raccolte siti.

Mostra: