Effettuare la pianificazione per la virtualizzazione (SharePoint Foundation 2010)

SharePoint 2010
 

Si applica a: SharePoint Foundation 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

In questo articolo viene illustrato il processo di pianificazione da seguire per distribuire correttamente Microsoft SharePoint Foundation 2010 in un ambiente virtuale. In ogni passaggio di tale processo sono inclusi collegamenti che consentono di accedere alla documentazione appropriata. Si presuppone inoltre che sia stata determinata la soluzione di SharePoint Foundation 2010 da distribuire nell'ambiente virtuale. In via generale la distribuzione di una farm di SharePoint Foundation 2010 in macchine virtuali equivale alla distribuzione di una farm in server fisici. La distribuzione in un ambiente virtuale implica tuttavia un livello di pianificazione diverso per cui è necessario prendere in considerazione le caratteristiche della tecnologia Hyper-V per Windows Server 2008, nonché la modalità di implementazione delle macchine virtuali, delle schede di rete virtuali e dei dischi rigidi virtuali in un server di virtualizzazione.

Prima di iniziare a sviluppare il piano di virtualizzazione, è consigliabile leggere la Guida alla pianificazione e alla distribuzione di Hyper-V (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=187964&clcid=0x410).

Le informazioni dettagliate sugli argomenti seguenti esulano dallo scopo di questo articolo, ma vengono fornite in altri articoli:

  • Gestione della capacità

  • Disponibilità elevata

  • Utilizzo dell'ambiente virtuale

  • Requisiti di sicurezza

  • Ripristino di emergenza

    Pianificazione della continuità aziendale

Un ambiente virtuale è costituito da due livelli correlati tra loro, uno fisico e uno virtuale. Una modifica apportata alla configurazione a uno di tali livelli incide sui server dell'altro livello. Questa correlazione diventa evidente quando si effettua la pianificazione, si distribuisce e si utilizza SharePoint Foundation 2010 in un ambiente virtuale.

È consigliabile effettuare la pianificazione per una farm virtuale come se si trattasse di una farm fisica. La maggior parte, se non addirittura tutte le problematiche e i requisiti per la distribuzione di SharePoint Foundation 2010 nei server fisici si applicano anche alle macchine virtuali. Qualsiasi decisione presa, ad esempio i requisiti minimi per il processore o la memoria, influisce direttamente sul numero degli host di virtualizzazione necessari e sulla relativa capacità di supportare in modo adeguato le macchine virtuali identificate per la farm.

Dopo avere terminato di pianificare una farm fisica, si dispone di tutte le informazioni necessarie per progettare l'architettura di virtualizzazione. Tale architettura idealmente è quanto più possibile vicina alla soluzione di virtualizzazione finale che si intende mettere in produzione. Realisticamente è probabile che l'architettura cambi man mano che si procede nella fase di distribuzione del ciclo di vita del sistema. Può anche accadere che alcuni ruoli di server della farm risultino non adatti per la virtualizzazione.

I passaggi, le attività e i riferimenti chiave per la pianificazione sono riepilogati nella procedura seguente.

Per creare un piano di virtualizzazione
  1. Determinare l'ambito di virtualizzazione

    La determinazione dell'ambito è un fattore cruciale per implementare, gestire e valutare correttamente il progetto di virtualizzazione. Considerare il fatto che per la maggior parte delle soluzioni sono previsti diversi componenti della farm. Un portale Web esposto a Internet ad esempio in genere include una farm di pubblicazione, una farm di creazione e modifica e una farm di testing o di controllo qualità. Quando si determina l'ambito, è necessario decidere se virtualizzare tutta o parte dell'infrastruttura della soluzione.

    Per determinare l'ambito di virtualizzazione, utilizzare l'elenco di attività seguente:

    • Attività 1. Identificare tutte le farm necessarie per implementare la soluzione.

    • Attività 2. Per ogni farm, determinare il numero di server necessari, nonché il ruolo dei singoli server nella farm.

    • Attività 3. Identificare le farm da distribuire in un ambiente virtuale.

    La determinazione dell'ambito della soluzione contribuisce a definire meglio l'ambito della distribuzione, rendendo più agevoli l'implementazione e la gestione. Per ulteriori informazioni, vedere Pianificazione di siti e soluzioni (SharePoint Foundation 2010). Benché inoltre le soluzioni condividano elementi comuni, ogni soluzione ha propri requisiti. Per ulteriori informazioni, vedere Concetti fondamentali per la pianificazione dei siti (SharePoint Foundation 2010). Nell'articolo viene illustrata una delle soluzioni più note.

    Ridefinire l'ambito in base agli scopi e agli obiettivi della soluzione, ai relativi requisiti o per unità aziendale.

  2. Identificare i server da virtualizzare

    Identificare i server adatti per la virtualizzazione. Da un punto di vista tecnico e del supporto Microsoft, tutti i server di SharePoint possono essere virtualizzati. La decisione di virtualizzare un determinato server della farm dovrebbe basarsi sugli aspetti seguenti:

    • Criteri di conformità aziendali, ad esempio di tipo legale e tecnico

    • Vantaggi derivanti dal consolidamento dei server, ad esempio un minore consumo di elettricità e requisiti di spazio fisico più ridotti. Per ulteriori informazioni, vedere Virtualizzazione dei server (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=187965&clcid=0x410).

    • Requisiti di capacità (vedere il passaggio di pianificazione successivo)

  3. Identificare i requisiti di capacità per ogni server della farm

    Determinare i requisiti in termini di risorse per ogni server della farm come se fosse un server fisico. Prendere in considerazione ruoli del server specializzati, ad esempio l'hosting dei componenti di Ricerca contenuti organizzazione. È necessario specificare la quantità di risorse necessarie per ognuno dei componenti seguenti dei server:

    • Memoria

    • Numero di processori e velocità di clock minima

    • Numero e dimensione dei dischi rigidi

    • Numero di schede di rete e relativa velocità effettiva necessaria

    NotaNote
    Per i server fisici e le macchine virtuali, pianificare il carico massimo e determinare la modalità di gestione dei picchi di carico di breve durata.
  4. Determinare se la macchina virtuale può soddisfare requisiti fisici.

    È necessario determinare se ogni macchina virtuale identificata nel passaggio 3 può soddisfare i requisiti di capacità di un server fisico corrispondente. Eseguire almeno le attività seguenti:

    • Attività 1. Valutare il requisito relativo alla memoria nel contesto della capacità dell'host di virtualizzazione disponibile.

    • Attività 2. Valutare il requisito relativo al processore. Hyper-V prevede un limite rigido di quattro processori virtuali per ogni macchina virtuale. Se un server fisico della farm richiede otto processori, determinare se tale requisito può essere soddisfatto realizzando una scalabilità orizzontale per il numero di macchine virtuali in una farm.

    • Attività 3. Valutare il requisito relativo all'archiviazione per le macchine virtuali nel contesto dell'archiviazione fisica locale o dell'archiviazione SAN.

  5. Determinare i requisiti dell'host di virtualizzazione

    Determinare i requisiti minimi dell'host, ovvero memoria, numero di core, numero e dimensione dei dischi rigidi locali e numero di schede di rete. Considerare e pianificare inoltre gli aspetti seguenti:

    • Scalabilità. Determinare se è possibile aggiungere altre CPU, altra memoria, altri dischi rigidi e altre schede di rete al computer host.

      ImportanteImportant
      A seconda del produttore e del modello di computer, potrebbe non essere possibile aumentare la capacità. È necessario disporre di tali informazioni prima di utilizzare o acquistare un server.
    • Capacità extra dell'host. Determinare se l'host dispone o meno della capacità per realizzare una scalabilità verticale per le macchine virtuali esistenti o per aggiungere ulteriori macchine virtuali. Ciò è molto importante se si intende utilizzare la migrazione rapida, la migrazione dinamica (Live Migration) o il clustering di failover di Hyper-V.

    ImportanteImportant
    Pianificare il carico massimo e determinare la modalità di gestione dei picchi di carico di breve durata.
  6. Progettare l'architettura di virtualizzazione

    Perché una soluzione funzioni, è necessaria un'architettura ben progettata. Per SharePoint Foundation 2010, una semplice topologia a tre livelli fornisce la base per tutte le soluzioni. Gli elementi seguenti costituiscono una buona struttura di progettazione basata sulla topologia di base consigliata:

    • Buone prestazioni globali

    • Facilità di manutenzione e aggiornamento

    • Flessibilità

    • Scalabilità

    • Disponibilità elevata

    Un modello di architettura di virtualizzazione è costituito dagli host di virtualizzazione e dalle macchine virtuali che formano la topologia della farm. Tale modello consente di visualizzare l'ambiente virtuale che si intende distribuire.

    NotaNote
    Prepararsi a ridefinire l'architettura man mano che si prosegue nel processo di pianificazione. I passaggi seguenti possono comportare modifiche relative all'architettura.
  7. Identificare i requisiti di archiviazione

    Determinare quanto spazio di archiviazione fisica locale o di archiviazione SAN è necessario per l'archiviazione relativa a Hyper-V, ad esempio i file di configurazione, i dischi rigidi virtuali e gli snapshot.

  8. Identificare i requisiti di backup e ripristino

    Oltre ai server della farm, è necessario pianificare il backup e il ripristino per tutta o parte di una farm. Per ulteriori informazioni, vedere Backup and recovery (SharePoint Foundation 2010).

  9. Determinare i requisiti di disponibilità elevata e progettare una soluzione

    Identificare gli approcci da adottare per ottenere una disponibilità elevata per server Web, server applicazioni e database. Le strategie tipiche includono quanto segue:

  10. Identificare gli indicatori di integrità e capacità per il monitoraggio dell'ambiente virtuale.

    Combinare gli indicatori chiave derivanti dai passaggi precedenti con la pianificazione effettuata per SharePoint Foundation 2010. Per ulteriori informazioni, vedere Pianificazione della server farm e dell'ambiente (SharePoint Foundation 2010). È necessario determinare tutti gli indicatori di integrità e capacità per raccogliere le misurazioni dagli oggetti seguenti dell'ambiente virtuale:

    • Macchine virtuali con SharePoint Foundation 2010 installato

    • Macchine virtuali che non fanno parte della farm, ad esempio un server firewall

    • Host di virtualizzazione

    • Componenti di rete

    Dopo aver iniziato a raccogliere dati dall'ambiente virtuale, è possibile creare una linea di base utilizzabile per valutare e ottimizzare l'ambiente virtuale durante la distribuzione e dopo l'entrata in produzione della farm.

  11. Creare un piano di distribuzione per la fase di distribuzione del ciclo di vita del sistema.

    Per ulteriori informazioni, vedere il modello di distribuzione dei prodotti SharePoint 2010 disponibile nell'articolo Diagrammi tecnici (SharePoint Foundation 2010).

  12. Creare un piano di manutenzione

    Creare un piano di manutenzione che consenta di implementare i cambiamenti di password e di applicare aggiornamenti software, Service Pack e hotfix. Tale piano dovrebbe includere le macchine virtuali e gli host di virtualizzazione.

Mostra: