Pianificare Archiviazione BLOB remoti (SharePoint Foundation 2010)

SharePoint 2010
 

Si applica a: SharePoint Foundation 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

In questo articolo vengono fornite informazioni che consentono di decidere se utilizzare Archiviazione BLOB remoti in un ambiente Microsoft SharePoint Foundation 2010 ed eventualmente come pianificarne la distribuzione.

In SharePoint Foundation 2010 un oggetto binario di grandi dimensioni (BLOB, Binary Large Bobject) è un file, ad esempio un file video o un documento di Microsoft Office 2010. Per impostazione predefinita, questi oggetti BLOB, denominati anche dati non strutturati, sono archiviati in linea nel database del contenuto di SharePoint insieme ai metadati, o dati strutturati. Poiché gli oggetti BLOB possono essere molto estesi, può essere utile spostare i dati BLOB all'esterno del database di SQL Server in soluzioni di archiviazione commerciali o in uno spazio di archiviazione disponibile per il contenuto. A tale scopo, è possibile utilizzare Archiviazione BLOB remoti.

NotaNote
Se non specificato diversamente, le informazioni incluse in questo articolo sono specifiche di Archiviazione BLOB remoti con il provider FILESTREAM. Per informazioni specifiche di un altro provider, contattare il relativo produttore.

Per ulteriori informazioni su Archiviazione BLOB remoti e sui relativi provider, è consigliabile leggere Panoramica di Archiviazione BLOB remoti (SharePoint Foundation 2010).

Contenuto dell'articolo:

È consigliabile valutare le implicazioni dell'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti sull'intero ciclo di vita dell'ambiente. Una soluzione che può sembrare valida per operazioni normali, ad esempio l'utilizzo di archivi BLOB di grandi dimensioni, può presentare problemi durante il backup e il ripristino oppure durante un aggiornamento. Valutando gli effetti dell'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti e della dimensione dell'archivio BLOB sull'intero ciclo di vita, è possibile evitare possibili problemi successivi.

L'utilizzo di un provider remoto di Archiviazione BLOB remoti ad esempio comporterà una maggiore complessità e un aumento dei costi delle operazioni IT. Per mantenere la coerenza dei riferimenti è necessario infatti eseguire il backup del database del contenuto e dell'archivio BLOB durante la sincronizzazione.

In alcuni casi inoltre le operazioni di aggiornamento enumereranno ed eventualmente cambieranno ogni oggetto BLOB indipendentemente dalla posizione di archiviazione.

L'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti può richiedere una configurazione più complessa, poiché il provider di Archiviazione BLOB remoti deve essere installato e configurato in tutti i server Web della farm. Per ulteriori informazioni su come configurare Archiviazione BLOB remoti, vedere Installare e configurare Archiviazione BLOB remoti o Archiviazione BLOB esterna (SharePoint Foundation 2010).

È consigliabile valutare le dimensioni medie dei file e il tipo di accesso ai file durante le operazioni normali. Benché l'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti con file di dimensioni superiori a 1 MB possa migliorare le prestazioni di I/O e del processore, l'utilizzo con file di dimensioni inferiori a 256 KB può comportare una riduzione delle prestazioni globali. L'archiviazione di oggetti BLOB in linea nel database del contenuto è più efficiente con file di dimensioni inferiori. Per ulteriori informazioni sulle prestazioni di Archiviazione BLOB remoti, vedere Gestione di dati non strutturati con SQL Server 2008. (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=223909&clcid=0x410)

È inoltre opportuno considerare in che modo verrà utilizzato il contenuto BLOB. Se nella maggior parte dei casi gli utenti leggeranno il contenuto senza revisionarlo, Archiviazione BLOB remoti può comportare un miglioramento delle prestazioni. Se invece gli utenti revisioneranno spesso il contenuto, l'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti determinerà una riduzione delle prestazioni. Un esteso controllo delle versioni determinerà infatti un aumento significativo sia dei metadati nel database del contenuto che delle dimensioni dell'archivio BLOB.

Confrontare pertanto i vantaggi relativi ai costi di archiviazione con i potenziali aumenti dei costi operativi.

L'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti comporta inoltre un sovraccarico di operazioni poiché vengono aggiunti diversi contatori delle prestazioni per il monitoraggio. Sono disponibili diverse opzioni per l'ottimizzazione delle prestazioni di Archiviazione BLOB remoti. Per ulteriori informazioni, vedere Maintain RBS (SharePoint Foundation 2010).

È possibile migliorare l'efficienza e la velocità per le operazioni statistiche e di deframmentazione degli indici di database quando si utilizza Archiviazione BLOB remoti. Utilizzando questa soluzione inoltre le normali operazioni di verifica della coerenza, ad esempio i controlli DBCC, sono significativamente più veloci.

Le normali attività di gestione dei database invece diventano più complesse poiché è necessario configurare e utilizzare Gestore Archiviazione BLOB remoti per mantenere la coerenza a livello di collegamenti tra i metadati e l'archivio BLOB e per eseguire la pulizia degli oggetti BLOB orfani. Per ulteriori informazioni, vedere Maintain RBS (SharePoint Foundation 2010).

Se si utilizza il provider FILESTREAM locale con Archiviazione BLOB remoti, è possibile utilizzare gli strumenti di SharePoint incorporati per il backup e il ripristino. Queste operazioni consentono di eseguire il backup e il ripristino sia dei metadati che dell'archivio BLOB. Se si utilizza il provider remoto di Archiviazione BLOB remoti, è necessario coordinare attentamente i processi di backup e ripristino, poiché interessano sia i metadati che l'archivio BLOB. È consigliabile tenere conto di questo aspetto quando si pianifica la configurazione di Archiviazione BLOB remoti. Non tutti i provider di Archiviazione BLOB remoti supportano il backup e il ripristino di dati BLOB. È necessario consultarsi con il produttore del provider per verificare il supporto.

Non è possibile utilizzare Microsoft System Center Data Protection Manager per il backup e il ripristino del contenuto archiviato negli archivi di Archiviazione BLOB remoti.

In alcuni casi l'esecuzione di un aggiornamento o l'applicazione di un aggiornamento software può comportare l'enumerazione di ogni oggetto per includere i dati BLOB indipendentemente dalla posizione in cui sono archiviati. Le operazioni di aggiornamento pertanto saranno simili per la durata, indipendentemente dal fatto che vengano utilizzati oggetti BLOB in linea o remoti.

È consigliabile valutare le implicazioni dell'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti in scenari di siti diversi. Poiché Archiviazione BLOB remoti è stato creato per risolvere problemi specifici, è possibile che le prestazioni varino a seconda degli scenari. Gli scenari illustrati nelle sezioni seguenti sono esempi.

Se si sta valutando la possibilità di utilizzare Archiviazione BLOB remoti con siti del team o altri siti di intensa collaborazione in cui in genere sono contenuti documenti di dimensioni inferiori a 256 KB, non si osserveranno miglioramenti significativi con l'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti. Se inoltre si utilizza il controllo delle versioni, esiste il rischio che il database del contenuto aumenti molto rapidamente se i documenti vengono revisionati frequentemente.

ImportanteImportant
L'utilizzo di database del contenuto abilitati per Archiviazione BLOB remoti di dimensioni superiori a 4 TB con i siti di collaborazione non è supportato. Non è possibile caricare alcun documento di dimensioni superiori a 2 GB in un database del contenuto abilitato per Archiviazione BLOB remoti. Per ulteriori informazioni sui limiti di Archiviazione BLOB remoti, vedere la sezione "Database del contenuto" in Gestione della capacità di SharePoint Server 2010: Limiti software statici e configurabili.

Archiviazione BLOB remoti funziona in modo ottimale con i Centri record e altri siti di archivio. Poiché nella maggior parte dei casi questi siti sono di sola lettura e non utilizzano il controllo delle versioni, è possibile archiviare un numero elevato di dati nell'archivio Archiviazione BLOB remoti.

Ogni provider di Archiviazione BLOB remoti è associato a funzionalità e limitazioni diverse. Il provider FILESTREAM comporta le limitazioni seguenti:

  • Archiviazione BLOB remoti prevede specifiche limitazioni di dimensioni dei database del contenuto per scenari particolari. Per ulteriori informazioni su queste limitazioni, vedere la sezione "Limiti relativi ai database del contenuto" in Gestione della capacità di SharePoint Server 2010: limiti software statici e configurabili.

  • La crittografia non è supportata negli oggetti BLOB, anche se è abilitato Transparent Data Encryption.

  • Archiviazione BLOB remoti non supporta l'utilizzo della compressione dei dati.

  • Il supporto del log shipping e del mirroring di database è modificato. Per ulteriori informazioni, vedere Valutare le opzioni del provider più avanti in questo articolo.

Per determinare le funzionalità e le limitazioni di provider di terze parti, contattare il relativo produttore.

In questa sezione vengono illustrati i vantaggi e i costi associati all'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti. Questi vantaggi e costi in genere sono sempre validi, indipendentemente dal provider utilizzato. Per informazioni più dettagliate sull'utilizzo del provider FILESTREAM di Archiviazione BLOB remoti, vedere Vantaggi e costi associati all'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti con il provider FILESTREAM più avanti in questo articolo. Per informazioni più dettagliate su come utilizzare provider di terze parti di Archiviazione BLOB remoti, contattare il relativo produttore.

Archiviazione BLOB remoti è stato progettato per spostare l'archiviazione di oggetti BLOB dai database di server di database a directory di soluzioni di archiviazione commerciali. Negli ambienti specifici per cui è stato progettato l'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti è possibile pertanto usufruire di vantaggi in termini di costi o di prestazioni. Utilizzando spazi di archiviazione meno costosi anziché spazi di archiviazione più costosi in un server di database, è possibile risparmiare sui costi. Archiviazione BLOB remoti consente di utilizzare meno risorse di archiviazione in presenza di un numero inferiore di oggetti BLOB estesi. Se invece si dispone di molti file di piccole dimensioni, non si usufruisce di alcun vantaggio.

Archiviazione BLOB remoti comporta un aumento dei costi operativi perché il personale IT deve eseguire ulteriori attività durante il backup o il ripristino del contenuto. Archivi estesi di Archiviazione BLOB remoti possono rallentare attività quali il backup o il ripristino, l'aggiornamento dell'ambiente, l'aggiornamento a una versione di SharePoint Foundation più recente o la migrazione dei siti di SharePoint in un altro ambiente. È necessario tenere conto di questi costi quando si valuta se utilizzare Archiviazione BLOB remoti.

In questa sezione vengono illustrati i vantaggi e i costi associati all'utilizzo del provider FILESTREAM. Questi vantaggi e costi potrebbero non essere pertinenti per un altro provider. Per informazioni su come utilizzare provider di terze parti di Archiviazione BLOB remoti, contattare il relativo produttore.

Microsoft attualmente supporta solo il provider FILESTREAM di Archiviazione BLOB remoti con SharePoint Server 2010. Quando si utilizza questo provider, le caratteristiche di backup e ripristino in SharePoint Server 2010 eseguono anche il backup e il ripristino degli oggetti BLOB e dei dati strutturati nel database del contenuto, senza richiedere attività aggiuntive. Il provider FILESTREAM supporta inoltre dispositivi di archiviazione connessi iSCSI (Internet Small Computer System Interface).

Nel caso di SharePoint Foundation 2010, considerare la possibilità di implementare Archiviazione BLOB remoti se si desidera continuare a utilizzare la versione gratuita di Microsoft SQL Server e si prevede che le dimensioni dei database superino 4 GB. In caso contrario, non è consigliabile implementare Archiviazione BLOB remoti.

NotaNote
Se si esegue l'aggiornamento da Windows SharePoint Services 3,0 a SharePoint Foundation 2010, leggere l'articolo seguente per avere ulteriori suggerimenti sull'aggiornamento: Aggiornamento da un'installazione autonoma di Windows SharePoint Services 3.0 a SharePoint Foundation 2010 quando i database del contenuto superano i 4 GB (Archiviazione BLOB remoti).

Per impostazione predefinita, Microsoft SharePoint Foundation 2010 viene installato con Microsoft SQL Server 2008 Express. Per SQL Server 2008 Express è previsto un limite di 4 GB per le dimensioni di tutti i database. È possibile estendere immediatamente le dimensioni supportate dei database del contenuto installando Microsoft SQL Server 2008 R2 Express che supporta database fino a 10 GB. SQL Server 2008 R2 Express è disponibile gratuitamente per il download all'indirizzo http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=189418&clcid=0x410.

Nella parte rimanente di questa sezione si presuppone che verrà installato SQL Server 2008 R2 Express per supportare i database di SharePoint Foundation 2010. In questo caso, se si prevede che le dimensioni dei database del contenuto saranno superiori a 10 GB, considerare le opzioni seguenti:

  • Se le dimensioni dei database del contenuto raggiungeranno al massimo 16 GB e non si prevede che contengano una quantità di metadati superiore a 10 GB, è consigliabile implementare RBS. In questo caso, RBS consente di continuare a utilizzare una versione gratuita di SQL Server. Queste considerazioni si basano sul presupposto che al momento della migrazione di un database del contenuto di 16 GB a RBS, i metadati non superino 10 GB.

  • Se le dimensioni dei database del contenuto superano 16 GB, è necessario acquistare Microsoft SQL Server 2008 R2, SQL Server 2008 con Service Pack 1 (SP1) e aggiornamento cumulativo 2 o SQL Server 2005 con SP3 e aggiornamento cumulativo 3 per supportare i database, anziché continuare a utilizzare una versione gratuita di SQL Server.

L'utilizzo del provider FILESTREAM può comportare un aumento dei costi operativi perché il personale IT deve eseguire attività aggiuntive. Archivi estesi di Archiviazione BLOB remoti possono rallentare attività quali il backup o il ripristino, l'aggiornamento dell'ambiente, l'aggiornamento a una versione di SharePoint Foundation più recente o la migrazione dei siti di SharePoint in un altro ambiente. È necessario tenere conto di questi costi quando si valuta se utilizzare Archiviazione BLOB remoti.

Poiché Archiviazione BLOB remoti è una soluzione creata per un insieme specifico di condizioni, è previsto un utilizzo ottimale in cui i vantaggi superano i costi. L'ambiente ottimale per l'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti presenta le caratteristiche seguenti:

  • Si desidera archiviare un numero ridotto di oggetti BLOB estesi (256 KB o dimensioni superiori) per un accesso con un elevato utilizzo di operazioni di lettura o di sola lettura.

  • Le risorse nel computer che esegue SQL Server possono trasformarsi in un collo di bottiglia per le prestazioni.

  • Il costo di uno spazio su unità a costo elevato è maggiore del costo associato a un aumento della complessità delle operazioni IT per l'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti.

Archiviazione BLOB remoti non è una soluzione ottimale per tutti gli ambienti. Nella maggior parte dei casi infatti i costi superano i vantaggi. L'ambiente meno appropriato per l'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti presenta le caratteristiche seguenti:

  • Si desidera archiviare molti oggetti BLOB di piccole dimensioni (256 KB o dimensioni inferiori) per l'accesso con un elevato utilizzo di operazioni di scrittura.

  • Le risorse nel computer che esegue SQL Server non costituiscono un collo di bottiglia per le prestazioni.

  • I costi associati a un aumento della complessità delle operazioni IT dovuto all'utilizzo di Archiviazione BLOB remoti sono maggiori di uno spazio su unità a costo elevato.

In queste condizioni, anche un database del contenuto di dimensioni inferiori a 200 GB produrrà un significativo collo di bottiglia per le prestazioni, poiché gli oggetti BLOB di piccole dimensioni vengono aperti frequentemente per le operazioni di scrittura. Questo problema si verifica perché nel database sono contenuti i metadati degli oggetti BLOB. Man mano che i metadati vengono modificati, vengono aggiunte nuove righe alla tabella nel database. In questo modo le dimensioni della tabella possono aumentare molto rapidamente e tabelle di grandi dimensioni possono ridurre le prestazioni.

Sebbene la presenza di numerosi oggetti BLOB di piccole dimensioni possa ridurre le prestazioni, il costo dell'archiviazione è in genere l'aspetto più importante da considerare quando si valuta l'opportunità di scegliere Archiviazione BLOB remoti. La riduzione prevista delle prestazioni è di solito un compromesso accettabile per la riduzione dei costi per l'hardware di archiviazione.

Per la connessione delle API di RBS a SQL Server è necessario utilizzare un provider. In Microsoft SQL Server 2008 Express e Microsoft SQL Server 2008 R2 Express è incluso il provider FILESTREAM.

ImportanteImportant
È possibile eseguire Archiviazione BLOB remoti nel computer locale che esegue Microsoft SQL Server 2008 R2, SQL Server 2008 o SQL Server 2008 R2 Express. Per eseguire Archiviazione BLOB remoti in un server remoto, è necessario eseguire SQL Server 2008 R2 Enterprise. SharePoint Foundation 2010 richiede l'utilizzo della versione di Archiviazione BLOB remoti inclusa in Pacchetto di installazione di Archiviazione BLOB remoti di SQL Server dal Feature Pack per Microsoft SQL Server 2008 R2. Versioni precedenti di Archiviazione BLOB remoti non funzioneranno con SharePoint Foundation 2010. La funzionalità Archiviazione BLOB remoti non è inoltre supportata in SQL Server 2005.

Gli oggetti BLOB possono essere conservati in soluzioni di archiviazione commerciali, ad esempio un dispositivo di archiviazione DAS (Direct-Attached Storage) o NAS (Network-Attached Storage), in base alla soluzione supportata dal provider. Il provider FILESTREAM è supportato da SharePoint Foundation 2010 se utilizzato unicamente in unità iSCSI o unità disco rigido locali. Non è possibile utilizzare Archiviazione BLOB remoti con FILESTREAM in dispositivi di archiviazione remoti, ad esempio NAS.

Nella tabella seguente sono riepilogati i vantaggi e le limitazioni di FILESTREAM.

 

Requisito operativo Con il provider FILESTREAM Senza il provider FILESTREAM

Backup e ripristino integrato di SQL Server dell'archivio BLOB

Forse 1

Backup e ripristino integrati in System Center Data Protection Manager (DPM) 2010 dell'archivio BLOB

No

Forse 1

Migrazione basata su script ai BLOB

Supporto per il mirroring

No

No

Log shipping

Sì, con implementazione del provider

Snapshot del database

No2

No2

Replica geografica

No

Crittografia

Solo NTFS

No

Unità locali supportate

Sì, con implementazione del provider

Archiviazione basata sulla rete (NAS)

Supportata solo da Prodotti SharePoint 2010 con iSCSI e se il valore di Tempo primo byte è inferiore a 20 ms.

Sì, con implementazione del provider

Archiviazione DAS (Direct-Attached Storage)

Non supportato da Prodotti SharePoint 2010

Sì, con implementazione del provider

Unità iSCSI supportate

Sì, con implementazione del provider

1Solo se fa altrettanto il provider di Archiviazione BLOB remoti in uso.

2Se il provider di Archiviazione BLOB remoti utilizzato non supporta gli snapshot, non sarà possibile utilizzarli per la distribuzione o il backup del contenuto. Il provider FILESTREAM non supporta gli snapshot.

Se il provider FILESTREAM non è adatto all'ambiente, è possibile acquistare un provider di terze parti supportato. In questo caso, è consigliabile basarsi sui criteri seguenti per la valutazione di un provider:

  • Funzionalità di backup e ripristino

  • Ripristino di emergenza testato

  • Distribuzione e migrazione dei dati

  • Impatto sulle prestazioni

  • Costi amministrativi a lungo termine

ImportanteImportant
Non è consigliabile sviluppare un provider, tranne nel caso dei fornitori di software indipendenti (ISV) con una significativa esperienza di sviluppo nella progettazione di soluzioni di archiviazione.

Mostra: