Pacchetti di virtualizzazione di applicazioni

Office 2010
 

Si applica a: Office 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2015-03-09

In questo articolo sono disponibili informazioni tecniche sull'utilizzo di Microsoft Application Virtualization (App-V) per creare un pacchetto di Microsoft Office 2010.

Contenuto dell'articolo:

Application Virtualization Sequencer

Pacchetti di virtualizzazione di applicazioni

Creazione di un pacchetto di Office System 2010

Creazione di dipendenze tra applicazioni tramite Dynamic Suite Composition

Microsoft Application Virtualization Sequencer è uno strumento basato su procedure guidate utilizzato dagli amministratori per creare applicazioni virtualizzate e pacchetti di applicazioni che vengono trasmessi ai computer client App-V.

Durante il processo di sequenziazione l'amministratore imposta il programma Sequencer in modalità di monitoraggio e installa l'applicazione da sequenziare nel computer di sequenziazione. L'amministratore avvia quindi l'applicazione sequenziata e le relative funzioni utilizzate più frequentemente, in modo che tramite il processo di monitoraggio venga configurato il blocco di funzionalità primarie, che include il contenuto minimo necessario per l'esecuzione di una o più applicazioni. Dopo aver completato queste procedure, l'amministratore interrompe la modalità di monitoraggio e quindi salva e testa l'applicazione sequenziata per verificarne il corretto funzionamento.

Tramite Sequencer viene prodotto il pacchetto di applicazione, costituito da diversi file descritti nell'elenco seguente. I file SFT, OSD e ICO vengono archiviati in una cartella di contenuto condiviso in App-V Management Server e vengono utilizzati dal computer client App-V per accedere alle applicazioni sequenziate ed eseguirle.

Nei file ICO (icona) sono specificate le icone dell'applicazione visualizzate sul desktop client App-V e utilizzate nei collegamenti del menu Start e per i tipi di file. Quando si fa doppio clic sui file o sui collegamenti, si avvia il collegamento al file OSD corrispondente che a sua volta avvia la trasmissione dei dati e l'applicazione. L'avvio di un'applicazione che supporta App-V avviene in modo identico all'avvio di un'applicazione archiviata localmente.

Nei file OSD (Open Software Description) sono incluse le informazioni necessarie per individuare il file SFT per l'applicazione e per installare e avviare l'applicazione. Tali informazioni comprendono il nome dell'applicazione, il nome e il percorso del file eseguibile, il nome e il percorso del file SFT, i sistemi operativi supportati e commenti generali sull'applicazione.

Nel file SFT sono incluse le risorse tra cui una o più applicazioni basate su Windows. Senza alterare il codice sorgente, App-V Sequencer crea pacchetti di tali file di risorse suddivisi in porzioni di dati che possono essere trasmesse al client App-V. Il file è diviso in due blocchi distinti. Il primo è detto blocco di funzionalità primarie ed è costituito dalle funzionalità dell'applicazione più utilizzate, secondo quanto configurato durante la creazione del pacchetto.

Il file SPRJ (Sequencer Project) viene generato quando si salva il progetto e contiene un elenco di file, directory e voci del Registro di sistema esclusi da Sequencer. Caricare questo file in Sequencer per aggiungere, modificare, eliminare o aggiornare una qualsiasi applicazione inclusa nel gruppo. Un esempio comune potrebbe essere l'utilizzo dei file SPRJ per aggiungere Service Pack all'applicazione.

Nel file manifesto (basato su XML) vengono descritte tutte le applicazioni, le associazioni di tipi di file e le icone utilizzate dal pacchetto.

In Microsoft Office 2010 viene utilizzato il servizio Office Software Protection Platform (SPP). Si tratta della stessa tecnologia utilizzata per attivare le edizioni multilicenza di Windows Vista e Windows 7 ed è inclusa in Microsoft Office 2010 Deployment Kit for App-V (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=186371&clcid=0x410).

Prima di poter procedere alla sequenziazione di un pacchetto, verificare che sia disponibile la configurazione minima necessaria e seguire le indicazioni incluse in Procedure consigliate per Application Virtualization Sequencer (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=192229&clcid=0x410).

È necessario installare e configurare Microsoft Office 2010 Deployment kit for App-V nel computer di sequenziazione. Nel Deployment Kit sono inclusi sia i componenti della licenza di SPP richiesti per l'Attivazione di licenze Volume per Microsoft Office 2010 (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=182959&clcid=0x410), sia le caratteristiche di integrazione di Office 2010. Questo prodotto deve inoltre essere installato nei computer client a cui saranno distribuiti e trasmessi i pacchetti virtualizzati di Office 2010.

Per creare un pacchetto di sistema, è necessario disporre almeno di un server di distribuzione elettronica del software (ESD) o un App-V Management Server, un computer di sequenziazione e un computer client e che su tutti sia in esecuzione la stessa versione di Windows. Verificare che l'ambiente soddisfi tutte le condizioni rilevanti elencate nella tabella seguente.

 

Architettura del computer di sequenziazione Architettura del computer che esegue Office Architettura del computer client Supporto per la gestione delle licenze Supporto per proxy virtuali

Computer basato su x86

Computer basato su x86

Computer basato su x86

x 64 (Office verrà eseguito tramite WoW64)

Computer basato su x64

Computer basato su x86

Computer basato su x64 (Office verrà eseguito tramite WoW64)

Computer basato su x64

Computer basato su x64

No

ImportanteImportant
I pacchetti sequenziati su computer basati su x64 possono essere distribuiti solo a computer client basati su x64. I pacchetti sequenziati su computer basati su x86 possono essere distribuiti a computer client basati su x86 o su x64.
NotaNote
I proxy virtuali sono facoltativi, tuttavia sono supportati solo su computer a 32 bit ch eseguono Office 2010.

Nella figura e nella tabella seguenti sono descritti i requisiti minimi, quindi vengono illustrate le procedure necessarie per creare un pacchetto di sistema.

  • Preparare un computer per la sequenziazione

  • Installare il Deployment Kit

  • Sequenziare il pacchetto di sistema di Office 2010


Rete per un'infrastruttura AppV semplificata

 

Computer Descrizione Sistema operativo necessario

A

Rappresenta il server di distribuzione elettronica del software (ESD) o App-V Management Server

Windows Server 2008

B

Rappresenta il computer client configurato come computer di sequenziazione

Stessa versione di Windows di C

C

Rappresenta il computer client che riceve il pacchetto di applicazione virtualizzata

Stessa versione di Windows di B

Utilizzare la procedura seguente per preparare un computer per la sequenziazione.

Per preparare un computer per la sequenziazione
  1. Verificare che sia installato Windows Search 4.0 (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=169358&clcid=0x410) e impostare il servizio Windows Search su Manuale o Automatico.

  2. Scaricare XPS Viewer mediante l'installazione di Microsoft XML Paper Specification Essentials Pack (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=169359&clcid=0x410).

  3. Disattivare il servizio WindowsUpdate.

  4. Installare App-V 4.6 Sequencer.

  5. Scaricare il Deployment Kit (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=186371&clcid=0x410) ed estrarre il file con estensione exe.

  6. Dopo aver estratto il file con estensione exe, sarà disponibile il file OffVirt.msi.

Utilizzare la procedura seguente per installare il Deployment Kit che abilita la sequenziazione e la distribuzione dei prodotti client di Office 2010 utilizzando App-V. Nel kit sono inclusi i componenti necessari per l'attivazione della licenza di Office.

Per installare il Deployment Kit
  1. Aprire un prompt dei comandi con privilegi elevati.

    Fare clic su Tutti i programmi e scegliere Accessori, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi e quindi scegliere Esegui come amministratore. In alternativa, aprire il menu Start digitare cmd nella casella di ricerca e quindi premere CTRL+MAIUSC+INVIO.

  2. Passare alla directory che contiene il file Offvirt.msi.

  3. Eseguire il comando seguente per installare il Deployment Kit:

    Msiexec /i OffVirt.msi [flag caratteristiche][flag licenze]

    NotaNote
    È necessario installare la versione del Deployment Kit che corrisponde all'architettura del sistema operativo del computer in uso. Se si prevede, ad esempio, di sequenziare Office a 32 bit o 64 bit su un sistema operativo a 64 bit, è necessario utilizzare la versione a 64 bit del Deployment Kit poiché corrisponde alla versione del sistema operativo.
    Utilizzare i flag di caratteristiche per l'architettura corrispondente al sistema operativo del computer di sequenziazione:
    32-bit:ADDLOCAL=Click2runMapi,Click2runOWSSupp,Click2runWDS,OSpp,OSpp_Core
    64-bit:ADDLOCAL=Click2runMapi,Click2runOWSSupp,Click2runWDS,Ospp,OSpp_Core,OSppWoW64
    Per ulteriori informazioni sull'attivazione del volume di sistema di Office 2010 e per determinare quali flag di attivazione e di licenza utilizzare, vedere Attivazione di licenze Volume per Microsoft Office 2010 (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=182959&clcid=0x410).

Nella tabella seguente sono elencate le applicazioni del prodotto Office 2010 e le famiglie di prodotti Office 2010 con i corrispondenti flag di licenza per l'attivazione tramite il servizio di gestione delle chiavi (KMS). Per configurare le proprietà di licenza appropriate per il servizio di gestione delle chiavi, specificare i valori corrispondenti al prodotto Office 2010 in fase di sequenziazione e impostare su 1 il valore del flag in base alla tabella seguente.

Ad esempio: msiexec /i Offvirt.msi PROPLUS=1 VISIOPREM=1

Attivazione tramite il servizio di gestione delle chiavi

Applicazione del prodotto Flag Valore Famiglia di prodotti Valore Flag

Access

Access

0 o 1

Office Professional Plus

0 o 1

PROPLUS

Excel

Excel

0 o 1

Office Small Business Basics

0 o 1

SMALLBUSBASICS

SharePoint Workspace

GROOVE

0 o 1

Office Standard

0 o 1

STANDARD

InfoPath

InfoPath

0 o 1

OneNote

OneNote

0 o 1

Outlook

Outlook

0 o 1

PowerPoint

PowerPoint

0 o 1

Project Professional

PROJECTPRO

0 o 1

Project Standard

PROJECTSTD

0 o 1

Publisher

Publisher

0 o 1

SharePoint Designer

SPD

0 o 1

Visio Premium

VISIOPREM

0 o 1

Visio Professional

VISIOPRO

0 o 1

Visio Standard

VISIOSTD

0 o 1

Word

Word

0 o 1

Nella tabella seguente sono elencati i flag e i valori per l'attivazione tramite codice "Product Key" per attivazione multipla. Se sui computer client Office verrà utilizzato questo tipo di attivazione, sarà necessario installare il codice"Product Key" utilizzando uno dei metodi elencati nella tabella seguente.

Attivazione tramite codice "Product Key" per attivazione multipla

Flag Valore

PIDKEYS

Più codici "Product Key" sono delimitati da punto e virgola.

Ad esempio, PIDKEYS=X-X-X-X-X;Y-Y-Y-Y-Y

XXXXX-XXXXX-XXXXXX-XXXXXX-XXXXXXX

USEROPERATIONS

0 o 1

  1. Utilizzare la versione 2.0 dello strumento di gestione dell'attivazione dei contratti multilicenza (VAMT) per installare i codici "Product Key nei computer client che trasmettono Office 2010 System. Per scaricare lo strumento, vedere Strumento di attivazione dei contratti multilicenza (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=83292&clcid=0x410).

  2. Distribuire uno o più codici "Product Key" per attivazione multipla utilizzando la proprietà PIDKEYS, delimitata da punto e virgola, come illustrato nella tabella. Nell'esempio seguente vengono immessi i codici "Product Key" per attivazione multipla per la versione Professional Plus e per Visio, seguiti dalla proprietà USEROPERATIONS impostata su 1 per consentire l'attivazione del client.

    msiexec /i OffVirt.msi PIDKEYS=xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx;yyyyy-yyyyy-yyyyy-yyyyy-yyyyy-yyyyyy USEROPERATIONS=1

  3. Sono supportate distribuzioni miste con attivazione tramite il servizio di gestione delle chiavi e tramite codice "Product Key" per attivazione multipla. Utilizzare ad esempio il il servizio di gestione delle chiavi per PROPLUS e il codice "Product Key" per attivazione multipla per Visio:

    msiexec /i OffVirt.msi PROPLUS=1 PIDKEYS=yyyyy-yyyyyy-yyyyyy-yyyyyy-yyyyyy-yyyyyy

NotaNote
UserOperations=1 significa che utenti non amministratori possono attivare Office. UserOperations=0 significa che solo gli amministratori possono attivare Office.

Utilizzare la procedura seguente per sequenziare Office 2010 System sul computer di sequenziazione.

Per sequenziare Office System 2010
  1. Sul computer di sequenziazione fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Microsoft Application Virtualization e quindi fare clic su Microsoft Application Virtualization Sequencer. Verrà visualizzata la procedura guidata di sequenziazione della virtualizzazione di applicazioni.

  2. Fare clic su Create Package per creare un nuovo pacchetto per un'applicazione.

  3. Nella finestra di dialogo Package Information specificare il nome del pacchetto.

  4. Per la directory di installazione creare una nuova directory utilizzando un formato 8.3, ad esempio Q:\Temp123.wxp e quindi fare clic su OK.

    NotaNote
    È consigliabile selezionare un'assegnazione di unità virtuale e utilizzarla in modo coerente. Solitamente si tratta dell'unità Q:\.
  5. Nella finestra di dialogo Monitoring Installation fare clic su Begin Monitoring per monitorare la fase di installazione.

  6. Avviare setup.exe per Office 2010 System.

  7. Alla richiesta Choose the installation that you want fare clic su Customize.

    NotaNote
    Nella procedura di installazione di Office assicurarsi di selezionare Install to hard disk drive se si desidera installare la caratteristica.
  8. Fare clic sulla scheda File Location e configurare il percorso in modo che corrisponda alla directory di installazione selezionata nel passaggio 4 e quindi fare clic su Install.

La procedura seguente per configurare le impostazioni di utilizzo al primo avvio, ad esempio la personalizzazione delle impostazioni utente, è facoltativa, tuttavia è consigliabile eseguirla durante il monitoraggio. Se non è necessario eseguire i passaggi facoltativi, andare alla sezione Per creare il blocco di funzionalità primarie più avanti in questo articolo.

Passaggi facoltativi
  1. Avviare le applicazioni virtuali durante il monitoraggio. Fare clic sul pulsante Start e quindi scegliere Esegui.

  2. Immettere il percorso effettivo dell'applicazione virtuale e selezionare il file eseguibile virtuale per avviare l'applicazione virtuale.

    Per avviare, ad esempio, Word, digitare q:\Temp123.wxp\Office14\WINWORD.EXE e quindi premere INVIO.

  3. Configurare proxy aggiuntivi mentre è ancora in corso il monitoraggio da parte di Sequencer.

Per configurare proxy aggiuntivi, utilizzare la procedura seguente che viene eseguita sul computer di sequenziazione. Questi passaggi devono essere eseguiti durante il processo di monitoraggio per fare in modo che le chiavi vengano salvate in modo permanente in uno stato eliminato nel Registro di sistema virtuale. I proxy abilitano Fast Search in Outlook Search, l'integrazione con SharePoint (apertura e modifica di documenti) e altre funzionalità.

Per configurare proxy aggiuntivi
  1. Configurare le impostazioni del Registro di sistema del proxy di SharePoint creando le chiavi del Registro di sistema virtuali seguenti sul server Sequencer nel quale è ancora in corso il monitoraggio. Eliminare quindi tali chiavi del Registro di sistema in modo che l'eliminazione delle chiavi appena aggiunte venga monitorato da Sequencer.

    • Se si sta sequenziando un sistema operativo a 32 bit, le chiavi sono le seguenti :

      HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{9203C2CB-1DC1-482d-967E-597AFF270F0D}\TreatAs

      HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{BDEADEF5-C265-11D0-BCED-00A0C90AB50F}\TreatAs

    • Se si sta sequenziando un sistema operativo a 64 bit, le chiavi sono le seguenti :

      HKEY_CLASSES_ROOT\Wow6432Node\CLSID\{9203C2CB-1DC1-482d-967E-597AFF270F0D}\TreatAs

      HKEY_CLASSES_ROOT\Wow6432Node\CLSID\{BDEADEF5-C265-11D0-BCED-00A0C90AB50F}\TreatAs

  2. Aggiungere nuove applicazioni proxy per supportare i proxy nella pagina Configure Applications e selezionare la directory Applications root. Fare clic su Add e quindi aggiungere le applicazioni seguenti:

    NotaNote
    Per individuare rapidamente il percorso, fare clic su Browse. Copiare e incollare il percorso dell'applicazione nel campo File name.
    • Instant Search (Virtual Search host)

      Percorso dell'applicazione: %commonprogramfiles%\microsoft shared\virtualization handler\VirtualSearchHost.exe

      Nome: specificare un nome. Il nome predefinito è “Search MAPI Protocol Handler Host”

    • Virtual SharePoint Proxy

      Percorso dell'applicazione: %commonprogramfiles%\microsoft shared\virtualization handler\VirtualOWSSuppManager.exe

      Nome: specificare un nome. Il nome predefinito è “Microsoft SharePoint Client Support Manager”

    • Simple MAPI

      Percorso dell'applicazione: %commonprogramfiles%\microsoft shared\virtualization handler\MapiServer.exe

      Nome: specificare un nome. Il nome predefinito è “Microsoft Virtual Office Simple MAPI Proxy Server”

    • Virtual Mail Control Panel Item

      Percorso dell'applicazione: %windir%\system32\Control.exe %SFT_MNT%\short path\Office14\mlcfg32.cpl

      Nome: specificare un nome. Il nome predefinito è “Windows Control Panel”

      NotaNote
      Per aggiungere il parametro %SFT_MNT%\short path\Office14\mlcfg32.cpl al percorso dell'applicazione, passare al percorso dell'applicazione Control.exe e fare clic su OK. Aggiungere il parametro al campo Application Path.
      Il percorso breve corrisponde alla directory in formato 8.3 nella quale è stato installato Office 2010. Se, ad esempio, Office 2010 è stato installato in Q:\Temp123.wxp, il percorso breve sarà Temp123.wxp.
    • Office Document Cache

      Percorso dell'applicazione: Q:\short path\Office14\MSOSync.exe

      Nome: specificare un nome. Il nome predefinito è “Microsoft Office Document Cache”

  3. Impostare l'avvio automatico dell'applicazione Office Document Cache.

    Espandere l'elemento Office Document Cache nell'albero Applications.

  4. Selezionare Shortcuts. Modificare il percorso del collegamento in Start Menu\Programs\Startup.

  5. Sincronizzare le versioni dei file OSD di tutte le applicazioni con la versione OSD del proxy.

    Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file di installazione di Office (Setup.exe) e quindi scegliere Proprietà.

  6. Fare clic sulla scheda Versione. Modificare la versione di tutti i file OSD in modo che corrisponda a tale versione.

    Ad esempio, se la versione di Setup.exe è 14.0.4763.1000, verificare che il numero di versione di tutti i file OSD delle applicazioni proxy e di Office sia impostato su 13.04.764.1000.

  7. Fare clic su Next.

Utilizzare le procedure seguenti per creare il blocco di funzionalità primarie che include il contenuto minimo necessario per l'esecuzione di una o più applicazioni. È consigliabile non avviare OneNote, Outlook e SharePoint poiché ciò consente di mantenere le impostazioni di personalizzazione in modo più efficace. Evitare inoltre di premere F1 durante l'esecuzione di questo passaggio.

Per creare il blocco di funzionalità primarie
  1. Nella pagina Application fare clic su Next.

  2. Selezionare e avviare le applicazioni preferite per generare il blocco di funzionalità primarie per ogni applicazione.

  3. Fare clic su Next.

  4. Dopo aver completato la sequenziazione, fare clic su Finish.

  5. Per salvare il pacchetto fare clic su Package e quindi su Save As.

Per configurare l'impostazione del Registro di sistema di Office 2010
  1. Verificare che la chiave del Registro di sistema virtuale sia impostata su Merge with Local.

    Se si esegue la sequenziazione su un sistema operativo a 32 bit, la chiave del Registro di sistema è la seguente:

    MACHINE\Software\Microsoft\Office\14.0

    Se si esegue la sequenziazione su un sistema operativo a 64 bit, la chiave del Registro di sistema è la seguente:

    MACHINE\Software\Wow6443Node\Microsoft\Office\14.0

  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla chiave del Registro di sistema, selezionare Key e quindi verificare che la casella di controllo Merge with Local Key sia selezionata.

    ImportanteImportant
    Se si distribuisce Office 2010 a un computer in cui è già installato Office System 2007 (coesistenza con Office 2010), attenersi a questa procedura. In caso contrario, ignorare il resto della procedura e continuare.
  3. Durante il monitoraggio creare la sottochiave del Registro di sistema seguente:

    HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Windows Messaging Subsystem\Profiles

    Se si esegue la sequenziazione su una versione a 64 bit di Windows, creare inoltre la sottochiave seguente:

    HKEY_CURRENT_USER\Software\WOW6432Node\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Windows Messaging Subsystem\Profiles

    Per App-V 4.6 assicurarsi che la sottochiave sia impostata su Override local key.

    Per App-V 4.5 impostare la chiave padre …\CurrentVersion\Windows Messaging Subsystem in modo che venga unita alla chiave Local.

    Impostare la sottochiave …\CurrentVersion\Windows Messaging Subsystem\Profiles in modo che venga unita alla chiave Local.

    ImportanteImportant
    I passaggi seguenti devono essere eseguiti durante il monitoraggio per fare in modo che la chiave venga salvata in modo permanente in uno stato eliminato nel Registro di sistema virtuale.
  4. Scegliere Sequencing Wizard dal menu Tools.

  5. Fare clic su Next.

  6. Fare clic su Begin Monitoring.

  7. Creare la sottochiave del Registro di sistema virtuale seguente e quindi eliminarla in modo che l'eliminazione della chiave appena aggiunta venga monitorato da Sequencer:

    HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Office\Outlook\Addins\Microsoft.OMSAddin

  8. Fare clic su Stop Monitoring, continuare a fare clic su Next e quindi fare clic su Finish per tornare alla pagina delle proprietà avanzate di Sequencer.

    NotaNote
    Potrebbe essere necessario aggiungere alcuni di questi nodi, se attualmente non esistono.
  9. Per ogni file OSD aggiungere TRUE al testo Element del tag seguente:

    SOFTPKG -> IMPLEMENTATION -> VIRTUALENV -> POLICIES -> LOCAL_INTERACTION_ALLOWED

Utilizzare la procedura seguente per configurare il computer client per l'esecuzione del pacchetto sequenziato di Office 2010.

Per configurare un computer client per l'esecuzione di Office 2010
  1. Installare il client App-V nel computer client, se questa operazione non è già stata eseguita.

  2. Passare alla directory che contiene il file Offvirt.msi.

  3. Al prompt dei comandi eseguire il comando seguente:

    msiexec /i OffVirt.msi [flag licenze]

    È necessario immettere un flag di licenza corretto dall'elenco incluso nella tabella seguente per configurare correttamente il Deployment Kit. In caso contrario la funzionalità potrebbe non essere corretta.

    Attivazione tramite il servizio di gestione delle chiavi

    Applicazione del prodotto Flag Valore Famiglia di prodotti Valore Flag

    Access

    Access

    0 o 1

    Office Professional Plus

    0 o 1

    PROPLUS

    Excel

    Excel

    0 o 1

    Office Small Business Basics

    0 o 1

    SMALLBUSBASICS

    SharePoint Workspace

    GROOVE

    0 o 1

    Office Standard

    0 o 1

    STANDARD

    InfoPath

    InfoPath

    0 o 1

    OneNote

    OneNote

    0 o 1

    Outlook

    Outlook

    0 o 1

    PowerPoint

    PowerPoint

    0 o 1

    Project Professional

    PROJECTPRO

    0 o 1

    Project Standard

    PROJECTSTD

    0 o 1

    Publisher

    Publisher

    0 o 1

    SharePoint Designer

    SPD

    0 o 1

    Visio Premium

    VISIOPREM

    0 o 1

    Visio Professional

    VISIOPRO

    0 o 1

    Visio Standard

    VISIOSTD

    0 o 1

    Word

    Word

    0 o 1

    Nella tabella seguente sono elencati i flag e i valori per l'attivazione tramite codice "Product Key" per attivazione multipla. Se sui client di Office verrà utilizzato questo tipo di attivazione, sarà necessario installare il codice"Product Key" utilizzando uno dei metodi elencati nella tabella.

    Attivazione tramite codice "Product Key" per attivazione multipla

    Flag Valore

    PIDKEYS

    Più codici "Product Key" sono delimitati da punto e virgola.

    Ad esempio, PIDKEYS=X-X-X-X-X;Y-Y-Y-Y-Y

    XXXXX-XXXXX-XXXXXX-XXXXXX-XXXXXXX

    USEROPERATIONS

    0 o 1

    1. Utilizzare la versione 2.0 dello strumento di gestione dell'attivazione dei contratti multilicenza (VAMT) per installare i codici "Product Key nei computer client che trasmettono Office 2010 System. Per scaricare lo strumento, vedere Strumento di attivazione dei contratti multilicenza (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=83292&clcid=0x410) sul sito Web Area download Microsoft.

    2. Distribuire uno o più codici "Product Key" per attivazione multipla utilizzando la proprietà PIDKEYS, delimitata da punto e virgola, come illustrato nella tabella precedente. Nell'esempio seguente vengono immessi i codici "Product Key" per attivazione multipla per la versione Professional Plus e per Visio seguiti dalla proprietà USEROPERATIONS impostata su 1 per consentire al client di attivarsi.

      msiexec /i OffVirt.msi PIDKEYS=xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx;yyyyy-yyyyy-yyyyy-yyyyy-yyyyy-yyyyyy USEROPERATIONS=1

    3. Sono supportate distribuzioni miste con attivazione tramite il servizio di gestione delle chiavi e tramite codice "Product Key" per attivazione multipla. Se lo si desidera, è possibile utilizzare un tipo di attivazione in alcuni computer client e un altro tipo in altri computer client. Utilizzare ad esempio il servizio di gestione delle chiavi per PROPLUS e il codice "Product Key" per attivazione multipla per Visio:

      msiexec /i OffVirt.msi PROPLUS=1 PIDKEYS=yyyyy-yyyyyy-yyyyyy-yyyyyy-yyyyyy-yyyyyy

  4. Abilitare i proxy sul computer client solo se questi sono stati configurati durante il passaggio di sequenziazione.

    Per abilitare i proxy virtuali per il pacchetto, aprire un prompt dei comandi con privilegi elevati ed eseguire il comando seguente:

    msiexec /I percorso del file OffVirt.msi\OffVirt.msi ADDDEFAULT=Click2runOneNoteProxy,Click2runOutlookProxies,Click2RunWDSProxy, Click2runOWSSuppProxies PACKAGEGUID={GUID del pacchetto SFT} PACKAGEVERSION=versione individuata nei file OSD per proxy, Outlook e OneNote OUTLOOKNAME=nome applicazione per Outlook dal file OSD ONENOTENAME=nome applicazione di OneNote dal file OSD MAPISERVER=nome applicazione del proxy MAPI VIRTUALSEARCHHOST=nome applicazione del proxy Search MLCFG32CPL=nome applicazione per la configurazione della posta elettronica virtuale OWSSUPPServer=nome applicazione per il proxy di SharePoint

    Ad esempio:

    msiexec /i c:\OffVirt.msi ADDDEFAULT=Click2runOneNoteProxy,Click2runOutlookProxies,Click2runWDSProxy,Click2runOWSSuppProxies PACKAGEGUID={5971AF75-7831-4AE9-906F-0F30C7DD0CA5} PACKAGEVERSION=14.0.4763.1000 OUTLOOKNAME=”Microsoft Outlook 2010” ONENOTENAME=”Microsoft OneNote 2010” MAPISERVER=”Microsoft Virtual Office Simple Mapi Proxy Server” VIRTUALSEARCHHOST=”Search MAPI Protocol Handler Host” MLCFG32CPL=”Windows Control Panel” OWSSUPPServer=”Microsoft SharePoint Client Support Manager”

Dynamic Suite Composition è uno strumento che consente agli amministratori di controllare quali applicazioni verranno combinate per creare un ambiente di lavoro virtuale unificato per un set di applicazioni. Dynamic Suite Composition consente di specificare le dipendenze obbligatorie o facoltative tra applicazioni virtuali. Dopo l'esecuzione di un'applicazione virtuale sul computer client, verrà avviato anche l'ambiente dell'applicazione virtuale dipendente, consentendo la combinazione di entrambi gli ambienti virtuali.

Lo strumento Dynamic Suite Composition fa parte del Resource Kit di App-V. Riduce il rischio di digitazioni errate e rende meno complessa la modifica diretta di codice XML. Di seguito è riportato un esercizio di esempio per configurare due pacchetti virtualizzati separati in modo affinché di integrino:

  1. Sul server che esegue App-V fare clic sul pulsante Start e quindi scegliere Microsoft App-V DSC Tool.

  2. Nel campo Package Roots fare clic su Select e quindi su Add Folder.

  3. Espandere Computer, selezionare Content in cui sono elencati i pacchetti archiviati, fare clic su OK e quindi su Done per compilare l'elenco di pacchetti disponibili.

  4. Nella casella Primary Package selezionare il primo pacchetto da D:\Content\....

  5. Nella casella Secondary Packages Available selezionare il secondo pacchetto da D:\Content\... e quindi fare clic su Add.

  6. Fare clic su Save. Fare clic su OK per confermare e quindi su Exit per completare la procedura.

Mostra: