Effetti dell'aggiornamento sull'architettura del sistema di ricerca (SharePoint Server 2010)

SharePoint 2010
 

Si applica a: SharePoint Server 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

Le informazioni nella tabella seguente illustrano quali conseguenze produce l'aggiornamento da Microsoft Office SharePoint Server 2007 a Microsoft SharePoint Server 2010 sulle caratteristiche e le funzioni dell'architettura del sistema di ricerca.


 

Caratteristica o funzione Caratteristica o funzione di Office SharePoint Server 2007 Caratteristica o funzione corrispondente di SharePoint Server 2010

Servizio di ricerca

Un provider di servizi condivisi ospita uno o più servizi riutilizzabili e gestiti in modo centralizzato. Questi servizi possono essere utilizzati da più applicazioni Web in una farm. Uno dei servizi è il servizio di ricerca di Office SharePoint Server (OSearch). Il servizio OSearch viene utilizzato per la ricerca per indicizzazione di archivi di contenuto, l'indicizzazione del contenuto sottoposto a ricerca per indicizzazione e la gestione delle query di ricerca eseguite dagli utenti finali.

È tuttavia possibile che un amministratore abbia l'esigenza di definire più di un gruppo di impostazioni di ricerca per una configurazione di ricerca a livello di farm. Per motivi di sicurezza, ad esempio, l'amministratore potrebbe voler dedicare un indice del contenuto a un set di origini di contenuto e un diverso indice del contenuto a un altro set di origini di contenuto. Per definire un ulteriore gruppo di impostazioni per un sistema di ricerca a livello di farm, l'amministratore della ricerca deve configurare il servizio OSearch in un provider di servizi condivisi diverso. Se nella farm non è disponibile alcun provider di servizi condivisi utilizzabile a questo scopo, l'amministratore della farm ne deve creare uno nuovo. Ogni provider di servizi condivisi, tuttavia, richiede manutenzione e può utilizzare risorse di sistema aggiuntive rispetto a quelle utilizzate per il servizio OSearch.

Per ogni provider di servizi condivisi esistente nella farm prima dell'aggiornamento, il processo di aggiornamento crea automaticamente un'applicazione del servizio di ricerca. Durante l'aggiornamento, le impostazioni amministrative del servizio OSearch in un provider di servizi condivisi vengono copiate nella nuova applicazione del servizio di ricerca corrispondente. La nuova applicazione del servizio di ricerca contiene ad esempio le origini di contenuto, gli ambiti e le regole di ricerca per indicizzazione del servizio OSearch nel provider di servizi condivisi corrispondente.

Dipendenze di configurazione del servizio di ricerca

In un provider di servizi condivisi l'amministratore della ricerca configura il servizio OSearch per definire un gruppo di impostazioni, ad esempio le origini di contenuto e gli ambiti, per un sistema di ricerca a livello di farm. Ogni provider di servizi condivisi può contenere un solo servizio OSearch. Pertanto, un provider di servizi condivisi può fornire un solo gruppo di impostazioni al sistema di ricerca a livello di farm.

Ogni applicazione del servizio di ricerca fornisce un gruppo di impostazioni, ad esempio origini di contenuto e ambiti, per un sistema di ricerca a livello di farm. A differenza dei provider di servizi condivisi, un'applicazione del servizio di ricerca non richiede alcun host. Per aggiungere un nuovo gruppo di impostazioni a un sistema di ricerca a livello di farm, l'amministratore della ricerca deve semplicemente creare e configurare un'ulteriore applicazione del servizio di ricerca.

Database

Per ogni provider di servizi condivisi, esistono due database:

  • Il database del provider di servizi condivisi, che contiene:

    • Impostazioni amministrative per la ricerca, come origini di contenuto e ambiti.

    • Archivio dei profili (solo per Office SharePoint Server 2007).

  • Il database di ricerca, che contiene:

    • Dati interni del crawler, come i registri della ricerca per indicizzazione.

    • Archivio delle proprietà, che include i metadati dai documenti sottoposti a ricerca per indicizzazione.

Per ogni provider di servizi condivisi esistente prima dell'aggiornamento, vengono creati e associati all'applicazione del servizio di ricerca corrispondente i tre database seguenti:

  • Il database di amministrazione della ricerca, che contiene le impostazioni amministrative per la ricerca archiviate nel database del provider di servizi condivisi.

  • Il database di ricerca per indicizzazione, che contiene i dati interni del crawler archiviati nel database del provider di servizi condivisi.

  • Il database delle proprietà. Questo database corrisponde per la maggior parte al database di ricerca esistente prima dell'aggiornamento. Alcune informazioni contenute nel database di ricerca prima dell'aggiornamento vengono spostate nel database di amministrazione della ricerca e nel database di ricerca per indicizzazione.

Esiste un solo database di amministrazione della ricerca per ogni applicazione del servizio di ricerca. Dopo un aggiornamento, è tuttavia possibile provvedere alla scalabilità orizzontale per il database di ricerca per indicizzazione e il database delle proprietà.

Ricerca per indicizzazione

Un server di indicizzazione dispone di un singolo crawler.

Un server di ricerca per indicizzazione contiene uno o più componenti di ricerca per indicizzazione che possono eseguire ricerche per indicizzazione del contenuto in modo indipendente uno dall'altro.

Gestione delle query

Un server di query dispone di un unico componente per la gestione delle query di ricerca.

Un server di query può ospitare uno o più componenti di query, ognuno dei quali gestisce le query di ricerca.

Indice di contenuto

Ogni provider di servizi condivisi può contenere un unico servizio OSearch ed esiste un solo indice del contenuto corrispondente.

Per ogni provider di servizi condivisi esistente prima dell'aggiornamento, viene creata una partizione di indice con un componente di query. Durante un aggiornamento sul posto, l'intero indice del contenuto viene copiato dal provider di servizi condivisi nella nuova partizione di indice. Dopo l'aggiornamento, l'amministratore può provvedere alla scalabilità orizzontale creando più partizioni di indice. Ogni partizione di indice contiene una parte discreta dell'indice. In una topologia con due indici, ad esempio, ogni partizione contiene metà indice.

In un aggiornamento basato sul collegamento di database, l'indice del contenuto precedente non viene mantenuto. Per creare un indice, è necessario eseguire una ricerca per indicizzazione completa dopo l'aggiornamento.

Propagazione dell'indice del contenuto

Il sistema di ricerca archivia l'indice del contenuto nel file system del server di indicizzazione. Il sistema di ricerca propaga inoltre una copia dell'indice del contenuto in ogni server di query.

Ogni componente di ricerca per indicizzazione propaga l'indice del contenuto nelle partizioni di indice nei server di query. Il sistema di ricerca archivia l'indice del contenuto nei file system dei server di query. Il server di ricerca per indicizzazione non mantiene una copia dell'indice del contenuto.

Denominazione del provider di servizi condivisi e dell'applicazione del servizio di ricerca

Ogni provider di servizi condivisi in una server farm dispone di un nome univoco, ad esempio ServiziCondivisi1.

A ogni applicazione del servizio di ricerca creata durante il processo di aggiornamento viene assegnato un nome predefinito basato sul nome del provider di servizi condivisi corrispondente in Microsoft Office SharePoint Server 2007. Se il provider di servizi condivisi era denominato ServiziCondivisi1, ad esempio, l'applicazione del servizio di ricerca corrispondente viene denominata ServiziCondivisi1_Ricerca per impostazione predefinita. L'amministratore può tuttavia personalizzare i nomi dei database con un file XML utilizzato in fase di aggiornamento.

Mostra: