Panoramica dei filtri e delle connessioni di dashboard di PerformancePoint

SharePoint 2010
 

Si applica a: SharePoint Server 2010 Enterprise

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

Utilizzando PerformancePoint Dashboard Designer è possibile creare diversi tipi di filtri e connessioni per i dashboard. È ad esempio possibile creare filtri di dashboard, che sono elementi di dashboard autonomi riutilizzabili in più dashboard diversi o in più pagine di uno stesso dashboard. È inoltre possibile creare scorecard e report analitici con filtri incorporati per visualizzare informazioni specifiche. È altresì possibile creare connessioni tra elementi di dashboard, ad esempio una connessione tra un indicatore di prestazioni chiave (KPI) di una scorecard e un altro report.

In questo articolo vengono riepilogati i diversi tipi di filtri e connessioni di dashboard che è possibile creare tramite Dashboard Designer.

Contenuto dell'articolo:

Quando si crea un filtro di dashboard, è necessario decidere il tipo di filtro desiderato. Utilizzando Dashboard Designer, è possibile scegliere tra sei diversi modelli di filtro di dashboard, come spiegato nella tabella seguente.

 

Modello di filtro Descrizione

Tabella personalizzata

Utilizzare il modello di filtro Tabella personalizzata se si desidera creare una propria tabella dati di cui avvalersi per il filtro. Questo modello ad esempio è utile nei seguenti casi:

  • Per riunire i dati di origini dati diverse e creare una tabella di mapping per organizzare i dati.

  • Per specificare i nomi degli elementi che verranno visualizzati agli utenti del dashboard. Tale funzionalità è utile quando nell'origine dati che si desidera utilizzare sono inclusi nomi che gli utenti del dashboard potrebbero non riconoscere.

  • Per creare un proprio elenco di elementi per il filtro di dashboard.

Quando si crea un filtro di dashboard utilizzando il modello Tabella personalizzata, è innanzitutto necessario utilizzare un'applicazione, come ad esempio Microsoft Excel, per creare e configurare la tabella desiderata. È quindi necessario utilizzare tale tabella per creare un'origine dati. È infine necessario creare e configurare il filtro di dashboard.

Il modello di filtro Tabella personalizzata utilizza le origini dati tabulari, ad esempio Excel Services, una cartella di lavoro di Excel, un elenco di SharePoint o una tabella archiviata in Microsoft SQL Server.

Per creare un filtro di dashboard Tabella personalizzata, vedere Creare un filtro Tabella personalizzata tramite Dashboard Designer.

ImportanteImportant
Non utilizzare il modello di filtro Tabella personalizzata quando è possibile utilizzare il modello di filtro Selezione membri. Anche se il modello di filtro Tabella personalizzata funziona con i dati tabulari, è consigliabile utilizzarlo solo per casi speciali, ad esempio quando è necessario creare una propria tabella dati come illustrato in precedenza in questo articolo. Per ulteriori informazioni, vedere Spiegazione dei filtri per origini dati tabulari e dei filtri tabulari (le informazioni potrebbero essere in lingua inglese) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=204884&clcid=0x410).

Query MDX

Utilizzare il modello di filtro MDX quando si desidera specificare una propria espressione MDX (Multidimensional Expressions) per creare il filtro di dashboard. Per informazioni sui tipi di espressioni MDX che è possibile utilizzare, vedere Filter (MDX) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=204885&clcid=0x410).

Il modello Query MDX utilizza i dati archiviati in SQL Server Analysis Services.

Per creare un filtro di dashboard Query MDX, vedere Creare un filtro Query MDX utilizzando Dashboard Designer.

Selezione membri

Utilizzare il modello di filtro Selezione membri se si desidera creare in modo semplice e rapido un filtro di dashboard selezionando i membri di dimensione presenti in un database.

Il modello di filtro Selezione membri utilizza i dati archiviati in Analysis Services o in una qualsiasi origine dati tabulare contenente membri.

Per creare un filtro di dashboard Selezione membri, vedere Creare un filtro Selezione membri utilizzando Dashboard Designer.

Set denominato

Utilizzare il modello di filtro Set denominato se si desidera creare in modo semplice e rapido un filtro di dashboard selezionando un gruppo di elementi definito come set in un database.

Il modello di filtro Set denominato utilizza i dati archiviati in SQL Server Analysis Services.

Per creare un filtro di dashboard Set denominato, vedere Creare un filtro Set denominato tramite Dashboard Designer.

Funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali

Utilizzare il modello di filtro Funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali se si desidera creare un filtro di dashboard contenente un elenco di periodi di tempo dinamici continuamente aggiornati. Di seguito sono elencati alcuni esempi di periodi di tempo che è possibile utilizzare:

  • Anno scorso

  • Ultimi sei mesi

  • Ultimi 30 giorni

  • Anno fino alla data attuale

Quando si crea un filtro di dashboard utilizzando il modello Funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali, si crea un elenco di periodi di tempo specificando apposite formule. In ogni formula viene utilizzata una sintassi specifica, nota come sintassi STPS (Simple Time Period Specification), che in genere ha il formato Period-n (oppure Period+n), dove "n" rappresenta il numero di periodi di tempo da includere nella formula.

Per ulteriori informazioni sulle formule di Business Intelligence per le gerarchie temporali, vedere Riferimento rapido di funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali.

Il modello di filtro Funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali utilizza i dati archiviati in Analysis Services o qualsiasi origine dati tabulare. L'origine dati utilizzata per questo tipo di filtro e le origini dati utilizzate dai report e dalle scorecard a cui si desidera connettere il filtro Funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali devono tuttavia essere configurate in modo da utilizzare tale funzionalità. Per ulteriori informazioni su come configurare un'origine dati per l'utilizzo della funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali, vedere Configurare le origini dati per l'interazione con la funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali tramite Dashboard Designer.

Per creare un filtro di dashboard Funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali, vedere Creare un filtro di Business Intelligence per le gerarchie temporali tramite Dashboard Designer.

Formula di connessione per la funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali

Utilizzare il modello di filtro Formula di connessione per la funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali se si desidera creare un filtro di dashboard per cui venga utilizzato un controllo calendario per visualizzare le informazioni a partire da una data specifica. Per impostazione predefinita, questo tipo di filtro è sempre impostato sulla data corrente nel dashboard. Gli utenti del dashboard possono tuttavia utilizzare il controllo calendario per selezionare un'altra data e visualizzare le informazioni a essa relative nei report e nelle scorecard connessi al filtro di dashboard.

Quando si crea un filtro di dashboard utilizzando il modello Formula di connessione per la funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali, si configura ogni connessione al filtro tramite la finestra di dialogo dell'editor delle formule. Per ulteriori informazioni, vedere Utilizzare la finestra di dialogo Formula connessione in Dashboard Designer per configurare una connessione di filtro.

Analogamente al filtro Funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali, il filtro Formula di connessione per la funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali utilizza i dati archiviati in Analysis Services o qualsiasi origine dati tabulare configurata per interagire con tale funzionalità.

Per creare un filtro di dashboard Formula di connessione per la funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali, vedere Creare un filtro di Business Intelligence per le gerarchie temporali tramite Dashboard Designer.

Ad eccezione del filtro Formula di connessione per la funzionalità di Business Intelligence per le gerarchie temporali, per cui viene utilizzato un controllo calendario, i filtri di dashboard vengono visualizzati come elenchi o come controlli albero espandibili in un dashboard. Come i report e le scorecard, i filtri di dashboard sono elementi riutilizzabili, pertanto è possibile utilizzare tali filtri in più dashboard e in più pagine di uno stesso dashboard.

Per creare un filtro di dashboard, vedere Creare un filtro di dashboard utilizzando Dashboard Designer.

È possibile creare report e scorecard in cui vengano utilizzati i relativi filtri nascosti. È ad esempio possibile creare un grafico analitico per visualizzare le informazioni relative ai primi dieci elementi di un gruppo. A tale scopo, applicare un filtro valore Primi 10 o utilizzare una query MDX personalizzata per specificare le informazioni da visualizzare nel grafico. Per ulteriori informazioni su come creare e configurare report analitici, vedere Creare un grafico analitico o una griglia analitica.

È inoltre possibile creare scorecard contenenti i propri filtri. È ad esempio possibile configurare una scorecard in modo da visualizzare o da non visualizzare solo le righe in target o fuori target. È altresì possibile configurare le scorecard in modo da non visualizzare le righe vuote e, come nel caso dei grafici analitici e delle griglie analitiche, è possibile applicarvi filtri valori allo scopo di visualizzare i primi o gli ultimi membri di un gruppo. Per ulteriori informazioni su come creare e configurare le scorecard, vedere Create a scorecard by using Dashboard Designer.

I filtri di report e scorecard non sono visibili in un dashboard perché sono integrati perfettamente in ogni report o scorecard. A seconda del metodo utilizzato per creare un report analitico o una scorecard, alcune funzionalità analitiche potrebbero non essere disponibili. Se ad esempio si utilizza una query MDX personalizzata per creare un grafico analitico o una griglia analitica, gli utenti del dashboard potrebbero non essere in grado di aprire l'albero di scomposizione da un valore del report. Lo stesso può accadere con le scorecard contenenti indicatori KPI per cui vengono utilizzate metriche calcolate. Anche il comando Mostra dettagli, che consente agli utenti del dashboard di visualizzare i dettagli a livello di transazione per un determinato valore, potrebbe non risultare disponibile.

È possibile connettere un indicatore KPI di una scorecard a un altro report in un dashboard. È ad esempio possibile connettere un indicatore KPI a un grafico analitico o a una griglia analitica oppure a un report di Reporting Services. In questo modo è possibile utilizzare l'indicatore KPI come filtro per un altro report o come meccanismo per visualizzare un altro report nel dashboard.

Connettere un indicatore KPI a un altro report se si desidera eseguire una o più delle attività descritte di seguito:

  • Utilizzare un indicatore KPI come filtro per altri report, ad esempio grafici analitici o griglie analitiche.

    Si supponga ad esempio che un indicatore KPI mostri le prestazioni di vendita complessive per una determinata area geografica. Si supponga inoltre di voler visualizzare gli importi di vendita delle diverse categorie di prodotti per tale area geografica. In questo caso è possibile connettere l'indicatore KPI a un grafico analitico in cui siano riportati gli importi di vendita per le categorie di prodotti. In questo modo, quando gli utenti del dashboard fanno clic sull'indicatore KPI, il grafico analitico viene aggiornato automaticamente in modo da visualizzare le informazioni relative alle vendite dei prodotti.

  • Consentire agli utenti del dashboard di fare clic su un indicatore KPI per visualizzare ulteriori informazioni relative ai dettagli sottostanti.

    Si supponga che un indicatore KPI mostri le prestazioni di vendita per una determinata area geografica e che in tale area operino diversi rappresentanti. In questo caso è possibile connettere l'indicatore KPI a un grafico analitico in cui siano riportate informazioni dettagliate per ogni rappresentante. In questo modo, quando gli utenti del dashboard fanno clic sull'indicatore KPI, nel grafico analitico vengono visualizzate informazioni ancora più dettagliate sui rappresentanti.

  • Collegare un indicatore KPI a più report.

    Si supponga che un indicatore KPI mostri le prestazioni di vendita complessive per un'area geografica. Si supponga inoltre di voler visualizzare informazioni più dettagliate su tale indicatore in più report nel dashboard. In questo caso è possibile connettere un singolo indicatore KPI a più report. In questo modo, quando gli utenti del dashboard fanno clic sull'indicatore KPI, tutti i report a esso connessi vengono aggiornati automaticamente in modo da visualizzare le informazioni dettagliate.

Quando si collegano indicatori KPI ad altri report in un dashboard, si crea un dashboard interattivo più dinamico in cui vengono visualizzate informazioni che variano a seconda dell'elemento su cui fa clic un utente del dashboard.

È possibile utilizzare combinazioni di filtri e connessioni nel proprio dashboard di PerformancePoint. Si considera ad esempio lo scenario seguente:

Un utente di nome Paolo crea un grafico a linee per mostrare gli importi di vendita dei prodotti in diversi periodi di tempo. Nel grafico viene utilizzato un filtro incorporato per visualizzare gli importi di vendita relativi solo ai prodotti principali. Paolo quindi crea una scorecard per mostrare le informazioni relative alle prestazioni di vendita per diversi rappresentanti del gruppo e subito dopo crea un filtro di dashboard contenente un elenco di aree geografiche. Successivamente crea una pagina dashboard e vi aggiunge la scorecard, il grafico a linee e il filtro. Connette quindi il filtro di dashboard sia alla scorecard che al report e infine distribuisce il dashboard. Gli utenti del dashboard ora possono utilizzare il filtro per selezionare un'area geografica specifica. In questo modo, nella scorecard vengono visualizzate le prestazioni di vendita relative solo a tale area e il grafico a linee viene aggiornato in modo da mostrare gli importi di vendita nei diversi periodi di tempo per l'area in questione.

Quando si utilizzano combinazioni di filtri e connessioni nel dashboard, creare connessioni utili per i dati e in grado di funzionare nel dashboard. Se ad esempio in un report è incluso un filtro incorporato per visualizzare le informazioni relative a un determinato periodo di tempo, non ha senso connettere al report un filtro di dashboard contenente un elenco di periodi di tempo. Per ulteriori informazioni, vedere Panoramica della connessione di filtri a report o scorecard tramite Dashboard Designer.

Mostra: