Eseguire la migrazione di una farm distribuita in un ambiente di cluster di failover (SharePoint Server 2010)

SharePoint 2010
 

Si applica a: SharePoint Foundation 2010, SharePoint Server 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

In questo articolo vengono fornite informazioni utili per la migrazione di una farm di Microsoft Office SharePoint Server 2007 o di Microsoft SharePoint Server 2010 distribuita in un ambiente di cluster di failover in un altro cluster.

Sebbene SharePoint Server non sia in grado di riconoscere i cluster e Microsoft non supporti i cluster che eseguono SharePoint Server, alcune organizzazioni implementano i cluster di failover a livello di sistema operativo o di database.

Contenuto dell'articolo:

Se nell'ambiente viene utilizzato il clustering di failover a livello del sistema operativo o del server di database (o entrambi), è necessario sviluppare una strategia di migrazione per verificare che la farm di SharePoint Server 2010 sia disponibile e non compromessa in alcun modo, ad esempio da perdita di dati o configurazioni danneggiate.

NotaNote
Poiché SharePoint Server 2010 supporta solo un ambiente di sistema operativo e database a 64 bit, qualsiasi strategia di migrazione dovrà soddisfare questo requisito.

La migrazione viene in genere eseguita allo scopo di aggiornare gli elementi cluster seguenti:

  • Da Windows Server 2003 o Windows Server 2008 a Windows Server 2008 R2

  • Da Microsoft SQL Server 2005 a Microsoft SQL Server 2008

La strategia di migrazione si baserà sugli elementi del cluster che si desidera utilizzare. Se nell'ambiente farm vengono utilizzati un cluster per il sistema operativo e un cluster per i server di database, è consigliabile completare per prima la migrazione del sistema operativo.

Cluster di Windows Server

In un ambiente di cluster di failover di Windows Server, il cluster esiste come server denominato nella farm. Per eseguire la migrazione a un nuovo cluster, è necessario completare le attività seguenti:

  1. Aggiungere il nuovo cluster con un nome registrato diverso.

  2. Spostare tutti i servizi nel nuovo cluster di server.

  3. Rimuovere il cluster di server esistente come server della farm denominato.

In uno scenario in cui SQL Server è ospitato in un cluster di Windows Server la migrazione del database è piuttosto semplice, poiché non è necessario configurare stringhe di connessione di SQL Server.

I cluster di Windows Server espongono uno o più nomi di server virtuali, voci WINS e voci DNS. Il nuovo cluster può utilizzare un nome di server virtuale, una voce WINS o una voce DNS disponibile dopo che l'identificatore non è più registrato con il cluster esistente. La migrazione dei servizi viene eseguita nel modo descritto nell'articolo Eseguire la migrazione di una server farm esistente in un ambiente a 64 bit (Office SharePoint Server 2007) (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=207555&clcid=0x410), il cui contenuto è valido anche per SharePoint Server 2010.

Cluster di SQL Server

In un ambiente di cluster di failover di SQL Server la migrazione dei cluster è un'operazione complessa che implica tempi di inattività più prolungati rispetto alla migrazione del cluster del sistema operativo. Le problematiche inerenti la migrazione dei server di database sono dovute al fatto che SharePoint Server utilizza i nomi di server per fare riferimento a SQL Server, ad altri server della farm e a se stesso. Questo comportamento differisce da quello di un cluster di Windows Server, che utilizza nomi di server virtuali, voci WINS e voci DNS.

Le risorse seguenti forniscono supporto in relazione a tutti gli aspetti della migrazione dei cluster:

Mostra: