Funzioni di pianificazione aggiuntive per le soluzioni e gli scenari di pianificazione BI

SharePoint 2010
 

Si applica a: SharePoint Server 2010 Enterprise

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30


Durante la pianificazione di nuove spese o di nuovi dipendenti, la possibilità di aggiungere nuove righe diventa una funzionalità essenziale per l'Information Worker. Si supponga ad esempio che il piano richieda due nuovi dipendenti da destinare come risorse di vendita aggiuntive alla divisione nordorientale. È possibile adottare due approcci, uno di base e uno avanzato. Entrambi questi approcci si basano sul presupposto che i servizi di analisi vengano utilizzati come modello di dati. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione relativa all'aggiunta di nuove righe in Guida alla creazione delle funzionalità di pianificazione per soluzioni e scenari di pianificazione di Business Intelligence.

Elenco di SharePoint in cui viene utilizzato un tipo di contenuto esterno

Utilizzare Microsoft SharePoint Designer 2010 per creare l'elenco a partire da una tabella relazionale esistente. A tale scopo, è innanzitutto necessario definire un tipo di contenuto esterno nel sito di SharePoint e quindi creare un'istanza di un elenco a partire da esso.

È possibile aggiungere nuovi membri alla dimensione semplicemente aggiungendo nuovi membri all'elenco di SharePoint. In questo caso, è disponibile un esempio dei campi obbligatori necessari per creare un nuovo membro per i dipendenti da utilizzare nei budget.

  1. Da un Web browser gli Information Worker aggiornano l'elenco basato sul tipo di contenuto esterno.

  2. Microsoft SharePoint Server 2010 aggiorna la tabella di dati relazionali sottostante.

Distribuzione dei cubi

Quando si utilizza Excel 2010, gli Information Worker possono configurare il metodo di distribuzione per aggiornare i dati dei cubi in Microsoft SQL Server Analysis Services (SSAS) mediante tabelle pivot abilitate per il writeback.

Vi sono numerosi metodi di distribuzione che un Information Worker può decidere di adottare. Tali metodi possono essere suddivisi tra scenari di base e scenari avanzati:

  • Distribuire il valore aggregato in un intervallo definito di periodi di tempo.

  • Distribuire un valore aggregato in modo uniforme lungo una gerarchia, partendo da qualsiasi membro padre della gerarchia stessa.

  • Eseguire un'allocazione uniforme lungo una gerarchia.

  • Apportare un aumento o una riduzione percentuale lungo una gerarchia.

  • Eseguire la distribuzione in base ai valori effettivi dell'anno precedente.

  • Eseguire la distribuzione in base a percentuali di allocazione personalizzate archiviate in tabelle di dati relazionali.

  • Eseguire la distribuzione lungo una gerarchia padre-figlio.

La logica di distribuzione predefinita disponibile in Excel SSAS a volte potrebbe non essere sufficiente. In questi casi può essere utile ricorrere a una personalizzazione. Un approccio possibile consiste nello sfruttare il motore relazionale di Microsoft SQL Server 2008 per eseguire la distribuzione mediante stored procedure. Il processo per l'Information Worker sarà il seguente:

  • Aggiornare i membri di input necessari alla stored procedure per la distribuzione.

  • Eseguire la stored procedure da Excel 2010.

È possibile chiamare le stored procedure direttamente da Excel tramite macro. Per ulteriori informazioni, vedere Esempi di macro con funzioni XLODBC. Le distribuzioni eseguite a livello relazionale sono la soluzione ideale quando i valori calcolati sono tutti al livello foglia di una gerarchia, ovvero al livello di granularità più basso di un cubo. Al completamento dei calcoli relativi alla distribuzione, il cubo mostrerà i valori aggregati corretti con la gerarchia.

La distribuzione può inoltre essere eseguita mediante un'istruzione UPDATE CUBE in MDX. Per ulteriori informazioni, vedere Istruzione UPDATE CUBE (MDX). Questa soluzione tuttavia esula in genere dalle conoscenze della maggior parte degli Information Worker.

Quando si progetta la logica di distribuzione, testare accuratamente gli scenari per gli utenti finali in modo da fornire le istruzioni più appropriate a tali utenti mentre lavorano ai processi relativi a situazioni future. Le gerarchie padre-figlio ad esempio presentano con le distribuzioni problemi noti che possono essere visti dall'Information Worker come comportamenti imprevisti. La distribuzione di 1.000 lungo la gerarchia padre-figlio seguente può dare luogo all'allocazione seguente:

  • A Distribuzione di 1000

  • B

  • C

  • A – 1000 (aggregato)

  • A - 333,333 (membro dati)

  • B - 333,333

  • C - 333,333

Quando si progettano distribuzioni per gli Information Worker, in genere è consigliabile fornire istruzioni chiare del progettista del modello in merito agli elementi che è possibile o impossibile distribuire e al comportamento previsto per ogni tipo di distribuzione. Questo è un aspetto importante perché l'Information Worker non è in grado di distinguere una gerarchia di PC da una gerarchia a livelli, tuttavia il comportamento della distribuzione sarà diverso, come indicato in precedenza.

Le prestazioni di distribuzione in Excel 2010 e SQL 2008 R2 di solito sono soddisfacenti. È stata eseguita la distribuzione dal membro di primo livello "Tutti" di geografia (geography) fino a tutte le singole regioni, con il valore da distribuire immesso in base allo SKU di prodotto sui periodi di previsione. La distribuzione risultante ha creato oltre 50.000 righe di fatti nella tabella di writeback del cubo OLAP. La ripubblicazione delle modifiche nel cubo è stata effettuata in pochi secondi.

Nel cubo è incluso il conteggio seguente di dimensioni e membri:

  • Account (77)

  • Geography (14)

  • Product (505)

  • Scenario (11)

  • Time (66)

Configurazione della macchina virtuale Hyper-V:

  • 3,5 GB di RAM

  • 1 processore a 2,67 GHz Intel Core i7

Distribuzione di PowerPivot

Di seguito verranno esaminate alcune idee relative all'aggiornamento di un modello di dati di PowerPivot con la distribuzione dei valori mediante la funzionalità nativa di Excel 2010 e tabelle collegate di PowerPivot. Come spiegato in precedenza, PowerPivot non dispone del supporto nativo per gli aggiornamenti diretti da tabelle pivot di Excel 2010, il che rende la distribuzione e altri tipi di aggiornamenti dei dati un vero problema. In alcuni scenari di base è tuttavia possibile ottenere una distribuzione a livello di Excel e reinserire i risultati in un modello di PowerPivot.

Cercare di comprendere un semplice esempio di distribuzione che un Information Worker intende eseguire:

  • L'Information Worker desidera creare distribuzioni personalizzate nel tempo in base ai ricavi totali per SKU di prodotto utilizzando dati di un modello di PowerPivot esistente.

  • L'Information Worker desidera incorporare di nuovo le informazioni della distribuzione nel modello di dati di PowerPivot per utilizzarle in altre analisi.

  • Creare una tabella pivot per inserire gli aggregati da distribuire nel tempo.

  • Creare nel foglio di calcolo un'area per le percentuali da allocare nei periodi di tempo.

  • Creare nel foglio di calcolo un'area per gli importi in valuta da riallocare.

  • In un altro foglio (relativo alle partizioni di PowerPivot) creare tabelle dei fatti strutturate che possano essere ricollegate a PowerPivot. In questo caso ogni tabella può essere considerata come una tabella di partizione per un cubo SSAS.

    • Per ogni periodo di tempo utilizzato nella distribuzione, verrà creata una tabella.

    • Creare ogni tabella con la stessa dimensionalità del modello di dati.

    • Per ogni tabella, creare relazioni con le tabelle delle dimensioni di PowerPivot.

  • Creare una misura DAX che sommi i dati delle tabelle di partizione in un'unica misura da utilizzare nei rapporti.

A destra dell'area relativa alla percentuale di distribuzione, sono presenti gli importi di distribuzione calcolati in base al periodo di tempo. A questi valori calcolati viene quindi fatto riferimento dalle tabelle di Excel per creare le tabelle di partizione che verranno utilizzate per ricollegare i dati di tabella nel modello di PowerPivot. Per maggiore semplicità delle formule di riferimento di Excel, verrà creata una tabella di partizione per ogni periodo di tempo.

  • Quando vengono create le tabelle di partizione per le "tabelle collegate", è importante disporre delle chiavi univoche che identificheranno i membri. Nell'esempio precedente viene utilizzato "MemberId" per ogni dimensione durante la creazione della tabella di partizione.

  • L'approccio precedente è consigliato nelle situazioni in cui le selezioni di filtro non cambieranno nel modulo. Ad esempio, ogni Information Worker può avere una propria tabella pivot con una selezione di filtro univoca da utilizzare per riavere i dati collegati nel modello di PowerPivot.

  • Assicurarsi che nella tabella di Excel venga creato uno spazio di buffer sufficiente alle formule delle celle di riferimento per includere dati di distribuzione per nuovi SKU di prodotto.

  • Più è alto il numero delle tabelle collegate che vengono create, maggiore è la complessità della cartella di lavoro e minore è la gestibilità del modello di PowerPivot.

  • PowerPivot è uno strumento straordinario per riunire più origini di dati strutturati. DAX è particolarmente utile in quest'area con le misure calcolate.

  • L'aggiornamento diretto dei dati in Excel può inoltre comportare un aggiornamento del modello di PowerPivot.

  • La creazione di moduli di input per gli Information Worker che desiderano aggiornare i modelli di PowerPivot è una procedura piuttosto complessa.

Concepts

Scenari di pianificazione di base nelle soluzioni e negli scenari di pianificazione BI
Pianificazione del data mart per soluzioni e scenari di pianificazione di Business Intelligence
Concetti relativi alla modellazione della pianificazione in soluzioni e scenari di pianificazione di Business Intelligence
Modellazione di cubi per il writeback in soluzioni e scenari di Business Intelligence
Considerazioni sulle prestazioni e approcci nelle soluzioni e negli scenari di Business Intelligence
Modellazione dei cubi con PowerPivot di Excel nelle soluzioni e negli scenari di pianificazione BI
Creare rapporti e moduli per le soluzioni e gli scenari di pianificazione BI
Inviare dati del piano per soluzioni e scenari di Business Intelligence
Azioni di flusso di lavoro, diagramma del flusso di lavoro e impostazione di flussi di lavoro di SharePoint per le soluzioni e gli scenari di pianificazione BI
Rilevamento di controllo per soluzioni e scenari di pianificazione di Business Intelligence
Amministrazione per soluzioni e scenari di pianificazione di Business Intelligence
Calcoli per le soluzioni e gli scenari di pianificazione BI
Funzioni di pianificazione aggiuntive per le soluzioni e gli scenari di pianificazione BI
Migrazione per soluzioni e scenari di pianificazione di Business Intelligence
Gestione per soluzioni e scenari di pianificazione di Business Intelligence
Dalla gestione aziendale alla gestione delle filiali per le soluzioni e gli scenari di pianificazione BI
Guida alla modellazione e alla creazione di report per la pianificazione per le soluzioni e gli scenari di pianificazione BI
Guida alla creazione delle funzionalità di pianificazione per soluzioni e scenari di pianificazione di Business Intelligence
Esempi di calcolo di pianificazione e definizione del budget per soluzioni e scenari di pianificazione di Business intelligence

Mostra: