Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Strategie di prevenzione e soluzione dei problemi

In questa sezione vengono illustrate alcune procedure di base tese a prevenire potenziali problemi di compatibilità tra applicazioni e favorire una pianificazione consapevole.

Le organizzazioni possono scegliere di adottare un approccio basato sul semplice monitoraggio e aggiornamento in cui i professionisti IT apportano piccole modifiche senza coinvolgere il codice. Le organizzazioni possono anche decidere di affidarsi a un approccio più formale che prevede modifiche al codice per supportare gli standard più aggiornati di Internet Explorer; in questo caso, però, è necessario il coinvolgimento degli sviluppatori Web. Infine, la tecnica di virtualizzazione fornisce una terza opzione. In questo argomento vengono illustrati tutti e tre questi metodi.

Approccio basato sul semplice monitoraggio e aggiornamento

In alcuni casi, le modifiche apportate al progetto possono provocare problemi di compatibilità che è possibile risolvere con un approccio basato esclusivamente sul monitoraggio e sull'aggiornamento. Sono disponibili numerosi strumenti, sia di Microsoft che di fornitori terzi, che consentono a professionisti IT e sviluppatori Web di applicare questo approccio.

Per ulteriori informazioni sulle modifiche nel progetto, vedere Modifiche al browser da Internet Explorer 6 a Internet Explorer 9.

Per un elenco degli strumenti di Microsoft, vedere Appendice 2: Strumenti per il debug delle applicazioni Web e dei componenti aggiuntivi.

Per gli sviluppatori Web è importante garantire la compatibilità dei documenti con le future versione del browser. Con Internet Explorer 9 è possibile controllare le modalità di compatibilità dei documenti e ciò consente agli sviluppatori di impostare il browser in modo che, per le pagine Web, utilizzi la stessa modalità di visualizzazione utilizzata nelle precedenti versioni del browser. Inoltre, con questa funzionalità lo sviluppatore può scegliere di aggiornare la pagina Web mantenendone nel contempo inalterata l'utilizzabilità.

Tentativo di correzione tramite Visualizzazione Compatibilità

Visualizzazione Compatibilità è una funzionalità disponibili in Internet Explorer 9 che consente al browser di visualizzare la pagina Web in modo praticamente identico a come la visualizzerebbe Internet Explorer 7.

Per i dettagli su Visualizzazione Compatibilità, vedere il blog del team di Internet Explorer.

Che cos'è Visualizzazione Compatibilità?

In Internet Explorer 9, Visualizzazione Compatibilità modifica l'interpretazione da parte del browser del codice scritto in CSS, HTML, DOM e con il motore JavaScript in modo che corrisponda all'interpretazione di Internet Explorer 7. In questo modo, visualizzare un sito in modalità Visualizzazione Compatibilità in Internet Explorer 9 è praticamente identico a visualizzare quello stesso sito in Internet Explorer 7. Questa funzionalità non modifica però l'interpretazione da parte del browser di tutto il codice. Ad esempio, eventuali modifiche apportate in Internet Explorer 9 alla modalità di gestione dei controlli ActiveX®, alla connessione in rete e alla sicurezza potrebbero comunque provocare dei problemi di incompatibilità con siti o applicazioni Web. Questi comportamenti non vengono influenzati dalla funzionalità Visualizzazione Compatibilità.

Per ulteriori informazioni, vedere Differenze tra Visualizzazione Compatibilità in IE8 e in IE7.

Per maggiori dettagli sulle differenze tra Visualizzazione Compatibilità e Internet Explorer 7, vedere il blog sulla compatibilità dei siti e Internet Explorer 8.

In un ambito aziendale, alcune aree presentano un rischio ridotto per quanto riguarda i problemi di compatibilità. Ad esempio, i siti Web dell'area Intranet utilizzano Visualizzazione Compatibilità per impostazione predefinita. Anche le applicazioni Web client che utilizzano il Controllo Web Browser o WebOC per la visualizzazione non presentano problemi particolari in termini di compatibilità perché Internet Explorer 8 e Internet Explorer 9 utilizzano automaticamente una modalità di compatibilità per WebOC. Tuttavia, le impostazioni di configurazione predefinite per Visualizzazione Compatibilità potrebbero non essere sufficienti per garantire la compatibilità completa. Il modo migliore per valutare se un sito o un'applicazione Web è compatibile con Internet Explorer 9 è testarlo.

Perché è necessaria la funzionalità Visualizzazione Compatibilità?

Quando Microsoft ha analizzato i problemi di compatibilità nelle applicazioni Web legacy, è risultato evidente che i clienti avrebbero avuto notevoli vantaggi potendo configurare il browser in modo che la visualizzazione fosse uguale a quella delle versioni precedenti. Era altresì necessario che questa funzionalità fosse il più possibile invisibile e si integrasse senza problemi nel browser. La funzionalità Visualizzazione Compatibilità applica una serie di regole nel tentativo di visualizzare correttamente i contenuti, senza che sia necessario alcun intervento da parte dell'utente o dell'amministratore IT. Questa funzionalità offre agli sviluppatori gli strumenti per indicare al browser quale motore di rendering utilizzare e offre agli utenti la possibilità di sostituire la "scelta" eseguita del browser e passare ad un'altra modalità. Quando la modalità di rendering non viene specificata né dallo sviluppatore né dal professionista IT, l'utente visualizza l'icona di una pagina spezzata.

Se l'utente fa clic sull'icona, Internet Explorer 8 e Internet Explorer 9 passeranno a un'altra modalità di rendering e la pagina verrà immediatamente ricaricata. Tenere presente che gli utenti non vedranno sempre questa icona: infatti, il suo scopo è offrire agli utenti una soluzione alternativa senza però diventare il principale strumento per affrontare i problemi di compatibilità delle applicazioni. In Internet Explorer questo pulsante viene visualizzato solamente quando ha senso attivare Visualizzazione Compatibilità (ad esempio, quando le pagine sono visualizzate in modalità standard). In tutti gli altri casi (ad esempio, quando le pagine sono visualizzate in modalità non standard o si visitano siti in aree Intranet), il pulsante non viene visualizzato.

Per ulteriori informazioni sugli scopi della funzionalità Visualizzazione Compatibilità e sulla visualizzazione o meno dell'icona, vedere Presentazione di Visualizzazione Compatibilità.

Come si abilita Visualizzazione Compatibilità?

Per abilitare la funzionalità Visualizzazione Compatibilità è possibile procedere in diversi modi e questo elenco è fornito a puro titolo informativo e a fini di test. Se il test indica che l'utilizzo di Visualizzazione Compatibilità risolve il problema, è consigliabile che l'organizzazione utilizzi Criteri di gruppo per controllare la funzionalità Visualizzazione Compatibilità nell'ambito di una distribuzione a livello aziendale. Per impostazione predefinita, Visualizzazione Compatibilità è abilitata per l'area Intranet e garantisce il corretto funzionamento delle applicazioni line-of-business senza che sia necessario apportare ulteriori modifiche. Inoltre, le applicazioni Extranet, spesso gestite in outsourcing, generalmente non vengono visualizzate come siti Intranet e potrebbe essere necessario includerle nelle impostazioni di Criteri di gruppo. Le informazioni sull'utilizzo di Criteri di gruppo con Visualizzazione Compatibilità vengono fornite più avanti in questo documento.

Altri metodi per abilitare Visualizzazione Compatibilità:

  • Nel menu Strumenti, selezionare Visualizzazione Compatibilità.

    In questo modo, accanto all'elemento Visualizzazione Compatibilità nel menu viene inserito un segno di spunta che indica che il browser sta utilizzando la modalità Visualizzazione Compatibilità.

  • La funzionalità Visualizzazione Compatibilità può anche essere abilitata attraverso gli strumenti di sviluppo a cui è possibile accedere premendo il tasto F12 o selezionando Strumenti di sviluppo nel menu Strumenti. All'avvio di Internet Explorer 9 è disponibile un'opzione per impostare Modalità browser su Visualizzazione Compatibilità di Internet Explorer 9 e, di conseguenza, Modalità documento su Standard IE7. L'impostazione di Modalità browser modifica la stringa agente utente (da MSIE 9.0 o MSIE 8.0 a MSIE 7.0) e il vettore di versione utilizzato da CSS e JavaScript nei documenti. L'impostazione di Modalità documento modifica il rendering delle pagine. In questo modo è possibile forzare il rendering della pagina in una delle tre modalità (non standard, standard Internet Explorer 7 o standard Internet Explorer 8) senza modificare la stringa agente utente inviata all'applicazione Web. Ricordare che tutte le modifiche apportate a Modalità documento e Modalità browser in Strumenti di sviluppo persistono per l'intera sessione della scheda.

    Per ulteriori informazioni sulle differenze tra Modalità browser e Modalità documento, vedere Test in diverse modalità documento e browser.

  • Abilitare l'intestazione compatibile con X-UA EmulateIE7. A differenze dei metodi illustrati in precedenza per abilitare Visualizzazione Compatibilità, questo metodo prevede l'inserimento del codice HTML direttamente nelle pagine. In questo caso, le modifiche vengono apportate direttamente alle impostazioni sul server (tramite un tag di intestazione HTTP) o su un'intestazione a livello di pagina (tramite il tag meta EmulateIE7). Per ulteriori informazioni sull'utilizzo del tag meta, vedere la prossima sezione.

    Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di un tag di intestazione HTTP, vedere Implementazione dell'opzione META in IIS.

    Per ulteriori informazioni sull'utilizzo del tag meta EmulateIE7, vedere Tag META e blocco nella compatibilità con le versioni future e le informazioni più avanti in questa sezione.

  • Utilizzare l'elenco Visualizzazione Compatibilità. Questa opzione funziona se il sito è presente nell'elenco Visualizzazione Compatibilità gestito da Microsoft o se si aggiunge manualmente l'URL del sito nell'elenco Visualizzazione Compatibilità in locale selezionando Impostazioni Visualizzazione Compatibilità nel menu Strumenti. Per verificare se il dominio Web è già presente nell'elenco in Internet Explorer 9 gestito da Microsoft, vedere la versione aggiornata dell'elenco dei server all'indirizzo http://ie9cvlist.ie.microsoft.com/ie9CompatViewList.xml. Una versione dell'elenco Visualizzazione Compatibilità gestito da Microsoft è disponibile nella cache locale in: File:\\%LOCALAPPDATA%\Microsoft\Internet Explorer\IECompatData\iecompatdata.xml

    Per ulteriori informazioni, vedere le seguenti risorse:

In aggiunta a questo documento sulla compatibilità delle applicazioni, Microsoft ha creato Internet Explorer Readiness Toolkit come risorsa utile nella pianificazione della migrazione e nella risoluzione dei problemi.

Se Visualizzazione Compatibilità risolve il problema

Se l'abilitazione di Visualizzazione Compatibilità in Internet Explorer 8 o Internet Explorer 9 risolve il problema rilevato sul sito o sull'applicazione Web, è consigliabile abilitare Visualizzazione Compatibilità utilizzando Criteri di gruppo. Quindi, per la successiva versione del sito o dell'applicazione Web pianificare l'aggiornamento del codice utilizzando il gruppo di standard Web più recenti. Sebbene Microsoft garantisca il supporto per Internet Explorer 8 e Internet Explorer 9 per l'intero ciclo di vita del prodotto, è consigliabile che le organizzazioni non si affidino esclusivamente alle modalità di rendering legacy. È opportuno accettare esplicitamente la modalità standard per tutte le nuove applicazioni utilizzando l'intestazione o il tag meta. Per garantire la compatibilità con le versioni successive, il codice delle applicazioni Web dovrebbe essere conforme agli standard Web correnti.

Gli standard Web sono in continua evoluzione. Di conseguenza, la compatibilità è una questione che non deve essere sottovalutata, ma piuttosto tenuta presente nella pianificazione dell'avanzamento dell'organizzazione. I browser vengono costantemente migliorati per aumentare la loro compatibilità con gli standard Web più nuovi; di conseguenza, anche i siti e le applicazioni Web devono essere aggiornati per adattarsi ai nuovi standard.

Se Visualizzazione Compatibilità non risolve il problema

Alcune vecchie applicazioni codificate per Internet Explorer 6 potrebbero non funzionare in Visualizzazione Compatibilità. Per queste applicazioni, un approccio alternativo basato sul monitoraggio e l'aggiornamento può esplicarsi nell'impostare la modalità non standard per il sito Web. La modalità non standard è compatibile con le versioni precedenti ed è praticamente equivalente al comportamento di rendering in Internet Explorer 5.5. Per verificare se un sito Web viene visualizzato correttamente nella modalità non standard, è possibile impostare Internet Explorer 9 sulla modalità non standard utilizzando gli strumenti di sviluppo. Se la modalità non standard riduce i problemi di compatibilità del sito, i professionisti IT possono utilizzare Criteri di gruppo per aggiungere il sito all'elenco a cui viene applicato il criterio di modalità non standard. Se la modalità non standard non riduce i problemi di compatibilità del sito, i professionisti IT dovranno valutare metodi alternativi come, ad esempio, contattare lo sviluppatore del sito per richiedere che questo venga corretto o utilizzare la virtualizzazione come soluzione alternativa con MED-V, Servizi terminal o la modalità Windows XP.

Utilizzo dell'intestazione HTTP o del tag meta per garantire la compatibilità con le versioni future

Utilizzando l'attributo content del tag meta, gli sviluppatori possono specificare la modalità di visualizzazione del contenuto per la pagina Web. Per visualizzare il contenuto utilizzando la modalità standard di Internet Explorer 8, specificare il valore IE=EmulateIE8 o IE=8. Per visualizzare il contenuto utilizzando la modalità standard di Internet Explorer 9, specificare il valore IE=EmulateIE9 o IE=9. Per visualizzare in Internet Explorer 9 il contenuto utilizzando il comportamento di rendering di Internet Explorer 7, specificare il valore IE=EmulateIE7 o IE=7. Per visualizzare il contenuto utilizzando il comportamento di rendering di Internet Explorer 5.5 o la modalità non standard, specificare il valore IE=5.

Per ulteriori informazioni sulla compatibilità e sull'intestazione compatibile con X-UA, vedere Definizione della compatibilità dei documenti.

Microsoft sa perfettamente che i siti Web possono contenere migliaia (o persino decine di migliaia) di singole pagine e di conseguenza dover impostare questo valore su ciascun documento non è certo una soluzione pratica. Se il sito funziona impostando il tag meta per tutte le pagine o una raccolta di pagine selezionate per cartella, è consigliabile modificare la configurazione del server e aggiungere i metadati compatibili con X-UA nell'intestazione HTTP.

Nella seguente tabella vengono illustrate le modalità di compatibilità dei documenti in Internet Explorer 9:

 

Valore di content Significato

IE=5

Modalità non standard.

IE=7

Utilizzare sempre la modalità Internet Explorer 7.

IE=EmulateIE7

Visualizzare il contenuto in modalità Internet Explorer 7 a meno che per il sito non sia impostata la modalità non standard per DOCTYPE.

IE=8

Utilizzare sempre la modalità Internet Explorer 8.

IE=EmulateIE8

Visualizzare il contenuto in modalità Internet Explorer 8 a meno che per il sito non sia impostata la modalità non standard per DOCTYPE. Inoltre, utilizzare questo tag per sostituire Visualizzazione Compatibilità sui client e forzare la modalità Internet Explorer 8.

IE=Edge

Visualizzare il contenuto nella modalità più recente; in Internet Explorer 9, equivale a IE=9.

IE=9

Utilizzare sempre la modalità Internet Explorer 9.

IE=EmulateIE9

Visualizzare il contenuto in modalità Internet Explorer 9 a meno che per il sito non sia impostata la modalità non standard per DOCTYPE. Inoltre, utilizzare questo tag per sostituire Visualizzazione Compatibilità sui client e forzare la modalità Internet Explorer 9.

Gestione di Visualizzazione Compatibilità tramite Criteri di gruppo

In Internet Explorer 9 sono disponibili più di 1500 Criteri di gruppo che è possibile configurare per rendere gestibile e sicuro l'ambiente. La configurazione di questi criteri inizialmente può sembrare un'impresa ciclopica. In questa sezione vengono forniti i consigli applicabili alle seguenti aree: sicurezza, prestazioni e compatibilità con Internet Explorer 8, Internet Explorer 7 e Internet Explorer 6.

Per abilitare Visualizzazione Compatibilità per tutti i siti tramite Criteri di gruppo, indipendentemente dall'area di appartenenza, abilitare il seguente criterio:

 

Oggetto criterio Percorso

Attiva modalità degli standard di Internet Explorer 7

Componenti di Windows\Internet Explorer\Visualizzazione Compatibilità

 

Per abilitare Visualizzazione Compatibilità per tutti i siti nell'area Intranet tramite Criteri di gruppo, disabilitare il seguente criterio:

 

Oggetto criterio Percorso

Attiva la modalità degli standard di Internet Explorer per Intranet locale

Componenti di Windows\Internet Explorer\Visualizzazione Compatibilità

Per assicurarsi che gli utenti utilizzino l'elenco di compatibilità gestito da Microsoft, abilitare il seguente criterio:

 

Oggetto criterio Percorso

Includi elenchi aggiornati siti Web da Microsoft

Componenti di Windows\Internet Explorer\Visualizzazione Compatibilità

 

Per impostare la visualizzazione dei siti Web in modalità Visualizzazione Compatibilità tramite Criteri di gruppo, abilitare il seguente criterio e aggiungere l'elenco di siti:

 

Oggetto criterio Percorso

Usa l'elenco dei criteri dei siti Internet Explorer 7

Componenti di Windows\Internet Explorer\Visualizzazione Compatibilità

Gli utenti potranno aggiungere o rimuovere manualmente i siti nel loro elenco Visualizzazione Compatibilità in locale, ma non potranno rimuovere i siti aggiunti da altri.

Per impostare la visualizzazione dei siti Web in modalità non standard tramite Criteri di gruppo, abilitare il seguente criterio e aggiungere l'elenco di siti:

 

Oggetto criterio Percorso

Usa l'elenco dei criteri dei siti con modalità non standard

Componenti di Windows\Internet Explorer\Visualizzazione Compatibilità

Configurando l'elenco di assegnazioni siti ad aree, è possibile specificare quali impostazioni delle aree di sicurezza vengono applicate ai siti specificati.

 

Oggetto criterio Percorso

Elenco di assegnazione siti ad aree

Componenti di Windows\Internet Explorer\Pannello di controllo Internet\Scheda Sicurezza

 

Tramite la configurazione dei criteri di sicurezza, è possibile impedire agli utenti di apportare modifiche alla configurazione.

 

Oggetto criterio Percorso

Disabilita la scheda Sicurezza

Componenti di Windows\Internet Explorer\Pannello di controllo Internet

 

Per disattivare Protezione esecuzione programmi, abilitare il seguente oggetto:

 

Oggetto criterio Percorso

Disattiva Protezione esecuzione programmi

Componenti di Windows\Internet Explorer\Funzionalità di sicurezza

Per l'elenco completo delle impostazioni incluse nei file dei modelli amministrativi forniti con Internet Explorer 9, vedere il documento di riferimento per le impostazioni di Criteri di gruppo in Internet Explorer 9.

Per ulteriori informazioni su Criteri di gruppo e Internet Explorer 9, vedere Criteri di gruppo in Internet Explorer 9.

Monitoraggio e aggiornamento dell'installazione dei controlli ActiveX per utenti standard

Un controllo ActiveX è un codice eseguibile (generalmente un file OCX combinato con un file .cab) installato e richiamato dall'utente tramite Internet Explorer. Gli sviluppatori Web creano i controlli ActiveX per aggiungere alle loro applicazioni Web funzionalità che altrimenti non potrebbero ottenere con il codice HTML standard o un semplice script. Un ostacolo frequente nello sviluppo di un ambiente desktop sicuro è rappresentato dalla necessità di monitorare e contenere le minacce che riguardano controlli ActiveX dannosi, garantendo nel contempo un buon livello di compatibilità delle applicazioni nell'ambiente.

Un aspetto fondamentale dei controlli ActiveX è il loro modello di distribuzione estremamente semplice basato sul concetto di "download ed esecuzione". I controlli ActiveX vengono installati e richiamati tramite il tag dell'oggetto HTML che dispone di un attributo chiamato CODEBASE che, tramite un URL, indica a Internet Explorer dove trovare il controllo, se non è già stato installato sul computer dell'utente. In questo caso, Internet Explorer scarica il pacchetto di installazione associato, esegue la verifica di attendibilità sull'oggetto e nella barra delle informazioni invita l'utente a fornire l'autorizzazione per l'installazione. Durante l'installazione, il controllo viene registrato e richiamato dalla pagina di rendering. Una volta installato, il controllo può essere richiamato da qualsiasi utente standard. Questo semplice meccanismo di distribuzione ed esecuzione offre agli sviluppatori la possibilità di distribuire facilmente i loro componenti agli utenti delle applicazioni Web. Il problema di questo metodo di distribuzione è rappresentato dall'impossibilità per gli utenti con account standard di installare i controlli ActiveX sui singoli computer. Per completare l'installazione potrebbero essere necessari i privilegi di amministratore.

Il servizio ActiveX Installer consente ai professionisti IT di gestire la distribuzione ai computer nell'organizzazione dei controlli ActiveX tramite Criteri di gruppo. Le opzioni e i siti utilizzati dal servizio ActiveX Installer vengono configurati dalle impostazioni di Criteri di gruppo, modificabili tramite la Console Gestione Criteri di gruppo o l'Editor Criteri di gruppo locali. Per il servizio ActiveX Installer sono disponibili due impostazioni dei criteri: Siti di installazione approvati per i controlli ActiveX e Criteri di installazione ActiveX per siti di aree attendibili. L'impostazione Siti di installazione approvati per i controlli ActiveX è composta da un elenco di siti di installazione approvati ed è utilizzata dal servizio ActiveX Installer per stabilire se un controllo ActiveX può essere installato. L'impostazione Criteri di installazione ActiveX per siti di aree attendibili identifica i metodi per l'utilizzo dei siti nelle aree attendibili per l'installazione dei controlli ActiveX. Quando un sito Web tenta di installare un controllo ActiveX, il servizio ActiveX Installer verifica se l'URL del sito è presente nell'elenco dei siti di installazione approvati o fa parte dell'area dei siti attendibili. Se il sito è presente in uno di questi gruppi, il servizio ActiveX Installer verifica che soddisfi i requisiti stabiliti dal criterio. Se il sito e il controllo ActiveX soddisfano tutti i requisiti del criterio, il controllo viene installato.

Per ulteriori informazioni, vedere Amministrazione del servizio ActiveX Installer.

Approccio basato sulla virtualizzazione

La compatibilità delle applicazioni è uno dei principali motivi che potrebbero scoraggiare le organizzazioni dal passare alla versione più recente del sistema operativo Windows. Ad esempio, le organizzazioni potrebbero affidarsi a un'importante applicazione line-of-business che deve essere eseguita su Windows XP oppure potrebbero disporre di un sito Intranet critico creato per l'esecuzione in Internet Explorer 6. Inoltre, potrebbero non disporre del tempo o delle risorse necessarie per ricostruire, riadattare o aggiornare queste applicazioni.

Se l'organizzazione sta valutando la possibilità di passare a Windows 7 e ha un gran numero di applicazioni Web legacy da testare e migrare sulla più recente versione di Internet Explorer, i professionisti IT possono utilizzare la virtualizzazione per queste operazioni. Tenere presente che dovranno simultaneamente correggere le applicazioni Web perché possano essere eseguite in modalità nativa nella nuova versione di Internet Explorer. Le tre opzioni di Microsoft più adatte per la virtualizzazione delle applicazioni Web create per Internet Explorer 7 e Internet Explorer 6 sono MED-V, Servizi terminal e la modalità Windows XP.

Per ulteriori informazioni sulle opzioni di virtualizzazione, vedere Soluzioni per la virtualizzazione di Internet Explorer.

Microsoft ha realizzato i seguenti webcast in cui vengono presentate le opzioni di virtualizzazione supportate per Internet Explorer:

Approccio formale

Se il problema con le applicazioni Web persiste nonostante sia stata abilitata la funzionalità Visualizzazione Compatibilità e siano state applicate altre correzioni semplici, sarà necessario aggiornare il codice di origine. In questo modo il sito o l'applicazione Web funziona in modalità nativa in Internet Explorer 9 in almeno una delle quattro modalità di rendering disponibili (standard di Internet Explorer 9, standard di Internet Explorer 8, standard di Internet Explorer 7, non standard). Identificare i proprietari delle applicazioni e le risorse di sviluppo per affrontare i problemi di compatibilità delle applicazioni aziendali critiche tramite la realizzazione di un piano di monitoraggio e aggiornamento formale.

Per le organizzazioni che utilizzano già Internet Explorer 9, la guida alla compatibilità di Internet Explorer 9 rappresenta la risorsa principale per gli sviluppatori in quanto illustra le funzionalità di sviluppo che sono state modificate o diventate obsolete da Internet Explorer 8.

Per le organizzazioni che utilizzano Internet Explorer 6, Internet Explorer 7 o Internet Explorer 8, vedere Appendice 1: Modifiche al browser da Internet Explorer 6 a Internet Explorer 9 in questa Guida.

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.
Mostra:
© 2015 Microsoft