Stimare i requisiti di prestazioni e capacità per Word Automation Services in SharePoint Server 2010

SharePoint 2010
 

Si applica a: SharePoint Server 2010

Ultima modifica dell'argomento: 2016-11-30

In questo articolo sono incluse informazioni sulla pianificazione della capacità per Word Automation Services. Utilizzare questo articolo per stimare i requisiti hardware e della farm di Microsoft SharePoint Server 2010 per Word Automation Services in topologie in cui è in esecuzione SharePoint Server 2010.

Contenuto dell'articolo:

In questa sezione vengono descritti il set di dati, i carichi di lavoro, le impostazioni hardware, la topologia e le definizioni di test utilizzati per i test relativi a prestazioni e capacità di Word Automation Services 2010.

Il set di dati utilizzato per i test include 384 file docx unici in formato Open XML con i tipi di contenuto di Microsoft Word 2007 seguenti:

  • Testo con formattazione diretta

  • Controlli contenuto

  • Immagini

  • Tabelle

  • Stili

  • Campi

  • Oggetti OLE

  • Collegamenti ipertestuali

  • Segnalibri

  • Commenti

  • Citazioni

Questi file hanno dimensioni comprese tra 20 KB e 8,8 MB, con dimensioni medie di 225 KB per file. Utilizzando i duplicati di questi 384 file è stata creata una raccolta di circa 20.000 documenti. La raccolta è quindi stata utilizzata come raccolta di input per ogni esecuzione dei test.

I test per Word Automation Services sono stati progettati per consentire di stimare le risposte delle diverse configurazioni della farm alle modifiche apportate alle variabili seguenti:

  • Numero di server applicazioni abilitati per Word Automation Services nella farm

  • Numero di processi di conversione attivi per ogni server applicazioni abilitato per Word Automation Services

  • Numero di elementi nel database di Word Automation Services

I valori specifici relativi a capacità e prestazioni indicati in questo articolo sono diversi da quelli degli ambienti reali. I valori presentati hanno lo scopo di offrire un punto di partenza per la progettazione di un ambiente con scalabilità appropriata. Dopo aver completato una progettazione iniziale del sistema, testare la configurazione per determinare se il sistema sarà in grado di supportare i fattori specifici del proprio ambiente.

In questa sezione vengono definiti gli scenari di test per questo articolo e viene descritto il processo di test utilizzato per ogni scenario. Per informazioni dettagliate, ad esempio risultati dei test e parametri specifici, vedere Risultati dei test.

Tabella 1 Definizioni di test per questo articolo

Nome test Descrizione test

Scala velocità effettiva

  1. Creare una raccolta documenti in SharePoint Server e popolarla con un determinato numero di file Open XML validi (con estensione docx).

  2. Creare e avviare un processo di conversione in cui la raccolta del passaggio 1 venga utilizzata come raccolta di input.

  3. Al termine del processo di conversione, quando tutti gli elementi di conversione hanno avuto esito positivo o negativo, utilizzare i risultati nel database di Word Automation Services per determinare la velocità effettiva complessiva del servizio durante le conversioni.

Dimensioni file di database di SQL Server

  1. Creare una raccolta documenti in SharePoint Server e popolarla con un determinato numero di file Open XML validi.

  2. Avviare e annullare processi di conversione per popolare il database. Non è necessario che i processi di conversione vengano completati.

  3. Registrare le dimensioni dei file con estensione ldf e mdf del database.

In questa sezione vengono descritti l'hardware, le impostazioni e le topologie utilizzati nei test.

Per offrire informazioni dettagliate sui risultati dei test, per i test sono state utilizzate diverse configurazioni di farm. Le configurazioni di farm includono da uno a sette server applicazioni e un singolo server di database in cui è in esecuzione il software di database Microsoft SQL Server 2008. Tutti i server hanno un'architettura a 64 bit.

Nella tabella seguente sono elencati i componenti hardware specifici utilizzati per i test.

Tabella 2 Informazioni dettagliate sull'hardware di laboratorio per la topologia di test di Word Automation Services

Dettaglio Server Web front-end - Server applicazioni 1 Server applicazioni 2-7 Server di database

Ruolo

Server Web front-end - Server applicazioni (condiviso)

Server applicazioni (dedicato)

Cluster di SQL Server (un computer)

Processori

2px4c a 2,33 GHz

2px4c a 2,33 GHz

4px4c a 3,2 GHz

RAM

8 GB

8 GB

16 GB

Sistema operativo

Windows Server 2008 SP2 x64

Windows Server 2008 SP2 x64

Windows Server 2008 SP2 x64

Archiviazione e geometria (inclusa la configurazione dei dischi di SQL Server)

6 dischi da 590 GB

6 dischi da 590 GB

6 dischi da 460 GB

Numero di schede di rete

2

2

2

Velocità delle schede di rete

1 gigabit

1 gigabit

1 gigabit

Autenticazione

NTLM

NTLM

NTLM

Versione software

4762.1000

4762.1000

SQL Server 2008

Numero di istanze di SQL Server

Non applicabile

Non applicabile

 1

Tipo di servizio di bilanciamento del carico

Bilanciamento carico di rete

Bilanciamento carico di rete

Non applicabile

Livello di registrazione ULS

Medio

Medio

Medio

Per i test non è mai stato utilizzato un server Web front-end dedicato. Il server Web front-end utilizzato per i test è infatti anche il server applicazioni 1. Si tratta di una configurazione comune per una topologia dedicata di Word Automation Services in quanto i server Web front-end di SharePoint Server non vengono utilizzati per elaborare le conversioni. L'unico ruolo di un server Web front-end è quello di creare processi di conversione tramite una soluzione SharePoint Server personalizzata, ad esempio una web part personalizzata. Per consentire il corretto funzionamento di una soluzione SharePoint Server, potrebbe essere necessario che il server Web front-end sia in grado di rispondere.

Per la farm di testing di Word Automation Services, è stata utilizzata un'applicazione C# semplice nel server Web front-end - server applicazioni 1 per creare occasionalmente processi di conversione per i test. Garantire la risposta del server Web front-end non ha rappresentato un problema per questa farm. L'utilizzo del server Web front-end come server applicazioni è pertanto risultato appropriato.

Diagramma 1 - Topologia della farm di testing di Word Automation Services

Topologia farm di testing

Nelle tabelle seguenti sono illustrati i risultati dei test di Word Automation Services in SharePoint Server 2010. Per ogni gruppo di test, vengono modificate solo determinate variabili specifiche, per illustrare l'effetto progressivo sulle prestazioni della farm.

Nei due test nella tabella seguente viene illustrato in che modo la velocità effettiva di Word Automation Services aumenti con l'aumentare graduale del numero di processi di conversione attivi in un singolo server applicazioni. Vengono mostrati i dati per due formati di output: Open XML (con estensione docx) e PDF. Le conversioni Open XML forniscono una velocità effettiva di base per il confronto con gli altri formati di output, mentre le conversioni PDF offrono un esempio di velocità effettiva di conversione più tipica.

Tabella 3 Velocità effettiva di esempio di un server applicazioni a otto core con aggiunta graduale di processi di conversione attivi

Processi di conversione attivi Open XML PDF

1

2,72

1,13

2

4,65

1,78

3

5,92

1,99

4

7,02

2,00

6

7,73

1,87

8

9,45

1,64

16

7,91

1,41

24

8,06

1,37

32

7,71

1,37

Per il formato PDF si verifica una diminuzione della velocità effettiva quando in Word Automation Services vengono utilizzati sei processi di conversione attivi anziché quattro. Ciò è dovuto a una limitazione dei singoli server in Word Automation Services quando viene eseguita la conversione in formato PDF (o XPS). Al contrario, la velocità effettiva del formato Open XML non presenta questa limitazione e continua ad aumentare fino a quando vengono utilizzati otto processi di conversione attivi. In Open XML si verifica tuttavia un'altra limitazione più comune quando il numero di processi di conversione attivi supera il numero di core di elaborazione nel server. In questo caso, nel server sono presenti otto core.

Il miglioramento insolitamente piccolo nella velocità effettiva per Open XML quando si utilizzano sei processi di conversione attivi rispetto a quattro processi rappresenta una variazione tipica per Word Automation Services. Ciò dimostra come la velocità effettiva possa variare rispetto al previsto per una configurazione specifica.

Nel diagramma seguente i dati sono illustrati in un grafico.

Velocità effettiva di esempio di un server applicazioni a otto core con aggiunta graduale di processi di conversione attivi

Velocità effettiva di esempio per server applicazioni 8 core

Le quantità 16, 24 e 32 di processi di conversione attivi dimostrano che se il numero di processi di conversione attivi è superiore a quello dei core di elaborazione, si verifica un impatto negativo sulla velocità effettiva di un server applicazioni. Quando in Word Automation Services viene utilizzato un numero non supportato di processi di conversione attivi totali per un server applicazioni specifico, vi sono maggiori probabilità che si verifichino errori in modo intermittente con gli elementi di conversione.

I risultati di questo test consentono di illustrare i seguenti effetti importanti del numero di processi di conversione attivi sulla velocità effettiva:

  • I maggiori miglioramenti della velocità effettiva per la conversione in formato PDF si verificano quando si passa da uno a tre processi di conversione attivi per server. La velocità effettiva per il formato PDF inizia a diminuire quando vengono utilizzati approssimativamente quattro o più processi di conversione attivi in qualsiasi server con quattro o più core di elaborazione. Si tratta di una limitazione di Word Automation Services. La stessa limitazione si applica anche al formato XPS.

  • Il miglioramento della velocità effettiva per gli altri formati, ad esempio Open XML, può aumentare notevolmente fino a n processi di conversione attivi, dove n rappresenta il numero di core di elaborazione del server applicazioni. Il numero massimo consigliato di processi di conversione attivi totali per i server applicazioni è tuttavia di n - 1. Questo concetto viene illustrato in modo più dettagliato nella sezione Suggerimenti.

Nei due test nella tabella seguente viene illustrato in che modo la velocità effettiva di Word Automation Services aumenti con l'aumentare graduale del numero di server applicazioni. Il numero di processi di conversione attivi totali per la farm è stato impostato a 8. Vengono mostrati i dati per due formati di output: Open XML e PDF. La velocità effettiva di conversione per il formato Open XML è un buon punto di riferimento per la maggior parte dei formati di output, mentre la velocità effettiva di conversione per il formato PDF rappresenta in modo più affidabile i valori per i formati PDF e XPS.

Tabella 4 Velocità effettiva di esempio della farm con l'aumentare del numero di server applicazioni

Topologia Open XML PDF

1x1

9,5

1,64

1x2

17,3

3,25

1x3

23,1

4,81

1x4

32,8

6,52

1x5

39,7

7,87

1x6

45,9

9,50

1x7

52,1

11,48

Ne diagramma seguente viene illustrato che l'aumento della velocità effettiva sia per il formato PDF che Open XML rimane generalmente lineare per ogni server aggiunto.

Grafico 2 - Velocità effettiva di esempio della farm con l'aumentare del numero di server applicazioni

Velocità effettiva all'aumento dei server applicazioni

Tabella 5 Aumento percentuale per la velocità effettiva di un singolo server

Topologia Open XML PDF

1x1

Non applicabile

Non applicabile

1x2

82,11

97,57

1x3

61,05

95,30

1x4

102,11

103,66

1x5

72,63

82,21

1x6

65,26

99,05

1x7

65,26

120,54

Tabella 6 Aumento percentuale della velocità effettiva per la velocità effettiva Z-1

Topologia Open XML PDF

1x1

Non applicabile

Non applicabile

1x2

82,11

97,57

1x3

33,53

48,24

1x4

41,99

35,40

1x5

21,04

20,73

1x6

15,62

20,69

1x7

13,51

20,86

Nella tabella 5 viene illustrato l'aumento percentuale della velocità effettiva rispetto alla velocità effettiva di un server applicazioni singolo. La topologia 1x4 (quattro server applicazioni) mostra ad esempio un miglioramento del 102,11% della velocità effettiva rispetto alla topologia 1x1 (server applicazioni singolo).

Nella tabella 6 viene illustrato l'aumento percentuale della velocità effettiva rispetto alla velocità effettiva della topologia precedente illustrata nella tabella. La topologia 1x4 ha, ad esempio, quattro server applicazioni. Pertanto, Z = 4. Se Z = 4, allora Z-1 = 3 e quindi la topologia Z-1 è la topologia 1x3. La topologia 1x4 presenta un miglioramento del 41,99% della velocità effettiva rispetto alla topologia 1x3.

Questi numeri rappresentano solo un esempio del possibile aumento della velocità effettiva in una distribuzione di produzione specifica di Word Automation Services. Alcune variazioni illustrate nelle tabelle potrebbero non essere tipiche per altre farm di SharePoint Server.

Il numero di processi di conversione attivi totali è stato impostato a 8. I risultati relativi al formato PDF sono pertanto con ogni probabilità inferiori a quello che ci si aspetterebbe dai server applicazioni se il numero di processi di conversione attivi totali venisse impostato in modo da evitare la diminuzione della velocità effettiva per il formato PDF dovuta a una limitazione dei singoli server in Word Automation Services (come illustrato nella tabella 3). I valori della velocità effettiva per il formato PDF nella tabella 4 potrebbero con ogni probabilità migliorare significativamente impostando il numero di processi di conversione attivi totali a quattro. Ciò, tuttavia, comporterebbe indubbiamente una diminuzione dei valori della velocità effettiva per il formato Open XML, come illustrato dai risultati nella tabella 3. L'aspetto importante relativo alla velocità effettiva che è possibile apprendere da queste osservazioni è che vi è un compromesso da considerare quando si seleziona un valore per l'impostazione relativa ai processi di conversione attivi totali. Per le impostazioni consigliate per Word Automation Services riportate nella sezione Suggerimenti viene preso in considerazione questo compromesso e vengono indicati due set di impostazioni consigliate.

Questi dati indicano che la scalabilità orizzontale rappresenta un ottimo metodo per aumentare la velocità effettiva di Word Automation Services per qualsiasi formato di output. L'aumento lineare della velocità effettiva illustrato non è destinato a continuare in modo infinito con l'aumentare delle dimensioni della topologia. A un certo punto, emergeranno determinati colli di bottiglia. Potrebbe ad esempio venire raggiunta la capacità massima del computer SQL Server.

Il database di Word Automation Services richiede uno spazio su disco compreso tra 1,58 e 0,15 KB per elemento di conversione nel database, come illustrato nella tabella seguente.

Tabella 7 Dimensioni file con estensione mdf per un numero variabile di elementi di conversione

Elementi aggiunti Dimensioni file con estensione mdf (KB) KB per elemento

2.304

3.648

1,58

4.608

3.648

0,79

23.040

6.720

0,29

46.080

10.048

0,22

230.400

37.952

0,16

460.800

72.000

0,16

1.152.000

174.400

0,15

2.304.000

345.408

0,15

3.456.000

515.392

0,15

4.608.000

685.376

0,15

11.520.000

1.707.328

0,15

23.040.000

3.429.568

0,15

Questi dati indicano che le dimensioni del file con estensione mdf file aumentano di circa 0,15 KB per ogni elemento di conversione aggiunto al database di Word Automation Services. Approssimativamente i primi 50.000 elementi di conversione rappresentano un'eccezione. Le dimensioni totali del file con estensione mdf sono tuttavia chiaramente gestibili quando il numero di elementi di conversione è piccolo.

In generale, è consigliabile fare in modo che le dimensioni del database di Word Automation Services non superino i 2 milioni di elementi di conversione. In caso contrario, le prestazioni di alcune soluzioni Word Automation Services potrebbero diminuire con l'aumentare delle dimensioni del database.

Per ogni elemento eliminato dal database, viene utilizzato da Word Automation Services uno spazio su disco compreso approssimativamente tra 0,2 e 0,5 KB nel file con estensione ldf di SQL Server. Il file con estensione ldf viene utilizzato da SQL Server per conservare i dati di ripristino per il database di Word Automation Services.

Tabella 8 Dimensioni file con estensione ldf per un numero variabile di eliminazioni di elementi di conversione

Elementi eliminati Dimensioni file con estensione ldf (KB) KB per elemento

2.304

1.856

0,56

4.608

2.624

0,44

11.520

2.624

0,18

23.040

2.624

0,09

46.080

20.416

0,43

69.120

20.416

0,29

115.200

39.936

0,34

172.800

53.248

0,30

207.360

53.248

0,25

218.880

53.248

0,24

228.096

53.248

0,23

230.400

53.248

0,23

Le dimensioni del file con estensione ldf aumentano in corrispondenza di determinati intervalli, come specificato dalle impostazioni di aumento automatico di SQL Server. Per ulteriori informazioni sull'aumento delle dimensioni del file con estensione ldf, vedere l'articolo INF: Il log delle transazioni aumenta in modo imprevisto o diventa pieno in SQL Server (http://go.microsoft.com/fwlink/?linkid=217307&clcid=0x410).

Se il file con estensione ldf non viene controllato per un lungo periodo di tempo, le sue dimensioni possono aumentare fino all'esaurimento dello spazio su disco nel computer SQL Server. La riduzione periodica delle dimensioni del file con estensione ldf deve essere considerata parte delle attività di manutenzione di routine per qualsiasi farm di produzione. Per informazioni su come gestire un file con estensione ldf con dimensioni eccessivamente grandi, vedere l'articolo Arresto della crescita imprevista del registro delle transazioni di un database SQL Server.

È possibile eseguire Word Automation Services in un'installazione a server singolo di SharePoint Server. Questo server funge da server Web front-end, server applicazioni e server di database per il database di Word Automation Services e diversi database di SharePoint.

In un ambiente di produzione, tuttavia, l'utilizzo di una farm a server singolo è fortemente sconsigliato. Questa configurazione comporta una concorrenza per le risorse tra Word Automation Services, SharePoint Server e SQL Server, che può causare prestazioni incoerenti in Word Automation Services.

Una farm Word Automation Services di base è composta da due server: un singolo server che funge sia da server Web front-end che da server applicazioni e un secondo server che funge da istanza di SQL Server per SharePoint Server e Word Automation Services. Una configurazione di questo tipo deve essere considerata come la topologia minima per una farm Word Automation Services di produzione. L'ampliamento di questa topologia di base è illustrato in Topologie avanzate.

Diagramma 2 - Topologia di farm Word Automation Services semplice

Farm Word Automation Services semplice

Per aumentare la capacità e le prestazioni della farm Word Automation Services di base, è possibile implementare la scalabilità verticale aumentando la capacità dei server applicazioni esistenti oppure la scalabilità orizzontale aggiungendo ulteriori server alla topologia. In questa sezione vengono descritte le caratteristiche generali relative alle prestazioni e le impostazioni consigliate di diverse topologie in cui queste due strategie vengono combinate in varie configurazioni. Non sono rappresentate tutte le topologie possibili. Le topologie descritte rappresentano solo esempi selezionati.

Una topologia con scalabilità orizzontale consente l'aumento della capacità di una farm tramite l'aggiunta di un maggior numero di server applicazioni alla farm. Come illustrato dai risultati dei test nella tabella 4, questa strategia è efficace per l'aumento della capacità di una farm con qualsiasi formato di output. La scalabilità orizzontale è un buon passaggio da effettuare quando i server esistenti a cui è stata applicata la scalabilità verticale non sono più in grado di offrire vantaggi in termini di velocità effettiva di Word Automation Services.

Diagramma 3 - Topologia di farm Word Automation Services con scalabilità orizzontale con tre server applicazioni

Farm Word Automation Services con scalabilità orizzontale

Word Automation Services ha un proprio database di SQL Server. In una farm Word Automation Services di base, sia il database di Word Automation Services che i database associati a SharePoint Server si trovano nella stessa istanza fisica di SQL Server. Word Automation Services influenza sia i database associati a SharePoint Server (ad esempio per quanto riguarda input e output nel e dal database del contenuto), che il database di Word Automation Services (ad esempio per quanto riguarda lo stato di un elemento di conversione quando una conversione viene completata correttamente).

Per impedire che un server di database condiviso diventi un collo di bottiglia sia per Word Automation Services che per SharePoint Server, è possibile creare un database fisico distinto per ospitare il database di Word Automation Services. In questo modo, è possibile migliorare la velocità effettiva e l'affidabilità di Word Automation Services nel caso in cui un server di database rappresenti un collo di bottiglia per una farm.

Diagramma 4 - Farm Word Automation Services con topologia SQL Server dedicata

Farm Word Automation Services con SQL dedicato

Un singolo server di database non rappresenta in genere un collo di bottiglia per farm di piccole dimensioni, in particolare se Word Automation Services è l'unico servizio utilizzato.

Una farm Word Automation Services dedicata, come illustrato nel diagramma seguente, rappresenta la topologia migliore per ottimizzare la velocità effettiva di Word Automation Services. Questo tipo di topologia comporta l'aumento della capacità dei singoli server della farm tramite la configurazione di Word Automation Services in modo da sfruttare al massimo le risorse dei server applicazioni. Per ottenere questo risultato senza che si verifichino limiti nel servizio, è necessario configurare correttamente diverse impostazioni del servizio.

Diagramma 5 - Esempio di topologia di farm Word Automation Services dedicata

Farm dedicata Word Automation Services

È possibile ottenere un miglioramento delle prestazioni eseguendo le soluzioni Word Automation Services in un server Web front-end distinto dai server applicazioni dedicati nella farm se la soluzione alla base di Word Automation Services viene utilizzata per creare numerosi processi di conversione di piccole dimensioni. In tal caso, un server Web front-end dedicato garantisce che la soluzione sia in grado di rispondere, anche in caso di carico dei server applicazioni. Nel diagramma precedente è illustrata una topologia alternativa in cui il server Web front-end è anche un server applicazioni in quanto viene comunque utilizzato per elaborare conversioni. Una topologia di questo tipo può essere ideale se la soluzione alla base di Word Automation Services viene utilizzata per creare solo pochi processi di grandi dimensioni occasionalmente.

Per le farm Word Automation Services dedicate è in genere necessario utilizzare le impostazioni seguenti:

  • Il numero di processi di conversione attivi totali è impostato sul più basso tra i valori seguenti: n - 1, dove n è il numero di core di elaborazione disponibili in ogni server, oppure 4.

    • Esempio: questa impostazione è 4 quando i server applicazioni della farm dispongono di due CPU quad core, in quanto 4 un valore è minore di n - 1, che equivale a 7.

      NotaNote
      Come illustrato nella tabella 3, i limiti di prestazioni del servizio quando viene eseguita la conversione dei documenti in un formato di output fisso, ad esempio PDF, limitano notevolmente il potenziale di scalabilità verticale dei singoli server per i formati PDF e XPS. Quattro core rappresentano in genere la migliore impostazione per i processi di conversione attivi totali per ottimizzare la velocità effettiva in un server applicazioni quando l'output è in formato PDF o XPS. L'aumento del valore di questa impostazione comporta una diminuzione della velocità effettiva per i formati PDF e XPS.
  • La frequenza di avvio delle conversioni (minuti) è impostata su 1 minuto.

  • Il numero di conversioni da avviare (per processo di conversione) è impostato su 30.

    NotaNote
    Questa impostazione consente un valore RPS (Requests Per Second, richieste al secondo) massimo di fino a 0,5 conversioni al secondo per ogni processo di conversione attivo nella farm. Come illustrato nelle tabelle 3 e 4, si tratta di un valore RPS ragionevole da prendere come obiettivo per consentire di ottenere la velocità effettiva massima possibile per una farm per i formati di output PDF e XPS.
  • Il numero di processi di conversione attivi totali è impostato su n - 1, dove n è il numero di core di elaborazione disponibili in ogni server.

    • Esempio: questa impostazione è 7 quando i server applicazioni della farm dispongono di due CPU quad core.

    • Nota: è consigliabile non impostare mai il numero di processi di conversione attivi totali su un valore superiore a n - 1. Quando viene utilizzato un valore maggiore, possono verificarsi problemi di affidabilità e di risposta.

  • La frequenza di avvio delle conversioni (minuti) è impostata su 1 minuto.

  • Il numero di conversioni da avviare (per processo di conversione) è impostato su 72.

    NotaNote
    Questa impostazione consente un valore RPS (Requests Per Second, richieste al secondo) massimo di fino a 1,2 conversioni al secondo per ogni processo di conversione attivo nella farm. Come illustrato nella tabella 4, si tratta di un valore RPS ragionevole da prendere come obiettivo per consentire di ottenere sempre la velocità effettiva massima possibile per una farm per i formati di output non PDF e XPS.

Poiché un processo di conversione attivo comporta l'utilizzo al massimo di un core di elaborazione per volta, è possibile limitare Word Automation Services impostando il numero di processi di conversione attivi totali su un numero significativamente inferiore al numero totale di core di elaborazione disponibili per ogni server applicazioni. I server applicazioni limitati in questa topologia, come illustrato nel diagramma seguente, disporranno sempre di core di elaborazione liberi per altri servizi o attività e in questo modo è possibile evitare che i server applicazioni non rispondano in caso di carico di Word Automation Services.

Diagramma 6 - Esempio di topologia di farm di produzione con server applicazioni condivisi in cui è in esecuzione Word Automation Services

Farm di produzione con WAS limitato

Per impostazione predefinita, viene applicata una limitazione per Word Automation Services impostando il numero di processi di conversione attivi totali su 1. Questa configurazione è eccessivamente prudente per la maggior parte delle distribuzioni di Word Automation Services, pertanto in una topologia limitata tipica è necessario utilizzare le impostazioni seguenti:

  • Il numero di processi di conversione attivi totali è impostato sul più basso tra i valori seguenti: (n/2) - 1, dove n è il numero di core di elaborazione disponibili in ogni server, oppure 4.

    • Esempio: questa impostazione è 3 quando i server applicazioni della farm dispongono di due CPU quad core, in quanto (8/2) - 1 è uguale a 3 e 3 è minore di 4.

    • Esempio: questa impostazione è 4 quando i server applicazioni della farm dispongono di quattro CPU quad core, in quanto 4 è minore di (16/2) - 1, che è uguale a 7.

    NotaNote
    Lasciando un singolo core di elaborazione inutilizzato, il server applicazioni può rimanere più prevedibile anche quando è in esecuzione il processo timer di Word Automation Services, che può temporaneamente occupare un core di elaborazione aggiuntivo. Ciò vale per tutte le topologie. Queste impostazioni consentono fondamentalmente di limitare Word Automation Services a un utilizzo massimo della CPU del 50%. Per ridurre ulteriormente l'utilizzo massimo della CPU da parte del servizio, diminuire il valore di questa impostazione a (n/2) - 2, (n/2) - 3 e così via.
  • La frequenza di avvio delle conversioni (minuti) è impostata su 1 minuto.

  • Il numero di conversioni da avviare (per processo di conversione) è impostato su 30.

    NotaNote
    Questa impostazione consente un valore RPS (Requests Per Second, richieste al secondo) massimo di fino a 0,5 conversioni al secondo per ogni processo di conversione attivo nella farm. Come illustrato nella tabella 4, si tratta di un valore RPS ragionevole da prendere come obiettivo per garantire una velocità effettiva appropriata.
  • Il numero di processi di conversione attivi totali è impostato su (n/2) - 1, dove n è il numero di core di elaborazione disponibili in ogni server.

    • Esempio: questa impostazione è 3 quando i server applicazioni della farm dispongono di due CPU quad core.

      NotaNote
      Lasciando un singolo core di elaborazione inutilizzato, il server applicazioni può rimanere più prevedibile anche quando è in esecuzione il processo timer di Word Automation Services, che può temporaneamente occupare un core di elaborazione aggiuntivo. Ciò vale per tutte le topologie. Queste impostazioni consentono fondamentalmente di limitare Word Automation Services a un utilizzo massimo della CPU del 50%. Per ridurre ulteriormente l'utilizzo massimo della CPU da parte del servizio, diminuire il valore di questa impostazione a (n/2) - 2, (n/2) - 3 e così via.
  • La frequenza di avvio delle conversioni (minuti) è impostata su 1 minuto.

  • Il numero di conversioni da avviare (per processo di conversione) è impostato su 60.

    NotaNote
    Questa impostazione consente di ottenere un valore RPS (Requests Per Second, richieste al secondo) massimo di fino a 1,0 conversioni al secondo per ogni processo di conversione attivo nella farm. Come illustrato nella tabella 4, si tratta di un obiettivo ragionevolmente prudente per il valore RPS in caso di output non in formato PDF o XPS.
    NotaNote
    L'impostazione di questo valore su 60 anziché 72 consente di aumentare la probabilità che nei server applicazioni tutti i core di elaborazione siano disponibili per un breve intervallo di tempo (alcuni secondi) per unità di tempo, in base a quanto definito dalla frequenza di avvio delle conversioni (minuti), che in questo caso è di un minuto. Ciò può risultare utile, a seconda delle esigenze della farm. Un valore minore di questa impostazione consente inoltre di liberare tutti i core di elaborazione del server applicazioni per un intervallo di tempo più lungo, ma con un costo maggiore in termini di velocità effettiva.

Una topologia mista di server applicazioni abilitati per Word Automation Services e server applicazioni non abilitati per Word Automation Services rappresenta il modo migliore per ottenere una velocità effettiva di Word Automation Services elevata senza influire sulle prestazioni di altri servizi SharePoint. I vantaggi di una farm mista sono i seguenti:

  • La velocità effettiva risulta maggiore grazie all'utilizzo di server Word Automation Services dedicati.

  • L'impatto di Word Automation Services sugli altri servizi in esecuzione in server applicazioni non abilitati per Word Automation Services è minimo.

Gli svantaggi di una farm mista sono i seguenti:

  • Può essere necessario un numero di server fisici maggiore rispetto all'utilizzo di una farm condivisa o dedicata.

  • Per tutti i server applicazioni di Word Automation Services vengono utilizzate le stesse impostazioni.

Per le farm miste sono disponibili due configurazioni di base:

  • I server applicazioni non Word Automation Services sono combinati con server applicazioni condivisi limitati abilitati per Word Automation Services.

  • I server applicazioni non Word Automation Services sono combinati con server applicazioni Word Automation Services dedicati che sono stati configurati per utilizzare al massimo le risorse dei server applicazioni.

Una topologia mista può essere simile a quella illustrata nel diagramma seguente.

Diagramma 7 - Esempio di topologia di farm di produzione con server applicazioni dedicati a Word Automation Services

Farm di produzione con topologia mista

I server abilitati per Word Automation Services in una farm mista possono essere configurati in modo analogo ai server applicazioni condivisi in una Topologia limitata: farm SharePoint di produzione con server applicazioni condivisi oppure in modo analogo ai server applicazioni dedicati in una topologia con scalabilità verticale per ottenere la stessa velocità effettiva di una di queste topologie.

Utilizzare le informazioni in questa sezione per determinare l'obiettivo di velocità effettiva di una topologia specifica con determinate impostazioni.

(Processi di conversione attivi totali * Numero di conversioni da avviare (per processo di conversione)) / Frequenza di avvio delle conversioni (minuti)

Note:

  • Il risultato dell'equazione precedente, se convertito in conversioni per secondo per processo di conversione attivo, non deve superare 1,2 per i formati di output non PDF o non XPS oppure 0,5 per i formati di output PDF o XPS. Se questi valori vengono superati, potrebbero verificarsi una diminuzione della velocità effettiva e un aumento degli errori di conversione.

  • Se la frequenza di avvio delle conversioni (minuti) viene aumentata (ovvero il processo timer di Word Automation Services viene eseguito meno frequentemente) e la velocità effettiva totale della farm deve rimanere uguale, il numero di conversioni da avviare (per processo di conversione) deve essere aumentato in modo direttamente proporzionale alla frequenza di avvio delle conversioni (minuti).

    Un amministratore di SharePoint desidera, ad esempio, che il processo timer di Word Automation Services venga eseguito con una frequenza minore, ma desidera anche che la velocità effettiva di Word Automation Services rimanga invariata. Per raggiungere tale obiettivo, è necessario utilizzare le impostazioni illustrate nella tabella seguente.

     

    Impostazioni originali Nuove impostazioni

    Frequenza di avvio delle conversioni (minuti)

    1 minuto

    10 minuti

    Numero di conversioni da avviare (per processo di conversione)

    72

    720

    NotaNote
    Il numero di processi di conversione attivi totali non deve essere modificato in modo proporzionale alla frequenza di avvio delle conversioni (minuti).

 

Collo di bottiglia o problema Causa Soluzione

La velocità effettiva in caso di conversione in formato PDF o XPS non migliora con più di 3 o 4 processi di conversione attivi anche quando sono disponibili più core di elaborazione.

Word Automation Services presenta dei limiti per quanto riguarda la velocità di conversione di file nel formato PDF o XPS in un singolo server applicazioni. In particolare, la velocità effettiva di Word Automation Services non può essere aumentata tramite scalabilità verticale oltre i 3 o 4 processi di conversione attivi per server applicazioni. L'aggiunta di un maggior numero di processi di conversione attivi per server applicazioni comporta una diminuzione delle prestazioni del servizio in caso di conversione nel formato PDF o XPS.

Se è necessario aumentare la velocità effettiva di Word Automation Services per le conversioni nei formati PDF e XPS, anche se il numero di processi di conversione attivi per server applicazioni è impostato su 3 o 4, l'aggiunta di ulteriori server applicazioni garantisce un aumento di quasi il 100% della velocità effettiva, mantenendo le stesse specifiche del computer.

Se, inoltre, il numero di processi di conversione attivi per server applicazioni è superiore a 4, la modifica di questa impostazione su 4 consente con ogni probabilità un piccolo margine di miglioramento della velocità effettiva. L'impostazione dei processi di conversione attivi su 4 può tuttavia causare una significativa diminuzione della velocità effettiva per gli altri formati di output.

Se la conversione in formato PDF o XPS è un requisito principale, potrebbe risultare più conveniente non utilizzare server applicazioni di Word Automation Services dedicati. È invece possibile utilizzare server condivisi, in modo che siano disponibili core di elaborazione per gli altri servizi della farm.

Dopo la modifica delle impostazioni di Word Automation Services aumenta la frequenza degli errori relativi agli elementi di conversione.

È possibile impostare in modo semplice Word Automation Services in modo tale che il servizio vada oltre i suoi limiti pratici. In questo caso, le conseguenze sono le seguenti:

  • Minore velocità effettiva complessiva

  • Maggiore frequenza di errore degli elementi di conversione

Attenendosi alle semplici regole seguenti è possibile correggere o impedire i sintomi elencati in precedenza:

Non impostare mai il numero di processi di conversione attivi totali su un valore superiore a n - 1, dove n è il numero di core di elaborazione del server applicazioni.

Non impostare mai il numero di conversioni da avviare (per processo di conversione) su un valore superiore a quello suggerito in Topologia con scalabilità verticale: farm Word Automation Services dedicata per i formati di output desiderati, a meno che la frequenza di avvio delle conversioni (minuti) non venga regolata (in modo direttamente proporzionale) in modo tale che l'obiettivo di velocità effettiva risultante rimanga lo stesso.

I tempi di risposta di altri servizi aumentano dopo la modifica delle impostazioni di Word Automation Services.

Un processo di conversione attivo in alcuni momenti sfrutta completamente il core di elaborazione del server applicazioni. Un server applicazioni configurato come consigliato in Topologia con scalabilità verticale: farm Word Automation Services dedicata può utilizzare la maggior parte delle risorse CPU durante la conversione, in quanto anche il processo timer di Word Automation Services viene periodicamente eseguito nel core.

Se altri servizi, ad esempio Servizi Web Excel o Microsoft Office Web Apps, richiedono risorse CPU da tale server applicazioni, potrebbero verificarsi tempi di attesi inaccettabili con una conseguente latenza percepita per gli altri servizi.

Per ridurre gli effetti di Word Automation Services su altri servizi, eseguire la procedura seguente:

  1. Limitare il numero di processi di conversione attivi totali per Word Automation Services al livello consigliato in Topologia limitata: farm SharePoint di produzione con server applicazioni condivisi.

  2. Aggiungere server applicazioni non utilizzati da Word Automation Services ma che possano essere utilizzati per altri servizi, adottando una topologia analoga a quella descritta in Topologia mista: farm SharePoint di produzione con una combinazione di server applicazioni abilitati per Word Automation Services e altri server applicazioni.

Talvolta si verificano errori degli elementi di conversione con un codice errore 3 quando la farm è occupata, offline o sottoposta a manutenzione per una parte di una giornata o più.

In Word Automation Services è in genere richiesto che i processi di conversione aggiunti al database della coda di Word Automation Services vengano elaborati completamente entro 24 ore dall'invio. Se gli elementi di conversione per un processo non sono ancora stati completati dopo 24 ore, può verificarsi un errore dell'elemento di conversione, con il codice errore 3. Il messaggio di errore è il seguente:

"Impossibile scaricare il file dalla raccolta di input. Le autorizzazioni utente specificate sono scadute prima del recupero del file. La causa potrebbe essere un sovraccarico del sistema. Provare a ripetere il processo. Se il problema persiste, contattare l'amministratore del sistema."

Se questo errore continua a verificarsi e la farm non è rimasta offline per un intervallo di tempo significativo, è probabile che alcuni processi di conversione richiedano più di 24 ore per il completamento, probabilmente a causa di un errore di configurazione della farm oppure di un utilizzo della farm oltre le sue capacità. Questo comportamento indica la necessità di aumentare la capacità della farm. A tale scopo, è necessario aumentare il numero di processi di conversione attivi totali (fino a n - 1, dove n è il numero di core di elaborazione in ogni server applicazioni) oppure, se questo non è possibile, aggiungere un numero maggiore di server applicazioni alla farm per l'utilizzo da parte di Word Automation Services. Per quest'ultima soluzione potrebbe essere sufficiente abilitare Word Automation Services in server applicazioni che dispongono di capacità in eccesso oppure potrebbe essere necessario aggiungere ulteriori server fisici alla farm.

Se si aumenta la capacità della farm, assicurarsi che le impostazioni per Word Automation Services siano configurate correttamente, come descritto in Topologia con scalabilità verticale: farm Word Automation Services dedicata o Topologia limitata: farm SharePoint di produzione con server applicazioni condivisi.

Il tempo di esecuzione di una soluzione Word Automation Services aumenta progressivamente quando il servizio è in esecuzione.

I tempi di esecuzione dei metodi del modello a oggetti di Word Automation Services seguenti aumentano proporzionalmente al numero di elementi nel database di Word Automation Services:

  • ConversionJob.GetAllActiveJobs

  • ConversionJob.GetAllJobs

In generale, è consigliabile fare in modo che le dimensioni del database di Word Automation Services non superino i 2 milioni di elementi di conversione. Per risolvere questo problema, eliminare alcuni elementi di conversione dal database.

Le prestazioni in termini di velocità effettiva di Word Automation Services non continuano a migliorare quando si aumenta il numero di server applicazioni.

Se l'aggiunta di ulteriori server applicazioni alla farm non consente più il miglioramento della velocità effettiva, ciò potrebbe indicare che è stata raggiunta la capacità massima dell'istanza di SQL Server in cui risiede il database di Word Automation Services.

Di seguito è illustrato l'impatto di Word Automation Services su SQL Server per ogni azione:

 

Azione Word Automation Services Round trip per chiamata Round trip aggiuntivi per elemento Note

ConversionJob.AddFile

11

0

Numero basso di operazioni di I/O al secondo di SQL Server

ConversionJob.AddFolder

9

2

Nonostante l'aumento dei round trip di SQL Server rispetto ad AddLibrary, questa chiamata del modello a oggetti viene in genere eseguita più rapidamente rispetto ad AddLibrary.

Numero basso di operazioni di I/O al secondo di SQL Server

ConversionJob.AddLibrary

4

2

Numero basso di operazioni di I/O al secondo di SQL Server

ConversionJob.Start

3

0

Numero basso di operazioni di I/O al secondo di SQL Server

ConversionJob.Refresh

1

0

Numero basso di operazioni di I/O al secondo di SQL Server

ConversionJob.CancelJob

1

0

Numero basso di operazioni di I/O al secondo di SQL Server

ConversionJob.GetAllActiveJobs

1

0

Il numero di operazioni di I/O al secondo di SQL Server aumenta con l'aumentare del numero di processi nel database di Word Automation Services.

ConversionJob.GetAllJobs

1

0

Il numero di operazioni di I/O al secondo di SQL Server aumenta con l'aumentare del numero di processi nel database di Word Automation Services.

ConversionJob.GetItems

2

0

Numero basso di operazioni di I/O al secondo di SQL Server

Ogni esecuzione del processo timer

2

1

Numero basso di operazioni di I/O al secondo di SQL Server

Alcune chiamate comportano un sovraccarico costante di round trip di SQL Server per azione e round trip di SQL Server aggiuntivi per azione a seconda del numero di elementi di conversione.

Queste informazioni possono essere utili sia per gli sviluppatori che pianificano la creazione di soluzioni personalizzate per le distribuzioni di Word Automation Services che per gli amministratori di farm che devono pianificare l'effetto dell'utilizzo di Word Automation Services su SQL Server.

Se il database SQL Server di Word Automation Services si trova nello stesso server degli altri database attivi che utilizzano il database SQL Server di Word Automation Services, il server fisico deve rimuovere SQL Server come collo di bottiglia per la maggior parte delle farm.

Dopo avere applicato la scalabilità orizzontale a una farm, il processo timer non sembra finire prima della successiva esecuzione pianificata.

Il tempo di esecuzione del processo timer per Word Automation Services aumenta linearmente con l'aumentare del numero di server applicazioni abilitati per Word Automation Services nella farm. È possibile che il processo timer impieghi più di un minuto per completare l'esecuzione.

Se ciò si verifica, non è necessaria alcuna azione. In SharePoint Server l'esecuzione di un processo timer pianificata non viene avviata se è ancora in corso l'esecuzione precedente.

Mostra: