Esporta (0) Stampa
Espandi tutto

Verificare un dominio usando un record TXT o un record MX

Pubblicato: giugno 2012

Aggiornamento: giugno 2015

Si applica a: Azure, Windows Intune

noteNota
Questo argomento fornisce informazioni relative ai servizi cloud, quali Microsoft Intune e Office 365, che sono basati su Microsoft Azure Active Directory per i servizi di identità e directory.

Per eseguire la verifica del dominio nel Tenant di Microsoft Azure AD, si crea un record DNS nel provider di hosting DNS in modo che Azure AD usi quindi tale record per confermare che si è proprietari del dominio. Il record DNS creato può essere un record TXT o MX. Per la scelta del tipo di record, considerare quanto segue:

  • Se il provider di hosting DNS consente di creare record TXT, è consigliabile usare un record di questo tipo per la verifica. Perché? I record TXT possono essere creati facilmente e non rischiano di interferire con il recapito dell'e-mail se accidentalmente viene immesso un valore non corretto.

  • Se il provider di hosting DNS non consente agli utenti di creare i relativi record TXT, procedere e creare un record MX per la verifica. Seguendo scrupolosamente i passaggi descritti, non si avranno ripercussioni sul recapito dell'e-mail.

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.
Mostra:
© 2015 Microsoft