Esporta (0) Stampa
Espandi tutto
Espandi Riduci a icona

Gestire Azure AD tramite Windows PowerShell

Pubblicato: marzo 2013

Aggiornamento: febbraio 2015

Si applica a: Azure, Office 365, Windows Intune

È possibile usare i cmdlet del Modulo di Azure Active Directory per Windows PowerShell per le attività amministrative di Azure AD, ad esempio la gestione degli utenti e dei domini e la configurazione di Single Sign-On. Questo argomento include informazioni sull'installazione di questi cmdlet per l'uso con la directory.

Il Modulo di Azure AD è supportato sui sistemi operativi seguenti con la versione predefinita di Microsoft .NET Framework e di Windows PowerShell: Windows 8.1, Windows 8, Windows 7, Windows Server 2012 R2, Windows Server 2012 o Windows Server 2008 R2.

Installare prima l'Assistente per l'accesso ai Microsoft Online Services per professionisti IT - RTW dall'Area download Microsoft. Installare quindi il Modulo di Azure Active Directory per Windows PowerShell (versione a 64 bit) e fare clic su Esegui per eseguire il pacchetto di installazione.

ImportantImportante
A partire dal 20 ottobre 2014, il Modulo di Azure Active Directory per Windows PowerShell (versione a 32 bit) è sospeso. La versione a 32 bit non sarà più supportata e gli aggiornamenti futuri del Modulo di Azure Active Directory saranno rilasciati solo per la versione a 64 bit. Per assicurare la compatibilità e il supporto futuri, è consigliabile installare la versione a 64 bit.

È anche possibile accedere alle versioni precedenti del modulo di Azure AD dalla pagina relativa a Modulo PowerShell per Microsoft Azure Active Directory - Cronologia delle versioni in TechNet Wiki.

È possibile eseguire il cmdlet get-item per verificare la versione dei file DLL del modulo attualmente installato:

(get-item C:\Windows\System32\WindowsPowerShell\v1.0\Modules\MSOnline\Microsoft.Online.Administration.Automation.PSModule.dll).VersionInfo.FileVersion

Se il numero di versione è inferiore a 1.0.8070.2, rimuovere la versione esistente e reinstallare il modulo usando il collegamento disponibile nella sezione precedente. Usare Installazione applicazioni nel Pannello di controllo per rimuovere il Modulo di Azure Active Directory per Windows PowerShell oppure, se si dispone di un'installazione meno recente, per rimuovere il Modulo dei Microsoft Online Services per Windows PowerShell. Per effetto di questa operazione di disinstallazione vengono rimossi entrambi i moduli MSOnline e MSOnlineExtended.

Il cmdlet Remove-Module consente di rimuovere i cmdlet MSOnline dalla sessione e ma non di disinstallare il modulo.

Fare clic sul collegamento al Modulo di Microsoft Azure Active Directory per Windows PowerShell per aprire un'area di lavoro di Windows PowerShell con i cmdlet. In alternativa, è possibile caricare manualmente i cmdlet digitando import-module MSOnline al prompt dei comandi di Windows PowerShell.

Prima di eseguire i cmdlet descritti in questo articolo, è necessario connettersi al servizio online. A tal fine, è necessario eseguire il cmdlet connect-msolservice al prompt dei comandi di Windows PowerShell. Verrà chiesto di immettere le credenziali. Se lo si desidera, è possibile fornire le credenziali in anticipo, come nel seguente esempio:

$msolcred = get-credential
connect-msolservice -credential $msolcred

Il primo comando richiede le credenziali e le memorizza come $msolcred. Il comando successivo usa le credenziali come $msolcred per la connessione al servizio.

Per altre informazioni sui cmdlet del Modulo di Microsoft Azure Active Directory per Windows PowerShell, è possibile eseguire le operazioni seguenti:

  • Per creare una cartella per le informazioni di supporto, elencare i cmdlet e aprire il file nel Blocco note, è possibile avviare i seguenti comandi al prompt dei comandi di Windows PowerShell:

    new-item c:\MSOLHelp -type directory
    get-command | Where-Object {$_.name -like "*msol*"} | format-list | Out-File c:\MSOLHelp\msolcmdlets.txt
    notepad c:\MSOLHelp\msolcmdlets.txt
    
    
  • Per visualizzare gli esempi relativi a un cmdlet, avviare il seguente comando al prompt dei comandi di Windows PowerShell: get-help <cmdlet-name> -examples

  • Per visualizzare il nome, la sinossi, la descrizione, le descrizioni dei parametri ed eventuali esempi relativi a un cmdlet, avviare il seguente comando al prompt dei comandi di Windows PowerShell: get-help <cmdlet-name> -detailed

  • Per visualizzare il nome, la sinossi, la descrizione, i parametri dettagliati ed eventuali esempi relativi a un cmdlet, avviare il seguente comando al prompt dei comandi di Windows PowerShell: get-help <cmdlet-name> -full

Torna a Contenuti

Windows PowerShell è una shell della riga di comando basata su attività e un linguaggio di scripting appositamente progettato per l'amministrazione del sistema. A differenza della maggior parte delle shell, che accettano e restituiscono testo, Windows PowerShell si basa sul Common Language Runtime (CLR) di Microsoft .NET Framework e su .NET Framework e accetta e restituisce oggetti .NET Framework. Windows PowerShell introduce il concetto di cmdlet (si pronuncia "command-let"), un semplice strumento della riga di comando, con una singola funzione, incorporato nella shell. Per i cmdlet viene adottata la seguente convenzione di denominazione: verbo e nome separati da un trattino (-), ad esempio Get-Help, Get-Process e Start-Service. Windows PowerShell include più di cento cmdlet di base. Per altre informazioni su Windows PowerShell, vedere la Guida introduttiva a Windows PowerShell.

Torna a Contenuti

Sono disponibili altre fonti di informazioni e assistenza, Sono incluse le seguenti:

Vedere anche

Il documento è risultato utile?
(1500 caratteri rimanenti)
Grazie per i commenti inviati.
Mostra:
© 2015 Microsoft