Table of contents
TOC
Comprimi il sommario
Espandi il sommario

Eseguire il backup e il ripristino dei server VMM

Mark Galioto|Ultimo aggiornamento: 24/11/2016
|
1 Collaboratore

Si applica a: System Center 2016 - Data Protection Manager

DPM può eseguire il backup di istanze di SQL Server usate come database di System Center VMM in due modi:

  • È possibile eseguire un backup normale di SQL Server.

  • È possibile eseguire il backup del database di SQL Server usando il componente di VMM Express Writer che viene visualizzato sotto il server VMM nella console di DPM. Il vantaggio principale di questo metodo è che non è necessario impostare autorizzazioni speciali in SQL Server.

DPM può eseguire il backup del database VMM con il componente di VMM Express Writer quando VMM è in esecuzione su System Center 2012 e versioni successive come macchina fisica o virtuale negli scenari di distribuzione seguenti:

  • Host VMM autonomo + SQL Server autonomo (predefiniti e denominati, in locale e in remoto)

  • Host VMM autonomo + SQL Server in cluster (predefiniti e denominati, in remoto)

  • Host VMM in cluster + SQL Server autonomo (predefiniti e denominati, in locale e in remoto)

  • Host VMM in cluster + SQL Server in cluster (predefiniti e denominati, in remoto)

Prerequisiti e limiti

Prima di configurare un backup DPM per VMM tramite VMM Express Writer tenere presente quanto segue:

  • DPM esegue il backup solo del database SQL Server di DPM. Non esegue il backup di tutti i file di configurazione nella libreria VMM.

  • DPM supporta la replica iniziale e il backup completo rapido delle macchine VMM. Il backup incrementale non è supportato.

  • DPM non può eseguire il backup del database VMM se è stato specificato un indirizzo IP statico per SQL Server durante la configurazione di VMM. DPM non può eseguire il backup anche se è specificato "localhost" per il database.

  • Se si usa la crittografia di gestione delle chiavi distribuite (DKM) e la chiave è archiviata in Active Directory, DPM non esegue il backup della chiave. Sarà necessario proteggerla in quanto parte del backup di Active Directory. Se la chiave è archiviata in locale, viene eseguito il backup come parte del database.

  • In caso di failover, DPM continuerà a eseguire il backup quando il nodo VMM torna online. In questo modo è possibile eseguire i failover pianificati senza compromettere la protezione. Ma se il nodo viene perduto, è necessario configurare il backup per quello nuovo.

  • DPM supporta il ripristino nel percorso originale per gli host VMM. Il ripristino in un percorso alternativo non è supportato.

Prima di iniziare

  • Vedere le Note sulla versione e vedere gli eventuali problemi di backup di VMM in What’s supported and what isn’t for DPM? (Elementi supportati e non supportati per DPM).

  • Verificare che le macchine VMM di cui si vuole eseguire il backup siano nel dominio del server DPM o in un dominio con una relazione di trust bidirezionale con il dominio di DPM.

  • Impostare l'archiviazione: è possibile archiviare il backup dei dati su disco, su nastro e nel cloud con Azure. Per altre informazioni, vedere Prepare data storage (Preparare l’archiviazione dei dati).

  • Sarà necessario distribuire l’agente protezione DPM sul server VMM. Per altre informazioni, vedere Deploy the DPM protection agent (Distribuire gli agenti protezione DPM).

Backup di VMM

  1. Fare clic su Protezione dati > Azioni > Crea gruppo protezione dati per aprire la procedura guidata Crea nuovo gruppo protezione dati nella console di DPM.

  2. Da Selezione tipo di gruppo protezione dati fare clic su Client. Selezionare i client solo se si vuole eseguire il backup dei dati in un computer Windows che esegue un sistema operativo client Windows. Per tutti gli altri carichi di lavoro selezionare Server. Per altre informazioni vedere Deploy protection groups (Distribuire gruppi protezione dati).

  3. In Selezione membri del gruppo espandere la macchina VMM e selezionare VMM Express Writer.

  4. In Seleziona metodo protezione dati specificare come si vuole gestire i backup a breve e lungo termine. Il backup a breve termine avviene sempre prima su disco, con l'opzione di backup dal disco al cloud di Azure con backup di Azure (a breve o a lungo termine). In alternativa al backup a lungo termine su cloud, è anche possibile configurare il backup a lungo termine su un dispositivo a nastro autonomo o su una libreria di nastri connessa al server DPM.

  5. In Selezione obiettivi a breve termine specificare come si vuole eseguire il backup di archiviazione a breve termine su disco. In Periodo di mantenimento dati specificare per quanto tempo si vuole mantenere i dati su disco. In Frequenza di sincronizzazione specificare la frequenza con cui si vuole eseguire un backup incrementale su disco. Se non si vuole impostare l'intervallo di backup è possibile selezionare Immediatamente prima di un punto di ripristino in modo che DPM esegua un backup rapido completo prima di ogni punto di ripristino programmato.

  6. Se si vuole archiviare i dati su nastro per l'archiviazione a lungo termine, in Specifica obiettivi a lungo termine indicare per quanto tempo si vogliono mantenere i dati del nastro (1-99 anni). In Frequenza di backup specificare la frequenza con cui eseguire i backup su nastro. La frequenza dipende dal periodo di mantenimento dati specificato:

    • Se il periodo di mantenimento dati specificato è compreso tra 1 e 99 anni, sarà possibile selezionare una frequenza di backup giornaliera, settimanale, quindicinale, mensile, trimestrale, semestrale o annuale.

    • Se invece il periodo di mantenimento dati specificato è compreso tra 1 e 11 mesi, sarà possibile selezionare una frequenza di backup giornaliera, settimanale, quindicinale o mensile.

    • Se infine il periodo di mantenimento dati specificato è compreso tra 1 e 4 settimane, sarà possibile selezionare una frequenza di backup giornaliera o settimanale.

    Nel caso di un'unità nastro autonoma, se il gruppo protezione dati è uno solo, DPM utilizzerà per i backup giornalieri lo stesso nastro fino a occupare tutto lo spazio disponibile. È anche possibile usare la condivisione percorso da diversi gruppi protezione dati su nastro.

    Nella pagina Selezione dettagli libreria e nastro specificare l’unità nastro o la libreria da usare e scegliere se comprimere e crittografare i dati su nastro.

  7. Nella pagina Verifica allocazione dischi verificare lo spazio su disco per pool di archiviazione allocato al gruppo protezione dati. Dimensioni dati visualizza le dimensioni dei dati di cui si vuole eseguire il backup, e Spazio su disco visualizza lo spazio consigliato da DPM per il gruppo protezione dati. Selezionare Aumenta automaticamente i volumi per aumentare automaticamente le dimensioni quando è necessario più spazio su disco per il backup dei dati.

  8. In Scelta del metodo per la creazione della replica selezionare come si vuole gestire la replica iniziale completa dei dati. Se si sceglie di eseguire la replica tramite la rete, è consigliabile scegliere un orario di minore attività. Per grandi quantità di dati o condizioni della rete non ottimali, è opportuno eseguire la replica dei dati offline usando supporti rimovibili.

  9. Nella pagina Scelta opzioni di verifica coerenza scegliere in che modo automatizzare le verifiche coerenza. È possibile impostare l'esecuzione di una verifica solo quando i dati di replica diventano incoerenti o in base a una pianificazione. Se non si vuole configurare la verifica coerenza automatica, è possibile eseguire una verifica manuale in qualsiasi momento facendo clic con il pulsante destro del mouse sul gruppo protezione dati nell'area Protezione dati della console DPM e scegliendo Esegui verifica coerenza.

  10. Se si è scelto di eseguire il backup su cloud con il backup di Azure, nella pagina Specifica i dati da proteggere online assicurarsi che siano selezionati i carichi di lavoro di cui si vuole eseguire il backup con Azure.

  11. In Specificare la pianificazione dei backup online specificare la frequenza con cui eseguire i backup incrementali in Azure. È possibile pianificare l’esecuzione di backup giornalieri/settimanali/mensili/annuali e la data e l’ora in cui devono essere eseguiti. I backup possono essere eseguiti fino a due volte al giorno. Ogni volta che un'operazione di backup viene eseguita, viene creato in Azure un punto di ripristino di dati dalla copia di dati di backup archiviata sul disco DPM.

  12. In Specificare i criteri di conservazione online è possibile specificare come vengono mantenuti i punti di ripristino creati dalle copie di backup giornaliere/settimanali/mensili o annuali archiviate in Azure.

  13. In Scegliere la replica online specificare il modo in cui verrà effettuata la replica iniziale completa dei dati. È possibile eseguire la replica in rete o eseguire il backup offline (seeding offline). Il backup offline usa la funzionalità di importazione di Azure. Altre informazioni.

  14. Nella pagina Riepilogo rivedere le impostazioni. Quando si fa clic su Crea gruppo si avvia la replica iniziale dei dati. Al termine, lo stato del gruppo protezione dati verrà visualizzato come OK nella pagina Stato. Il backup viene quindi eseguito sulla base delle impostazioni del gruppo protezione dati.

© 2017 Microsoft